Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 03-05-2008, 11.46.45   #21
Scorpion
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-02-2008
Messaggi: 84
Riferimento: L' Allumeuse........

Citazione:
Originalmente inviato da Eretiko
Peraltro una donna che, al contrario, non solo si compiace a stuzzicare, ma si dona molto in cambio (in cambio di cosa, poi ?) e si coinvolge in una relazione, spesso viene etichettata come "putt...".

Questo e' vero. Ti faccio notare, pero', che molto spesso, ad etichettarle come "putt..." sono le stesse donne, non solo gli uomini.
Scorpion is offline  
Vecchio 03-05-2008, 11.52.41   #22
Eretiko
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-10-2007
Messaggi: 663
Riferimento: L' Allumeuse........

Concordo pienamente con Pipoca, particolarmente su queste affermazioni:

Citazione:
Originalmente inviato da Pipoca
[...]Dovremmo allora stare attenti a non indossare e/o non fare qualche mossa e/o battuta nel timore di poter accendere qualcuno?

[...]A volte, insieme alla severità, castità, moralità, eticità, il giudizio... bisognerebbe imparare anche la bellezza, la gioia, il divertimento, la libertà della vita!

In altri paesi non è così. Esprimere la propria sensualità (a prescindere dalla bellezza) ed il proprio fascino è motivo di vanto e, benché difficile per noi da capire, fonte di benessere per noi stessi e con gli altri.

Già, in altri paesi è molto diverso, basta farsi un giretto. Colpa anche della morale cattolica ? Probabilmente si.


Citazione:
Originalmente inviato da Anagarika
Non bisogna dimenticare che tutto quello che facciamo, diciamo e come ci vestiamo comunica qualcosa. Se per qualcuno può significare qualcosa di diverso da quello che abbiamo in mente ne dobbiamo tenere conto sennò è palesemente una mancanza di rispetto e manipolazione neanche tanto inconscia

Quindi giustifichiamo la tesi che i comportamenti esteriori possano provocare un qualche tumulto che scateni al limite anche delle violenze ? Quindi ogni volta che una persona si relaziona con altre persone deve sempre fare un percorso a birilli (o addirittura attraverso un campo minato) in quanto si rischia che il prossimo possa travisare ?

Sarà una mia impressione, ma di solito gli uomini che giudicano negativamente sta famosa "allumeuse" sono quelli ai quali la suddetta non l'ha "data".
Specularmente, riferendomi all'altra discussione sui donnaioli delinquenti, diciamolo francamente: noi maschi, magari timidoni ed impacciati, che siamo sempre dall'altra "parte" rispetto ai donnaioli, siamo pervasi da profonda invidia nei confronti degli stessi.

Questa discussione mi ricorda tanto alcune situazioni adolescenziali, quando c'era il solito bene informato che affermava, riguardo a qualche bellissima coetanea: "quella se l'è passata mezza città..."; ed io, amaramente constatavo che facevo sempre parte dell'altra metà.
Eretiko is offline  
Vecchio 03-05-2008, 11.56.33   #23
marcoriccardi1980
Ospite abituale
 
Data registrazione: 13-12-2004
Messaggi: 199
Riferimento: L' Allumeuse........

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Comincia a venirmi il dubbio che l'allumeuse spicchi per senso della democrazia e della considerazione del prossimo (oltre che per spirito d'iniziativa e spregio del pericolo), diversamente dalla ANTI-allumeuse che evidentemente ascrive ad ogni proprio battito di ciglia conseguenze epocali e non gestibili dal prossimo.

Tradotto: certo che ogni nostro pensiero-parola-opera-omissione comunica "qualcosa".
LIBERO però, il comunicando, di comunicare in risposta il "qualcos'altro" che gli pare in più che paritetica potenzialità comunicativa. O no?

