Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Riflessioni > Riflessioni sul Senso della Vita
 Riflessioni sul Senso della Vita - Commenti sugli articoli della omonima rubrica presente su WWW.RIFLESSIONI.IT - Indice articoli rubrica
Vecchio 04-08-2010, 11.12.20   #11
aleandroct
Ospite
 
Data registrazione: 24-06-2010
Messaggi: 6
Riferimento: che senso ha ?

Ti posso dire che la domanda che ti poni tu se la sono posta i più grandi filosofi-scienziati-religiosi della storia ed ognuno ha provato a dare la sua risposta. Secondo me la migliore strada per capire il senso della vita lo racchiude l scritta di Delfi che per esteso riporta
"Ti avverto, chiunque tu sia. Oh tu che desideri sondare gli arcani della Natura, se non riuscirai a trovare dentro te stesso ciò che cerchi non potrai trovarlo nemmeno fuori. Se ignori le meraviglie della tua casa, come pretendi di trovare altre meraviglie? In te si trova occulto il Tesoro degli Dei. Oh Uomo, conosci te stesso e conoscerai l’Universo e gli Dei." o per portarti un altro famoso esempio della freccia è come se un uomo fosse colpito da una freccia avvelenata e gli amici gli procurassero un medico per curarlo ma prima di essere curato l'uomo voleva sapere chi aveva lanciato la freccia, perchè l'aveva lanciata, da dove gliela aveva lanciata etc etc...e così morì prima di essere curato
aleandroct is offline  
Vecchio 05-08-2010, 13.43.27   #12
chlobbygarl
Lance Kilkenny
 
Data registrazione: 28-11-2007
Messaggi: 362
Riferimento: che senso ha ?

