Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 06-09-2005, 11.56.47   #71
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Citazione:
Messaggio originale inviato da Rolando
Sarebbe interessante sapere il motivo perchè hai fatto la domanda: "Come si puo' definire l'esistenza? cosa contraddistingue l'esistere dal non esistere?
Cioè qual è il problema
Ciao

Rolando la frase quotata non l'ho detta io; io mi esposi in altri termini:

Citazione:
penso anch'io che parlare di 'esistenza' in generale probabilmente non porti da nessuna parte, se non ad un approccio definizionista dove si cerca di ridurre tale concetto ad altri, ma che pecca sempre di una certa arbitrarietà (o che può cadere nell'errore del verificazionismo). tutto ciò che diciamo sottende il concetto di 'esistenza', tant'è che - se non in casi particolari - penso che si debba prendere come termine primitivo.

Appropostito del fatto che quello che ho detto sono cose che in generale esistono, ti propongo la seguente definizione: se si scoprisse che non avvenne nessun Big Bang, allora tale termine non avrebbe senso? E se si scoprisse che le superstringhe non esistono, allora anche tale termine non avrebbe più senso?

Il fatto è che il nostro linguagguo può parlare di cose che esistono e di cose che non esistono, proprio come stiamo facendo noi due


epicurus
epicurus is offline  
Vecchio 06-09-2005, 12.06.14   #72
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
Citazione:
Sarebbe interessante sapere il motivo perchè hai fatto la domanda: "Come si puo' definire l'esistenza? cosa contraddistingue l'esistere dal non esistere?


l'ho aperto io il thread, e la domanda era stata fatta a me su un altro thread solo che la mia risposta non mi soddisfaceva, cosi' ne ho ampliato la discussione in altra sede
La_viandante is offline  
Vecchio 07-09-2005, 09.50.04   #73
z4nz4r0
weird dreams
 
L'avatar di z4nz4r0
 
Data registrazione: 22-05-2005
Messaggi: 483
Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus

Il fatto è che il nostro linguagguo può parlare di cose che esistono e di cose che non esistono, proprio come stiamo facendo noi due


e quand'è/ che una cosa esiste?
z4nz4r0 is offline  
Vecchio 07-09-2005, 12.52.48   #74
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus
Rolando la frase quotata non l'ho detta io; io mi esposi in altri termini
Va bene, scusa.

Citazione:
Appropostito del fatto che quello che ho detto sono cose che in generale esistono, ti propongo la seguente definizione: se si scoprisse che non avvenne nessun Big Bang, allora tale termine non avrebbe senso? E se si scoprisse che le superstringhe non esistono, allora anche tale termine non avrebbe più senso?
Probabilmente il supposto "Big Bang" non ha infatti avuto luogo.
Io trova più probabile l'opinione di Martinus, che l'espansione che si osserva nel macrocosmo, dipende dal fatto che noi viviamo come microindividui in un essere macrocosmico, per esempio in un polmone, che si espande a causa della respirazione dell essere macrocosmico.

Comunque, nonostante questo, tutti e due i fenomeni, il big bang e le superstringhe, esistono in ogni caso come idee, e quindi ne possiamo parlare.

Però la viandante ha parlato del "non esistere" come l'opposto di ciò che "esiste". In questo senso il "non esistere" non "esiste", visto che una "cosa" che "esiste", non può contemporaneamente "non esistere". Entro il mondo percettivo esistono soltanto cose che esistono.
Citazione:
Il fatto è che il nostro linguagguo può parlare di cose che esistono e di cose che non esistono, proprio come stiamo facendo noi due
Come segue dal suddetto noi non parliamo di cose che non esitono, sopratutto perché non c'è molto da dire.

Questo non esclude che c'è qualcosa che per la percezione non è "visibile", cioè l'io, che osserva tutto senza in se stesso essere visibile. Quindi "esiste" ma non ha nessun'analisi oltre dell'esistenza, è quindi non si può dire niente neanche di esso.
Ciao
Rolando is offline  
Vecchio 10-09-2005, 19.11.56   #75
Vapensiero
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 14-04-2005
Messaggi: 195
L'esistenza.

Un filosofo moderno, di cui non ricordo il nome, mi sembra che abbia cambiato la frase: "Io penso, quindi sono", in " Io amo, quindi sono".

Secondo lui la completezza dell'essere umano- e qundi l'essere- si estrinseca solo quando si ama, poiché quando si pensa, afferma, si possono pensare anche delle semplici cretinate, e quindi, in quel caso, non si è.
Vapensiero is offline  
Vecchio 11-09-2005, 11.57.17   #76
SebastianoTV83
Utente bannato
 
Data registrazione: 11-05-2005
Messaggi: 639
Io mi chiederei invece in che relazione sono l'esistenza e la non-esistenza.. può ad esempio essere la non-esistenza un termine di paragone, una condizione necessaria all'esistenza? Dio si identificherebbe con il non essere, il Nulla, la mancanza che permette la presenza e così atei e mistici sarebbero contenti.
SebastianoTV83 is offline  
Vecchio 11-09-2005, 12.56.18   #77
Vapensiero
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 14-04-2005
Messaggi: 195
L'universo è impregnato solo dell'esistere, la non esistenza non sappiamo cosa sia, se non in termini comvenzionali, quindi come possiamo adoperare come termine di paragone qualcosa che non esiste?

Quello che vediamo, tocchiamo, olfattiamo, sentiamo con i nostri sensi esiste, convenzionalmente, il non esistente che cosé, quello che non possiamo toccare, olfattare o sentire con i nostri sensi?

L'immagine del miraggio nel deserto la vediamo ma non esiste, è vero! Ma non esiste dove la vediamo ma è esistente in qualche altra parte.
Vapensiero is offline  
Vecchio 12-09-2005, 16.23.01   #78
SebastianoTV83
Utente bannato
 
Data registrazione: 11-05-2005
Messaggi: 639
Scusami ma veramente la tua affermazione mi risulta illogica: se io vedo un miraggio quell'oasi non esiste se non in un'altro luogo e qui ci siamo. Anche se fosse però una produzione della mia mente stanca, essa esisterebbe in qualità di illusione di un'oasi. Il DIVENIRE è impregnato di esistere, qualunque cosa sia.. l'essenza del non essere è realmente importante in quanto è assenza tanto quanto l'universo è presenza. Come qualcosa può o non può essere? Che cosa sfugge all'essere? Che cos'é più inafferarabile e più vicino al concetto (slegato da limitazione culturali) di Dio?
SebastianoTV83 is offline  
Vecchio 12-09-2005, 20.23.49   #79
Vapensiero
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 14-04-2005
Messaggi: 195
<.....Che cosè più vicino ed inafferrabile al concetto di Dio?>

Ultimamento ho riletto "La teoria del tutto" di Stephen Harwking,
e "Tutti i numeri dell'univero" (non ricordo l'autore), e in nessuno dei due si prende in considerazione il "non essere".

Invece prendono in considerazione gli spazi vuoti (che poi vuoti non sono) poiché vi è molta materia anche in loro, ma il non essere, se non in via convenzionale, a mio modo di vedere non ha significato: né in senso di contrapposizione all'essere né in nessun altro.

Forse per me il concetto è troppo astratto per poterlo concretizzare, però se tù riuscissi a semplificarlo ci potrei provare.


Ultima modifica di Vapensiero : 12-09-2005 alle ore 20.24.52.
Vapensiero is offline  
Vecchio 12-09-2005, 21.00.22   #80
Vapensiero
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 14-04-2005
Messaggi: 195
Remember: " I numeri dell'universo", di John D. Barrow
Vapensiero is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it