Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Scienze
Scienze - Ciò che è, e ciò che non è spiegato dalla scienza.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Scienza e Tecnologia
Vecchio 04-11-2002, 15.24.19   #11
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Cat, io non intendevo il piano morale, ma ciò che l'uomo definisce positivo.

Allora tu dici che solo ciò che è positivo è reale?
Cosa significa reale?
Che esiste?
Anche il male è reale a questo punto ma non è positivo..meglio non viene classificato sotto quel nome.
Non trovi?
baci
deirdre is offline  
Vecchio 04-11-2002, 16.03.54   #12
Armonia
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 250
Citazione:
Messaggio originale inviato da Catharsis
Penso che Armonia, col termine "positivo",non si ponesse su un piano morale ma intendesse invece ciò che è universalmente riconosciuto come reale,effettivo,sperimentale e non vago,astratto e metafisico.



Grazie Catharsis, hai ben interpretato il mio pensiero.

DD
Non sono io, non sei tu o Catharsis o chi ha la mente aperta e pronta a guardare oltre il suo "naso".... a dire che è positivo solo ciò che è reale, ma chi in realtà non crede a nulla se non a ciò che vede e che è scientificamente provato o provabile.

Armonia is offline  
Vecchio 04-11-2002, 21.20.20   #13
david
Ospite abituale
 
L'avatar di david
 
Data registrazione: 09-10-2002
Messaggi: 143
per Deirdre, Armonia, Diestop, Catharsis e chi è interessato in genere…

Questo è il messaggio che ho mandato a proposito della bontà di Dio, come ben sa Deirdre: lo ripropongo dato che il tema interessa anche questo forum.
A risentirci.

“Prima che stoppassero il forum x qualche settimana io e Deirdre avevamo iniziato un discorsetto sulle sedute spiritiche che si è poi interrotto; penso però di poterlo riprendere visto l’attinenza del problema “la bontà di Dio”.
Premetto che sto parlando di argomenti che non solo ho studiato ma vissuto sulla mia pelle in prima persona; sono d’accordo infatti con i saggi quando dissero che è opportuno parlare solo di ciò che si conosce.
In tanti anni ho fatto decine e decine di sedute cosiddette spiritiche, fino a quando ho avuto delle risposte alle mie domande. Le entità che si presentano in tali sedute si autodefiniscono, di solito, spiriti dei defunti. A volte a parlare è uno spirito che si presenta come un parente di qualcuno presente, spesso come uno spirito vissuto qualche centinaio o migliaio d’anni fa. Quando si chiede loro di parlare di Dio il ritratto che ne fanno è incredibilmente simile a quello che ne fa la chiesa cattolica: dolciastro, buonista, “garantista”. Poi, con le opportune domande, scavando scavando, si riesce a volte a far dire a tali entità qualcosa di più scottante: ecco che l’immagine che danno di Dio cambia, e di molto. Lotte, strategie, a volte insulti contro chi non è schierato dalla stessa parte dell’entità; minacce, tentativi di farti pensare come loro e partecipare attivamente a tale lotta “spirituale” contro gli infedeli, che a volte sono un partito politico, a volte dei personaggi famosi. Trame occulte che farebbero impazzire i lettori di romanzi di fantapolitica. Ho accumulato un archivio di rivelazioni, date e dati, luoghi e nomi che farebbero impallidire i più increduli, anche e soprattutto perché di cose vere ce ne sono tante come ho potuto di volta in volta appurare; è proprio quello che ti frega!
Poi, approfondendo tali indagini, ho potuto appurare che tali entità non sono affatto spiriti di defunti, bensì a volte si tratta di “estratti” di corpi eterici e astrali (si potrebbero definire archivi di memoria e di carattere di persone realmente vissute) a volte purtroppo di entità che la tradizione definirebbe demoniache.
Ho potuto appurare che il Male esiste, ha una sua vita e una sua autonomia; soprattutto però ha una sua funzione. E’questo che spesso dimentichiamo: la funzione del Male. Dio è al di sopra del Male ma sa che l’Uomo senza il Male non cresce, cosa questa che tutti noi abbiamo potuto sperimentare nella nostra vita. Solo la sofferenza ci fa veramente crescere. Certo non in modo automatico. Tutto dipende da come superiamo tale esperienza di sofferenza, ma la Coscienza per crescere ha bisogno di ostacoli. Dio vuole trasformare l’uomo in “Uomo” e questo è l’unico modo e mondo possibile per poterci arrivare.”
david is offline  
Vecchio 04-11-2002, 21.38.19   #14
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Travasando il discorso dal mondo metafisico(anche se,a dire la verità,la tua idea di corpi astrali mi affascina parecchio)a quello puramente psicologico mi trovo pienamente d'accordo.La catharsis cos'è,se non il processo spirituale che porta a maturazione tramite il superamento di una fase di sofferenza e dolore?Senza male non potrebbe esistere il bene...ma poi perchè cercare di separare sempre questi due concetti?lo vogliamo capire una volta per tutte che sono 2 facce della stessa medaglia?!

