Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 25-10-2007, 18.35.34   #71
ERRI8013
Ospite abituale
 
Data registrazione: 21-10-2007
Messaggi: 51
Riferimento: Chi è Gesù di Nazareth, chi è il Cristo

Che cosa significa credere in una disciplina scientifica, sino a prova contraria? Sono "univesali", ad esempio, le Teorie ed i 'metodi' scientifici?

Sono gli unici strumenti attraverso cui possiamo giungere a qualche conoscenza nel gioco che chiamiamo immanenete.

Attenzione, per 'significante' si intende ciò che ha significato; mentre il 'significato' è quello che ognuno attribuisce ad un determinato 'significante'.
Per quanto mi riguarda Pietro e Paolo stanno parlando della medesima cosa, relativamente al medesimo annuncio, sebbene in forme o posizioni/livelli differenti. Il Messaggio è identico, anzi: l'uno complementa l'altro, in termini di comprensione dell'unica e sola Verità Rivelata.
A te intendere quel che preferisci ..

Come dicevo significante e significato sono differenti, per mia fortuna non ho ancora bisogno di ripetizioni di linguistica generale.

Il giudizio è avvenuto sia storicamente parlando con la cacciata del popolo ebraico dalla propria terra, sino ai nostri giorni, sia con la caduta dell'Impero Romano ( anche se questo non doveva necessariamente essere il fine ).
Inoltre la rivoluzione è stata a livello di coscienza, dunque spirituale, dato che nella Manifestazione del Figlio avverrà la Giustizia Promessa e la fine del falso regno del male, a cui l'uomo e la donna - ingannati - sono asserviti ..
Si parla della Verità, maiuscola ( nessuno te la impone, tranquillo; sei tu che mi hai dato modo di toccare l'argomento, ma non è adeguato al discorso ).
Comunque sappi solo che il primo Giudizio è nello spirito, ma il secondo sarà definitivo.

Perchè quando parlavano del Giorno del Giudizio non lo hanno specificato? Dove sono ora i buoni?

Direi che parlano di 'volta celeste', riportata biblicamente, ma io mi riferivo esclusivamente ai capitoli da te citati del Libro di Daniele.

No, quelli che io ho incontrato parlano di sfericità della terra, prova ad informarti.

Per te dunque 'mito' significa 'religione' ?
Liberati dell'occlusione "empirica" che non può varcare la soglia di una "verità" esteriore e relativa.
La Causa non è data da quanto Appare .. E non aggiungo altro.

Io ti ho semplicemente chiesto cosa significa secondo te mito, perchè salti a conclusioni sul significato che ha per me?

Non è questione di preferire, leggi bene; ho parlato di due estremi molto precisi ( non ha senso cercare di dimostrare il falso per partito preso; trovo sia ben peggio che limitarsi alla Fede ).

Quindi pretendi che le tue preferenze siano valori assoluti?

Esistono già analisi mediche su casi dove è intervenuta la sostanza divina.
I tuoi tipi di 'prova' non sono compatibili con il divino, ma dato che non ti interessa l'argomento, non comprendendolo, non hai problemi a riguardo.
Per quanto mi riguarda non puoi essere 'iniziato' a realtà spirituali e se tenti di avvicinarti ad esse, non puoi che navigare in acque oscure ed ignote; come diversamente non potrebbe essere.
Dunque continua pure ad indagare e concludere quanto e come vuoi .. Lo spirito non è contenibile in forme materiali stringenti/"costringenti"...

Ma come? Prima mi dici che ci sono analisi mediche in cui è provata la sostanza divina (mi daresti qualche riferimento altrimenti parliamo di aria fritta) e poi mi dici che non è contenibile?

Non conosci di cosa parli, dato che non sai cosa è lo 'spirituale' ( non vi sono 'formule' per definirlo, ma solo 'metodi iniziatici' - i quali non sono per tutti - per apprenderlo ed assumerlo ) ..

Certo, sono per quelli più facilmente suggestionabili.

