Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 21-05-2007, 19.25.27   #11
pallina
...il rumore del mare...
 
Data registrazione: 15-01-2007
Messaggi: 279
Riferimento: Definizione di uomo che "ci sa fare" con le donne...

Citazione:
Originalmente inviato da MocassinoH2O
credo sia una battuta...
già per "supportare" una donna ce ne vuole... per non parlare del supportare eh eh diciamo SOPPORTARE una donna in quel periodo del mese poi....
lo dico a tutti gli uomini...
che ci sappiate fare o meno.... è un impresa.

Leggendo un tuo post, in un altro thread, mi è venuto il dubbio che tu sia una ragazza.

Se così fosse mi farebbe piacere sapere perchè definisci "un'impresa" (oltre che supportarla - ma che brutta parola - normalmente ) sopportare una donna durante il periodo mestruale.

...

Le donne, per fortuna, non sono tutte uguali.
pallina is offline  
Vecchio 21-05-2007, 20.48.45   #12
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
Riferimento: Definizione di uomo che "ci sa fare" con le donne...

Citazione:
Originalmente inviato da marcoriccardi1980
Ciao donna che leggi, una domanda:

Sapresti dare una definizione oppure elencare le caratteristiche tipiche dell' uomo che "ci sa fare" con le donne?

Magari raccontando anche la tua esperienza in merito?


PS: vietato rispondere: basta non essere come marcoriccardi o simile.




Ciao

Credo sia una questione di seduzione, di capacità di sedurre; questa abilità non appartiene esclusivamente al genere maschile, nè a quello femminile, anche se evidentemente il seduttore ha modalità diverse rispetto alla seduttrice:chi dei due sia più insidioso, è tutto da verificare.

La seduzione (non solo di natura sessuale, ma anche professionale, sociale, ecc) per definizione si basa sui sogni, non sui bisogni dell'altra persona (l'oggetto, il sedotto). Essa offre alla "vittima" qualcosa che non ha, o meglio, qualcosa che non è: è un pericoloso gioco di rispecchiamenti, dove il seduttore offre al sedotto un'immagine di se stesso che in realtà non è, o che desidera solo di essere.
La seduzione si muove sempre su qualcosa di irreale perchè il seduttore recita all'interno dei sogni della "vittima", sogni che quest'ultima manco sa di avere.

I bravi seduttori, l'uomo e la donna che ci sanno fare, colgono i sogni, non i bisogni della "preda": le fanno credere di essere ciò che lei sogna soltanto di essere...e se sono scaltri, la preda nemmeno sa di voler essere così, o lo nega addirittura

Va da sè che all'illusione segue la disillusione, alla seduzione la delusione: i piedi a terra prima o poi bisogna pur poggiarli: ed è bene sia così.

odissea is offline  
Vecchio 22-05-2007, 13.25.49   #13
MocassinoH2O
io Panda
 
L'avatar di MocassinoH2O
 
Data registrazione: 28-03-2006
Messaggi: 469
Riferimento: Definizione di uomo che "ci sa fare" con le donne...

Citazione:
Originalmente inviato da pallina
Leggendo un tuo post, in un altro thread, mi è venuto il dubbio che tu sia una ragazza.

Se così fosse mi farebbe piacere sapere perchè definisci "un'impresa" (oltre che supportarla - ma che brutta parola - normalmente ) sopportare una donna durante il periodo mestruale.

...

Le donne, per fortuna, non sono tutte uguali.


Sì sì... sono una donna, in ogni caso facevo un po' di ironia...
ma non troppa... la maggior parte di donne che conosco sono poco tollerabili in quel periodo del mese, ma è del tutto normale, non è mica un accusa o altro!
Poi.... diciamolo, le donne sanno essere molto esigenti. Come? Eh Eh...
Il bello è che pensiamo che i nostri bisogni sono cose da niente... pretese modeste, pretese... "non chiedo mica la luna"... ma in fondo si kiede qualcsa in più....
Poi è vero, per fortuna non sono tutte uguali.
MocassinoH2O is offline  
Vecchio 22-05-2007, 14.14.52   #14
visir
autobannato per protesta
 
L'avatar di visir
 
Data registrazione: 02-05-2002
Messaggi: 436
Riferimento: Definizione di uomo che "ci sa fare" con le donne...

E' curioso che per 3.000 anni le donne hanno cercato la parità con gli uomini o la cosiddetta emancipazione (!), ma poi, alla fine, desiderino solamente un uomo che si sappia occupare di loro.

Una tale inconguenza spiega molto di più di ogni logica affermazione.

Questo vale per molte, ma non per tutte.
Le poche che riescono a superare questa "bug di programma" generalmente non riescono a trovare un uomo decente che possa stare al loro livello.

