Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 16-06-2006, 11.22.39   #41
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
QUOTE]Messaggio originale inviato da VanLag
No daiiii…. Tu quoque odissea….

Per quanto ne so, l’eiaculazione è sempre piacevole….. perché coincide con l’acme del piacere. Non uso parlarne con gli uomini di eiaculazioni ma da quel poco che ho sentito è così per tutti e forse, può diventare dolorosa in presenza di qualche patologia…. Ma qui bisognerebbe sentire un medico.

Detta così la frase suona tanto di “stai attento che se ti masturbi diventi cieco…..” e direi che non è il caso….
Si diventa ciechi, forse, a stare al computer o a lavorare per 10 ore al giorno con la luce artificiale, quello si.

Sulla pornografia non la farei così drammatica…. Anzi vigilerei perché questo va a nozze col retaggio di secoli di sessuofobia che è lì pronta a riesplodere.

[/quote]


qui non si tratta di andarsi a vedere qualche immagine pornografica, o di chattare qualche ora in chat particolari, o di masturbarsi come qualsiasi essere umano del pianeta. La porno dipendenza è una patologia, colpisce uomini e donne.
La chiamo patologia in quanto ha gravi ripercussioni nella vita sociale,familiare e spesso professionale di chi ne soffre.

Per cui c'è l'incapacità di avere rapporti sessuali, se non stimolati dalle immagini da cui si è dipendenti; l'orgasmo è doloroso, suppongo in quanto raggiunto dopo molte ore di esposizione ai siti pornografici e ad una masturbazione esasperata. Ribadisco che l'orgasmo lo si raggiunge solo con l'esposizione a queste immagini, non in altre condizioni: il che mi pare un brutto campanello di allarme.

Si parla di porno dipendenza quando la persona che ne soffre, ad esempio, è incapace di svolgere la sua attività lavorativa, senza dover interromperla per "farsi la sua dose" di immagini quotidiane. O è incapace di fare l'amore con la moglie/marito.

Ma possibile che non ne abbiate sentito parlare????????

Adesso vi segnalo qualche sito utile, spettate.

altra cosa; è vero che sono affari privati della persona se questa chatta dieci ore al giorno; o se si espone ai siti pornografici tutte le notti per tutta la notte; affari suoi anche se soffre di qualsiasi altra cosa. Ma allora posso sapere a cosa serve questo forum se per ogni thread che viene aperto la "soluzione" e l'input principale diventano un inutile quanto sterile ribadire che sono cose non rigurdano noi, ma la persona che ha aperto il thread?

Lo so anche io che sono affari suoi, ma mi sembra più utile mettere giù un parere personale, esporsi con qualche idea alternativa anche, se no che senso ha?
odissea is offline  
Vecchio 16-06-2006, 11.34.29   #42
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
eccone qua uno

http://it.wikipedia.org/wiki/Dipende...la_pornografia

un articolo di panorama

http://www.panorama.it/sesso/coppia/...-A020001035363

gruppi di auto mutuo aiuto per chi è porno-online dipendente

http://www.psicoterapie.org/sex.htm

e ce ne sono tantissimi, basta cercare.


Ultima modifica di odissea : 16-06-2006 alle ore 11.39.23.
odissea is offline  
Vecchio 16-06-2006, 12.51.33   #43
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da odissea
Da dove sono ora, non riesco ad accedere a quei siti… li guarderò…. Comunque, genericamente parlando se invece di prendere a misura del nostro benessere, il modello ideale che la società ci propone, prendessimo il nostro piacere, il quadro generale sarebbe diverso.
Molte patologie comportamentali sono indicate stringendo il corridoio della normalità e l’etichetta di malato, unita alla ghettizzazione che la società fa verso chi non si piega ai suoi canoni generano la patologia..... Altrimenti non spiega perché in passato queste patologie non fossero così diffuse....

VanLag is offline  
Vecchio 16-06-2006, 13.55.15   #44
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
Da dove sono ora, non riesco ad accedere a quei siti… li guarderò…. Comunque, genericamente parlando se invece di prendere a misura del nostro benessere, il modello ideale che la società ci propone, prendessimo il nostro piacere, il quadro generale sarebbe diverso.
Molte patologie comportamentali sono indicate stringendo il corridoio della normalità e l’etichetta di malato, unita alla ghettizzazione che la società fa verso chi non si piega ai suoi canoni generano la patologia..... Altrimenti non spiega perché in passato queste patologie non fossero così diffuse....



che ci sia una tendenza a psichiatrizzare molti dei nostri problemi che di per se non hanno le caratteristiche del patologico, sono d'accordo.
In merito a questa problematica specifica però non mi sento in accordo con te; e non mi rifersico all'assiduo/a frequentatore di siti pornografici, ma proprio a chi lo fa con una modalità compulsiva che va a ledere la sua vita sociale-professionale-affettiva. Che questo tipo di dipendenza esista, per me è fuori discussione.

