Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 25-03-2015, 22.43.37   #41
Duc in altum!
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-11-2012
Messaggi: 919
Riferimento: Ma e' davvero il Destino a negare la Liberta?

** scritto da sgiombo:

Citazione:
Anche se un imprevisto più o meno piacevole o spiacevole può sempre capitare a chiunque (se é per questo, anche a te), ma non c' é motivo di angustiarsi e rovinarsi l' esistenza per questo.

Infatti io non discuto che il determinismo possa causare imprevisti, non esiste persona che non li sperimenti, ma il fatto che a decretare questo determinismo non sia stato un caso ma una ragione, una logica assolutamente perfetta.
Perché una delle due alternative ha pur dovuto dare il via.
Poiché se fosse stata casuale la partenza, qualcuno dovrebbe spiegarmi in che momento, come e soprattutto perché, questo caso è divenuto causa-effetto.

Altrimenti, se bisogna crederci per fede, preferisco la convenienza che in questo caso permette la fede in Dio, almeno anche l'imprevisto che mi sgozzino (la sfortuna) si trasforma in martirio e quindi vita eterna (fortuna eterna).
Duc in altum! is offline  
Vecchio 25-03-2015, 22.57.26   #42
maral
Moderatore
 
L'avatar di maral
 
Data registrazione: 03-02-2013
Messaggi: 1,314
Riferimento: Re: Ma e' davvero il Destino a negare la Liberta?

Citazione:
Originalmente inviato da SlipDown
Non ritengo di avere altri mezzi per esporre concetti se non la ragione ed è la ragione stessa che mi porta a dire che se lasciato cadere un oggetto qual si voglia, tale oggetto inevitabilmente cadrà
Non c'è nulla di razionale o irrazionale nel fatto che un oggetto cada, è solo un'aspettativa che nasce dalla ripetizione di eventi esperenziali che non hanno nulla di finalistico nel loro accadere.
La razionalità è una metodologia di lettura dell'evento che conduce a una concettualizzazione astratta tendente a escludere ciò che di essi non è concettualizzabile in modo formale stabile, non l'evento stesso.
maral is offline  
Vecchio 26-03-2015, 05.19.22   #43
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Ma e' davvero il Destino a negare la Liberta?

si potrebbe forse anche dire così? …(tentativo di interpretazione)

ossia,che esiste un "evento unico",atemporale,senza inizio e senza fine..

quando un oggetto cade la ragione ne vede lo sviluppo,e ne determina i suoi limiti..cosi che a noi ci sembra che il cadere di un oggetto ha dei principi,pero solo apparentemente "finalistici"..(l'aspettativa della ragione?)
..ma lo stesso evento in se e' il richiamo di quell'unico evento principiale ed e' per questo che non si lascia "catturare"
acquario69 is offline  
Vecchio 26-03-2015, 07.53.01   #44
sgiombo
Ospite abituale
 
L'avatar di sgiombo
 
Data registrazione: 26-11-2008
Messaggi: 1,234
Riferimento: Ma e' davvero il Destino a negare la Liberta?

Citazione:
Originalmente inviato da maral

E qui sarebbe interessante capire perché vai controcorrente rispetto a quella teoria che prima di essere assunta come standard a sua volta andò controcorrente. Quello interpretativo è certamente l'aspetto metafisico della MQ su cui non possiamo fare a meno di interrogarci per dare ad essa un significato (anche se molti fisici preferiscono metterlo da parte e usare la teoria come puro strumento tecnico). Ma ogni scelta interpretativa ha una sua profonda ragion d'essere che non risiede nella mera verifica delle sue predizioni. Un senso che induce a essere interpretato, sia pure, come nel caso, l'esigenza di un determinismo assoluto a cui nulla sfugge (magari al momento nascosto, ma certamente perseguibile) e che può apparire così razionale. Perché?

