Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 13-01-2006, 01.21.15   #51
Weyl
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 23-02-2005
Messaggi: 728
Si può fingere un non orgasmo?

E' il problema che mi sono posto, ed in ragione del quale ho risposto, controparte maschile, al quesito del sondaggio.
Ossia: ciò che per la donna è finzione dell'orgasmo, dovrebbe essere, per l'uomo, finzione del "non" orgasmo.
Ossia celare alla donna il piacere che dal suo corpo si è attinto.
Ho risposto "sì" alla domanda, perchè questo, come uomo, io l'ho agito più volte, e credo che sia il corrispettivo della finzione di provar piacere da parte della donna.

Però il fatto, riproposto in questi termini, mi è parso intrigante: perchè l'ho fatto?
Stranamente, non me lo ero mai chiesto, avevo agito così e basta.
Avevo soffocato interamente il piacere dentro il mio intimo, "trattenendo" ogni espressione esteriore del piacere, riportandola e consumandola interamente in una sorta di musicalità interiore: come fosse una pura emozione, violenta sì, ma imbrigliata in modo da poter essere contemplata in me stesso nell'atto di provarla.
Essere osservatori dei propri stati d'animo nell'atto stesso di viverli: ciò mi ha portato, nel tempo, a faticare molto a raggiungere quell'esplosione passionale, a carezzarla nell'atto stesso di stare per raggiungerla... trattenersi, come a renderla più chiara ed evidente.
Spesso i rapporti si sono fatti in tal modo quasi estenuanti, stucchevoli, talvolta interrotti da un sentimento di noia e di vacuità.
Molto graditi dalle donne, devo dire: o, almeno, così pareva.
Per me l'orgasmo assomiglia al piacere di lasciarsi abbandonare all'inerzia assoluta ed inerme del sonno: se solo tenti di "accorgertene" ecco che che l'abbandono si dilegua, la veglia si configura con le sue travi d'acciaio che sorreggono il giorno.
L'orgasmo del cadere, vagamente consapevoli, nel sonno, e quello del cadere, vagamente inconsapevoli, nella finzione biologica della fusione assoluta con un altro corpo, sono simili: il primo è un po' onanista, più narcisistico.
Il secondo non conserva l'identità, è relazione che non attinge ad alcuna dialettica: assolutamente primario ed assolutamente inautentico.

Quanto alle donne, mi sono spesso chiesto se il loro orgasmo, così equivoco e multiforme, abbia qualcosa in comune con quello maschile.
Penso che si tratti di un fenomeno molto più cerebrale, che non sospenda affatto, in una sorta di dissociazione, l'anima dal corpo, come accade nell'uomo.
Credo che sia più facile, per la donna, fingere di averlo, piuttosto che, per l'uomo, fingere di non averlo, avendolo.
Me lo sono spesso immaginato come un solletico investito di potenti fantasie, un lenimento ad un prurito, pervaso di aspettative ineffabili.
Penso che sia qualcosa del genere: che le sensazioni, puramente fisiologiche, che essa prova siano tutt'altra cosa dall'orgasmo maschile.
Del resto, se non fosse così, non si spiegherebbe la vertiginosa distanza tra la domanda di sesso dell'uomo e l'offerta di sesso da parte della donna: circostanza che fa da premessa logica al mercato del mercimonio.

Credo che il termine "orgasmo" vada applicato esclusivamente all'universo maschile: ciò che accade nella donna durante il rapporto è un misto di fantasie, illusioni, aspettative e sensazioni blande, nevroticissime, parestesie lenite e disperazioni isteriche.
Weyl is offline  
Vecchio 13-01-2006, 01.51.38   #52
oizirbaf
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 11-01-2005
Messaggi: 168
Vama Marga

Citazione:
Messaggio originale inviato da Weyl
... celare alla donna il piacere che dal suo corpo si è attinto.
... pura emozione, violenta sì, ma imbrigliata in modo da poter essere contemplata in me stesso nell'atto di provarla.