L'assiduo frequentatore di chat, anche non pornografiche, non è da assimilare ai casi di chi soffre di una profonda dipendenza dalla pornografia online; tuttavia non mi sento di dire a chiunque si dichiari "drogato di chat" (per quanto il termine mi sembri esagerato per la situazione) di prendere la cosa sottogamba.
Il discorso è partito perchè si ritenenva inopportuno parlare di dipendenza in merito ad internet: ci tenevo a sottolineare che invece tale dipendenza non solo è possibile, ma è una realtà comprovata.E' bene che chi ritiene di avere una specie di "mania" per internet, ci rifletta un pochino su, e prenda coscenza dello stato in cui si trova, per valutarne i rischi potenziali, se esistono.
Una volta fatta un'autoanalisi con tutti gli elementi inerenti la situazione, uno può fare una valutazione un po' più globale e attendibile. Se si ritiene che si stia subendo, o si rischi di subire, un'inversione tra realtà virtuale e realtà concreta, per cui la prima diviene più importante e reale della seconda, forse è bene fermarsi e riflettere.

Il fatto che in passato ci fossero meno tipologie di malattie psicologiche, e che fossero meno diffuse, è tutto da dimostrare; resta il fatto che certi tipi di dipendenza (ecstasy, lsd, video pocker, porno-online) sono sicuramente problemi odierni, dato che fino a 50 anni fa probabilmente non erano semplicemente stati inventati.


Ultima modifica di odissea : 16-06-2006 alle ore 13.56.44.
odissea is offline  
Vecchio 16-06-2006, 15.24.04   #45
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da odissea
In merito a questa problematica specifica però non mi sento in accordo con te;
Si direi che abbiamo idee abbastanza diverse in proposito….. ma la cosa non è importante. La concordia è l’unione delle volontà non delle opinioni.
Se la nostra volontà è di comunicare, confrontarci, o più ambiziosamente è trovare la Verità, o semplicemente è di fare 4 chiacchiere….. Ecco che pur essendo profondamente discordi nelle opinioni, tra noi c'è comunque buona armonia.....

VanLag is offline  
Vecchio 16-06-2006, 15.45.35   #46
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
. La concordia è l’unione delle volontà non delle opinioni.


Ecco che pur essendo profondamente discordi nelle opinioni, tra noi c'è comunque buona armonia.....


oh magari......saresti la prima persona, da moooolto tempo, che si sente in qualche modo in armonia con la sottoscritta!
ho un diavolo per capello......e ho una folta chioma!

la mia volontà era di esprimere un confronto, una comunicazione; non aspiro a niente di così alto, come la Verità.

odissea is offline  
Vecchio 16-06-2006, 18.20.56   #47
bside
Ospite abituale
 
L'avatar di bside
 
Data registrazione: 09-09-2005
Messaggi: 383
>La chiamo patologia in quanto ha gravi ripercussioni nella >vita sociale,familiare e spesso professionale di chi ne soffre.

Riserviamo il termine "patologia" alle malattie del corpo e non ai comportamenti umani che nulla possono avere di patologico per quanto abnormi, insoliti o non condivisibili possano sembrare; a meno che non si dimostri che un problema fisico è la causa di un determinato atteggiamento.
Un comportamento può essere più o meno funzionale a determinati scopi o obiettivi. L'importante è che una persona sia consapevole delle conseguenze delle proprie azioni, i rischi che corre agendo in un certo modo.
Io a questa porno dipendenza o dipendenza da chat francamente ci credo molto poco. Non vorrei che s'inducessero le persone a credersi malate, per poi ovviamente offrire, a caro prezzo, la cura.
bside is offline  
Vecchio 17-06-2006, 16.39.01   #48
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
No bside, non si può negare che esistano delle patologie mentali che esulano da problemi fisici; non puoi mica buttare dalla finestra il DSM IV o la psichiatria in generale.