Non saprei.
Certamente ogni nostra scelta e comportamento ha motivazioni molteplici e complesse, riconoscibili solo in parte e con un inevitabile margine di incertezza più o meno ampio.
Consapevolmente tuttavia solitamente si crede semplicemente di cercare la verità quale che sia, senza intenti pregiudiziali a cui cercare di adattarla distorcendola (e cadendo nell' esserore e nel falso).
sgiombo is offline  
Vecchio 26-03-2015, 09.35.47   #45
sgiombo
Ospite abituale
 
L'avatar di sgiombo
 
Data registrazione: 26-11-2008
Messaggi: 1,234
Riferimento: Ma e' davvero il Destino a negare la Liberta?

Citazione:
Originalmente inviato da Duc in altum!
** scritto da sgiombo:



Perché una delle due alternative ha pur dovuto dare il via.

Poiché se fosse stata casuale la partenza, qualcuno dovrebbe spiegarmi in che momento, come e soprattutto perché, questo caso è divenuto causa-effetto.

(fortuna eterna).

No, non ha pur dovuto: può benissimo essere sempre stato così.

Non posso che ripetere (ho già ampiamente argomentato e non voglio diventare noioso) che per me non ha senso chiedersi perché accade ciò che accade, dal momento che può bensì pensarsi ma non darsi realmente che non accada: non c' é niente da spiegare.
sgiombo is offline  
Vecchio 26-03-2015, 12.35.48   #46
Duc in altum!
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-11-2012
Messaggi: 919
Riferimento: Ma e' davvero il Destino a negare la Liberta?

** scritto da sgiombo:

Citazione:
No, non ha pur dovuto: può benissimo essere sempre stato così.

Giusto, non ci avevo pensato (non è una battuta come alpitour né una metafora come tu pensavi ), si può anche aver fede che causa ed effetto siano sempre esistite da sole e da sempre (Mistero), o credere, e quindi avere fiducia, che questo fenomeno non sia altro che frutto della volontà di un Dio (Mistero).



Citazione:
Non posso che ripetere (ho già ampiamente argomentato e non voglio diventare noioso) che per me non ha senso chiedersi perché accade ciò che accade, dal momento che può bensì pensarsi ma non darsi realmente che non accada: non c' é niente da spiegare.


[a me non risulti noioso, anzi!]
Questo mi risulta più difficile da credere (anche e soprattutto per la morale), poiché se le mie decisioni non avessero un minimo di potenza nel cambiare, modificare o stravolgere ciò che accade o potrebbe accadere nella mia vita (Il Mio Destino), la mia esistenza sarebbe noiosa più delle marionette al teatro (almeno là ci sono i bambini che si divertono).
Da ciò che il mio punto di vista selettivo e decisionale si affida a verità e bugia anziché fortuna e iella.

Certo è anche vero che credere in Dio comporta essere limitato a delle circostanze, immodificabili, che accadono perché decise solo dal Progettista, ma almeno si riceve la speranza, l'empirica percezione (per me già vissuta anche materialmente), anche se unica, rispetto alla Nullità di Libertà (che prevede la teoria che non può darsi realmente la speranza inclusa in un determinato pensiero poiché già Tutto deciso per tutti, anche per me), di decidere quale porta aprire, grazie al libero arbitrio e alla volontà, dopo essere morto.

Ultima modifica di Duc in altum! : 26-03-2015 alle ore 16.55.59.
Duc in altum! is offline  
Vecchio 26-03-2015, 17.22.39   #47
sgiombo
Ospite abituale
 
L'avatar di sgiombo
 
Data registrazione: 26-11-2008
Messaggi: 1,234
Riferimento: Ma e' davvero il Destino a negare la Liberta?

Citazione:
Originalmente inviato da Duc in altum!
** scritto da sgiombo:



Giusto, non ci avevo pensato (non è una battuta come alpitour né una metafora come tu pensavi ), si può anche aver fede che causa ed effetto siano sempre esistite da sole e da sempre (Mistero), o credere, e quindi avere fiducia, che questo fenomeno non sia altro che frutto della volontà di un Dio (Mistero).






