Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 14-06-2004, 13.36.14   #51
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
x binosoma

mi sembra che tu abbia mal interpretato la mia tesi.

comunque sono i segni che hanno significato, non gli oggetti.

ciao
epicurus is offline  
Vecchio 14-06-2004, 13.57.31   #52
Agora
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-01-2004
Messaggi: 278
!!!

X epicurus

D'accordo. Ma il fatto è che la pantofola è stata chiamata così e non penna. E' un caso, una semplice convenzione? Questo è il mio dubbio. Riusciremmo a inventare parole nuove e ad associarle arbitrariamente alle cose?
In effetti le parole che usiamo, anche i neologismi, evidentemente sono derivate da altre, nel tempo. Ed è questo il punto. Siamo sicuri che all'inizio le parole venivano scelte a caso per designare un oggetto? Non credo che ci si possa mettere d'accordo al punto di chiamare cavolo una rosa. Non riesco a immaginare un gruppo di persone che decidono "ecco, adesso questa cosa la chiamiamo così", senza un legame almeno con qualcosa di etimologicamente derivato. Questo legame già di per sè limita le scelte. Per quanto riguarda i sentimenti, come l'amore, mi sembrano concetti un po' più astratti e più difficili da definire, non abbiamo a che fare con un elemento "semplice".
Agora is offline  
Vecchio 14-06-2004, 14.04.13   #53
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
capisco cosa dici ed in parte concordo.

il fatto e` che io non penso che un giorno in parlamento dicano "da oggi chiameremo la penna 'cavolo'".

quello che dico io e` che ci sono parola, come 'Io' 'amore' e altre, che designato cose astratte, o comunque non immediate. su quese non c'e` una definizione precisa.

ed e` qui che dico che associare (ad esempio) al segno 'Io' un significato e` arbitrario, nel senso che e` un problema squisitamente linguistico.

ciao
epicurus is offline  
Vecchio 14-06-2004, 16.07.21   #54
binosoma
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-05-2004
Messaggi: 76
Re: x binosoma

Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus
mi sembra che tu abbia mal interpretato la mia tesi.

comunque sono i segni che hanno significato, non gli oggetti.

ciao
cos'è un oggetto?
sto uscendo fuori topic me ne scuso...
binosoma is offline  
Vecchio 14-06-2004, 17.05.21   #55
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
io eviterei di entrare in questo ambito perche`, oltre all'uscir dal tema, non mi sembra necessario.

ad esempio: percepisco qualcosa (che nel nostro linguaggio chiamiamo penna) e gli diamo il nome 'penna'.
cosa sia l'oggetto non ci interessa a tali scopi.

ciao
epicurus is offline  
Vecchio 14-06-2004, 19.39.22   #56
neman1
Ospite abituale
 
L'avatar di neman1
 
Data registrazione: 24-04-2004
Messaggi: 839
x Binosoma

Un oggetto e' cio a cui non viene attribuito un'anima. Basta che non chiedi adesso cos'e' l'anima. Detto scherzosamente, ciao
neman1 is offline  
Vecchio 14-06-2004, 19.52.35   #57
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
neman, io chiamo 'oggetto' le cose (compresa una persona o un cane).

comunque, come già detto, poco importa.
epicurus is offline  
Vecchio 14-06-2004, 20.37.46   #58
caspar
Ospite
 
Data registrazione: 07-06-2004
Messaggi: 10
Remo Bodei scrive in "Forme dell'individuo moderno": l'individuum è tale se dividuum e viceversa.
Con questo credo egli intendesse: un uomo è un individuo ideale se si "divide", si autoesamina, riflette su se stesso, si introspettiva, va via dalla sua persona (come siamo apparentemente) per approdare al suo io (cosa siamo veramente). A tal proposito bisognerebbe anche mettersi d'accordo su che cosa sia e quale sia la natura dell'io. E' evidente che l'io cartesiano non è quello fichtiano e che questo non è quello stirneriano. O se invece non sia solo una vuota paroletta alle quale ci siamo così affezionati perché in genere la anteponiamo quando vogliamo parlare (e anche scrivere).
Credo che poi l'uomo delle origini non avesse fatto un assegnazione di tipo logico-matematico alle parole. Acqua è diventata acqua perché l'acqua quando scorre fa un certo rumore. Per un bimbo appena nato (come l'uomo delle origini), un cane è bau-bau. Quello che mi inquieta è perchè negli alfabeti indoeropei la a è messa sempre in cima alla serie delle lettere e via di seguito sempre le stesse b, c eccetera?
caspar is offline  
Vecchio 14-06-2004, 21.04.40   #59
neman1
Ospite abituale
 
L'avatar di neman1
 
Data registrazione: 24-04-2004
Messaggi: 839
x Caspar

Ho gia' accenato qualcosa del genere in un mio precedente post: sulla differenza tra dentro e fuori. Ti ringrazio per averlo potuto spiegare molto meglio.

Se ti interessa qualche informazione generale sulla creazione dell'alfabeto:http://www.alfabeti.org/analogico4.htm

Ciao
neman1 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it