VAMA MARGA nello Yoga (e nel tantrismo) è "la via della mano sinistra", ossia il superamento dell’antitesi fra GODIMENTO DEL MONDO E ASCESI SPIRITUALE: l’unione dell’impassibile Shiva e dell’ardente Shakti nel proprio essere.
oizirbaf is offline  
Vecchio 13-01-2006, 08.19.47   #53
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
Re: Si può fingere un non orgasmo?

Messaggio originale inviato da Weyl

Credo che il termine "orgasmo" vada applicato esclusivamente all'universo maschile: ciò che accade nella donna durante il rapporto è un misto di fantasie, illusioni, aspettative e sensazioni blande, nevroticissime, parestesie lenite e disperazioni isteriche.

Scusa se ho evidenziato soltanto questa affermazione, ma mi sorprende sempre di piu' la tua visione dell'universo femminile...e come donna desidero affermare che sicuramente qualcosa di diverso a livello fisiologico tra uomo e donna esiste...ma dubito a livello di piacere inteso come l'orgasmo...per la donna ,o per me, perche' ognono di noi lo puo' vivere in modo differente, non e' illusione, aspettativa, sensazione blanda ne' altro, ma e' un piacere ,si', che parte dal cervello e dalle terminazioni nervose come vale per gli uomini e non dai genitali, e invade ogni fibra del tuo corpo sino a portarti ad un abbandono totale, e' un piacere vero e proprio, non derivante da altro....forse dipende dalla propria liberta' nel vivere la sessualita', dalla disinibizione, dal non avere tabu' o paure e dal piacere nel vivere un rapporto sessuale ..eppure sono femmina!



Vaniglia

Ultima modifica di Vaniglia : 13-01-2006 alle ore 08.21.23.
Vaniglia is offline  
Vecchio 13-01-2006, 10.10.43   #54
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Tentando di rimanere in tema volevo rispondere a Turaz e a Fragolina in riferimento al Tantra e per cercare di fare chiarezza sui possibili orgasmi multipli dell'uomo che tanto mi avevano stupito.

Se al termine "orgasmo" diamo il significato di "stato di massima eccitazione durante il rapporto sessuale" allora effettivamente nell'uomo, questo momento, potrebbe anche non coincidere con l'eiaculazione. In base alla mia esperienza mi sento di dire che i due piaceri, eccitazione ed eiaculazione, sono molto differenti tra loro, anche se il secondo è direttamente proporzionale allo stato di eccitazione che sei riuscito a raggiungere durante il rapporto.
Con il tantra (rosso) riesci a raggiungere dei "momenti di grazia" (per usare un termine che piace a Turaz) che, sempre in base alle mie esperienze, esaltano la parte più spirituale...momenti che ti fondono con l'infinito.
Il tantra però non può esserti spiegato e tantomeno letto. E' un tuo percorso tanto quanto il cammino spirituale di ognuno di noi.
Ho fatto l'amore con mia moglie solo parlando assieme...per una notte intera. Ho fatto l'amore solo sfiorandola con la punta delle dita, usando solo l'olfatto, con gli occhi, per poi scivolare nel piacere finale che è anche liberazione.
Il tantra è perfetta sintonia sessuale di coppia...ma non lo puoi leggere su un libro...e soprattutto non lo puoi praticare da solo.
In questi termini non ci possono essere finzioni nè da parte maschile nè da parte femminile.
maxim is offline  
Vecchio 13-01-2006, 11.15.38   #55
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Re: Si può fingere un non orgasmo?

Citazione:
Messaggio originale inviato da Weyl
E' il problema che mi sono posto, ed in ragione del quale ho risposto, controparte maschile, al quesito del sondaggio.
Ossia: ciò che per la donna è finzione dell'orgasmo, dovrebbe essere, per l'uomo, finzione del "non" orgasmo.
Ossia celare alla donna il piacere che dal suo corpo si è attinto.
Ho risposto "sì" alla domanda, perchè questo, come uomo, io l'ho agito più volte, e credo che sia il corrispettivo della finzione di provar piacere da parte della donna.