E' l'esatto contrario.
L'auto-suggestione viene dal sé .. la Verità si manifesta ed opera dall'esterno con potenza ed esattezza assolute ed oggettive o universali ( altrimenti - se essa fosse solo 'relativamente' vera - non esisterebbe alcun Giudizio e ognuno potrebbe fare come gli pare ).

Mostrami queste prove oggettive assolute, altrimenti resta suggestione

Tutto può essere compreso con la Giusta ed Unica Chiave di Lettura ( intus ).
Cosa 'credi' di aver compreso/capito di certo nella tua vita .. ?

Io non ho certezze.

Non è esatto, si parla di quella acquisita, che nessuno può controbattere ( non è da tutti, ma il cammino è lungo ).

E quale sarebbe? Oppure è la solita cosa che non si può confutare ma non si può neanche spiegare?

Esiste un'evoluzione, rispetto alla comprensione della Verità ( la quale non è "democratica" ), ossia di quella che porta a risultati superiori e che ha un 'frutto' che rimane sempre.

Che sarebbe? Prove al riguardo?

Niente lo è, eppure tutto lo è . Quella dell'Essere ..

Bacchettata bonaria sulle mani...
ERRI8013 is offline  
Vecchio 25-10-2007, 21.25.01   #72
koan
Utente bannato
 
L'avatar di koan
 
Data registrazione: 19-09-2007
Messaggi: 522
Riferimento: Chi è Gesù di Nazareth, chi è il Cristo

Citazione:
Originalmente inviato da ERRI8013
Che cosa significa credere in una disciplina scientifica, sino a prova contraria? Sono "univesali", ad esempio, le Teorie ed i 'metodi' scientifici?

Sono gli unici strumenti attraverso cui possiamo giungere a qualche conoscenza nel gioco che chiamiamo immanenete.

Lo strumento più affinato e meglio tarato è l'essere umano; tu che ne dici ?


Citazione:
Originalmente inviato da ERRI8013
Attenzione, per 'significante' si intende ciò che ha significato; mentre il 'significato' è quello che ognuno attribuisce ad un determinato 'significante'.
Per quanto mi riguarda Pietro e Paolo stanno parlando della medesima cosa, relativamente al medesimo annuncio, sebbene in forme o posizioni/livelli differenti. Il Messaggio è identico, anzi: l'uno complementa l'altro, in termini di comprensione dell'unica e sola Verità Rivelata.
A te intendere quel che preferisci ..

Come dicevo significante e significato sono differenti, per mia fortuna non ho ancora bisogno di ripetizioni di linguistica generale.

Esatto è come dici, non per fare un giro di parole, ma solo per essere chiari:
Cristo è il 'significante'; mentre esso va applicato diversamente ad "ebrei" e "gentili" ( nel loro senso più generico ).
Se ne evince che in tal senso che il 'significante' resta sempre il medesimo, mentre il 'significato' è quello che viene applicato da parte degli "uni" e degli "altri" .. La Predicazione è la stessa identica ( Paolo e Pietro sono come uno, poiché tutto deriva dallo Spirito e da quanto "Esso" gli comandava ).
Buona lettura delle relative Lettere del Nuovo Testamento!


Citazione:
Originalmente inviato da ERRI8013
Il giudizio è avvenuto sia storicamente parlando con la cacciata del popolo ebraico dalla propria terra, sino ai nostri giorni, sia con la caduta dell'Impero Romano ( anche se questo non doveva necessariamente essere il fine ).
Inoltre la rivoluzione è stata a livello di coscienza, dunque spirituale, dato che nella Manifestazione del Figlio avverrà la Giustizia Promessa e la fine del falso regno del male, a cui l'uomo e la donna - ingannati - sono asserviti ..
Si parla della Verità, maiuscola ( nessuno te la impone, tranquillo; sei tu che mi hai dato modo di toccare l'argomento, ma non è adeguato al discorso ).
Comunque sappi solo che il primo Giudizio è nello spirito, ma il secondo sarà definitivo.

