Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 07-02-2007, 10.21.57   #81
Lord Kellian
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2005
Messaggi: 348
Riferimento: Droga e personalità

Citazione:
Originalmente inviato da dany83
comunque mi sono accorto che con certa gente non ci puoi parlare su questo fatto,perchè ci saranno sempre quelli che diranno "le droghe leggeri sono diverse,non fanno poi così male ecc..ecc...".Questo dimostra in che razza di società stiamo...Scusate,ma se si chiamano "droghe" ci sarà un motivo,no?anche se sono come dite voi "leggere" sono pur sempre droghe...

Ecco, da questo tuo post si vede benissimo come la pensi.

Primo. Non capisco perché tu non voglia accettare che le droghe abbiano degli effetti diversi, da cui la divisione fra "leggere" e "pesanti".

Secondo. "Ci sarà un motivo per cui si chiamano droghe". Per te droga=male. Beh, da quanto ne so, droga è molto simile a "farmaco". In greco antico non esisteva distinzione fra le due cose. E i greci dicevano "il veleno (cioè il male) sta nella dose". E questo lo sanno tutti quelli che assumono farmaci. Le dosi vanno controllate, altrimenti i farmaci fanno male.

Anche in inglese esistono le "drugs" e le "illegal drugs".

A me sembra che sia tu a non volere vedere le cose come stanno. Altro che "noi", gente con cui non si può parlare.

Scusate, lo so questo thread dovrebbe essere sulla personalità, e io sinceramente non ho idea se ci sia una categoria di persone più atte all'uso di droga o meno.

Credo sia una questione di cultura, visto che la stragrande maggioranza della gente usa comunemente l'alcool, senza essere alcolista. E la metà delle persona fuma sigarette, al contrario, completamente assuefatta dalla nicotina.

Infatti mi sembra che questo problema sia molto delicato. Concordo con chi sostiene che liberalizzare sia un po' come incentivare. Visto che è legale, uno pensa: non farà poi così male... E la voglia comunque di provarle può aumentare.

D'altra parte c'è il fatto di cui spesso si è parlato: quello della criminalità che fa soldi a palate. Quello della marijuana che è molto meno pericolosa dell'alcool. Ritengo che l'esempio dell'Olanda, patria della liberalizzazione, ci illustri che la società non diventa improvvisamente una massa drogata informe e pericolosa.
Lord Kellian is offline  
Vecchio 07-02-2007, 11.07.58   #82
micio
Ospite
 
L'avatar di micio
 
Data registrazione: 28-01-2007
Messaggi: 30
Riferimento: Droga e personalità

sono d'accordo con te dani .
se sono droghe , tutte le droghe sono uguali
chi racconta leggende tipo : sono leggere , racconta a se stesso
che anche farsi una canna non fa' male .
purtroppo nel mio caso sono arrivato a crederlo per esperienza personale
non per sentito dire o altre ....................
sara' anche vero che alcuni debbano toccare il fondo per tornare a vivere
ma secondo me e' meglio non prendere sempre alla lettera criteri di non tossicita' di qualcosa solo dagli esami ,
ricordiamoci che noi siamo molto piu' di dati
e il nostro cervello arriva a credere cio' che viviamo
micio is offline  
Vecchio 07-02-2007, 11.23.29   #83
amidar
Ospite abituale
 
L'avatar di amidar
 
Data registrazione: 13-03-2006
Messaggi: 239
Riferimento: Droga e personalità

Citazione:
Originalmente inviato da Lord Kellian
Ritengo che l'esempio dell'Olanda, patria della liberalizzazione, ci illustri che la società non diventa improvvisamente una massa drogata informe e pericolosa.

Questo secondo me è sintomo di una società matura,non il fatto che le droghe leggere siano legalizzate,ma che nonostante lo siano,le persone non diventano un "branco di strafatti" pericolosi per il prossimo.
E' un tipo di cultura diversa alla quale secondo me noi non siamo ancora pronti e probabilmente non lo saremo mai.
amidar is offline  
Vecchio 07-02-2007, 15.51.57   #84
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: Droga e personalità

Citazione:
Originalmente inviato da Lord Kellian
Ecco, da questo tuo post si vede benissimo come la pensi.