A volte mi è venuto da pensare di essere come posseduto da idee malvage(o buone),che non venissero da me,ma da entità esterne...mi trovavo ad affermare concetti cosi lontani dal mio modo di pensare che non sentivo quasi miei,ma che avevo dentro senza neanche accorgermene...mah,sarà l'ennesima perversione psicologica dell' io....
sisrahtac is offline  
Vecchio 05-11-2002, 00.54.19   #15
david
Ospite abituale
 
L'avatar di david
 
Data registrazione: 09-10-2002
Messaggi: 143
CONDIZIONAMENTI E CATENE

Noi siamo perennemente circondati da sentimenti, idee e pensieri, buoni e cattivi che siano. Un numero incredibile di volte e senza che ce ne accorgiamo andiamo ad attingere da un universo di pensieri già pensati e sentimenti già provati da altri, magari in un lontanissimo passato visto che il concetto di Tempo in tali condizioni perde ogni significato. Siamo esseri liberi, ma potenzialmente. La maggior parte di noi compie quasi ogni azione in modo realmente inconsapevole; il nostro è quasi esclusivamente pensiero riflesso, sentimento riflesso, volontà riflessa. Ma orgogliosamente non lo vogliamo ammettere. Quando ci si accorge di vivere quotidianamente in tali catene allora si comincia ad essere Liberi. La Libertà è la più difficile delle conquiste anche se è la più demagogica delle promesse.
david is offline  
Vecchio 05-11-2002, 01.15.10   #16
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Ma ciò non può essere semplicemente una sensazione dovuta alla nostra cultura?E' ovvio immedesimarsi in pensieri magari già avuti da altri uomini(mi viene da credere che ormai tutto è stato pensato...) in passato,siano questi filosofi,scrittori,poeti,ecc.. .potrebbero essere concetti immagazinati inconsciamente in passato,che quando ci ritoviamo davanti all' autore che li ha espressi ,riaffiorano alla coscienza,sembrando provenire dalla nostra anima!....e poi,in fondo,siamo tutti umani!Tutti abbiamo un substrato comune datoci dal fatto di appartenere alla stessa specie e allo stesso tipo di società!E perchè mai,se la tua teoria fosse giusta,in me non confluiscono mai i pensieri riflessi di un monaco tibetano?Io ho sempre pensieri bene o male coerenti con la mia cultura europea...perchè questa è l'educazione che ho ricevuto!E poi,se ciò che dici fosse vero,anche altri aspetti del pensiero,come la memoria potrebbero essere trasmessi.Ma io non ho memorie che non mi appartengono!I pensieri sono strettamente legati alla vita che chi li ha creati conduce,non penso che potrei far miei pensieri di una ragazza seicentesca..per esempio...

Comunque,tolta questa dimensione "spiritistica" dei pensieri,anch'io credo,come ho più volte detto,che non siamo liberi,ma siamo condizionati,più di quanto ci rendiamo conto,da tutta la cultura che ci precede,da la società che ci circonda e dal periodo storico in cui viviamo...noi siamo condizionati da mille pensieri non nostri,da mille impercettibili variabili....
sisrahtac is offline  
Vecchio 05-11-2002, 06.47.29   #17
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Citazione:
Messaggio originale inviato da Armonia



Grazie Catharsis, hai ben interpretato il mio pensiero.

DD
Non sono io, non sei tu o Catharsis o chi ha la mente aperta e pronta a guardare oltre il suo "naso".... a dire che è positivo solo ciò che è reale, ma chi in realtà non crede a nulla se non a ciò che vede e che è scientificamente provato o provabile.

Armonia...dunque...ci risiamo!!! ho capito ciò che dici, ma tu hai usato un termine molto particolare, positivo, reale....
No, ti ostini a non voler capire il mio pensiero, ma non ne sono meravigliata, le differenze di vedute che abbiamo sono notevoli e ciò che tu definisci reale può non esserlo per me. E non mi dire che la pianta è reale perchè esiste, fino a li ci arrivo pure io.
Allora..positivo= reale...negativo=irreale?????? ????????



Citazione:
ma poi perchè cercare di separare sempre questi due concetti?lo vogliamo capire una volta per tutte che sono 2 facce della stessa medaglia?!

cocordo pienamente...ma proprio in pieno!!!!!!


David, non engo la tua affemazione. Anzi....
deirdre is offline  
Vecchio 05-11-2002, 18.40.49   #18
firenze
Ospite abituale
 
L'avatar di firenze
 
Data registrazione: 28-04-2002
Messaggi: 341
Lo spiritismo è il dono di poter parlare con le entità disincarnate, per fare questo si deve essere un medium, colui cioè che possiede questo dono. Niente di più.
firenze is offline  
Vecchio 05-11-2002, 20.34.36   #19
david
Ospite abituale
 
L'avatar di david
 
Data registrazione: 09-10-2002
Messaggi: 143
Facciamo attenzione...

In questo forum noto che, in modo ricorrente e un poco pedante, ci si soffermi troppo su un singolo termine e che lo si usi veramente a sproposito secondo un’etimologia superficialmente forzata: “positivo”, usato secondo i canoni ottocenteschi come aggettivo da attribuire alla scienza “vera”, è un termine non solo desueto e sorpassato ( tra il positivismo e noi sono passati Nietzsche, l’irrazionalismo, la psicoanalisi junghiana, la relatività, la teoria dei Quanti ecc.) ma ormai “scientificamente” inaccettabile. Gli stessi Quanti (non vorrei però annoiarvi con argomenti veramente scientifici…) sono una Realtà Metafisica scientificamente accertata che coordina e regola l’apparente Caos della nostra vita pratica. Mai come ora, chi vuole essere veramente scientifico, non può fare come San Tommaso, sarebbe una contraddizione grossolana.
Detto questo mi piacerebbe, sempre che siate tutti d’accordo, riportare il discorso sullo spirituale ( o sullo spiritistico?), che poi è il tema vero e proprio di questo forum. Io sono qui e aspetto…
david is offline  
Vecchio 05-11-2002, 21.00.11   #20
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Concordo...non può esistere la "scienza positiva" dopo persone come Einstein e Heisenberg.E la relatività?E il principio di indeterminazione?
sisrahtac is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it