Le restanti sopportano gli uomini (tali solo di nome) in virtù di questa debolezza.
Non c'è da stupirsi che il rapporto di coppia sia un piccola guerra e la maggioranza delle coppie stiano insieme per i loro difetti piuttosto che per le loro qualità.

Da ultimo mi meraviglio ogni volta che il maschio e la femmina, di questa curiosa specie bipede, basandosi sul totale franitendimento di se stessi e dell'altro si ostinino a riprodursi, ma non potrebbe essere diversamente.

Se l'uomo e la donna fossero capaci di vedere non avrebbero bisogno di credere.
visir is offline  
Vecchio 22-05-2007, 14.33.12   #15
pallina
...il rumore del mare...
 
Data registrazione: 15-01-2007
Messaggi: 279
Riferimento: Definizione di uomo che "ci sa fare" con le donne...

Senza offesa.....ma

Citazione:
Originalmente inviato da MocassinoH2O
.....Il bello è che pensiamo che i nostri bisogni sono cose da niente... pretese modeste, pretese... "non chiedo mica la luna"... ma in fondo si kiede qualcsa in più....

io non penso che i miei bisogni siano cosa da niente.... e rispetto a quelli di chi? Forse degli uomini? E per qual motivo dovrei pensare che le esigenze dell'uomo che vive con me siano più importanti delle mie? Io cerco di essere sempre "attenta" alle sue richieste, a quelle dirette e a quelle sottese...e allo stesso modo lui lo è con me. Ci deve essere parità anche in queste cose.

Se poi una donna per attirare l'attenzione di un uomo, per essere coccolata, ha "bisogno" di usare dolori, indisposizioni o astuzie di vario genere , beh....... personalmente non la reputo molto equilibrata e nemmeno tanto matura.

Una donna, insomma, che con gli uomini non ci sa fare....
pallina is offline  
Vecchio 22-05-2007, 18.02.05   #16
MocassinoH2O
io Panda
 
L'avatar di MocassinoH2O
 
Data registrazione: 28-03-2006
Messaggi: 469
Riferimento: Definizione di uomo che "ci sa fare" con le donne...

Citazione:
Originalmente inviato da pallina
Senza offesa.....ma
io non penso che i miei bisogni siano cosa da niente.... e rispetto a quelli di chi? Forse degli uomini? E per qual motivo dovrei pensare che le esigenze dell'uomo che vive con me siano più importanti delle mie? Io cerco di essere sempre "attenta" alle sue richieste, a quelle dirette e a quelle sottese...e allo stesso modo lui lo è con me. Ci deve essere parità anche in queste cose.

Se poi una donna per attirare l'attenzione di un uomo, per essere coccolata, ha "bisogno" di usare dolori, indisposizioni o astuzie di vario genere , beh....... personalmente non la reputo molto equilibrata e nemmeno tanto matura.

Una donna, insomma, che con gli uomini non ci sa fare....

Il mio post non era riferito a te, mi dispiace ke ti sei sentita chiamata in causa!
Ciò che intendevo, e intendo ancora dire è che in ogni modo molte donne affermano (prendo due frasi cult come esempio) "io non chiedo nulla, solo di essere capita" quel SOLO essere capita è moltissimo.... "un uomo che stia attento a ciò di cui ho bisogno" è un uomo perfetto!
Piccola parentesi
Nell'unione di una coppia, sono due mondi che si incontrano, lascia che sia per una notte, una settimana o una vita intera.... due mondi, due modi di fare differenti, due caratteri differenti..... quindi il capirsi, è già moltissimo.... Un uomo che ci sa fare deve "SOLO" capire la donna che ha avanti.
E questa è un impresa!

Poi non credo che si trovino mezzucci per stare al centro dell'attenzione, ma qlke attenzione il più fa sempre piacere, sarebbe immaturo affermare il contrario.... poi... figurati qndo sono presenti "dolori"....
Coccole e carezze fanno sempre comodo!


p.S.: Solo ora ho notato ke pensavi fossi un uomo giusto x l'affermazione riguardo "quel periodo del mese"... io sono ipersensibile in ql periodo, e come me lo sono tutte le donne, è una questione biologica, fisica, ma non voglio dilungarmi.
Magari ti avrà infastidita quel "supportare" o "sopportare".
Un uomo deve saper anke supportare una donna, è nei rapporti umani.
Intendo avere appoggio e calore, nelle scelte importanti così come la vita di ogni giorno!
MocassinoH2O is offline  
Vecchio 23-05-2007, 00.41.00   #17
marco gallione
Utente bannato
 
Data registrazione: 22-05-2007
Messaggi: 363
Riferimento: Definizione di uomo che "ci sa fare" con le donne...

