Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 15-07-2005, 13.00.29   #31
klara
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-06-2005
Messaggi: 455
re

Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
cat, cosa vuol dire "spezzare il simbolo"?


x klara: chi può dire?
certo è ragionavole pensare che l'uomo, così come sa di esistere, sa anche di dover morire, e per l'istinto di sopravvivenza tipico di tutto il regno dei viventi cerca di sfuggire alla morte, in qualunque modo, anche creandosi delle idee che allontanino l'angoscia sprigionata dalla funebre idea.. ma chi può dire, chi può dire se un dio, o magari una famiglia di dei, oppure un'olimpo, oppure se tutto è dio, chissà..

...per sfuggire mi sono fatta un idea simile...che dio sia la natura stessa...sbagliato?

,klara

Ultima modifica di klara : 15-07-2005 alle ore 13.03.20.
klara is offline  
Vecchio 15-07-2005, 13.01.41   #32
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
nonimportachi, vedila così: il libero arbitrio esiste dentro i confini dell'esistenza, però, tu sei stato confinato all'interno dei confini dell'esistenza e non sei libero di uscirne. Però sei libero di esistere come vuoi.
Non sei libero di scegliere di esistere oppure no, ma sei libero di esistere secondo le tue scelte... anzi, sei costretto ad esistere secondo le tue scelte, perchè lo stesso libero arbitrio, in fondo, è contraddittorio negli stessi termini dell'esistenza: sei libero di usarlo come vuoi, ma sei costretto ad averlo, obbligato ad essere libero.
r.rubin is offline  
Vecchio 15-07-2005, 13.08.38   #33
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Re: re

Citazione:
Messaggio originale inviato da klara
...per sfuggire mi sono fatta un idea simile...che dio sia la natura stessa...sbagliato?

,klara

ah, sia per sfuggire oppure no, in questo campo può essere tutto e il contrario di tutto, non esiste giusto e sbagliato.
io sarei propenso a considerare la religiosità come una forma della creatività: cioè, uno ha dei bisogni, se è un pittore li soddifa con un quadro, se è un musicista con una canzone, se è "un'artista della vita" li soddifa costruendo con la fantasia dei mondi possibili, che interagiscono con questo mondo materiale dei bisogni più concreti, fame, sete eccettera, rendendolo più fantasioso, piacevole, godibile.

questo sia che dio esista che dio non esista.

la natura come dio è un'idea che mi piace molto, perchè consente di vivere in modo veramente piacevole (a meno che non abiti in una metropoli). tra l'altro è anche coerente.. quando muori ti reintegri nel dio-natura, che è anche terra, vermiciattoli..
r.rubin is offline  
Vecchio 15-07-2005, 13.13.55   #34
klara
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-06-2005
Messaggi: 455
Re: Re: re

Citazione:
[i]quando muori ti reintegri nel dio-natura, che è anche terra, vermiciattoli.. [/b]

...difficile sfuggire..ecco!..perche' me lo ricordi?
klara is offline  
Vecchio 15-07-2005, 13.25.07   #35
klara
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-06-2005
Messaggi: 455
Re: Re: Re: re

Citazione:
Messaggio originale inviato da klara
...difficile sfuggire..ecco!..perche' me lo ricordi?

..via d'uscita...non sappiamo ancora come e' fatta la natura...chi me lo dice che non sia fatta di altre dimensioni..attendiamo i fisici a pronunciarsi...nel frattempo .,klara
klara is offline  
Vecchio 15-07-2005, 13.39.10   #36
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
è un'idea affascinante, rolando, spirituale e di profonda bellezza esistenziale.

ma se l'anima, passando di esistenza in esistenza, impara, significa che le memorie delle vite passate sono ancora dentro di noi, le memorie intese come esperienze vissute... o forse manteniamo solo la memoria intesa come maturità raggiunta attraverso queste esperienze?
Hai ragione rubin. Tutti i ricordi esistono nella struttura "spirituale" o psichica che anche essa sopravvive la morte del corpo fisico, ma la nostra capacità della memoria è ora molto poco evoluta e ciò spiega perché non ricodiamo le vite passate. Ma, come dici tu, le vite passate si mostrano nel carattere e nella maturità dell'individuo. Più esperienze ha fatto un individuo più maturo e più aperto, tollerante ed amorevole è questo individuo. I veri "saggi" sono quindi individui che sono vissuti molte più vite della "gran massa" e quindi si trovana avanti nello sviluppo, tali individui sono ad esempio Gesù e Buddha ecc.
Buon di
Rolando is offline  
Vecchio 15-07-2005, 13.53.50   #37
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Citazione:
Messaggio originale inviato da nonimportachi
Ma è così impossibile pensare che magari KARMA e REINCARNAZIONE siano metafore di qaulcosa di molto meno fantasioso di quanto poco sopra espresso?

