Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 26-08-2004, 14.26.33   #41
SEIG
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2004
Messaggi: 92
Citazione:
Messaggio originale inviato da Marco_532
...quante possibilità hai di snaturarti?...di essere un uomo diverso...un'uomo privo di condizionamenti...un uomo che vive nel tutto e che allo stesso tempo non è succube dei suoi condizionamenti e delle sue leggi?...

...credo pochissime... ... ...questo è quello che intendevo con impossibile...

Ciao, Marco.


Non ne ho la più pallida idea essendo le mie conoscenze molto limitate, credi siano pochissime ma che significa poco e tanto in questo caso?
SEIG is offline  
Vecchio 30-08-2004, 09.48.56   #42
Agora
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-01-2004
Messaggi: 278
!!!

X SEIG

<Penso che già cercare il bene in ogni situaziuone potrebbe essere considerato come bene assoluto. >

Allora bisogna intenderci sul concetto di bene assoluto.
Per bene assoluto io intendo un mondo dove non esista più il male (cosa improbabile per via del dualismo). Cercare il bene in un mondo dove anche il male fa ancora la sua parte e senza la sicurezza di realizzarlo, in questo senso non può essere bene assoluto.

<Credo che esista, perché comunque credo che non sia sufficiente conoscere cosa è bene e cosa male per far si che l'uomo faccia il bene.>

Non ho capito bene questa tua risposta.

<L'uomo può parlare solo riguardo l'uomo. Già un terremoto è qualcosa che va oltre le sue possibilità. iniziando così potremmo finire a chiederci se è giusto o meno l'universo...>

E perchè no? Perchè non anche l'universo? Non è detto che l'universo sia necessariamente un bene, anche perchè siamo qui per evolverci, cioè tornare all'Unità, e questo possiamo farlo sperimentando il dualismo bene-male che noi "percepiamo", ma che proviene dalla stessa Unità. Comunque, se ci limitiamo all'uomo parliamo sempre di un bene relativo, cioè di un bene "percepito"; per bene assoluto intendo ciò che va oltre l'uomo, che al limite può essere di origine divina, e di cui l'uomo deve farsi ricercatore e sperimentatore.

<Forse nulla basta che questo però non si usi come scusa per giustificare il male>

Non capisco questo "usare come scusa". Comunque ciò che volevo dire è che in questo mondo il dualismo è inevitabile e la mia domanda era provocatoria: una volta eliminato il dualismo, abbiamo di fatto eliminato "questo" mondo, quindi non ci sarebbe più necessità di abitare l'universo dualistico per evolverci.
Agora is offline  
Vecchio 30-08-2004, 21.20.47   #43
SEIG
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2004
Messaggi: 92
Re: !!!

Citazione:
Messaggio originale inviato da Agora


Allora bisogna intenderci sul concetto di bene assoluto.
Per bene assoluto io intendo un mondo dove non esista più il male (cosa improbabile per via del dualismo).

Ah allora stiamo parlando di due concetti differenti, forse avrei dovuto usare altri termini. Io intendevo come bene "relativo" un bene fatto dall'uomo per se stesso senza considerare se sia un bene per gli altri o meno, e un bene "assoluto" come agire considerando tutto l'insieme, ossia anche gli altri. Anche se rimane il fatto che il bene "assoluto" come lo intendo io rimane sempre relativo all'uomo e alle sue conoscienze.


Citazione:
<Credo che esista, perché comunque credo che non sia sufficiente conoscere cosa è bene e cosa male per far si che l'uomo faccia il bene.>

Non ho capito bene questa tua risposta.

Non credo che il male possa essere solo un'ignoranza del bene dato che si può essere a conoscienza, in una determinata situazione, sia del bene che del male ma compiere lo stesso il male. Quindi non per ignoranza ma consapevolmente. Spero di essere stato più chiaro.

Anche se qui poi bisognerebbe vedere quanto si è consapevoli di compiere il male...

Citazione:

E perchè no? Perchè non anche l'universo?

perché è una cosa che va oltre le conoscienze dell'uomo, io mi limiterei a comprendere queste


Citazione:

per evolverci, cioè tornare all'Unità

per l'evoluzione sono d'accordo ma mi sfugge il concetto di tornare all'unità


Citazione:
<Forse nulla basta che questo però non si usi come scusa per giustificare il male>

Non capisco questo "usare come scusa".

stavamo parlando di due cose differenti quindi avevo interpretato quello che volevi dire in modo diverso, un po come dire "il male c'è e deve essere fatto per mantenere il dualismo" ovviamente non hai detto questo e c'è stata proprio una confusione di base. Chiedo venia
SEIG is offline  
Vecchio 31-08-2004, 09.29.21   #44
Agora
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-01-2004
Messaggi: 278
***

Ciao SEIG, rispondo a questa tua domanda:
<per l'evoluzione sono d'accordo ma mi sfugge il concetto di tornare all'unità>

Ripeto quello che ho già scritto da altre parti.
In breve:

non credo in una creazione dal nulla, bensì in una emanazione in cui l'Uno si scinde generando il dualismo e il molteplice;

ogni singolo elemento partecipa della stessa essenza dell'Uno e si identifica con esso, anzi in un certo senso "è" l'Uno (credo che si chiami panteismo);

ritorno all'unità significa dunque tornare all'unità ancestrale dalla quale deriviamo e dovrebbe essere il fine escatologico, il motivo della nostra esistenza, è evoluzione spirituale, secondo un certo concetto filosofico-religioso.