Racconto in breve (ci provo) quanto mi è successo di recente, come ipotetico esempio del NON saperci fare con le donne..
Ho 39 anni, da due mesi single, dopo convivenza (equilibrata) di 5 anni, che ho deciso di sospendere perchè si stava pericolosamente inaridendo.
Settimane fa, conosco S., 37 anni, bellissima e intelligente, single da 6 anni dopo convivenza di molti anni finita.
Colpo di fulmine reciproco. Passione, sintonia, farfalle nello stomaco, centinaia di sms, ore di tel. notturne, sesso, cene, mostre e tutto il resto.Il tutto in una grande città, con tante cose fare.
Ho alcune caratteristiche, qualcuno magari potrebbe definirle "qualità":buona simpatia umana,sicurezza economica, successo professionale (avvocato), istruzione post universitaria, non sono nemmeno un cesso (fisicamente), faccio sport e mi piace l'arte contemporanea (tanto per dire che cerco di avere qualche sensibilità..).
Sono talmente innamorato di S. che continuo a corteggiarla con attenzione e ironia, anche se viviamo già la ns "storia" in pieno. Lei mi dice che ho cambiato la sua vita. Tra me e me mi dico: che si voglia far sposare? subito? ( e mi rispondo: potrei anche fare la pazzia di farlo.. seriamente!)
D'un tratto, però, lei taglia i ponti.
Io non ho fatto nulla di particolare. Il pretesto è una mia supposta rigidità (forse), solo perchè ho fatto un po' di sarcasmo su una sua uscita con amici in nota discoteca milanese, secondo lei un po presuntuosa.
Insomma: altro che volersi fare sposare... la 37enne se n'è scappata alla grande in tre settimane!
Ho cercato di fare la esatta fotografia sintetica di quel che è successo...
Qualcuno di voi mi sa dire se uno 39 (che dovrebbe essere a posto) che incontra una di 37, e si innamorano, che cosa mai li fa naufragare e perdere una super-chance di un futuro magari con 2-3 bei bimbi in giro?
Mi sa che IO non ci so proprio fare...
marco gallione is offline  
Vecchio 23-05-2007, 09.16.54   #18
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Definizione di uomo che "ci sa fare" con le donne...

Citazione:
Originalmente inviato da marco gallione
Racconto in breve (ci provo) quanto mi è successo di recente, come ipotetico esempio del NON saperci fare con le donne..
Ho 39 anni, da due mesi single, dopo convivenza (equilibrata) di 5 anni, che ho deciso di sospendere perchè si stava pericolosamente inaridendo.
Settimane fa, conosco S., 37 anni, bellissima e intelligente, single da 6 anni dopo convivenza di molti anni finita.
Colpo di fulmine reciproco. Passione, sintonia, farfalle nello stomaco, centinaia di sms, ore di tel. notturne, sesso, cene, mostre e tutto il resto.Il tutto in una grande città, con tante cose fare.
Ho alcune caratteristiche, qualcuno magari potrebbe definirle "qualità":buona simpatia umana,sicurezza economica, successo professionale (avvocato), istruzione post universitaria, non sono nemmeno un cesso (fisicamente), faccio sport e mi piace l'arte contemporanea (tanto per dire che cerco di avere qualche sensibilità..).
Sono talmente innamorato di S. che continuo a corteggiarla con attenzione e ironia, anche se viviamo già la ns "storia" in pieno. Lei mi dice che ho cambiato la sua vita. Tra me e me mi dico: che si voglia far sposare? subito? ( e mi rispondo: potrei anche fare la pazzia di farlo.. seriamente!)
D'un tratto, però, lei taglia i ponti.
Io non ho fatto nulla di particolare. Il pretesto è una mia supposta rigidità (forse), solo perchè ho fatto un po' di sarcasmo su una sua uscita con amici in nota discoteca milanese, secondo lei un po presuntuosa.
Insomma: altro che volersi fare sposare... la 37enne se n'è scappata alla grande in tre settimane!
Ho cercato di fare la esatta fotografia sintetica di quel che è successo...
Qualcuno di voi mi sa dire se uno 39 (che dovrebbe essere a posto) che incontra una di 37, e si innamorano, che cosa mai li fa naufragare e perdere una super-chance di un futuro magari con 2-3 bei bimbi in giro?
Mi sa che IO non ci so proprio fare...

...secondo me e' molto semplice..non sanno nemmeno loro cosa vogliono,salvo poi ritrovarsi a una certa eta quando nessuno piu se le fila e forse (chissa) l'istinto materno per tanto tempo soffocato comincia a fare breccia nella loro vita, allora di colpo cambiano e ritrovano tutte le loro "luminarie" e tutto il buon senso che prima chissa in che altra parte l'avevano adoperato..
acquario69 is offline  
Vecchio 23-05-2007, 09.52.04   #19
pallina
...il rumore del mare...
 