Perchè quando parlavano del Giorno del Giudizio non lo hanno specificato? Dove sono ora i buoni?

Esistono due "morti" e due Resurrezioni ..
Sai di cosa parlo ?
La divisione si attua da Cristo al tempo del suo Ritorno ( ne conosci le ragioni, o non conoscendo è il caso di ridurre tutto a zero - logica binaria - sino a "prova" contraria ? ) ..


Citazione:
Originalmente inviato da ERRI8013
Direi che parlano di 'volta celeste', riportata biblicamente, ma io mi riferivo esclusivamente ai capitoli da te citati del Libro di Daniele.

No, quelli che io ho incontrato parlano di sfericità della terra, prova ad informarti.

Ti sbagli, oppure hai incontrato TdG semplicemente incompetenti .. informati tu; so bene di cosa parlo...


Per te dunque 'mito' significa 'religione' ?
Liberati dell'occlusione "empirica" che non può varcare la soglia di una "verità" esteriore e relativa.
La Causa non è data da quanto Appare .. E non aggiungo altro.

Io ti ho semplicemente chiesto cosa significa secondo te mito, perchè salti a conclusioni sul significato che ha per me?

Perché 'mito' è il termine del tuo problema, non certo del mio ( la questione la rimando semplicemente al mittente: non ho bisogno di rispondere a questioni che non significano niente per me e sulla base di quanto spiegato sin ora ).
Neanche tu hai risposto alla domanda: quando lo facessi, comprenderesti anche...


Citazione:
Originalmente inviato da ERRI8013
Non è questione di preferire, leggi bene; ho parlato di due estremi molto precisi ( non ha senso cercare di dimostrare il falso per partito preso; trovo sia ben peggio che limitarsi alla Fede ).

Quindi pretendi che le tue preferenze siano valori assoluti?

Continui a parlare di "preferenze", mentre ti ho fatto un discorso ben preciso.


Citazione:
Originalmente inviato da ERRI8013
Esistono già analisi mediche su casi dove è intervenuta la sostanza divina.
I tuoi tipi di 'prova' non sono compatibili con il divino, ma dato che non ti interessa l'argomento, non comprendendolo, non hai problemi a riguardo.
Per quanto mi riguarda non puoi essere 'iniziato' a realtà spirituali e se tenti di avvicinarti ad esse, non puoi che navigare in acque oscure ed ignote; come diversamente non potrebbe essere.
Dunque continua pure ad indagare e concludere quanto e come vuoi .. Lo spirito non è contenibile in forme materiali stringenti/"costringenti"...

Ma come? Prima mi dici che ci sono analisi mediche in cui è provata la sostanza divina (mi daresti qualche riferimento altrimenti parliamo di aria fritta) e poi mi dici che non è contenibile?

Non rigirarti i discorsi, che tra l'altro riporti: è provata la guarigione inspiegabile, non la sostanza divina che vorresti campionare ..
L'aria fritta trasformala facendo i tuoi studi, non ho bisogno di darti materiale a riguardo ( il quale non alimenta certo la Fede, che non comprendi; non almeno per quanto mi riguarda ).


Citazione:
Originalmente inviato da ERRI8013
Non conosci di cosa parli, dato che non sai cosa è lo 'spirituale' ( non vi sono 'formule' per definirlo, ma solo 'metodi iniziatici' - i quali non sono per tutti - per apprenderlo ed assumerlo ) ..

Certo, sono per quelli più facilmente suggestionabili.

E' vero, ma non è vero solo quanto affermi...


Citazione:
Originalmente inviato da ERRI8013
E' l'esatto contrario.
L'auto-suggestione viene dal sé .. la Verità si manifesta ed opera dall'esterno con potenza ed esattezza assolute ed oggettive o universali ( altrimenti - se essa fosse solo 'relativamente' vera - non esisterebbe alcun Giudizio e ognuno potrebbe fare come gli pare ).