Però il fatto, riproposto in questi termini, mi è parso intrigante: perchè l'ho fatto?
Stranamente, non me lo ero mai chiesto, avevo agito così e basta.
Avevo soffocato interamente il piacere dentro il mio intimo, "trattenendo" ogni espressione esteriore del piacere, riportandola e consumandola interamente in una sorta di musicalità interiore: come fosse una pura emozione, violenta sì, ma imbrigliata in modo da poter essere contemplata in me stesso nell'atto di provarla.
Essere osservatori dei propri stati d'animo nell'atto stesso di viverli: ciò mi ha portato, nel tempo, a faticare molto a raggiungere quell'esplosione passionale, a carezzarla nell'atto stesso di stare per raggiungerla... trattenersi, come a renderla più chiara ed evidente.
Spesso i rapporti si sono fatti in tal modo quasi estenuanti, stucchevoli, talvolta interrotti da un sentimento di noia e di vacuità.
Molto graditi dalle donne, devo dire: o, almeno, così pareva.
Per me l'orgasmo assomiglia al piacere di lasciarsi abbandonare all'inerzia assoluta ed inerme del sonno: se solo tenti di "accorgertene" ecco che che l'abbandono si dilegua, la veglia si configura con le sue travi d'acciaio che sorreggono il giorno.
L'orgasmo del cadere, vagamente consapevoli, nel sonno, e quello del cadere, vagamente inconsapevoli, nella finzione biologica della fusione assoluta con un altro corpo, sono simili: il primo è un po' onanista, più narcisistico.
Il secondo non conserva l'identità, è relazione che non attinge ad alcuna dialettica: assolutamente primario ed assolutamente inautentico.

Quanto alle donne, mi sono spesso chiesto se il loro orgasmo, così equivoco e multiforme, abbia qualcosa in comune con quello maschile.
Penso che si tratti di un fenomeno molto più cerebrale, che non sospenda affatto, in una sorta di dissociazione, l'anima dal corpo, come accade nell'uomo.
Credo che sia più facile, per la donna, fingere di averlo, piuttosto che, per l'uomo, fingere di non averlo, avendolo.
Me lo sono spesso immaginato come un solletico investito di potenti fantasie, un lenimento ad un prurito, pervaso di aspettative ineffabili.
Penso che sia qualcosa del genere: che le sensazioni, puramente fisiologiche, che essa prova siano tutt'altra cosa dall'orgasmo maschile.
Del resto, se non fosse così, non si spiegherebbe la vertiginosa distanza tra la domanda di sesso dell'uomo e l'offerta di sesso da parte della donna: circostanza che fa da premessa logica al mercato del mercimonio.

Credo che il termine "orgasmo" vada applicato esclusivamente all'universo maschile: ciò che accade nella donna durante il rapporto è un misto di fantasie, illusioni, aspettative e sensazioni blande, nevroticissime, parestesie lenite e disperazioni isteriche.

Equivoco?
Guarda, per sapere in cosa si somigliano e in cosa no, bisognerebbe averli provati tutti e due. E credo che questo non sia dato a nessuno
La mia ipotesi è che l'orgasmo clitorideo possa somigliare a quello maschile. Quello profondo mi pare tutta un'altra cosa.
Sensazioni fisiche molto intense, sì. "distacco dell'anima dal corpo"? Io non lo definirei così perché forse ho un'altra idea di anima diversa rispetto a te. Io direi "annullamento della mente e immersione totale nell'anima e nel corpo, sospensione del tempo, esperienza di spersonalizzazione". Insomma, una specie di satori. E molte altre cose.
Sul resto che dici, cioè sul fatto che l’orgasmo femminile sarebbe “un misto di fantasie, illusioni, aspettative e sensazioni blande, nevroticissime, parestesie lenite e disperazioni isteriche”, non ho parole! E non posso che dispiacermi per te. Sono perfettamente d’accordo con chi ha detto”chi non ama le donne non ama la vita”, e mi dispiace vedere quanto poco amore per la vita si manifesti dalle pagine di questo sito ultimamente, sia tra gli uomini che tra le donne.
Mi dispiace davvero molto per te, il tuo odio verso l’universo femminile, che si manifesta anche nel tuo atroce racconto, dimostra che per te la vita è amara. Da vivere a denti stretti. Senza piacere e senza gioia.
E’ molto triste.
Spero che in futuro tu possa stare meglio.

