Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 12-12-2006, 13.32.57   #1
angelo2
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-08-2006
Messaggi: 237
redimere i peccati del mondo

apro un nuovo thrade perchè nell'altro si andava fuori tema. Vorrei sapere, ma veramente lo vorrei, in quale modo la morte di Gesù ha salvato l'uomo dai suoi peccati. Quale meccanismo mentale porta a pensare che con la sua morte si sia portato appresso tutti i peccati dell'uomo.
angelo2 is offline  
Vecchio 12-12-2006, 20.39.55   #2
angelo2
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-08-2006
Messaggi: 237
Riferimento: redimere i peccati del mondo

sul fondamento su cui si basa l'intero credo cattolico, ancora nessuna risposta mah!
angelo2 is offline  
Vecchio 12-12-2006, 22.08.31   #3
mathemathikos
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-11-2006
Messaggi: 43
Riferimento: redimere i peccati del mondo

Dal mio punto di vista, più che la morte, mi soffermerei sulla vita di Gesù; il complesso dei suoi insegnamenti, della sua vita, delle sue azioni e della sua "santità". Inoltre, come per Socrate e per Bonhoeffer (sì, non è conosciuto come i primi due, ma andrebbe fatto secondo me...) e per molti altri, il fatto che non si sia sottratto in alcun modo alla fine tragica pur di essere lineare con i propri princìpi rende la sua morte il culmine del suo messaggio. Questa è la mia versione "laica".
mathemathikos is offline  
Vecchio 13-12-2006, 13.16.31   #4
angelo2
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-08-2006
Messaggi: 237
Riferimento: redimere i peccati del mondo

Citazione:
Originalmente inviato da mathemathikos
Dal mio punto di vista, più che la morte, mi soffermerei sulla vita di Gesù; il complesso dei suoi insegnamenti, della sua vita, delle sue azioni e della sua "santità". Inoltre, come per Socrate e per Bonhoeffer (sì, non è conosciuto come i primi due, ma andrebbe fatto secondo me...) e per molti altri, il fatto che non si sia sottratto in alcun modo alla fine tragica pur di essere lineare con i propri princìpi rende la sua morte il culmine del suo messaggio. Questa è la mia versione "laica".

dunque dici che è morto per un ideale? Il suo messaggio finale era: meglio la morte piuttosto che abbandonare i propri principi?
Soffermarsi sulla vita sì, ma nelle chiese non c'è la croce vuota e il Cristo risorto, l'immagine fulcro della chiesa è l'uomo inchodato in croce. Quale significato dà la chiesa all'immagine di morte sulla quale ha costruito il culto?
angelo2 is offline  
Vecchio 13-12-2006, 15.52.31   #5
joannes
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-05-2005
Messaggi: 329
Riferimento: redimere i peccati del mondo

cosa vuoi capire angelo se prima non hai conoscenza del peccato?
cos'è il peccato? e poi dunque e solo allora, tu chi dici chi è ,Gesù?
non secondo la Chiesa, secondo te!
la tua verità "laica" mathemathikos si scontra con i vangeli! anche perchè i vangeli non si sono affatto soffermati, tantomeno hanno concluso la sua Vita con la morte...
joannes is offline  
Vecchio 13-12-2006, 16.26.13   #6
Catone
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-01-2006
Messaggi: 193
Riferimento: redimere i peccati del mondo

La domanda di Angelo è pertinente: difficile capire come la morte di Gesù abbia redendo l'umanità. E difficile capire che vantaggi abbia portato.
E' subito bene dire questo: la questione è teologica e come tale va affrontata.
Cominciamo subito con il dire quale peccato viene redento: quello originale, quello commesso da Adamo ed Eva nel paradiso terrestre.
La conseguenza di quel peccato è la condanna dell'uomo al dolore, alle malattie e alla morte. Con la sua discesa tra di noi Gesù si comporta come un uomo vero e soffre come un uomo qualsiasi. E soffre in un modo disumano, morendo tra infiniti tormenti. E siccome Gesù è Dio, allora è Dio che soffre fino a morire. Prima tappa: Gesù assume su di sè il dolore del mondo.
Secondo parte: risorge. Dopo la sofferenza la glorificazione. Ma quella glorificazione è contemporaneamente la promesa di resurrezione per tutti gli uomini. Quindi morendo e risorgendo Dio assume su sè la morte e libera l'uomo dalla stessa. E gli offre la vita eterna.
Catone is offline  
Vecchio 13-12-2006, 17.48.14   #7
angelo2
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-08-2006
Messaggi: 237
Riferimento: redimere i peccati del mondo