Peraltro, e come per ogni comunicazione, il rapporto tra trasmesso e recepito è assolutamente aleatorio, legato alla soggettività di chi recepisce più di quanto lo sia a quella di chi trasmette, e perciò privo di ogni ragionevole garanzia di pre-determinabilità e pre-cognibilità. Tant'è.... che se convintamente potessi tessere le lodi della verginità essendo vergine... mi sentirei molto allumeuse per l'autore di questa discussione.
Per cui... più che semplicistica mi sembra semplificante e rispettosa di tutti l'idea di esprimersi per quel che si sente nella più totale accettazione di quel che in risposta sente e trasmette l'altro (capace di intendere e volere fino ad interdizione o, almeno, prova contraria).


la stragrande maggioranza degli allumeur e dalle allumeuse fa un discorso del genere per giustificarSI o comunque rendere moralmente legittime le loro illusioni/malefatte.
Loro in sostanza dicono: io ho bisogno di esprimere me stesso/a, ho bisogno di interagire con gli altri, di dire quello che voglio, di esprimere le mie opinioni, nessuno me lo può vietare, sono gli altri che devono valutare la bontà di quello che dico e decidere se vale la pena lasciarsi andare o no.

Troppo comodo come discorso, che non tiene conto di tutti quei ricami e trappole psicologiche che l'allumeur e l'allumeuse adottano soprattutto quando hanno a che fare con gente che non si fa abbindolare tanto facilmente o, cmq, non si fa facilmente irretire o prendere in giro.
E' a questo punto che si vede tutta la malvagità di questi soggetti pronti a qualunque menzogna a qualunque illusione pur di far cadere la vittima. (molto più diffuso tra i maschi a dire la verità, forse sarà l'istinto guerriero).
Il loro sadismo e il loro egoismo si vede proprio quando il gioco si fa duro, e se proprio non riescono ad averla vinta si rivolgono temporaneamente altrove e se la legano al dito, pronti a sferrare un altro attacco quando la preda è diventata più debole/bisognosa.

L'unico modo per distruggere un allumeur è dannarlo senza mai cadere nel suo letto, ridendogli in faccia ogni volta che fallisce nell'intento.
Ti odierà ma allo stesso tempo ti rispetterà per sempre.

L'unico modo per distruggere un' allumeuse è farla innamorare e poi portarsela a letto, dopo ciò darle un "bel calcio nel didietro" e riderle in faccia.
Ti odierà a morte, ma allo stesso tempo ti ricorderà per sempre.

Purtroppo il difficile non è soltanto riconoscerli dato che sono ottimi camaleonti, ma anche avere il coraggio e la forza di tenerli alla larga.




marcoriccardi1980 is offline  
Vecchio 03-05-2008, 12.17.43   #24
marcoriccardi1980
Ospite abituale
 
Data registrazione: 13-12-2004
Messaggi: 199
Riferimento: L' Allumeuse........

[quote]
Citazione:
Originalmente inviato da Mary
atroce dubbio! quella "cosa" lì devo esserlo stata anch'io..... da giovane.

All'epoca si usava il corteggiamento, roba da vecchi, mi sembra ai giorni nostri. Ma bellissima esperienza.

Di corteggiatori ne ho avuti un bel po' (non si faceva sesso tanto facilmente all'epoca ) e mi lasciavo prendere dal gioco della seduzione, anche senza dare niente e senza veri coinvolgimenti emotivi.
Ero una Allumeuse anch'io?

Ma mi sembra che gli uomini non fossero poi tanto dispiaciuti, che si divertissero parecchio anche loro, ANCHE SENZA FARE SESSO.


Uno dei mie difetti è che sono troppo sportivo, una sportività direi quasi di stampo scandinavo, ho un debole per le persone sincere, non riesco ad attaccarle, anche quando le stesse ammettono delle cose che mi fanno salire il sangue alla testa, cose che io non mi sognerei mai di fare perchè illudere anche solo per gioco non mi diverte ne mi gratifica.
Mi indigna!

Credo che il gioco della seduzione debba avere un fine (sociale e non individuale), ovvero quello della creazione di una coppia più o meno stabile. Una coppia che vuole condividere un pezzo della propria esistenza (o tutta) insieme e che siano legati da un sentimento di amore, affetto e di rispetto reciproco e non una spregevole arma per innalzare il proprio IO a danno dei sogni/desideri/sentimenti altrui






Citazione:
Aggiungo solo che alcuni dei miei corteggiatori non mi serbano nessun rancore, anzi.