Fragola is offline  
Vecchio 13-01-2006, 11.19.18   #56
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
Re: Re: Si può fingere un non orgasmo?

Citazione:
Messaggio originale inviato da Fragola
Equivoco?
Guarda, per sapere in cosa si somigliano e in cosa no, bisognerebbe averli provati tutti e due. E credo che questo non sia dato a nessuno
La mia ipotesi è che l'orgasmo clitorideo possa somigliare a quello maschile. Quello profondo mi pare tutta un'altra cosa.
Sensazioni fisiche molto intense, sì. "distacco dell'anima dal corpo"? Io non lo definirei così perché forse ho un'altra idea di anima diversa rispetto a te. Io direi "annullamento della mente e immersione totale nell'anima e nel corpo, sospensione del tempo, esperienza di spersonalizzazione". Insomma, una specie di satori. E molte altre cose.
Sul resto che dici, cioè sul fatto che l’orgasmo femminile sarebbe “un misto di fantasie, illusioni, aspettative e sensazioni blande, nevroticissime, parestesie lenite e disperazioni isteriche”, non ho parole! E non posso che dispiacermi per te. Sono perfettamente d’accordo con chi ha detto”chi non ama le donne non ama la vita”, e mi dispiace vedere quanto poco amore per la vita si manifesti dalle pagine di questo sito ultimamente, sia tra gli uomini che tra le donne.
Mi dispiace davvero molto per te, il tuo odio verso l’universo femminile, che si manifesta anche nel tuo atroce racconto, dimostra che per te la vita è amara. Da vivere a denti stretti. Senza piacere e senza gioia.
E’ molto triste.
Spero che in futuro tu possa stare meglio.



Parole sante!



Vaniglia
Vaniglia is offline  
Vecchio 13-01-2006, 11.20.09   #57
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
Citazione:
Messaggio originale inviato da maxim
Tentando di rimanere in tema volevo rispondere a Turaz e a Fragolina in riferimento al Tantra e per cercare di fare chiarezza sui possibili orgasmi multipli dell'uomo che tanto mi avevano stupito.

Se al termine "orgasmo" diamo il significato di "stato di massima eccitazione durante il rapporto sessuale" allora effettivamente nell'uomo, questo momento, potrebbe anche non coincidere con l'eiaculazione. In base alla mia esperienza mi sento di dire che i due piaceri, eccitazione ed eiaculazione, sono molto differenti tra loro, anche se il secondo è direttamente proporzionale allo stato di eccitazione che sei riuscito a raggiungere durante il rapporto.
Con il tantra (rosso) riesci a raggiungere dei "momenti di grazia" (per usare un termine che piace a Turaz) che, sempre in base alle mie esperienze, esaltano la parte più spirituale...momenti che ti fondono con l'infinito.
Il tantra però non può esserti spiegato e tantomeno letto. E' un tuo percorso tanto quanto il cammino spirituale di ognuno di noi.
Ho fatto l'amore con mia moglie solo parlando assieme...per una notte intera. Ho fatto l'amore solo sfiorandola con la punta delle dita, usando solo l'olfatto, con gli occhi, per poi scivolare nel piacere finale che è anche liberazione.
Il tantra è perfetta sintonia sessuale di coppia...ma non lo puoi leggere su un libro...e soprattutto non lo puoi praticare da solo.
In questi termini non ci possono essere finzioni nè da parte maschile nè da parte femminile.

