Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 09-08-2015, 13.33.05   #21
pepe98
Nuovo ospite
 
L'avatar di pepe98
 
Data registrazione: 28-06-2015
Messaggi: 172
Riferimento: Materialismo o spiritualismo?

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
Non vorrei fraintendere tutto quello che sostieni ma nello specifico nel momento stesso che vi e' un interazione tra "due Io",non ritieni che quell'IO sia gia qualcosa di diverso rispetto a prima e che percio l'identità che si rivela sia dovuta alla stessa interazione?
Se non vi fosse "altro" rispetto a me,io come potrei rivelarmi?
Ho detto che il pensiero pensa a se stesso per far capire che considero il pensiero stesso come essere. Ma detto piú correttamente si dovrebbe dire che il pensiero non ha bisogno di oggetto di coscienza, in quanto esso stesso è coscienza. L'Io, che per me coincide con il pensiero, che coincide con l'essere, coincide con la coscienza. Essere coscienti "di qualcosa" vuole in realtá dire essere quella cosa, sotto forma di sensazione, quindi di pensiero.
pepe98 is offline  
Vecchio 10-08-2015, 18.18.03   #22
me_simone
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 05-08-2015
Messaggi: 4
Riferimento: Materialismo o spiritualismo?

Citazione:
Originalmente inviato da Duc in altum!
** scritto da me_simone:




Quindi il senso dell'esistenza lo si percepisce facendo le cose difficili?

Avventato.. Da quello che ho scritto non mi pare consegua necessariamente quello che proponi.. Tra l'altro é anche discutibile il fatto che la vita abbia un senso.. Ma, ammettiamo che sia così: in tal caso, non dico che bisognerebbe escludere ciò che é facile, a patto che si rimanga entro certi limiti.. Io personalmente - ma é un mio modo di pensare - ritengo che credere in una vita ultraterrena e in qualcosa di spirituale sia appunto solo una "credenza" volta a ripararci dai problemi della vita.. Si pensi se ognuno credesse che ciò che fa alla sua morte finirà e prima o poi perderà di senso; oppure si pensi se ognuno credesse di diventare cibo per altri o se credesse che qualche amico/parente si sia decomposto e di lui non sia sopravvissuto nulla.. Non é una bella prospettiva, più facile e bello pensare in senso ottimistico, non trovi?
me_simone is offline  
Vecchio 10-08-2015, 23.36.28   #23
Duc in altum!
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-11-2012
Messaggi: 919
Riferimento: Materialismo o spiritualismo?

** scritto da pepe89:

Citazione:
L'Io, che per me coincide con il pensiero, che coincide con l'essere, coincide con la coscienza. Essere coscienti "di qualcosa" vuole in realtá dire essere quella cosa, sotto forma di sensazione, quindi di pensiero.

Bello, e riflettendo da credente aggiungo che quindi, forse, visto che il pensiero e la coscienza non sempre collimano, potrebbe esserci "qualcosa" nell'Io che non è l'Io, ma si presenta, per uso abitudinario, come se fosse il vero Io, dando il la alla buona battaglia introspettiva e pragmatica.


Pace&Bene
Duc in altum! is offline  
Vecchio 11-08-2015, 02.46.53   #24
Duc in altum!
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-11-2012
Messaggi: 919
Riferimento: Materialismo o spiritualismo?

** scritto da me_simone:

Citazione:
Avventato.. Da quello che ho scritto non mi pare consegua necessariamente quello che proponi..

Infatti, io non propongo un bel niente, c'è un bel punto interrogativo alla fine della mia riflessione, e ti ringrazio per avermi risposto spiegandomi che cosa secondo te (e questa sì che è una presupposizione!) era/è facile.


Citazione:
Si pensi se ognuno credesse che ciò che fa alla sua morte finirà e prima o poi perderà di senso;

Si pensi??!!! ...ma perché la stragrande maggioranza delle persone non vive così?!?!

"Senza Dio, tutto è lecito"! - ( Fedor Dostoevskij)


Citazione:
oppure si pensi se ognuno credesse di diventare cibo per altri o se credesse che qualche amico/parente si sia decomposto e di lui non sia sopravvissuto nulla..Non é una bella prospettiva, più facile e bello pensare in senso ottimistico, non trovi?

Pensare fantasticando è una cosa eccezionale per l'essere umano (io, personalmente, lo faccio quotidianamente e ad occhi aperti), ma poi bisogna fare i conti con l'oste, con l'esperienza vissuta per "coincidenze" e con l'esperienza conseguente alle nostre scelte, e lì non ci sono più prospettive ottimiste o difficili per fare conoscenza della bellezza, ma solo l'azzardo della fede.

Pace&Bene
Duc in altum! is offline  
Vecchio 20-08-2015, 00.53.28   #25
maral
Moderatore
 
L'avatar di maral
 
Data registrazione: 03-02-2013
Messaggi: 1,314
Riferimento: Materialismo o spiritualismo?