Primo. Non capisco perché tu non voglia accettare che le droghe abbiano degli effetti diversi, da cui la divisione fra "leggere" e "pesanti".

Secondo. "Ci sarà un motivo per cui si chiamano droghe". Per te droga=male. Beh, da quanto ne so, droga è molto simile a "farmaco". In greco antico non esisteva distinzione fra le due cose. E i greci dicevano "il veleno (cioè il male) sta nella dose". E questo lo sanno tutti quelli che assumono farmaci. Le dosi vanno controllate, altrimenti i farmaci fanno male.

Anche in inglese esistono le "drugs" e le "illegal drugs".

A me sembra che sia tu a non volere vedere le cose come stanno. Altro che "noi", gente con cui non si può parlare.

Scusate, lo so questo thread dovrebbe essere sulla personalità, e io sinceramente non ho idea se ci sia una categoria di persone più atte all'uso di droga o meno.

Credo sia una questione di cultura, visto che la stragrande maggioranza della gente usa comunemente l'alcool, senza essere alcolista. E la metà delle persona fuma sigarette, al contrario, completamente assuefatta dalla nicotina.

Infatti mi sembra che questo problema sia molto delicato. Concordo con chi sostiene che liberalizzare sia un po' come incentivare. Visto che è legale, uno pensa: non farà poi così male... E la voglia comunque di provarle può aumentare.

D'altra parte c'è il fatto di cui spesso si è parlato: quello della criminalità che fa soldi a palate. Quello della marijuana che è molto meno pericolosa dell'alcool. Ritengo che l'esempio dell'Olanda, patria della liberalizzazione, ci illustri che la società non diventa improvvisamente una massa drogata informe e pericolosa.


io sono abituato ad essere sintetico e ti dico solo una cosa,che finchè una persona singola fa uso di droghe,non credo che sia un grosso problema,ma quando un gruppo di ragazzini mafiosi e frustrati dalla vita assumono droghe,diventano un pericolo incredibile per la società e purtroppo ho avuto ragione,visto quello che è successo a catania...
dany83 is offline  
Vecchio 07-02-2007, 17.17.24   #85
Lord Kellian
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2005
Messaggi: 348
Riferimento: Droga e personalità

Citazione:
Originalmente inviato da dany83
io sono abituato ad essere sintetico e ti dico solo una cosa,che finchè una persona singola fa uso di droghe,non credo che sia un grosso problema,ma quando un gruppo di ragazzini mafiosi e frustrati dalla vita assumono droghe,diventano un pericolo incredibile per la società e purtroppo ho avuto ragione,visto quello che è successo a catania...

Ti rispondo non per amore di polemica. Ma visto che qui si cerca di riflettere... è quello che sto cercando di fare. Infatti, sebbene sia un bene, a volte, essere sintetici, quando si illustrano le proprie opinioni, non è un male essere analitici.

Ti invito quindi a non essere troppo sintetico. Argomentare di più le tue posizioni ti aiuta anche a capire se veramente pensi quello che pensi o è solo un pregiudizio. E non voglio essere offensivo. Anche a me capita così. E anche spesso.

Sono soddisfatto () che tu non ne faccia un problema morale, cioè dici: se un individuo fa uso di droghe, non credo sia un grosso problema. E hai ragione a dire che è un problema sociale: se tutti ne fanno uso e un uso - come dire - irresponsabile, si crea un grosso problema.

Però non puoi chiudere ultra-sinteticamente dicendo che i fatti di Catania ti danno ragione. Primo perché non è affatto dimostrato che la vicenda abbia come causa la droga, secondo perché è solo un esempio. Allo stesso modo io potrei dire: ciò che succede in Olanda tutti i giorni dà ragione a me. Così non andiamo da nessuna parte.