Citazione:
Originalmente inviato da solechemuore
Cari amici, sono nuova e per me sarebbe bellissimo poter dialogare con persone che come me si pongono continuamente domande sul senso della vita.
I miei dubbi sull’esistenza sono tali da rendere la mia stessa vita un vero inferno. Mi piace pensare che io sia nata nel posto sbagliato e nel tempo sbagliato. Osservo le persone che mi camminano attorno e mi sento un aliena. Ogni cosa attorno a me assume contorni sfumati, vivo in un mondo ovattato dove apparentemente parlo la stessa lingua ma in realtà le parole non sono altro che suoni e rumori che alimentano la mia sensazione di non appartenenza.
Quando a volte espongo i miei pensieri, le persone con cui parlo, mi guardano come se fossi impazzita, sorridono e spesso mi danno risposte senza senso o ridicole.
Mi sarebbe piaciuto essere un essere semplice senza nessuna conoscenza che vive per il suo lavoro e che non si contorce la mente con mille e più pensieri che si accavallano fra di loro fino a farmi impazzire.
Mi chiedo continuamente che senso abbia alzarsi la mattina, andare al lavoro, tornare a casa la sera, e andare a dormire. Perché? Per mangiare e poi? Non capisco. Tutto questo esce fuori dal mio livello di comprensione. Cosi ho fatto un ragionamento. Quando DIO parlò con Adamo ed Eva, gli disse che se avessero osato cogliere un frutto da quell’albero sarebbero morti. Come tutti sappiamo disobbedirono e Dio li cacciò sulla terra.. a questo punto le sue parole sono state chiare. Morirete. Quindi la soluzione sta nel fatto che noi qua sulla terra siamo tutti morti. Una punizione che dura da migliaia di anni. La sofferenza, il dolore, e poi la morte. E se la morte stessa non fosse che la fine della pena. L’aver scontato la nostra condanna, e rinascere … perché io non trovo nessun senso nelle cose che faccio ogni giorno. Mi alzo la mattina e so come sarà esattamente la mia giornata. A cosa servo? Fossi un medico senza frontiere, un volontario che si prodiga per il prossimo, forse la mia vita avrebbe un senso, forse davvero allora starei scontando la mia pena. Si col sacrificio rinunciando a noi stessi. Per gli altri.
A volte sento persone che indicano l’amore come il senso della vita. Poi vedo persone che si fidanzano, che creano un illusione di coppia, di famiglia, le vedo sgretolarsi, tradirsi, ingannarsi, mentirsi.. ma allora l’amore non era amore vero, puro.. mi dicono che sono una romantica e che credo nelle fiabe.
No. Credo che l’amore vero quello che ti prende l’anima nessuno ha volontà di crearlo. All’inizio di un rapporto di coppia sembra che ci si possa avvicinare all’amore vero, quando nel nostro sangue circola quel succo vitale che ci porta a credere di essere felici, quando la parola “ per sempre “ risuona costantemente nella nostra mente.. ma poi accade qualcosa.. si, come sostiene De Carlo, nel suo Arco d’amore, qualcosa finisce.. l’attaccamento lentamente si consuma.. e svanisce.. ogni cosa.. ogni sentimento.. ci si trova a brancolare nel buio.. chi è ancora nella fase “ per sempre” non capisce.. si chiede come mai quella persona che prima viveva per te e solo per te, adesso quasi non ti vede.. il suo sorriso non è più acceso come prima.. le sue braccia non sono più protese verso te.. e allora capisci che non è l’amore il senso della vita. Non è l’amore il senso della felicità.
Forse credi che un figlio potrebbe essere il senso delle cose. In parte lo è ma un figlio è un’altra vita, a parte i primi anni, dove dipende completamente da te, poi si allontana, giustamente compie la sua vita. E tu devi starne fuori per non sconvolgere gli equilibri che il nostro universo ha imposto.
E allora, dopo aver vissuto queste esperienze che non hanno fatto altro che moltiplicare i pensieri che ogni secondo si sovrappongono nella tua testa fino a farla esplodere, ti ritrovi ad alzarti la mattina per andare al lavoro. E ti chiedi ancora una volta che senso ha tutto questo?
Il senso è che potresti aggiungerne alla tua esistenza (ammesso che adesso non ce l'abbia) come tu stessa dici semplicemente cambiando lavoro o dedicandoti ad un lavoro a forte utilità sociale ("medici senza frontiere").E con questo cade l'argomento 'esistenziale' del 'siamo tutti morti' (ma se lo siamo già, come potremmo poi morendo liberarci dalla sofferenza, quante volte ad un uomo sarebbe dato morire...chi mi dice che dopo due volte non dovrei morire ancora in sequenza, insomma cerca di capire.....).
L'amore di coppia come senso dell'esistenza è filosoficamente e letterariamente un'idiozia (mi perdonerà de carlo e mica solo lui), mentre biologicamente è ed è stato un motore potente mentre psicologicamente è una cosa molto bella che va semplicemente vissuta, cui poi (..famoso "senno di...) bisogna dare il peso giusto all'interno delle 'cose' umane.
Il senso della vita è intanto nella tua sofferenza, se vivere non avesse nessun senso percepibile non soffriresti.La tua sofferenza è anch'essa un motore potente verso scenari solo diversi da quelli vissuti, non ti parla quindi di dimensioni ultraterrene e meta-fisiche, ma invece ti pone i quesiti circa la maggiore soddisfazione data da un lavoro diverso o più in genere da un'esperienza di vita anzichè un'altra.E' una sofferenza che tende a modulare i tuoi comportamenti e di cui il dolore è il combustibile migliore.Gli animali soffrono meno di noi, hanno 'soglie' più alte da raggiungere, non è un caso.
chlobbygarl is offline  
Vecchio 19-08-2010, 10.47.02   #13
ismaele
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 18-08-2010
Messaggi: 1
Riferimento: che senso ha ?

Cara amica, quello che hai scritto in parte è condiviso anche da me.
Mi rendo conto di quello che provi.
Ti chiedi perchè le persone siano superficiali, immerse nel loro fare e limitate a discussioni uniformate, tutte uguli , fatte con lo stampo.
Mai nessuno che vuole parlare di argomenti piu' profondi.
E ti domandi perchè tu sei cosi' e gli altri no, sentendoti un'exstraterrestre.
Secondo la mia opinione, esistono persone (sono quasi tutte) che scelgono di rimanere ad un certo livello di crescita di sviluppo del proprio essere.
Mi sembra che tu sia una persona che non si limita ad accettare le cose cosi' come sono,vedi con altri occhi, di chi ha scelto di svegliarsi.
Si stà male per un pò , poi accade qualcosa di meraviglioso.
Non sei sola,stai facendo un salto che altri prima di te hanno fatto.
Il genere umano è bellissimo e se accadono e sono accadute cose terribili è solo perchè l'uomo e la donna hanno paura.
Ha paura di slegarsi da culture, atteggiamenti preconfezionati, da retaggi infantili, da comportamenti che danno sicurezza che è solo apparente,tutto muta.
anche noi mutiamo,ma dobbiamo mutare consapevoli di avere un pensiero libero.
Pensare liberamente esprimendo senza paura il proprio stato d'animo,convinti di non nuocere a nessuno.
C'è molto da fare, fai che il tuo modo di vedere le cose serva per svegliare gli altri.
Le persone hanno bisogno di persone come te.
Persone che hanno scelto di vivere nella verità.
Ciao.
ismaele is offline  
Vecchio 24-11-2010, 19.43.00   #14
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: che senso ha ?