Mostrami queste prove oggettive assolute, altrimenti resta suggestione

Non posso farlo, ma ci sono per questo i testimoni.
Non ti fornirei mai - seppur potessi - quanto chiedi in tal modo... e neanche Dio lo farà.
Sei completamente fuori strada, per quanto mi riguarda ..


Citazione:
Originalmente inviato da ERRI8013
Tutto può essere compreso con la Giusta ed Unica Chiave di Lettura ( intus ).
Cosa 'credi' di aver compreso/capito di certo nella tua vita .. ?

Io non ho certezze.

Non mi sembra, dato che non riesci - non volendo - a trovare altri 'metodi' e 'strumenti' di comprensione.
Non avrai mai 'certezze' ( quelle superiori al sé ed alle Leggi che regolano la Materia ), non perché esse non esistano, ma perché il tuo 'metodo' è sbagliato.
Inoltre Dio è Persona, non 'oggetto'; comportati allo stesso modo con tua moglie e comprenderai meglio l'assurdità del tuo agire. Dio è Amore, non 'meccanica' ..


Citazione:
Originalmente inviato da ERRI8013
Non è esatto, si parla di quella acquisita, che nessuno può controbattere ( non è da tutti, ma il cammino è lungo ).

E quale sarebbe? Oppure è la solita cosa che non si può confutare ma non si può neanche spiegare?

La propria 'verità' porterà ognuno ad un risultato; dunque ad ognuno il suo.
Parlo di quanto viene chiesto e si riceve...


Citazione:
Originalmente inviato da ERRI8013
Esiste un'evoluzione, rispetto alla comprensione della Verità ( la quale non è "democratica" ), ossia di quella che porta a risultati superiori e che ha un 'frutto' che rimane sempre.

Che sarebbe? Prove al riguardo?

Ripassati quanto sull'evoluzione umana e della vita; ti basta questo ( o forse no .. ).


Citazione:
Originalmente inviato da ERRI8013
Niente lo è, eppure tutto lo è . Quella dell'Essere ..

Bacchettata bonaria sulle mani...

No, e perché... Che cos'è l'Essere .. ?
Rispondi e troverai la tua prima certezza .. ma in fondo è possibile averne?
Altrimenti si parlerebbe sempre e solo d'aria fritta, non trovi ?

E divertente parlare con te.
Ciao
koan is offline  
Vecchio 27-10-2007, 17.17.35   #73
ERRI8013
Ospite abituale
 
Data registrazione: 21-10-2007
Messaggi: 51
Riferimento: Chi è Gesù di Nazareth, chi è il Cristo

Francamente non leggo una sola cosa interessante in tutto il tuo discorso.

Portami una sola prova di quanto dici, un solo riferimento, altrimenti continuiamo a parlare di aria fritta e tu continui ad eludere le domande.

Non mi va affatto di fare giochetti da quinta elementare.
ERRI8013 is offline  
Vecchio 03-11-2007, 16.51.16   #74
erasmo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-01-2007
Messaggi: 92
Riferimento: Chi è Gesù di Nazareth, chi è il Cristo

Citazione:
Originalmente inviato da spirito!libero
Ciao Erasmo,

In realtà, i seguenti enunciati di Voltaire:

Jesu nacque sotto la Legge mosaica - fu circonciso - segui' fedelmente tutti i precetti, come pure le feste

Jesu visse da giudeo, Mai si allontano' dalla religione dei suoi padri.

Sono tutt’oggi confermati dalla moderna scienza storico-critica e supportati dallo studio filologico dei manoscritti.

Secondo la teoria dominante in ambito accademico, Gesù era un ebreo, nacque da ebreo e morì da ebreo. Egli certamente portava un messaggio rivoluzionario per certi aspetti, tuttavia la sua figura era perfettamente inquadrabile nei movimenti apocalittici e di attesa messianica dell’epoca.

Dunque non tutte le affermazioni di Voltaire sono false, alcune di essere dopo essere state abbandonate per decenni, sono state riprese con forza perché ritenute le più verosimili dal punto di vista storico.

