Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 02-07-2007, 12.30.17   #11
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Osservo il gelsomino...

... che cresce nel mio giardino.
E' una piccola cosa che mi rende felice.
Mi prendo cura di lui, lo annaffio, tolgo le erbacce.
Scelgo i quadri da appendere alle pareti di casa.
Osservo il cielo e i movimenti delle nuvole.
Mi concentro sull'umidità che avvolge l'aria e la mia pelle al tramonto.
Annuso l'aria quando sa di pioggia.
Credo che la felicità possa brevemente essere raggiunta sentendosi parte del tutto nelle piccole cose.
E' più difficile essere felici con i pensieri... i pensieri spesso fuggono, diventano desideri, e i desideri, quando si torna alla realtà, son quelli che causano l'infelicità.

nevealsole is offline  
Vecchio 02-07-2007, 13.56.39   #12
vagabondo del dharma
a sud di nessun nord
 
Data registrazione: 28-08-2006
Messaggi: 245
Riferimento: Osservo il gelsomino...

Citazione:
Originalmente inviato da nevealsole
... che cresce nel mio giardino.
E' una piccola cosa che mi rende felice.
Mi prendo cura di lui, lo annaffio, tolgo le erbacce.
Scelgo i quadri da appendere alle pareti di casa.
Osservo il cielo e i movimenti delle nuvole.
Mi concentro sull'umidità che avvolge l'aria e la mia pelle al tramonto.
Annuso l'aria quando sa di pioggia.
Credo che la felicità possa brevemente essere raggiunta sentendosi parte del tutto nelle piccole cose.
E' più difficile essere felici con i pensieri... i pensieri spesso fuggono, diventano desideri, e i desideri, quando si torna alla realtà, son quelli che causano l'infelicità.




Ecco questo è un passaggio fondamentale, speravo che qualcuno lo facesse notare. Grazie.

"Pensare positivo", come consigliato dal buon Lorenzo Cherubini e da altre decine di maestri spirituali, è uno strumento per raggiungere la felicità o rappresenta una forzatura?

La felicità deve sgorgare dal vivere gli attimi della propria vita, così come sono, senza tentare di cambiarli, magari semplicemente osservandoli, o può anche arrivare attraverso il pensare in positivo? Che, sia chiaro, non è "l'ottimismo è il profumo della vita" tanto caro a Guerra, ma qualcosa di diverso.

I pensieri, belli o brutti, vanno osservati o possono essere anche cambiati, gestiti, come i rappresentanti della programmazione neuro-linguistica credono di poter fare?

In fondo i pensieri non sono altro che un film proiettato sul nostro schermo-mente: spesso questo film è malinconico, triste, pesante. Loro ci dicono che possiamo cambiarlo in meglio generando felicità.

A me sembrava una gran cazzata la prima volta che l'ho sentito, però poi mi sono ricordato di una parte del dhammapada (sapienza bi-(tri?)millenaria):

1

Siamo ciò che pensiamo.
Tutto ciò che siamo
è prodotto dalla nostra mente.
Ogni parola o azione
che nasce da un pensiero torbido
è seguita dalla sofferenza,
come la ruota del carro
segue lo zoccolo del bue.


2

Siamo ciò che pensiamo.
Tutto ciò che siamo
è prodotto dalla nostra mente.
Ogni parola o azione
che nasce da un pensiero limpido
è seguita dalla gioia,
come la tua ombra ti segue,
inseparabile.



3

«Mi ha insultato, mi ha aggredito,
mi ha ingannato, mi ha derubato.»
Se coltivi questi pensieri
vivi immerso nell'odio.



4

«Mi ha insultato, mi ha aggredito,
mi ha ingannato, mi ha derubato.»
Abbandonando questi pensieri
ti liberi dell'odio



Il pensiero, quindi, anche secondo il buddismo, può contribuire alla nostra felicità...

Che ne pensate?

Ultima modifica di vagabondo del dharma : 02-07-2007 alle ore 16.52.41.
vagabondo del dharma is offline  
Vecchio 02-07-2007, 20.32.06   #13
GIANGIO
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 01-07-2007
Messaggi: 2
Riferimento: Diario della felicità

Ti dico la mia......credo di essere felice solo quando NON CI SONO........solamente quando non sono nelle cose ma sono le cose ad essere in me.
Io dico questo perchè se mi chiedo quando sono stato felice veramente, faccio fatica a trovare dei momenti.....e questo perchè non c'ero, non ero lucido nel pensiero ma avvolto dalla vita potente, stordito dalla sua totale indifferenza rispetto alle mie preoccupazioni, cioè felice!
Non sono bravo a scrivere ma spero di essermi spiegato.
Ciao!
GIANGIO is offline  
Vecchio 03-07-2007, 01.37.43   #14
GIANGIO
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 01-07-2007
Messaggi: 2
Riferimento: Diario della felicità

Molto più banalmente, ma forse pure quello che ho scritto è banale, un pensiero che genera felicità è il ricordo di un rigore, tirato con la paura negli occhi e le labbra incerte di un bambino che, fatta la sua scelta coraggiosa, si ritrova uomo........................Sc hevchenko contro Buffon nella finale di Champions!
Bellissimo! Banale ma di SICURO effetto!
GIANGIO is offline  
Vecchio 03-07-2007, 09.21.12   #15
falbala48
Ospite abituale
 
L'avatar di falbala48
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 110
Riferimento: Osservo il gelsomino...