Citazione:
Originalmente inviato da Catone
La domanda di Angelo è pertinente: difficile capire come la morte di Gesù abbia redendo l'umanità. E difficile capire che vantaggi abbia portato.
E' subito bene dire questo: la questione è teologica e come tale va affrontata.
Cominciamo subito con il dire quale peccato viene redento: quello originale, quello commesso da Adamo ed Eva nel paradiso terrestre.
La conseguenza di quel peccato è la condanna dell'uomo al dolore, alle malattie e alla morte. Con la sua discesa tra di noi Gesù si comporta come un uomo vero e soffre come un uomo qualsiasi. E soffre in un modo disumano, morendo tra infiniti tormenti. E siccome Gesù è Dio, allora è Dio che soffre fino a morire. Prima tappa: Gesù assume su di sè il dolore del mondo.
Secondo parte: risorge. Dopo la sofferenza la glorificazione. Ma quella glorificazione è contemporaneamente la promesa di resurrezione per tutti gli uomini. Quindi morendo e risorgendo Dio assume su sè la morte e libera l'uomo dalla stessa. E gli offre la vita eterna.

beh innanzitutto inviterei Jonannes a non trarre delle conclusioni affrettate su chi io sia, sulla mia laicita e lo inviterei ancora a dare delle rispote alla mia domanda e non ad altre cose. La mia domanda è semplice. Il concetto espresso da Catone è frutto di un ragionamento, ma ci si può arrivare soltanto studiando le scritture e facendo delle ipotesi, riflessioni sessioni di studio, ascoltando preti ecc. Premesso che se Gesù è morto per noi, non credo che per "NOI" intenda solo quelli che hanno studiato teologia o quelli che già credevano in Lui, ma NOI TUTTI inteso come la totalità dell'essere umano, anche quelli che di lui non fregava niente o che erano all'oscuro della Sua venuta.
In quale modo Gesù è morto PER NOI? Cosa la Sua la sua morte ha provocato nell'uomo? In quale modo Gesù assume su di sè il dolore del mondo?
Accetto volentieri anche un onesto NON LO SO piuttosto che estrarre la spada e uccidere chi fa domande.
angelo2 is offline  
Vecchio 13-12-2006, 18.14.59   #8
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Riferimento: redimere i peccati del mondo

Citazione:
Originalmente inviato da angelo2
apro un nuovo thrade perchè nell'altro si andava fuori tema. Vorrei sapere, ma veramente lo vorrei, in quale modo la morte di Gesù ha salvato l'uomo dai suoi peccati.
Visto che i "peccati" in realtà non esistono, non si può dire che la morte di Gesù ha "salvato l'uomo". Ciò che si chiama "peccati", sono in realtà solo azioni "sbagliati" che sono prodotto dall'ignoranza.
Citazione:
Quale meccanismo mentale porta a pensare che con la sua morte si sia portato appresso tutti i peccati dell'uomo.
Secondo Martinus questa idea si basa sul fatto storico che nelle religioni primitive dell'umanità il "sacrificio" è sempre stato il modo con l'aiuto di cui il tribù o l'uomo primitivo ha provato di "placare" gli "dei vendicativi" della natura.
Siccome l'uomo all'epoca di Gesù, non poteva capire che l'atteggiamento di Gesù si basava sull'amore per il prossimo, e che il suo compito era quello di dimostrare praticamente che è possibile per un uomo dimostrare amore anche verso persone che agiscono in modo brutale ecc., hanno malinteso la sua missione, e hanno invece "interpretato" la sua morte come un "sacrificio", che avrebbe "salvato" l'uomo.
Invece di "seguire Gesù", cioè fare come faceva Gesù, che sembra troppo difficile per l'uomo, è nata l'idea erronea che la sua morte sarebbe stato un "sacrificio", attraverso cui lui avrebbe tolto "tutti i peccati dell'uomo".

Questa idea ha aiutato l'uomo che credeva ciecamente nei dogmi della chiesa, ma nel lungo andare costituisce un'ostacolo per lo sviluppo dell'uomo, visto che con questa idea non si deve prendere la responsabilità per le proprie azioni, basta "credere", ed ecco, i "peccati" non esistono più.
Per l'uomo intellettuale moderno una tale idea non può naturalmente mai essere accettata, perché è espressione di una morale meno alta di quella del sistema legislativa che l'uomo moderno ha creato e pratica. (Qui un individuo innocente non può essere punito per un crimine fatto da altre persone). Perciò vediamo anche che i dogmi perdono sempre di più quell'influenza che una volta avevano sulla vita dell'uomo.
ciao

Ultima modifica di Rolando : 13-12-2006 alle ore 20.56.13.
Rolando is offline  
Vecchio 13-12-2006, 20.01.28   #9
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: redimere i peccati del mondo