E’ vero che Voltaire sbaglia nel sostenere il lasso temporale di tre secoli, tuttavia non erra quando sostiene che vi è stata una progressiva divinizzazione del Gesù storico.

Saluti
Andrea


Andrea
sulla ebraicità di Gesù non credo ci sia da spendere tante parole perchè oramai c'è un largo consenso da parte cristiana ed ebrea ( a parte le solite frangie)
Ma mi pare che non ci sia nessun accordo sulle tue conclusioni quando vorresti inquadrare Gesù nei movimenti messianici o apocalittici di allora, anche perchè erano assai articolati, numeroso e diversissimi ( come compare poi anche nella Bibbia).
E' inutile che ti dica che i miei riscontri li ho fatti sia sui testi biblici e teologici e sia seguendo studiosi del problema. Ti cito quelli che più ho seguito: Charlesworth, Barbaglio, Meier, Flusser e Calimani.
Le loro posizioni assai chiare e portano ben più avanti e diversamente di quanto dici tu.

Su Voltaire: non credo possa essere preso in blocco dal momento che in genere non è sistematico e tanto meno dimostrativo. Il suo intento è pamphlettistico ( per cui, per altre cose, teneva sempre d'occhio il confine che era in fondo alla strada dove abitava..., per ovvi motivi).
Che come dice anche Eljahu in altro intervento, è vero che qualche volta ci azzecca, visto che l'uomo era sveglio e attento ( vedi anche il volume del Prandi sul deismo del settecento edizioni Il Mulino 1975 ).
Ma che sia da inserire nella cronaca o nella storia degli studi sulla ebraicità di Gesù, mi pare un argomento un po' eccessivo.
Tra l'altro tu sai benissimo che quando poi Voltaire parla dell'ebriacità di Gesù, non lo fa certamente in modo positivo come lo facciamo noi, visto anche il suo concetto sugli ebrei.
Sul discorso della progressiva divinizzazione di Crsito, mi pare ,scusa, alla luce dei fatti, non vera. Gli autori prima del III secolo li conosci anche tu,
Al massimo c'è una chiarificazione ed esplicitazione del dogma. Ma questa è tutta un'altra cosa .
Ciao
erasmo is offline  
Vecchio 03-11-2007, 19.00.11   #75
Gianfry
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-06-2003
Messaggi: 401
Riferimento: Chi è Gesù di Nazareth, chi è il Cristo

Citazione:
Originalmente inviato da niemand
Salve.
È da un po’ di tempo che seguo questo forum con molto interesse, e ho notato che si scrive molto sul Cristianesimo, molti dei post che o letto si parla di Gesù e poi di Cristo, si scrive anche parecchio sull’incarnazione, sull’evoluzione dell’uomo.
La mia domanda, è cercare di sapere chi è o era il Gesù di Nazareth, chi è il Cristo, cosa ha donato il Buddha Gautama, al Cristianesimo, cosa hanno in comune queste tre individualità, fra loro?
Grazie.

Secondo lo Spirito del Padre, che si rivela in questo tempo, Gesù e Cristo sono due persone diverse. Gesù è effettivamente il figlio primogenito di Dio e di Dea, nato nel Regno di Dio. Gli altri due figli di Dio e Dea sono Adamo ed Eva, nati nel Pianeta Bellatrix (noto come EDEN). Perciò Gesù non è nato su questa terra, come ci è stato detto, ma è venuto direttamente all'età di 6 anni direttamente dal Regno di Dio. Ecco perché nessuno sa dove e quando sia nato Gesù. Cristo invece è il figlio naturale che Gesù ebbe da una donna di nome Lucia, un anno prima che ascendesse al Cielo (all'età di 29 anni), così come arrivò sulla Terra. Cristo non ha conosciuto quindi suo padre; ha solo sentito raccontare dai suoi contemporanei quello che Gesù aveva detto e fatto. Gesù faceva i miracoli, ma Cristo non aveva tale potere. Anzi, aveva ereditato da sua madre un grosso karma che lo portò alla morte per crocifissione.
Quello che ci è stato raccontato dalla Chiesa circa Gesù Cristo è tutta invenzione. Ma ora Dio Padre ci sta rivelando come sono andate effettivamente le cose.
Per chi volesse approfondire l'argomento si suggerisce di leggere i seguenti articoli:
http://www.ascensione.org/la_vera_storia_di_gesu.htm
http://www.ascensione.org/passione_di_cristo.htm
Gianfry is offline  
Vecchio 03-11-2007, 20.52.34   #76
spirito!libero
Ospite abituale
 