Ma qui entriamo in un altro campo e le concezioni sono diverse, posso solo dire che mi sto addentrandoci un poco alla volta e non so a quanti possa interessare. La frase mi è sfuggita.
Agora is offline  
Vecchio 31-08-2004, 13.04.55   #45
Fool:
Ospite abituale
 
L'avatar di Fool:
 
Data registrazione: 27-06-2004
Messaggi: 146
ciao a tutti, non ci sono stato per un bel pò, ma vedo che questa discussione ha tenuto forte, bene.

mi intrometto subito allora:

non possiamo dire di vivere in un universo dualistico, forse viviamo in una realtà umana dualistica, ma noi sappiamo com'è fatto l'universo, il dualismo, questo concetto di bene e male potrebbe essere indipendente dalla natura, potrebbe essere un qualcosa creato dall'evoluzione umana, forse del tutto esterno all'universo e ai fenomeni che ci circondano, ma questo non dobbiamo domandarcelo, perche va oltre le nostre capacità (a mala pena riusciamo a capire i nostri comportamenti, figuriamoci se volessimo dare una spiegazione di tutto ciò che accade nel tutto!)
Fool: is offline  
Vecchio 31-08-2004, 18.36.49   #46
SEIG
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2004
Messaggi: 92
X Agora:
E' interessante quello che dici e anche alquanto logico, lo metterò insieme a tutte le altre possibilità più o meno logiche che raccolgo in giro.



Citazione:
Messaggio originale inviato da Fool:
ciao a tutti, non ci sono stato per un bel pò, ma vedo che questa discussione ha tenuto forte, bene.

Holà Fool, ben tornato

Citazione:
il dualismo, questo concetto di bene e male potrebbe essere indipendente dalla natura, potrebbe essere un qualcosa creato dall'evoluzione umana, forse del tutto esterno all'universo e ai fenomeni che ci circondano

L'uomo con l'evoluzione ha raggiunto dei concetti indipendenti dalla natura? Penso che sia stata la natura stessa a darci questo concetto, non vedo come possa l'uomo fare qualcosa che la natura non abbia "previsto", dato che la natura stessa ci ha fatti così. E quindi penso che tutti i nostri pensieri debbano per forza far parte dell'universo, altrimenti non sarebbero di questa realtà.
SEIG is offline  
Vecchio 01-09-2004, 04.55.41   #47
Fool:
Ospite abituale
 
L'avatar di Fool:
 
Data registrazione: 27-06-2004
Messaggi: 146
Citazione:
Messaggio originale inviato da SEIG


L'uomo con l'evoluzione ha raggiunto dei concetti indipendenti dalla natura? Penso che sia stata la natura stessa a darci questo concetto, non vedo come possa l'uomo fare qualcosa che la natura non abbia "previsto", dato che la natura stessa ci ha fatti così. E quindi penso che tutti i nostri pensieri debbano per forza far parte dell'universo, altrimenti non sarebbero di questa realtà.



un esempio di concetto indipendente dalla natura? hai mai letto qualcosa sui serial killer? dovresti farlo è sconvogente ma fa riflettere parla di persone che la società ha trasformato in mostri perchè incapiaci di adattarvisi. non pensao che madre natura abbia previsto queste reazioni..
Fool: is offline  
Vecchio 01-09-2004, 14.19.15   #48
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
...ma perfavore!!!...non esiste cosa estranea alla natura...anche un serial killer è "naturale"...nella Natura non c'è dualismo bene male, ma quello che è, è e basta...ed è al di là del bene e del male...
Marco_532 is offline  
Vecchio 01-09-2004, 14.30.31   #49
SEIG
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2004
Messaggi: 92
Citazione:
Messaggio originale inviato da Fool:
non pensao che madre natura abbia previsto queste reazioni..


eppure dev'essere così per forza. L'uomo è una macchina molto complessa creata dalla natura e se si è potuto evolvere è stato appunto merito della natura che l'ha fatto così. Se ha determinati comportamenti o reazioni è dovuto proprio alla sua natura, non potrebbe essere altrimenti non credo l'uomo possa evolversi, pensare ed agire indipendentemente dalla sua natura.
SEIG is offline  
Vecchio 01-09-2004, 16.40.39   #50
SEIG
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2004
Messaggi: 92
Citazione:
Messaggio originale inviato da Marco_532
nella Natura non c'è dualismo bene male


a me questa sembra una concezione al pari di quella di dire che nella natura ci sia il dualismo bene male.... praticamente sono opinioni, visioni che ha l'uomo della stessa, nulla di più. Poi quello che veramente è vallo a sapere...
SEIG is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it