Alcuni............e gli altri?








marcoriccardi1980 is offline  
Vecchio 03-05-2008, 14.44.29   #25
misterxy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-01-2008
Messaggi: 200
Riferimento: L' Allumeuse........

Citazione:
Originalmente inviato da marcoriccardi1980
E' a questo punto che si vede tutta la malvagità di questi soggetti pronti a qualunque menzogna a qualunque illusione pur di far cadere la vittima. (molto più diffuso tra i maschi a dire la verità, forse sarà l'istinto guerriero).
Non è solo per via dell'istinto guerriero. Il motivo principale per cui i maschi ricorrono più frequentemente alla menzogna rispetto alle femmine, è da ricercare nella loro (nostra) subordinazione sessuale. Pertanto, è ovvio che alle seconde - soprattutto se giovani e belle -, di solito bastino "due sorrisi e quattro moine" per raggiungere i propri scopi... Il potere sessuale è femmina, non maschio (così come il potere fisico, appartiene agli uomini).
misterxy is offline  
Vecchio 03-05-2008, 15.34.06   #26
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: L' Allumeuse........

Citazione:
Originalmente inviato da marcoriccardi1980
l

L'unico modo per distruggere un allumeur è dannarlo senza mai cadere nel suo letto, ridendogli in faccia ogni volta che fallisce nell'intento.
Ti odierà ma allo stesso tempo ti rispetterà per sempre.

L'unico modo per distruggere un' allumeuse è farla innamorare e poi portarsela a letto, dopo ciò darle un "bel calcio nel didietro" e riderle in faccia.
Ti odierà a morte, ma allo stesso tempo ti ricorderà per sempre.



Credo sia finalmente moooooolto chiaro e leggibile IN CHI covi e fermenti la "voglia voluta di distruggere".

Interessantissimo POI notare che in prospettiva femminile la distruzione del donnaiolo dovrebbe fruttare il "rispetto". Mentre, e qui la logica si fa assai piccante, al maschile (per l'autore) ... la distruzione dell'allumeause sarebbe volta all'essere "ricordati" (addirittura per sempre).

Scusa la franchezza... ma se ci tieni tanto ad essere ricordato o rispettato "per sempre"..... tu così dabbene e così attento alla sensibilità altrui.... non riesci a concepire altro che ...."l'unico modo PER DISTRUGGERE"

Non può essere che se ti interroghi sull'origine della voglia di distruggere... e ti fai illuminare dalla dichiarata voglia d'esser ricordato.....forse scopri che Eretiko in questa e Robybass nella'ltra discussione... t'abbiano molto cameratescamente offerto una preziosa chiave di lettura? Almeno provala.... perchè vista da qui....pare che apre bene!

---------------------

Un aspetto che mi sta facendo morire dal ridere da quando è stato impostato il parallelismo tra le due situazioni (donnaiolo/allumeuse).......... è che l'unico elemento veramente comune ai due è di SAPER accendere i sensi e di saperne usare ciascuno a proprio piacimento.
Resta invece del tutto sottaciuta LA differenza colossale : al femminile è delinquente accendere per poi non bruciare insieme.... al maschile è delinquente accendere per poi bruciare insieme (sì, va bè, d'un focherello in cui lui entra con sette tute antincendio... però tutto l'ambaradan del donnaiolo è per bruciare insieme.
Morale : se bruciare insieme non va bene e non bruciare insieme non va bene lo stesso.... non sarà percaso che quel che stizzisce è la CAPACITA' d'accensione per sè stessa, poichè è un FATTO che alcuni/e l'hanno e altri NO?