L'avatar di spirito!libero
 
Data registrazione: 08-11-2006
Messaggi: 1,334
Riferimento: Chi è Gesù di Nazareth, chi è il Cristo

Citazione:
Originalmente inviato da erasmo
Andrea
sulla ebraicità di Gesù non credo ci sia da spendere tante parole perchè oramai c'è un largo consenso da parte cristiana ed ebrea ( a parte le solite frangie)
Ma mi pare che non ci sia nessun accordo sulle tue conclusioni quando vorresti inquadrare Gesù nei movimenti messianici o apocalittici di allora, anche perchè erano assai articolati, numeroso e diversissimi ( come compare poi anche nella Bibbia).
E' inutile che ti dica che i miei riscontri li ho fatti sia sui testi biblici e teologici e sia seguendo studiosi del problema. Ti cito quelli che più ho seguito: Charlesworth, Barbaglio, Meier, Flusser e Calimani.
Le loro posizioni assai chiare e portano ben più avanti e diversamente di quanto dici tu.

Su Voltaire: non credo possa essere preso in blocco dal momento che in genere non è sistematico e tanto meno dimostrativo. Il suo intento è pamphlettistico ( per cui, per altre cose, teneva sempre d'occhio il confine che era in fondo alla strada dove abitava..., per ovvi motivi).
Che come dice anche Eljahu in altro intervento, è vero che qualche volta ci azzecca, visto che l'uomo era sveglio e attento ( vedi anche il volume del Prandi sul deismo del settecento edizioni Il Mulino 1975 ).
Ma che sia da inserire nella cronaca o nella storia degli studi sulla ebraicità di Gesù, mi pare un argomento un po' eccessivo.
Tra l'altro tu sai benissimo che quando poi Voltaire parla dell'ebriacità di Gesù, non lo fa certamente in modo positivo come lo facciamo noi, visto anche il suo concetto sugli ebrei.
Sul discorso della progressiva divinizzazione di Crsito, mi pare ,scusa, alla luce dei fatti, non vera. Gli autori prima del III secolo li conosci anche tu,
Al massimo c'è una chiarificazione ed esplicitazione del dogma. Ma questa è tutta un'altra cosa .
Ciao


Caro Erasmo,

Citazione:
“Ma mi pare che non ci sia nessun accordo sulle tue conclusioni quando vorresti inquadrare Gesù nei movimenti messianici o apocalittici di allora, anche perchè erano assai articolati, numeroso e diversissimi ( come compare poi anche nella Bibbia).”

Certamente, ma per quanto diversi Gesù è inquadrabile in tali movimenti con le dovute differenze e peculiarità, ovviamente. Non sto dicendo che tutti concordano nel “limitare” Gesù ad un profeta apocalittico, sto sostenendo che la sua figura storica era comunque parte attiva di quei movimenti.

Citazione:
“E' inutile che ti dica che i miei riscontri li ho fatti sia sui testi biblici e teologici e sia seguendo studiosi del problema. Ti cito quelli che più ho seguito: Charlesworth, Barbaglio, Meier, Flusser e Calimani.”

Conosco bene gli autori che citi. Meier su tutti è sulla linea di quello che sto scrivendo. Ovviamente da cattolico va oltre il Gesù della storia, ma dal punto di vista antichistico non possiamo non dire che anche Gesù fu parte di quel periodo e dunque la sua predicazione era intrisa di quella cultura.