infatti sono pienamente d'accordo con te...
turaz is offline  
Vecchio 13-01-2006, 11.23.29   #58
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
per fragola:
non per nulla il clitoride è in sostanza il "pene" femminile.
I due orgasmi si somigliano.
Ma esistono un'infinita di vagine differenti con tipologie di orgasmo differenti (chi a "scatti", chi prolungato, chi quasi "sofferente" ecc. ecc.)
la tipologia di orgasmo poi dipende anche dalla grandezza del clitoride (se parliamo di esso) e dalla sua sensibilità (indi se è "esposto" o "protetto" dalle labbra)
Se parliamo di quello "vaginale" dipende dalla profondità del canale.
Esistono donne che non hanno orgasmi vaginali ma solo clitoridei e viceversa
turaz is offline  
Vecchio 13-01-2006, 12.11.23   #59
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
Joole, ciccia, ma ti sei propio lanciata in sto periodo nè?


Secondo me l'orgasmo femminile, inteso proprio come orgasmo, reazione prettamente fisica di contrazione di non so che muscolo, è sempre determinato da una stimolazione indiretta(durante il rapporto, attraverso la vagina) o diretta (durante i preliminari....."a mano insomma") del clitoride.
L'orgasmo vaginale è più che altro un raggiungimento di sensazioni di piacere anche elevate, ma non è il vero "orgasmo" che secondo me, come dice fragola, è quello clitorideo e anche io penso che sia molto simile a quello che provano gli uomini.

Ammetto anche che io l'ho scoperto piuttosto tardi, nel senso che ero già grandicella e era da un po' che ero sessualmente attiva:è stata una scoperta sconvolgente!

Non so bene per quale motivo alcuni uomini ritengono che l'orgasmo femminile sia una specie di leggenda mai esistita: a questi uomini mi sento di dire provateci con più tencia: l'orgasmo femminile esiste, e io ciò le prove!


Io l'ho finto, parecchie volte anche: lo trovavo divertente e sentivo che il mio partner era più appagato. fatto sta che però, con l'uomo che ti conosce bene, è impossibile fingerlo, se ne accorge non solo perchè magari ti sta guardando in viso, ma proprio perchè mancano tutte quelle reazioni fisiche che nonimportachi ha elencato ancora all'inizio del post.

vabbeh....pensa un po' che discorsi vengon fuori!


odissea is offline  
Vecchio 13-01-2006, 12.26.00   #60
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
Citazione:
Messaggio originale inviato da odissea
Joole, ciccia, ma ti sei propio lanciata in sto periodo nè?


Secondo me l'orgasmo femminile, inteso proprio come orgasmo, reazione prettamente fisica di contrazione di non so che muscolo, è sempre determinato da una stimolazione indiretta(durante il rapporto, attraverso la vagina) o diretta (durante i preliminari....."a mano insomma") del clitoride.
L'orgasmo vaginale è più che altro un raggiungimento di sensazioni di piacere anche elevate, ma non è il vero "orgasmo" che secondo me, come dice fragola, è quello clitorideo e anche io penso che sia molto simile a quello che provano gli uomini.

Ammetto anche che io l'ho scoperto piuttosto tardi, nel senso che ero già grandicella e era da un po' che ero sessualmente attiva:è stata una scoperta sconvolgente!

Non so bene per quale motivo alcuni uomini ritengono che l'orgasmo femminile sia una specie di leggenda mai esistita: a questi uomini mi sento di dire provateci con più tencia: l'orgasmo femminile esiste, e io ciò le prove!


Io l'ho finto, parecchie volte anche: lo trovavo divertente e sentivo che il mio partner era più appagato. fatto sta che però, con l'uomo che ti conosce bene, è impossibile fingerlo, se ne accorge non solo perchè magari ti sta guardando in viso, ma proprio perchè mancano tutte quelle reazioni fisiche che nonimportachi ha elencato ancora all'inizio del post.

vabbeh....pensa un po' che discorsi vengon fuori!



domanda:
perchè "fingere"?
elijah ha descritto molto bene secondo me
turaz is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it