E, comunque, ma questa è più seria, sarebbe da fare un'analisi sul vocabolario con il quale ciascuno di noi pensa l'argomento.
In pillola : chi trova "delinquenti" entrambi gli atteggiamenti (donnaiolo/allumeuse)... probabilmente definisce un rapporto sessuale come "me la dai + me la prendo" (in declinazione maschile) ovvero "te la do + te la prendi (in declinazione femminile)...da cui la colpevolezza delinquenziale del "prendersela" del donnaiolo a mezzo di lusinghe e del correlativo "non darla" dell'allumeuse dopo aver lusingato.
Se, invece, si pensasse con un (per me) molto più dignitoso e speculare "me la dai + te lo do" ovvero "me lo dai + te la do"..... quanto meno ne uscirebbe assolto il donnaiolo. Anzi, entrambi,,, giacchè l'allumeuse, per esser tale, dovrebbe arrivare - al massimo - a un "forse te la do" "vediamo se me lo dai" "ok! deciso: non te la do". QUAL'è IL REATO?
Non credi, Marcoriccardi, che quest'ultimo vocabolario sia indice di un maggiore rispetto di tutti verso tutti, che immunizza da ogni necessità di giustizieri/distruttori?
donella is offline  
Vecchio 03-05-2008, 15.52.43   #27
Pipoca
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-03-2008
Messaggi: 89
Riferimento: L' Allumeuse........

Citazione:
Originalmente inviato da Anagarika
Se mi viene da sbadigliare durante una conversazione perchè ho fame o sonno eviterò di farlo se non voglio che l'altro pensi di avermi annoiato. Se invece sbadiglierò sarà perchè voglio che lo pensi, che sia vero o no.

Se mi viene voglia??? Perché lo sbadiglio è una questione di volontà?
Ora ho voglia di sbadigliare, ora no...
Stai parlando di uno sbadiglio manipolativo?

Non lo sapevo.
Quando mi viene da sbadigliare, mi viene e basta, a prescindere dal fatto che ne abbia voglia o meno.

E' vero che quando si sbadiglia può essere un sintomo di noia, ma a me per esempio succede anche quando mi rilasso dopo un forte stress, il che ovviamente non corrisponde a noia, o quando ho sonno, il che, spero non sia una trasgressione né indice di un messaggio con chissà quale significato. Altre volte invece lo sbadiglio può diventare contagioso, oppure, lo sbadiglio 'indotto' lo utilizzo per stapparmi le orecchie quando sono in aereo o in alta montagna (credo si tratti di pressione).

Citazione:
ma non sarà una bella comunicazione se il messaggio iniziale non corrisponde alle vere intenzioni di chi comunica

no, hai ragione, soprattutto se parte da dei precisi presupposti:
sbadigliare=noia
accavallare una gamba=accensione (mentre magari hai solo un crampo al polpaccio)

Citazione:
nel caso dell'allumeuse/allumeur ci troviamo di fronte ad una "pre-determinabilità e pre-cognibilità" quasi matematiche

ti posso garantire che nel mio comportamento non metto mai in conto tali premesse,
o anche lo essere spontanee lo è?

Voglio dire, per esempio, se non porto un copricapo, non significa che voglia necessariamente sedurre un musulmano.
Oppure sei io uso il termine 'fallo', non significa necessariamente un messaggio sessuale subliminale, o magari dovrei dire 'fa' quello'...

Mi sembrano quelle discussioni assurde, ma assurde quasi da far spavento, come quando si dice che se una donna si mette una minigonna e viene stuprata, se lo merita.

Citazione:
Bah, io ci aggiungerei comunque un pizzico di rispetto.
Certo se entro in chiesa in costume da bagno accetto di essere guardata male e buttata fuori, rimane però il fatto che io ho mancato di rispetto a chi stava pregando

Il rispetto è un' altra cosa... almeno per me, lontano anni luce da questo genere di argomenti.
Io credo che qui non si tratti di andare in costume in chiesa, che è una esagerazione estremizzata...
O anche se la Santa Teresa d'Avila del Bernini andrebbe rimossa, dato quel certo non so che di orgamisco che ha. ...o forse potrebbe indurre in tentazione?

Il perizoma a Rio de Janeiro è permesso? O anche lì...mutandoni neri alla caviglia?

Il gioco della seduzione, a mio parere, impone innanzi tutto il fatto di essere in due, entrambi assenzienti.

Sedurre una persona che non vuole essere sedotta è, a mio parere, è impossibile. Giocare alla seduzione senza che un'altra persona stia al gioco, a mio parere, è impossibile.