Data registrazione: 15-01-2007
Messaggi: 279
Riferimento: Definizione di uomo che "ci sa fare" con le donne...

Citazione:
Originalmente inviato da MocassinoH2O
Il mio post non era riferito a te, mi dispiace ke ti sei sentita chiamata in causa!
Ciò che intendevo, e intendo ancora dire è che in ogni modo molte donne affermano (prendo due frasi cult come esempio) "io non chiedo nulla, solo di essere capita" quel SOLO essere capita è moltissimo.... "un uomo che stia attento a ciò di cui ho bisogno" è un uomo perfetto!

No, non mi sono sentita chiamata in causa...
Forse mi infastidisce, in generale, l'atteggiamento di quelle donne che siccome "così fan molte" fanno pure loro e non cercano, invece, di cambiare una certa mentalità femminile, cominciando a costruire rapporti veramente paritari, anche nell'ascolto delle emozioni e dei "desideri e bisogni" dell'uomo. Io non penso di essere "più sensibile" di un uomo, lo sono sicuramente in modo diverso e, questo sì, in modo diverso lo manifesto. Ma non per questo devo "pretendere" maggiori attenzioni...

Citazione:
Piccola parentesi
Nell'unione di una coppia, sono due mondi che si incontrano, lascia che sia per una notte, una settimana o una vita intera.... due mondi, due modi di fare differenti, due caratteri differenti..... quindi il capirsi, è già moltissimo.... Un uomo che ci sa fare deve "SOLO" capire la donna che ha avanti.
E questa è un impresa!

Probabilmente questa è la tua idea dell'uomo "che ci sa fare".....

Ma per me è continuare a definire la donna complicata, enigmatica, faticosa da comprendere. Ma quando la smetteremo di ritenerci tali? Oltrettutto come se fosse un pregio o peggio ancora una peculiarità solo femminile..... ..

Citazione:
Poi non credo che si trovino mezzucci per stare al centro dell'attenzione, ma qlke attenzione il più fa sempre piacere, sarebbe immaturo affermare il contrario.... poi... figurati qndo sono presenti "dolori"....
Coccole e carezze fanno sempre comodo!

Se parli di "dolori" in generale posso anche darti ragione....
Ma.... hai mai "assistito" un uomo, non dico molto, con l'influenza? ...

Io sono "abituata" al mio dolore, conosco le implicazioni psicologiche che A VOLTE porta (e me le tengo senza coinvolgere nessuno) mentre per quelle fisiche basta prendere un antidolorifico. Ma lo considero un evento naturale e non gli dò nessuna altra valenza.


Citazione:
p.S.: Solo ora ho notato ke pensavi fossi un uomo giusto x l'affermazione riguardo "quel periodo del mese"... io sono ipersensibile in ql periodo, e come me lo sono tutte le donne, è una questione biologica, fisica, ma non voglio dilungarmi.
Magari ti avrà infastidita quel "supportare" o "sopportare".
Un uomo deve saper anke supportare una donna, è nei rapporti umani.
Intendo avere appoggio e calore, nelle scelte importanti così come la vita di ogni giorno!

Dici bene:

"io sono ipersensibile in ql periodo, e come me lo sono tutte le donne"

la differenza la fà il modo in cui ognuna di noi vive e si sa gestire la propria ipersensibilità. Fisica e non.



p.s.

però mi sa tanto che stiamo iniziando ad andare O.T..... ...
pallina is offline  
Vecchio 23-05-2007, 10.56.34   #20
MocassinoH2O
io Panda
 
L'avatar di MocassinoH2O
 
Data registrazione: 28-03-2006
Messaggi: 469
Riferimento: Definizione di uomo che "ci sa fare" con le donne...

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
...secondo me e' molto semplice..non sanno nemmeno loro cosa vogliono,salvo poi ritrovarsi a una certa eta quando nessuno piu se le fila e forse (chissa) l'istinto materno per tanto tempo soffocato comincia a fare breccia nella loro vita, allora di colpo cambiano e ritrovano tutte le loro "luminarie" e tutto il buon senso che prima chissa in che altra parte l'avevano adoperato..

Magari semplicemente cercava altro....
Anche se quelle tre settimana sembravano essere andate alla grande...
L'atteggiameto di Marco Gallione secondo il mio punto di vista è di un uomo che "ci sa fare",ma secondo la 37enne misà di no....
E' molto soggettiva la cosa...
In ogni caso, non è che la 37enne ha fiutato la tua voglia di "concretizzare" e sentendosi insicura e di non voler correre troppo (anche se a 37 anni non dovrebbe esserci qst'insicurezza) ha inventato questa scusa banalissima per tagliare i ponti? (anke se speravo in qualcosa più di diretto in una donna, sottolineo, di trentasette anni, che afferma per di più che le hai cambiato la vita!!!).
MocassinoH2O is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it