SENSO, UMANO, DELLA VITA

Ancor oggi c’è chi, pur accettando in qualche modo l’esplicarsi della Scienza, si chiede tuttavia quale sia il senso della vita…finalizzato all’oltre della vita stessa.
C’è, infatti, chi non si sente soddisfatto se non attribuiamo al nostro vivere un carattere “escatologico”…tanto che ancora si sente la solita litania: di dove veniamo?… dove andiamo?…perché siamo?... ecc…ma che senso ha questa vita? ecc…ecc…

Quindi, nonostante le elargizioni cognitive ed i successi della Scienza, cui ci abbeveriamo, la mancanza di un qualche carattere escatologico del vivere, ci rende defraudati e sperduti…nient’affatto compresi di un qualche elevazione spirituale o di speranza e protezione affettiva o di terra promessa.

In sostanza se non c’è una finalità al tutto e se manca un Dio che ci accolga in seno, che ci premi o punisca per l’eternità, lo stesso fine escatologico viene a mancare anche nel nostro quotidiano agire e arrabattarci …tanto che arriviamo a inventarcela noi una tale finalità…con un Dio che associ uno scopo al nostro esistere…come in effetti è accaduto nei millenni della nostra e di altre civiltà.

Si dice, d’altra parte, che Charles Darwin, col suo porre l’origine, l’evolversi ed il compiersi della vita, su di un piano esclusivamente biologico e fisico, ci abbia defraudati, appunto, del senso escatologico della vita stessa cui tanto eravamo affezionati…da millenni!… e che anche ci confortava col suo sfociare nell’eternità.

In realtà Darwin ci ha sì negato il senso escatologico…forse illusorio, ma ci ha introdotti al “Senso Umano” della vita ponendolo nelle nostre mani. Siamo noi stessi, infatti, i fautori di un tale “senso”, o piuttosto, del far si che la nostra vita abbia o meno un “senso” nel nostro viverla.

Infatti il “senso” c’è… purchè siamo protagonisti…se non sempre di eventi storici o, comunque, largamente influenti sugli accadimenti del nostro tempo… ma almeno se siamo protagonisti e partecipi, dicevo, nel nostro quotidiano agire e rapporto con noi stessi, coi nostri partner e con la società, a livello emozionale, empatico, etico e culturale...men che meno egoistico, predatorio e pervasivo!
Un tale rapporto ci offre occasione e opportunità di renderci consci del nostro esistere e di trarre conforto e autogratificazione dal perseguimento delle nostre pulsioni e dei nostri fini, nonché dal superamento di difficoltà e ostacoli che l’ambiente stesso oppone alle nostre personali contingenti esigenze del vivere nel perseguimento dell’autorealizzazione...e della felicità, in definitiva.

In effetti non sono tanto lo scopo e il successo raggiunti, qualunque ne sia il livello, che ci gratifica e ci fa pensare che il "senso" c’è, che una qualche felicità nascosta esiste, ma, piuttosto, lo sono l’impegno e la passione che ci inducono a perseguirli.

Invece il “senso” non c’è e tutto appare inutile se siamo succubi, soggetti al plagio ed alla passiva aspettativa degli eventi, deprivati di interessi, di partecipazione e passione o semplicemente vittime che sopportano, fagocitando con rabbia..insofferenti, il più vieto conformismo di un ripetitivo tran-tran quotidiano.
Ciò accade in specie in questo tempo in cui la crisi economica e morale rende disagevole ogni accesso all’impegno ed alla partecipazione del vivere.
Tempi in cui, col poco di eccelso da scegliere e gustare, i riti stessi della società, cui i media contribuiscono, ci propinano tutta la spazzatura della così detta mercantilistica cultura postmoderna…al livello delle più infime pulsioni umane.

Ma “protagonisti” si nasce o si diventa?