Ed estremizzando, qualora una donna volesse darla a destra e a manca, avrebbe tutto il diritto di farlo.

Per marcoriccardi1980
Il tuo ultimo messaggio sembra la canzone... prendi una donna trattala male lascia che ti aspetti per ore non farti vivo quando ti chiama fallo come fosse un favore

Potremmo ipotizzare un identikit generico del personaggio in questione?
Oppure elencare ciò che accende e ciò che non accende? Ciò che fa o che non fa? Un esempio solo...
Pipoca is offline  
Vecchio 03-05-2008, 16.32.54   #28
iulbrinner
Utente bannato
 
Data registrazione: 25-10-2007
Messaggi: 303
Riferimento: L' Allumeuse........

Pipoca - mi guardo allo specchio per piacermi………..Non lo faccio per gli altri...ma per stare meglio con me stessa.
Iulbrinner – mi riesce assai difficile comprendere quale sia la linea di demarcazione tra queste due aspettative, visto che il prerequisito essenziale della comunicazione umana (l’estetica è comunicazione) consiste nella necessaria esistenza di “altri” con i quali comunicare.
Insomma, dubito molto che, se tu naufragassi e vivessi su un’isola deserta per qualche tempo, ti staresti a preoccupare di truccarti o di farti la messa in piega o di indossare i tacchi alti……

Pipoca - Se poi trovo qualcuno che si mette a giocare con me in termini di accensione...
bhé ... ne sono gratificata... Ma tale gratificazione ha come limite me stessa e l'altro.
Iulbrinner – il punto è che tu non puoi stabilire il limite per te stessa ed anche per l’altro, perché tu non conosci il suo limite e lo puoi interpretare solo a capocchia.
Quindi, forse, stai dicendo che vuoi essere tu la sola a stabilire le regole del gioco.

Pipoca - Sinceramente nei miei giochi accendenti non ne ricavo niente, se non che...
maggior serenità quando sono a lavoro e meno noia se sono in coda e guardo quello della macchina accanto.
Iulbrinner – questa suona quasi come un’ammissione di “colpa” (culpa in eligendo, si potrebbe quasi dire…).
Se sai già a priori che i “giochi d’accensione” non ti sfrugugliano più di tanto e sono solo un passatempo fine a se stesso, beh, allora perché avviarli?
Io, ad esempio, quando faccio giochi d’accensione mi aspetto di ricavarne almeno qualche conseguente, seppur piccolo, fuoco pirotecnico, altrimenti, in genere, corro anche il rischio di “incordature” fisiche (credo si possa dire, è un dato fisiologico in fondo).