Citazione:
Originalmente inviato da angelo2
sul fondamento su cui si basa l'intero credo cattolico, ancora nessuna risposta mah!
E' DIFFICILE CHE UN CATTOLICO POSSA RISPONDERE SE NON PER DOGMI.
STUDIARE E COMPRENDERE PROFONDAMENTE IL VANGELO E SOPRATTUTTO COMPRENDER IL PERCHE' DI QUESTA ORRENDA CROCIFISSIONE E' STATO SEMPRE UN CONTINUO CERCARE RISPOSTE PLAUSIBILI E CONCILIABILI CON UN DIO "AMOREVOLE"......
per me era un chiodo fisso poichè se da piccola ho accettato ciecamente la versione fideistica cattolica crescendo avrei voluto strapparlo da quella croce
e gridavo dentro di me i miei mille perchè.
Poi ho compreso studiando, approfondendo esotericamente il significato della vita di Gesù e della necessità della Croce.
Senza di essa non ci sarebbe il Cristianesimo, la religione dell'amore per il nemico, del perdono anche per chi ti toglie le cose più care, per chi ti toglie la vita......ho compreso cosa vuol dire fare la volontà del Padre, lasciare
agire il proprio Sè Spirituale, divenire un canale purissimo delle Spirito,
abbandonarsi totalmente e distaccarsi a tal punto dalla Materia, da divenire UNO. A quel punto il Cristo diventa il simbolo della più alta spiritualità.
Certo è una spiritualità talmente elevata da divenire Uno con Dio, da trasfigurare e trasmutare ogni cellula del Corpo....Ma possono tutti
gli esseri umani raggiungere questo livello? ecco che allora il Cristianesimo
diviene àncora per i deboli, i poveri di spirito, i miseri, quelli che devono
fare i conti con le proprie fragilità e cui basta un pò di devozione e rituale
per sentirsi a posto.....
Quanto ai peccati......Gesù era talmente consapevole delle conseguenze degli errori che commettiamo, delle leggi perfette karmiche che dice sempre
stai attento non fare più errori chè non ti accada di peggio!!!
Se fosse stato consapevole che bastava invocare il suo nome
per non subire conseguenze alle proprie azioni, non avrebbe detto
quelle parole ma cerca di comportarti bene, e se sbagli confessati ai miei ministri poichè così sarai perdonato.....
D'altra parte noi tutti sappiamo che regole di igiene e di buon comportamento
ci aiutano in vita a difenderci dalle malattie e a vivere in santa pace e quindi
raccogliamo ciò che seminiamo.........
Gesù ci esorta sempre a trovare i nostri talenti, sia pure uno solo, e a metterlo
a disposizione .....
poichè a chi ha sarà dato e sarà nell'abbondanza, a chi non ha sarà tolto anche quello che ha.....
Gesù vuole essere medico delle anime e non giudice delle anime...
vuole comprendere, amare, esortare a rinascere e a vivere bene
la vita......per questo ritengo anch'io che si può parlare soltanto di benedizione della Terra e di Tutta l'Umanità più che di redenzione.
La Croce è simbolo di porta verso il Cielo, ma solo se sei ben radicato
alla terra, è anche simbolo di discesa di continue grazie e benedizioni
su questo pianeta bagnato dal sangue di un Essere Divino.
Gesù Cristo diviene lo Spirito Cosmico Manifesto e ama la terra e tutto
ciò che in essa vive. Moltissimi altri maestri hanno raggiunto livelli di unione con il Divino, ma Lui ha iniziato una Religione, che con i suoi pregi e difetti
ha o sta cercando di trasformare il mondo.
paperapersa is offline  
Vecchio 13-12-2006, 21.39.27   #10
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: redimere i peccati del mondo

Io dico solo,(concordando con Johannes) che se l'uomo non si misura con la Grazia di Dio,non puo' comprendere il peccato in tutta la sua realta'.
Se non conosco la bellezza del sole perche' vivo di notte,come posso comprendere che la notte e' buia?
Devo prima conoscere il fascino del giorno e la meraviglia del sole,poi posso davvero arrivare ad una conclusione.
Ma se a priori escludo che possa esistere il sole,allora voglio solo vivere la notte!
Gesu' ha Redento l'uomo con il suo Sangue Prezioso per amore dell'uomo e per un suo infinito slancio di Misericordia,essendo Dio ha offerto il suo Sangue Santo ed Immacolato per l'uomo caduto nel peccato.
Ha offerto Se Stesso,e' come se avesse offerto il Cielo al Cielo,di piu' non avrebbe potuto fare.
massylety is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it