Alcuni, ”protagonisti” ci nascono: per censo o per genetica… magari con prodromi radicati nelle generazioni che precedono.
Ma, per lo più, “protagonisti” si diventa…per chi ci diventa… con lacrime e sangue…e tanto più oggi, data la crisi in corso, pur con le invenzioni più originali e intuitive che il pensiero laterale ci suggerisce.

Protagonisti, comunque, si diventa per impegno profuso nella ”formazione” propria e dei figli, magari fin dalla scuola materna, in ogni caso fin da prima possibile, se si vuole e si è orientati, con studio e vissuto esperienziale adeguati…magari anche con “spinta”.
Il futuro è nelle nostre mani…ma occorre prepararlo…da prima e nel contesto giusto: già i romani coniarono l’incitamento: Estote parati! che nel nostro volgare si traduce: non dormite mai!

Infatti, non ci si può svegliare improvvisamente un mattino e di punto in bianco esclamare ...Ma questa vita non ha senso…in questa società di M….., se prima, in qualche modo non ci si è preparati ed adattati emotivamente e razionalmente…ed anche partecipato culturalmente e socialmente per la massima autorealizzazione possibile.
Autorealizzazione sempre probabilistica…poichè, pur con tutta la preparazione possibile, essa non sempre riesce…per chi presto abbandona e sparisce nel gorgo anonimo del “non protagonismo” e, quindi, del “non-senso”…o semplicemente per inesorabile Fato…che, pur nella sua assenza, a volte si pone accanitamente...contro.

In linea generale comunque non ci dovremmo sentire defraudati di “senso”. L’apertura di Darwin ci restituisce a noi stessi: al nostro impegno, responsabilità e preveggenza.
L’idea forza così esplicata supera il concetto escatologico della finalità “extra nos” che ci sarebbe dall’alto concessa.
Ci spinge invece ad essere noi a dare un qualche senso alla nostra vita, con la nostra sensibilità percettiva, col pensiero, con la cultura, con l’essere “persone” e non “amebe”, con l’essere sociali…anche affettivamente coinvolti, con ciò che facciamo, col nostro comportamento etico, con l’assumere responsabilità per ciò che ci accade…con l’aspirare al meglio…alla possibilità di migliorare e ponendone le basi …senza far discendere tutto da un Dio, dagli astri o dal solito ineffabile…insondabile Fato!

Diamo un senso alla vita, ovunque siamo, nello spazio e nel tempo, col perseguire scopi che siano di una qualche utilità al vivere personale nelle sue esigenze fisiche, psichiche e affettive, ma anche scopi orientati al vivere di tutti, della società come cittadini preparati e dotati di principi e valori…sfuggendo ai pregiudizi ed agli egoismi del "siamo fatti così" o del "così fan tutti".
Essendo santi, insomma…per quanto possibile!!!

Si può, infatti, restare nell’ambito del possibile affettivo e razionale se si afferma che esiste “senso” anche nel perseguire un’etica laica…in evoluzione continua… in luogo o a complemento della staticità dell’etica della tradizione teologica …cristiana, musulmana, ebraica, induista, vahabista, ecc…

Alla fine, infatti, è vero che ciò che chiamiamo “SCIENZA” e che tanto ci pervade, non ha niente di infinito e di confortevolmente stabile…anche se costruzione intellettualmente immensa, ma pur sempre di ricerca e non mai giunta a completamento...nè mai vi giungerà, per definizione.
La percezione, la sensazione, razionale od affettiva che sia, la conoscenza, la scienza in toto, sono fatte della esplicazione dell’Universo…fin dove si può oggi…domani di più…se di più cresceremo, se ci dedicheremo con sempre più preparazione, impegno, fiducia e risorse intellettive.
In fondo non molto diversa sarebbe la implementazione di una personale Anima…sia pur materiale e incarnata.

Forse è in questo il senso della vita.

Ma è anche nell’andare oltre, che dipende comunque da noi, in ogni campo dell’essere e del sapere… materiale o spirituale che sia…e sempre più, se ci poniamo come protagonisti fiduciosi che ancor di più si può fare ed essere di più… pur sempre in modo relativo e probabilistico...non mai con la pretesa del perfetto, dell’assoluto o dell’eterno.

Ultima modifica di ulysse : 25-11-2010 alle ore 18.30.52.
ulysse is offline  
Vecchio 29-01-2011, 19.21.55   #15
linus
Ospite
 
Data registrazione: 08-11-2006
Messaggi: 8
Riferimento: che senso ha ?