Donella - Tradotto: certo che ogni nostro pensiero-parola-opera-omissione comunica "qualcosa".
LIBERO però, il comunicando, di comunicare in risposta il "qualcos'altro" che gli pare in più che paritetica potenzialità comunicativa. O no?
Iulbrinner – Allora, facciamo un esempio pratico, così facciamo prima.
Tizia viene nel mio ufficio con una minigonna no-limits, perizoma incastonato, zoccoli da mare col tacco alto e scollatura ventrale; si dedica, poi, a piegamenti continui che ne denudano le parti migliori con disinvolta noncuranza mentre svolge le sue faccende.
Io, che a quel punto sono assai più acceso di un segnalatore al fosforo, potrei:
1 – rivolgerle un sacco di complimenti circa le forme intriganti della sua persona, sperando che da cosa nasca cosa;
2 – dichiararle la mia voglia irresistibile di….tante cose, facilmente intuibili;
3 – non riuscire a trattenermi (magari perché vengo da un periodo di astinenza) e metterle una mano sul sedere, sperando in bene….
L’ipotesi 4 - tentare di sposarla - neanche la tengo in conto, caro marcoriccardi, per una complessa serie di motivi, tra cui il fatto che, nell’anno di grazia 2008, non tutto può essere piegato ad una sola ed esclusivizzante logica esistenziale.
Altrettanto dicasi per l’ipotesi 5 – quella di declamarle una poesia, per riportare il tutto nell’olimpo idilliaco dei sentimenti nobili e belli – datosi che Tizia non mette in mostra un animo sensibile e romantico; mette in mostra qualcos’altro.
L’ipotesi 6, inoltre, non è neanche lontanamente pensabile per ovvie e consolidate ragioni (consisterebbe nel mettere in mostra, a mia volta, qualcosa di mio, in regime di par condicio).
Bene. Detto dell’anacronismo e dell’incongruenza con la situazione, di cui alle ipotesi 4 e 5, nonché dell’impraticabilità assoluta della 6, la verità è che ciascuna delle prime 3 ipotesi elencate (con qualche generico beneficio del dubbio per la sola prima) configurerebbe, su insindacabile e probatorio giudizio della sola Tizia, una fattispecie di reato nota come “molestia sessuale”.
Chi ritiene che stia esagerando, ricordi la recente sentenza (già menzionata in altro argomento) con la quale un passeggero ferroviario è stato condannato per avere fissato (ossia, guardato) troppo a lungo la sua dirimpettaia durante un breve viaggio. Si tratta solo dell’ultimo grano di un rosario di sentenze di pari tenore afflittivo per il “malcapitato” di turno.
Ergo, sulla base di questo banale esempio concreto di vita vivibile, arriverei senz’altro alla conclusione che: no, “il comunicando non è parimenti libero di comunicare il qualcos’altro che gli pare in più” e la supposta “paritetica potenzialità comunicativa” non esiste affatto.
Direi che la supposta di cui sopra va in direzione esattamente contraria……
Mi sia consentito, infine, un sincero apprezzamento per l’illuminata e ragionevole onestà intellettuale di Anagarika.
iulbrinner is offline  
Vecchio 03-05-2008, 16.33.41   #29
bluab
Ospite
 
L'avatar di bluab
 
Data registrazione: 18-03-2008
Messaggi: 15
Riferimento: L' Allumeuse........

Concordo pienamente con Pipoca e come dicevano i latini"omnia munda mundi" e cioè tutto è pulito per i puliti di cuore e anima nel senso che chi ci vede in questo gioco delle parti seduttivo di ENTRAMBI i sessi, a cui siamo predisposti TUTTI per istinto,il lato oscuro e premeditato e finalizzato allo sfruttamento ( di cosa poi? il letto? il potere? un favore? il gusto del gioco perverso ?) allora coglie in malafede il lato malizioso, cattivo della schermaglia che spesso è fine a se stessa e non ha nessun intento manipolatore.

I messaggi subliminali che in tanti in questa discussione asseriscono che vengono lanciati consapevolmente perchè diretti ad ottenere qualcosa, spesso sono una normale espressione di personalità che si sente a suo agio con quel tipo di linguaggio,e non ritengo sua una mancanza di rispetto non potersi esprimere come meglio si crede in qualsiasi campo della vita perchè si deve per forza tenere conto della sensibilità di chi si ha di fronte che potrebbe interepretare il mio atteggiamento come un'offesa ai propri sentimenti, anche perchè la mia libertà di espressione è UGUALE a quella di chi frequento o interagisco, non è piu cattiva perchè più seduttiva e meno introspettiva.

E poi nella vita ti deve capitare a volte di cadere o male interpretare qualsiasi messaggio perchè sennò non ti evolvi e non cresci.

E non è detto che una presona seduca perchè in cerca dell'anima gemella per costruire qualcosa...esiste anche la gioa di condividere un incontro anche se non ha il fine dell'amore eterno proprio in attesa di quello che lo sarà....tutto fa esperienza.
bluab is offline  
Vecchio 03-05-2008, 19.33.01   #30
ornella
farabutta
 
L'avatar di ornella
 
Data registrazione: 05-02-2008
Messaggi: 327
Riferimento: L' Allumeuse........

Quindi secondo Voi, una donna per poter indossare una minigonna, e non essere un Allumeuse, deve poi concedersi a tutti quelli che incontra
Credo che offrire sentimenti e sesso per ottenere altro sia sempre sbagliato, ma non esageriamo.
ornella is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it