Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Riflessioni > Riflessioni sulle Scienze
 Riflessioni sulle Scienze - Commenti sugli articoli della omonima rubrica presente su WWW.RIFLESSIONI.IT - Indice articoli rubrica
Vecchio 20-03-2012, 09.39.57   #91
delfi68
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 19-03-2012
Messaggi: 1
Riferimento: Achille e la Tartaruga e altri paradossi

Il paradossso delle misurazioni è stato ridotto, o meglio ricondotto, fino all'estremo dell'indeterminazione della misurazione nel cosiddetto "principio di indeterminazione" di Heisemberg.

Ossia si arriva al punto in cui, nella misurazione dell'infinitamente piccolo, che lo strumento di misurazione è più grande della particella da misurare. E questo comporta non solo un "disturbo" dell'oggetto da misurare, ma anche l'impossibilità ad ottenere una misurazione precisa.
Esempio: per misurare posizione e velocità di un auto, si una un ecodoppler (radar), la macchina viene colpita da un flusso di onde elettromagnetiche. Ma queste onde non rallentano e ne fanno deviare la macchina dalla sua traiettoria..ma è innegabile che la colpiscano.

Se invece la misurazione, anziche a una vettura, è rivolta a una particella sub atomica, può succedere che il fotone, o il neutrone o il protone utilizzato sia sufficientemente grande e pesante da far deviare o arrestare la particella contro la quale è stato scagliato. Ogni osservazione è sempre l'effetto di un contatto tra due o più elementi fisici.
Quindi nell'atto di misurare la particella la si "disturba" e appena dopo la misurazione essa non sarà più veloce o sulla traiettoria precedente la misurazione.

Non solo, se la particella da osservare è più piccola della particella che si usa per osservarla, sucecde che possiamo solo individuarne la posizione, o la velocità (transito tra due punti) ma non entrambi (dimensione).

..non finisce qui..

C'è un'altro motivo che spiega l'ineffabilità della misurazione precis di un punto o di un punto in movimento: Il collasso di funzione d'onda.

Quindi non solo una particella più piccola dello strumento di osservazione è in-misurabile. Ma c'è anche l'evidenza empirica di un effetto, o attributo, della materia del tutto controintuitivo e difficile da accettare\comprendere. Ossia che una particella sub atomica, varia da particella materiale a onda elettrica o elettromagnetica pur mantenendo velocità e direzione. Ma..in qualche modo diventando evanescente!
Un po come osservare una particella di ghiaccio, tramutarsi improvvisamente in vapore!

Il paradosso della misurazione, ridotto fino al mondo sub atomico, è davvero incredibile e affascinante al tempo stesso..
delfi68 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it