e se anche fosse vero, proprio parlando per assurdo, se uno volesse dissentire? se uno voless morire snza reincarnarsi? se uno non volesse alcuna evoluzione spirituale? se uno non volesse questo Dio come padre?
Un tale desiderio sarebbe invano, ed infatti espressione di un pensiero "assurdo". Se è giusto che l'individuo è eterno, cioè non è mai creato ed esiste per sempre, non è naturalmente possibile "uscire" dalla vita. Sarebbe un po' come un piccolo bambino che non volesse diventare adulto e non volesse il suo padre fisico "come padre". Penso che si debba accettare la realtà e rassegnarsi al fatto che il padre è più saggio del bambino.
Ciao

Ultima modifica di Rolando : 15-07-2005 alle ore 14.05.01.
Rolando is offline  
Vecchio 15-07-2005, 14.10.31   #38
nonimportachi
Utente bannato
 
Data registrazione: 04-11-2004
Messaggi: 1,010
Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
nonimportachi, vedila così: il libero arbitrio esiste dentro i confini dell'esistenza, però, tu sei stato confinato all'interno dei confini dell'esistenza

Sono IO perchè esisto, cosa vuol dire che sono stato confinato nell'esitenza? se così non fosse non ci sarebbe un IO. stai affermano che esite solamnte chi esite.

Non potrebbe esitere una condizione in cui IO non sarei confinato nell'esitenza......

questa considerazione è un loop dialettico.
nonimportachi is offline  
Vecchio 15-07-2005, 14.17.19   #39
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Citazione:
Messaggio originale inviato da Rolando
I veri "saggi" sono quindi individui che sono vissuti molte più vite della "gran massa" e quindi si trovana avanti nello sviluppo, tali individui sono ad esempio Gesù e Buddha ecc.
Buon di

Gesù (da quello che è scritto nei vangeli) aveva una saggezza stupefacente, per essere il figlio di un falegname, e così giovane.. di Buddha so poco ma credo sia come per Gesù.. e la reincarnazione spiegherebbe ragionevolmente queste saggezze inspiegabili.

ma se i saggi hanno vissuto molte più vite delle persone della gran massa(e moltissime di più dei leghisti), e se il ciclo di reincarnazioni è infinito, vuol dire che alcune persone sono nate prima e altre dopo? oppure che tutti sono nati nello stesso istante ma qualcuno ha vissuto più rapidamente alcune sue vite reincarnandosi nelle successive mentre gli altri erano ancora a soffiare le candeline per gli 80 anni della prima vita.. ?

e se è così, cioè che alcuni vivono alcune delle loro vite più brevemente e passano lesti alla successiva, mentre altri sostano più a lungo in quella vita, perchè?
ogni vita forse ha un obiettivo di saggezza? per cui se una persona, grazie alle sue libere scelte lo raggiunge per la via più breve, può morire e rinascere nel livello successivo, mentre se la persona sbaglia strada continuamente avrà per forza bisogno di più tempo per raggiungere il suo obiettivo?

ma le cose si fanno più facili passando di vita in vita, oppure più difficili?
cioè, se consideriamo i parametri della "saggezza che ho nella vita presente" e dell'"obbiettivo di saggezza della mia vita presente", magari lo scarto di saggezza tra l'una e l'altra è, diciamo 10... per cui, passando al livello successivo ho guadagnato 10 punti in saggezza, quindi poniamo che sono a un totale di saggezza di 60, e riinizio una nuova vita, che ha un obiettivo di saggezza calcolabile con la proporzione 50:10=60=x cioè 12?

e gli obiettivi, sono per tutte le persone gli stessi?
cioè esiste una specie di piramide a gradoni della perfettibilità, una piramide infinita in altezza ovviamente, che presenta a tutti gli stessi gradoni?

...t'ho bombardato di domande..
r.rubin is offline  
Vecchio 15-07-2005, 14.23.22   #40
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Citazione:
Messaggio originale inviato da nonimportachi
Sono IO perchè esisto, cosa vuol dire che sono stato confinato nell'esitenza? se così non fosse non ci sarebbe un IO. stai affermano che esite solamnte chi esite.

Non potrebbe esitere una condizione in cui IO non sarei confinato nell'esitenza......

questa considerazione è un loop dialettico.

volevo dire questo(con i presupposti di prima): chi esiste non può che esitere per sempre, ossia è costretto ad esistere per sempre. Però può farlo come vuole.

quindi la persona è libera di fare quello che vuole durante le sue infinite esistenze, però è costretta ad esistere per sempre.
e lo stesso libero arbitrio è una costrizione: sei costretto ad essere libero.
r.rubin is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it