[a me non risulti noioso, anzi!]
Questo mi risulta più difficile da credere (anche e soprattutto per la morale), poiché se le mie decisioni non avessero un minimo di potenza nel cambiare, modificare o stravolgere ciò che accade o potrebbe accadere nella mia vita (Il Mio Destino), la mia esistenza sarebbe noiosa più delle marionette al teatro (almeno là ci sono i bambini che si divertono).
Da ciò che il mio punto di vista selettivo e decisionale si affida a verità e bugia anziché fortuna e iella.

Certo è anche vero che credere in Dio comporta essere limitato a delle circostanze, immodificabili, che accadono perché decise solo dal Progettista, ma almeno si riceve la speranza, l'empirica percezione (per me già vissuta anche materialmente), anche se unica, rispetto alla Nullità di Libertà (che prevede la teoria che non può darsi realmente la speranza inclusa in un determinato pensiero poiché già Tutto deciso per tutti, anche per me), di decidere quale porta aprire, grazie al libero arbitrio e alla volontà, dopo essere morto.


Il libero arbitrio non é affatto necessario per potere sperare ed agire: può benissimo accadere che si sia deterministicamente condizionati a sperare e ad agire.
sgiombo is offline  
Vecchio 27-03-2015, 00.50.49   #48
Duc in altum!
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-11-2012
Messaggi: 919
Riferimento: Ma e' davvero il Destino a negare la Liberta?

** scritto da sgiombo:

Citazione:
Il libero arbitrio non é affatto necessario per potere sperare ed agire: può benissimo accadere che si sia deterministicamente condizionati a sperare e ad agire.

Infatti sia la speranza, sia l'agire non dipendono dal libero arbitrio ma dalla fede.
Il libero arbitrio è la Libertà, concessa dal determinismo (per me Dio), di poter decidere su quale fede (e a quale speranza che da essa sussegue) costruire le opere della/nella nostra esistenza, con la forza di volontà realizzata dall'agire.

Penso che anche se una scelta personale e il risultato che da essa derivi, fossero condizionati e obbligati dal determinismo, la sola speranza che questo non sia così, rende possibile alla fede di allontanare questo pensiero di essere burattini senza merito tra le mani del marionettista, l'inanimato determinismo (La Bugia), e vivere nel libero arbitrio di essere determinanti per un regno di viventi nell'amore (La Verità).




Pace&Bene
Duc in altum! is offline  
Vecchio 28-03-2015, 12.11.19   #49
Duc in altum!
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-11-2012
Messaggi: 919
Riferimento: Ma e' davvero il Destino a negare la Liberta?

** scritto da sgiombo:

Citazione:
Il libero arbitrio non é affatto necessario per potere sperare ed agire: può benissimo accadere che si sia deterministicamente condizionati a sperare e ad agire.

Dopo alcune analisi ascoltate stamattina in una catechesi, rileggendo la tua affermazione, si può anche determinare che senza il libero arbitrio, e viziati dal fatto che nessuno può scagliare la prima pietra, ognuno è giustificato a fare del male, ad essere cattivo, a peccare.
Duc in altum! is offline  
Vecchio 28-03-2015, 12.54.03   #50
maral
Moderatore
 
L'avatar di maral
 
Data registrazione: 03-02-2013
Messaggi: 1,314
Riferimento: Ma e' davvero il Destino a negare la Liberta?

Citazione:
Originalmente inviato da sgiombo
Non saprei.
Certamente ogni nostra scelta e comportamento ha motivazioni molteplici e complesse, riconoscibili solo in parte e con un inevitabile margine di incertezza più o meno ampio.
Consapevolmente tuttavia solitamente si crede semplicemente di cercare la verità quale che sia, senza intenti pregiudiziali a cui cercare di adattarla distorcendola (e cadendo nell' esserore e nel falso).
Forse allora questo non sapere ci espone al mistero anche in noi stessim anche qui (e forse soprattutto qui) c'è qualcosa che non ci appare ed è proprio il suo non apparirci che ci garantisce uno spazio libero di scelta tentando di aderire a se stessi, riconoscendo il pregiudizio che comunque ci esprime per quello che sentiamo, pensiamo, diciamo.
maral is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it