Su Voltaire non mi pronuncio più di tanto perché non ho una conoscenza tale dei suoi scritti relativi al cristianesimo che mi permetta di discettarne approfonditamente.

Citazione:
“Sul discorso della progressiva divinizzazione di Crsito, mi pare ,scusa, alla luce dei fatti, non vera. Gli autori prima del III secolo li conosci anche tu,
Al massimo c'è una chiarificazione ed esplicitazione del dogma. Ma questa è tutta un'altra cosa .”

Attenzione, non vorrei che confondessi la mia posizione con quella mitica di origine bultmaniana. Quando io parlo di “progressiva divinizzazione” della figura storica di Gesù, colloco il procedimento all’interno del primo secolo, anzi, a pochi decenni dalla sua morte. Sostengo altresì che nessuno dei suoi discepoli diretti lo considerasse Dio, ma al massimo il messia (anche se non era affatto una concezione unanime). Dalla seconda e terza generazione di discepoli si avrà una piena divinizzazione di Gesù, pur non identificandolo ancora come consustanziale al Dio della tradizione giudaica.

Saluti
Andrea
spirito!libero is offline  
Vecchio 03-11-2007, 20.58.28   #77
spirito!libero
Ospite abituale
 
L'avatar di spirito!libero
 
Data registrazione: 08-11-2006
Messaggi: 1,334
Riferimento: Chi è Gesù di Nazareth, chi è il Cristo

Citazione:
Originalmente inviato da Gianfry
Quello che ci è stato raccontato dalla Chiesa circa Gesù Cristo è tutta invenzione

Capisco, mentre quello che stai sostenendo tu è pura verità. Se è possibile, potresti darci (a me e a tutti gli storici del cristianesimo dell'intero globo terraqueo) le coordinate di questi documenti rivelatori che attesterebbero la tua verità storica ?

Sempre che quest'ultima non sia figlia di un'epifanica rivelazione o giunta sulla terra nientemeno che con una teofania privata in piena regola.

Grazie
Andrea
spirito!libero is offline  
Vecchio 07-11-2007, 23.24.50   #78
sebastianb
osservatore
 
L'avatar di sebastianb
 
Data registrazione: 24-09-2007
Messaggi: 362
Riferimento: Chi è Gesù di Nazareth, chi è il Cristo

Citazione:
Originalmente inviato da spirito!libero
Capisco, mentre quello che stai sostenendo tu è pura verità. Se è possibile, potresti darci (a me e a tutti gli storici del cristianesimo dell'intero globo terraqueo) le coordinate di questi documenti rivelatori che attesterebbero la tua verità storica ?

Sempre che quest'ultima non sia figlia di un'epifanica rivelazione o giunta sulla terra nientemeno che con una teofania privata in piena regola.