Ho passato parte del mio fine settimana a pensare a questo topic,
mi dicevo ma è vero che sono così nera da non avere niente da scrivere? Ed invece no ecco qui…
guardare i miei figli, vederli sereni, sentirli ridere insieme, gonfiarmi come un tacchino quando mi baciano!!! Che piacere !!!!sentire il mare…gioire di esso…guardare la mia splendida pomelia che riempie di profumo il mio mini terrazzo,staccarne un mazzolino da mettere in un mini vaso e profumare la stanza, salutare il mio cane che mi sorride ,già proprio così mi sorride, quando rientro, ritrovare le mie cose dopo una lunga giornata…pensare ai passi da gigante fatti, non essere più arrabbiata, vedermi con occhi diversi, adesso sì che mi sento grande!!! È vero si sta molto meglio pensando in positivo, il pensiero è potente, ma per arrivare a questo sono dovuta passare per gli inferi…in piccolo , molto in piccolo un po’ come siddharta…certo le nuvole spesso ci provano…ma ho imparato ad affacciarmi fra loro…
falbala48 is offline  
Vecchio 03-07-2007, 10.49.17   #16
vagabondo del dharma
a sud di nessun nord
 
Data registrazione: 28-08-2006
Messaggi: 245
Riferimento: Diario della felicità

Citazione:
Originalmente inviato da GIANGIO
Molto più banalmente, ma forse pure quello che ho scritto è banale, un pensiero che genera felicità è il ricordo di un rigore, tirato con la paura negli occhi e le labbra incerte di un bambino che, fatta la sua scelta coraggiosa, si ritrova uomo........................Sc hevchenko contro Buffon nella finale di Champions!
Bellissimo! Banale ma di SICURO effetto!

Guarda, mi fai correre il rischio di andare OT! Mi suona strana questa citazione calcistica, ma ti assecondo lo stesso...Giangio...(mi fai venie in mente Giangiovedì, un vecchio "amico" di Henry Miller in opus pistorum)

Tieni presente che l'autore del topic è uno juventino sfegatato, quindi sei veramente fuori strada. "Gli occhi della tigre, gli occhi della tigre", il commento del giornalista servo (e non serbo). Serbo, sì, un ricordo tragico di quella serata.

Tornando all'argomento (ma ti chiedo di non parlare di calcio, se no mi inviti a nozze...), ecco i pensieri positivi (ricordi positivi) possono farci stare bene, ma vivere nel passato non è mai raccomandabile, anche se un'ottima igiene mentale sarebbe quella di abituarci a ricordare tutte le cose belle, le serate magiche della nostra vita, come quella in cui c'è una squadra che nel primo tempo è in vantaggio 3 a 0 e gongola di gioia, arrogante e vanesia come solo lei sa esserlo, poi, per magia, viene raggiunta sul 3 a 3. I rigori: "gli occhi della tigre" nel frattempo sono diventati gli occhi di un agnellino spaurito destinato al macello. Macello quello che accade dopo: felicità a iosa quella sera.

Vedi esiste una felicità che potremmo definire "negativa", cioè si nutre delle sventure altrui, ma questa, malgrado la mia ironia, è decisamente sconsigliabile.

Sono riuscito a rimanere nell'argomento, spero...
vagabondo del dharma is offline  
Vecchio 03-07-2007, 11.34.35   #17
pallina
...il rumore del mare...
 
Data registrazione: 15-01-2007
Messaggi: 279
Riferimento: Diario della felicità

[quote=vagabondo del dharma]
......................

...Giangio...(mi fai venie in mente Giangiovedì, un vecchio "amico" di Henry Miller in opus pistorum)
..........................
QUOTE]



......Giannettaccio, Jean Jeudi o Gian Giovedì, John Thursday...anche "questo" è felicità.... .......
pallina is offline  
Vecchio 03-07-2007, 16.47.01   #18
webmaster
Ivo Nardi
 
L'avatar di webmaster
 
Data registrazione: 10-01-2002
Messaggi: 957
Riferimento: Diario della felicità

Vi prego di restare in tema o come da regolamento sarò costretto a chiudere la discussione, grazie.
webmaster is offline  
Vecchio 03-07-2007, 23.12.04   #19
sentieroluminoso
Ospite abituale
 
L'avatar di sentieroluminoso
 
Data registrazione: 18-04-2007
Messaggi: 60
Riferimento: Diario della felicità

Le sensazioni di benessere più intense e durevoli che provo, hanno la caratteristica di essere autoprodotte. Quando compio un'azione, penso qualcosa, progetto e mi ingegno per me. Quando la domenica mattina prendo la mia bici e giro per la città senza meta, senza tappe, ascoltando il battito del mio cuore e seguendo il ritmo del mio corpo. Quando penso e progetto di massimizzare in qualche modo le mie risorse (nel lavoro come nella vita di relazione). Quando scopro di avere nuove cose dentro di me, in quel caso la sorpresa ed il benessere sono doppi. Questo è il mio piccolo patrimonio di benessere che tendo a indicizzare con il tempo ed a condividere se sarà il caso.
sentieroluminoso is offline  
Vecchio 04-07-2007, 04.44.12   #20
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Diario della felicità

da tutte le risposte mi sembra chiara e scontata una cosa che lo e' anche per me..ossia che tutti i momenti legati al sentirsi felici corrispondono a qualcosa che sta gia dentro di noi e che di tanto in tanto viene fuori e in questo credo sia di molto aiuto l'esperienza che ognuno di noi acquisisce nel tempo,conoscendo sempre di piu le proprie emozioni in relazione al proprio vissuto del momento presente
acquario69 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it