Il senso della vita non c'è. E' un epifenomeno dell'ipertrofia cerebrale che contraddistingue la razza umana.

Per tutti gli altri animali e' semplice: Nascere, vivere, riprodur-si, morire.

Ma per l'uomo, in conseguenza dello sviluppo abnorme della corteccia, invece che di altre parti utili per la sopravvivenza, questo diventa un problema.

Un problema inesistente, cioe' un atto di onanismo mentale, sotto certi aspetti, patologico.
linus is offline  
Vecchio 05-03-2011, 11.49.31   #16
senzanome
Ospite abituale
 
L'avatar di senzanome
 
Data registrazione: 17-04-2006
Messaggi: 163
Riferimento: che senso ha ?

Citazione:
Originalmente inviato da linus
Il senso della vita non c'è. E' un epifenomeno dell'ipertrofia cerebrale che contraddistingue la razza umana.

Per tutti gli altri animali e' semplice: Nascere, vivere, riprodur-si, morire.

Ma per l'uomo, in conseguenza dello sviluppo abnorme della corteccia, invece che di altre parti utili per la sopravvivenza, questo diventa un problema.

Un problema inesistente, cioe' un atto di onanismo mentale, sotto certi aspetti, patologico.

Sottoscrivo ma non totalmente.

Per molte donne e per molti uomini il senso della vita è proprio nascere, vivere, riprodursi, morire. La maggioranza degli esseri umani fa questo, non si interroga su niente e se qualcuno li interroga a riguardo, sul perché sono nati, sul perché vivono, sul perché si riproducono, non sanno fornire una risposta, a volte si arrabbiano pure se incalzi con le domande.
Se va bene ti guardano beoti e beati come se tu fossi una pazza.

C'è una quota minoritaria di persone che non fa altro nella vita che interrogarsi sul senso della propria e altrui esistenza.
Queste persone non sono nè beoti, nè beati.
senzanome is offline  
Vecchio 27-03-2011, 20.07.06   #17
omocaigiacomo
Ospite
 
Data registrazione: 26-03-2011
Messaggi: 11
Riferimento: che senso ha questa vita?

SONO COLPITO dal post di "solechemuore"!

E' lo stesso che ho provato io, ma all'interno di questa confusione ho avuto un momento di lucidità tremenda: ma io sto respirando, sono vivo?
omocaigiacomo is offline  
Vecchio 02-04-2011, 01.11.44   #18
omocaigiacomo
Ospite
 
Data registrazione: 26-03-2011
Messaggi: 11
Riferimento: che senso ha ?

Il mio sentire è che adesso io sia manovrato, spinto ... ma questo significa che c'è una mia natura sconosciuta! E che forse è quella che sono in realtà! E' possibile che non ci sia una strada per raggiungerla?
omocaigiacomo is offline  
Vecchio 02-04-2011, 08.37.52   #19
Sirviu
Ospite abituale
 
Data registrazione: 22-08-2010
Messaggi: 107
Riferimento: che senso ha ?

Citazione:
Originalmente inviato da solechemuore
Mi piace pensare che io sia nata nel posto sbagliato e nel tempo sbagliato. Osservo le persone che mi camminano attorno e mi sento un aliena
E' questa secondo me la chiave di quello che stai vivendo (o stavi vivendo, visto che è passato quasi un anno).
Tu dici: mi piace pensare che e con questo ammetti che in fondo ti sta bene così, è un ruolo che ti si addice.
Se un giorno ti stancherai, avrai la possibilità di porti in modo diverso, di cominciare a sentirti parte di tutto questo e potresti scoprire che non ci stai così male.
Sirviu is offline  
Vecchio 02-04-2011, 18.57.54   #20
jador
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-08-2009
Messaggi: 154
Riferimento: che senso ha ?

Citazione:
Originalmente inviato da omocaigiacomo
Il mio sentire è che adesso io sia manovrato, spinto ... ma questo significa che c'è una mia natura sconosciuta! E che forse è quella che sono in realtà! E' possibile che non ci sia una strada per raggiungerla?

Un nome scritto e riflesso allo specchio risulta al contrario.

Mi sembra che le tue domande contengano gia' la risposta e che quella strada tu l'abbia gia' iniziata a percorrere.

Ma quale puo' essere il senso della vita, se non trovare se stessi?
jador is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it