Citazione:
Originalmente inviato da pepe98
Non siamo in due solo perchè abbiamo due attributi diversi. Il pensiero è sempre pensiero. Se io dicessi "io mi lavo", non ci sono due io, ma solo uno, che fa sia da soggetto che da oggetto. Infatti me e io sono la stessa persona in due funzioni diverse. Il pensiero è sia soggetto che oggetto, e rimane uno.
Puoi volerlo credere, ma come fai a giustificare l'assunzione che il soggetto, in quanto soggetto dell'azione, è la stessa cosa del soggetto oggetto dell'azione, non possono essere la stessa cosa, io non sono me anche se devo credere di esserlo per identificarmi in un qualcosa che mi sta davanti ben prima che dentro. Quel qualcosa è la mia immagine (il mio concetto), ma la mia immagine non sono io soggetto.
Il pensiero dunque può pensare se stesso solo come qualcosa che è riflesso da un mondo, come allo specchio. Ci vuole il pensiero e ci vuole lo specchio (l'altro) che possa restituirne l'immagine in cui riconoscersi. Si comincia sempre da 2 che subito diventano 3 (soggetto, specchio, riflesso ossia io, altro, me), altrimenti nulla può mai cominciare.
maral is offline  
Vecchio 20-08-2015, 07.21.30   #26
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Materialismo o spiritualismo?

si effettivamente siamo un po come specchi…
ora pero mi domando pure una cosa:
se nel momento attuale in cui l'individuo si e' ridotto ad essere una uniformità omologata al pari di altrettanti individui anch'essi uniformati e omologati da risultare poi identici come fotocopie l'una dell'altra..che riflesso potrò mai ottenere?!
…credo che a quel punto il riflesso stesso diventa una nullità,sarebbe come ritrovare la stessa,identica ed UNICA immagine,moltiplicata per un numero infinito di "specchi" o individui resi tali (sempre se a quel punto si possa ancora parlare di individualita o se forse sarebbe più corretto dire automi !!..perfetti per l'intero ingranaggio)
acquario69 is offline  
Vecchio 20-08-2015, 09.39.43   #27
pepe98
Nuovo ospite
 
L'avatar di pepe98
 
Data registrazione: 28-06-2015
Messaggi: 172
Riferimento: Materialismo o spiritualismo?

Citazione:
Originalmente inviato da maral
Puoi volerlo credere, ma come fai a giustificare l'assunzione che il soggetto, in quanto soggetto dell'azione, è la stessa cosa del soggetto oggetto dell'azione, non possono essere la stessa cosa, io non sono me anche se devo credere di esserlo per identificarmi in un qualcosa che mi sta davanti ben prima che dentro. Quel qualcosa è la mia immagine (il mio concetto), ma la mia immagine non sono io soggetto.
Il pensiero dunque può pensare se stesso solo come qualcosa che è riflesso da un mondo, come allo specchio. Ci vuole il pensiero e ci vuole lo specchio (l'altro) che possa restituirne l'immagine in cui riconoscersi. Si comincia sempre da 2 che subito diventano 3 (soggetto, specchio, riflesso ossia io, altro, me), altrimenti nulla può mai cominciare.
Niente ti sta davanti, è un'illusione. Tu non sei un Io che percepisce non Io, ma sei la percezione stessa.
pepe98 is offline  
Vecchio 20-08-2015, 19.09.49   #28
maral
Moderatore
 
L'avatar di maral
 
Data registrazione: 03-02-2013
Messaggi: 1,314
Riferimento: Materialismo o spiritualismo?

Citazione:
Originalmente inviato da pepe98
Niente ti sta davanti, è un'illusione. Tu non sei un Io che percepisce non Io, ma sei la percezione stessa.
Non se sono cosciente di essere un io che sente e che, proprio in quanto io, può sussistere solo in rapporto a qualcosa che non sono io. Il me oggetto osservato non sono io soggetto osservante, ma due fenomeni necessariamente diversi e obbligatoriamente complementari. Che poi questa possa essere un'illusione non vi è dubbio, ma rispetto a quale realtà sia illusione va oltre le nostre capacità di concepire.
Nel momento stesso in cui mi vedo come io mi relativizzo inevitabilmente come parte, non come totalità assoluta.
maral is offline  
Vecchio 20-08-2015, 19.50.46   #29
pepe98
Nuovo ospite
 
L'avatar di pepe98
 
Data registrazione: 28-06-2015
Messaggi: 172
Riferimento: Materialismo o spiritualismo?

Citazione:
Originalmente inviato da maral
Non se sono cosciente di essere un io che sente e che, proprio in quanto io, può sussistere solo in rapporto a qualcosa che non sono io. Il me oggetto osservato non sono io soggetto osservante, ma due fenomeni necessariamente diversi e obbligatoriamente complementari. Che poi questa possa essere un'illusione non vi è dubbio, ma rispetto a quale realtà sia illusione va oltre le nostre capacità di concepire.
Nel momento stesso in cui mi vedo come io mi relativizzo inevitabilmente come parte, non come totalità assoluta.
Ma perchè l'Io deve per forza sussistere in rapporto al non Io? L'Io non ha bisogno di non Io, perchè l'Io non è essere coscienti di non Io, ma essere coscienti. Voglio dire che esiste solo il percepire, e non si percepiscono cose, ma sensazioni, che sono esse stesse Io, sono esse stesse il percepire. Al massimo puoi dire che il non Io è necessario per produrre queste sensazioni, ma non che viene percepito.
pepe98 is offline  
Vecchio 21-08-2015, 11.57.41   #30
CVC
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-01-2011
Messaggi: 747
Riferimento: Materialismo o spiritualismo?

Citazione:
Originalmente inviato da pepe98
Ma perchè l'Io deve per forza sussistere in rapporto al non Io? L'Io non ha bisogno di non Io, perchè l'Io non è essere coscienti di non Io, ma essere coscienti. Voglio dire che esiste solo il percepire, e non si percepiscono cose, ma sensazioni, che sono esse stesse Io, sono esse stesse il percepire. Al massimo puoi dire che il non Io è necessario per produrre queste sensazioni, ma non che viene percepito.
Non esiste solo la percezione, perché tu percepisci una cosa in un modo, poi rifletti e magari la percepisci in un altro. Se uno mi da del pistola percepisco rabbia, poi riflettendo mi accorgo che il pistola è lui e invece della rabbia percepisco compassione o altro.
CVC is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it