Ti ricordo che molte psicoci, o depressioni, o compulsioni, non hanno origine da disfunzioni fisiche; quanto meno ciò non è stato dimostrato scientificamente, per cui lo escludo.Vengono definite malattie mentali in quanto hanno una grave ripercussione nella vita affettiva, sociale, professionale di chi ne soffre.
Quando non ci sono queste ripercussioni gravi, allora si esclude la patologia mentale.
E' accaduto così (aprendo un capitolo di cui la psichiatria si vergogna) per l'omossessualità, la quale non viene più considerata patologia in quanto non sussistono conseguenze nelle abilità sociali, professionali, affettive, cognitive ecc ecc.

Io che lavoro coi ragazzi con problemi psichiatrici, ti posso assicurare che non sempre, se c'è un qualche problema mentale, o si entra nel giro delle dipendenze, è così facile rendersi conto delle conseguenze delle proprie azioni. Se uno avesse piena coscienza delle forze che agiscono dentro e fuori di lui......la malattie mentale non esisterebbe probabilmente più.
Trovo anche difficie indurre qualcuno a ritenere di soffrire di una grave forma di dipendenza, quale considero quella porno-online,se si tratta solo di un assiduo frequentatore o di un curioso che si aggira spesso per il mondo online.
Anzi, per chi soffre di dipendenza vera, accade il contrario: il difficile è riuscire ad ammettere di avere un problema, non viceversa, te lo assicuro!




odissea is offline  
Vecchio 18-06-2006, 08.32.21   #49
bside
Ospite abituale
 
L'avatar di bside
 
Data registrazione: 09-09-2005
Messaggi: 383
>Vengono definite malattie mentali in quanto hanno una >grave ripercussione nella vita affettiva, sociale, >professionale di chi ne soffre.

Ma quale comportamento umano non ha ripercussioni sulla vita affettiva, professionale e sociale? Ben pochi direi!
Il criterio non può essere quello dell'inabilità sociale, perché non tutti sono in grado di essere super competitivi come richiedono le nostre economie. Pensa a tutto il fenomeno della devianza e dell'esclusione sociale che non può certo ridursi al problema mentale di chi è escluso.
Siamo ben lontani dall'aver costruito una società a misura d'uomo o che risponda ai bisogni fondamentali dell'uomo.

>E' accaduto così (aprendo un capitolo di cui la psichiatria si >vergogna) per l'omossessualità
A parte che dubito che uno psichiatra sia in grado di provare vergogna, ma sei in errore perché l'omosessualità non ha mai reso inabili né da un punto vista affettivo, né da un punto di vista professionale.
La classificazione dell'omosessualità come disturbo è sempre stata fondata sul pregiudizio e niente di più.

bside is offline  
Vecchio 18-06-2006, 09.58.38   #50
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da odissea
No bside, non si può negare che esistano delle patologie mentali che esulano da problemi fisici; non puoi mica buttare dalla finestra il DSM IV o la psichiatria in generale.

Ti ricordo che molte psicoci, o depressioni, o compulsioni, non hanno origine da disfunzioni fisiche; quanto meno ciò non è stato dimostrato scientificamente, per cui lo escludo.Vengono definite malattie mentali in quanto hanno una grave ripercussione nella vita affettiva, sociale, professionale di chi ne soffre.
Quando non ci sono queste ripercussioni gravi, allora si esclude la patologia mentale.
E' accaduto così (aprendo un capitolo di cui la psichiatria si vergogna) per l'omossessualità, la quale non viene più considerata patologia in quanto non sussistono conseguenze nelle abilità sociali, professionali, affettive, cognitive ecc ecc.

Io che lavoro coi ragazzi con problemi psichiatrici, ti posso assicurare che non sempre, se c'è un qualche problema mentale, o si entra nel giro delle dipendenze, è così facile rendersi conto delle conseguenze delle proprie azioni. Se uno avesse piena coscienza delle forze che agiscono dentro e fuori di lui......la malattie mentale non esisterebbe probabilmente più.
Trovo anche difficie indurre qualcuno a ritenere di soffrire di una grave forma di dipendenza, quale considero quella porno-online,se si tratta solo di un assiduo frequentatore o di un curioso che si aggira spesso per il mondo online.
Anzi, per chi soffre di dipendenza vera, accade il contrario: il difficile è riuscire ad ammettere di avere un problema, non viceversa, te lo assicuro!





Fragola is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it