Amidar ad esempio sostiene che c'è differenza fra droghe e droghe e che in Olanda la società è molto più matura della nostra. Io non so se questo è vero. E non so, come ho già detto, se sia possibile liberalizzare o no in Italia.

Micio, mi sembra di ricordare, sosteneva che la criminalità ha altre fonti di ricavo, oltre il commercio di droga. Da quanto mi ricordo io invece (non ho dati sottomano) è una delle fonti principali. Perché l'uso che si fa di droga è immenso, gigantesco, come ha recentemente scoperto il nostro ministro Amato.

E quello della criminalità è un porblema che ancora tu, dany, non hai affrontato. Comunque mi scuso ancora, non voglio essere ripetito. Siamo fuori tema.
Lord Kellian is offline  
Vecchio 07-02-2007, 19.15.31   #86
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: Droga e personalità

Citazione:
Originalmente inviato da Lord Kellian
Ti rispondo non per amore di polemica. Ma visto che qui si cerca di riflettere... è quello che sto cercando di fare. Infatti, sebbene sia un bene, a volte, essere sintetici, quando si illustrano le proprie opinioni, non è un male essere analitici.

Ti invito quindi a non essere troppo sintetico. Argomentare di più le tue posizioni ti aiuta anche a capire se veramente pensi quello che pensi o è solo un pregiudizio. E non voglio essere offensivo. Anche a me capita così. E anche spesso.

Sono soddisfatto () che tu non ne faccia un problema morale, cioè dici: se un individuo fa uso di droghe, non credo sia un grosso problema. E hai ragione a dire che è un problema sociale: se tutti ne fanno uso e un uso - come dire - irresponsabile, si crea un grosso problema.

Però non puoi chiudere ultra-sinteticamente dicendo che i fatti di Catania ti danno ragione. Primo perché non è affatto dimostrato che la vicenda abbia come causa la droga, secondo perché è solo un esempio. Allo stesso modo io potrei dire: ciò che succede in Olanda tutti i giorni dà ragione a me. Così non andiamo da nessuna parte.

Amidar ad esempio sostiene che c'è differenza fra droghe e droghe e che in Olanda la società è molto più matura della nostra. Io non so se questo è vero. E non so, come ho già detto, se sia possibile liberalizzare o no in Italia.

Micio, mi sembra di ricordare, sosteneva che la criminalità ha altre fonti di ricavo, oltre il commercio di droga. Da quanto mi ricordo io invece (non ho dati sottomano) è una delle fonti principali. Perché l'uso che si fa di droga è immenso, gigantesco, come ha recentemente scoperto il nostro ministro Amato.

E quello della criminalità è un porblema che ancora tu, dany, non hai affrontato. Comunque mi scuso ancora, non voglio essere ripetito. Siamo fuori tema.



non se se hai letto bene cosa ho detto.ho detto che questi ragazzi sono dei criminali e sicuramente commetterebbero questi reati anche senza assumere droghe,però credo anche che la droga li da una "marcia in più" perchè li manda completamente fuori di testa,più di quello che sono in realtà!Sbaglio o i rapinatori di banche prima di fare una rapina si fanno di coca?secondo te come mai?
dany83 is offline  
Vecchio 07-02-2007, 19.32.25   #87
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: Droga e personalità

Citazione:
Però non puoi chiudere ultra-sinteticamente dicendo che i fatti di Catania ti danno ragione. Primo perché non è affatto dimostrato che la vicenda abbia come causa la droga, secondo perché è solo un esempio. Allo stesso modo io potrei dire: ciò che succede in Olanda tutti i giorni dà ragione a me. Così non andiamo da nessuna parte.


Cio che succede in Olanda non da ragione a te,perchè non è detto che automaticamente in un Paese dove la droga è libera,tutti si fanno le canne!Può darsi che in Olanda si droghino meno di noi...mentre invece a quei teppisti di Catania è stata sequestrata una quantità incredibile di droga!
dany83 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it