Grazie
Andrea
Salve S.Libero, mi riferisco alla risposta data all'amico Gianfry. Orbene ho trovato un commento del 1597/98 !! Sai di chi ? Dal martire della liberta' di pensiero Giordano Bruno ( come tu sai era quell' eretico impenitente che la santa gerarchia torturo' e arse vivo perchè NON voleva sottomettersi ai dogmi della santa chiesa cattolicacristiana ). Figurati quattro secoli fa !!! Ti trascrivo la sua tesi riguardante l'ascesa divina di Jesu Il Cristo ( dal libro G.Bruno di Eugenio Drewermann - Saggi BUR) = nessuno ormai osa distinguere tra la figura storica del Nazareno e il dogma del " Cristo " intrisi di superstizione ( !!) , che la chiesa le ha sovrapposto !! Persino gli avversari della chiesa sembrano ignorare che la disputa sull'insegnamento "autentico" di cristo verte intorno alle definizioni della persona di cristo date dalla chiesa, , e in ultima analisi essa viene condotta affinchè sia riconosciuto il potere della chiesa. Continua il grande martire ( che pati' la tortura del clero tanto quanto Jesu !! ) se in Dio non vi sono 3 persone , in Jesu non puo' essersi incarnata una seconda persona divina; incarnazione del logos = questo termine creato ad arte dai teologi (!!) inculcatomi sin da piccolo ( ma guarda un po' anche nei secoli passati il clero rimbambiva i piccoli "- i puri " ). Ma chi nega che Jesu sia figlio di un Diotrino cessa di essere un devoto , figlio della triplice costellazione ecclesiastica = fatta di SETE DI POTERE / IGNORANZA / e ASSERVIMENTO: Padre, Figlio, e SPIRITO della CHIESA, uniti nella limitatezza della Spirito. --------- Pensa un po' S.Libero che audacia questo G.Bruno !!! E purtroppo pago' con la vita, ma rimarra' comunque il simbolo della liberta' di pensiero contro la tracotanza del clero cattolicocristiano. ---- Questo per dimostrarti S.Libero: anche quando l'analfabetismo nei secoli passati era altissimo, tuttavia c'era sempre qualcuno ( malgrado la ferocia del clero ) contestava la santa verita' e metteva in DUBBIO la "" divinita "" del Nazareno. ------ E anche se il devoto Koan non è d'accordo, sara' l' Illuminismo a liberarci da chi deteneva la unica e " sola" " verita' " ( " v " miniscolo !!) = la santa chiesa cattolicacristiana - cordialita'
sebastianb is offline  
Vecchio 08-11-2007, 08.52.08   #79
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Chi è Gesù di Nazareth, chi è il Cristo

E' vero che si può scorgere qualcosa di progressivo nella divinizzazione del Cristo nel senso che si sono applicate a Gesù di Nazareth tutte le prerogative e le categorie di un Dio filosoficamente ed astrattamente concepito. Il pensiero greco ha una certa responsabilità in questo.

L'immagine di Cristo ha assunto quei caratteri astratti che ne ha fatto una persona al di fuori del tempo e dello spazio oscurandone l'umanità che è invece l'elemento determinante per capire quale genere di dio sia il Cristo.
C'è una dissonanza fra il Cristo biblico e il dio elaborato dal pensiero astratto che si coglie facilmente "entrando" nelle Scritture.

Dalle Scritture emerge un Cristo-Signore, colto persino in qualche momento della sua crescita. Un Signore che cresce soffre e gioisce, che mangia e beve, che piange e si angoscia.

Il Dio pensato dagli uomini e dai saggi, persino dai profeti è rivelato, con scandalo degli uomini ieri come di oggi, essere un uomo in tutto e per tutto, un uomo in cui non si riscontrano difetti morali o spirituali.

Lo scandalo è che un uomo sia dio e dio sia un uomo, e che questo uomo-dio sia umilissimo.

Non sono troppo meravigliato quindi che persone che poco o niente conoscono delle Scritture d'Israele e delle Scritture cristiane affrontino il problema Gesù Cristo facendo lo stesso errore di quei teologi che hanno trattato questo uomo come un oggetto astratto della filosofia.

La logica necessaria per organizzare il pensiero in proposizioni non contraddittorie serve ben poco alla conoscenza se non si conoscono i fatti storici e le modalità di trasmissione di questi fatti.

Una condizione necessaria per poter parlare di Gesù Cristo è conoscere la testimonianza biblica per ottenere la quale occorre, come per tutte le conoscenze una applicazione costante ed una fame di verità scevra da pregiudizi.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 08-11-2007, 10.01.58   #80
spirito!libero
Ospite abituale
 
L'avatar di spirito!libero
 
Data registrazione: 08-11-2006
Messaggi: 1,334
Riferimento: Chi è Gesù di Nazareth, chi è il Cristo

Per sebastianb,

non capisco perché hai rivolto questo tuo scritto a me volendomi dimostrare che esisteva chi criticava la gerarchia anche secoli addietro quando lo so benissimo e non l’ho mai negato, anzi. Ben prima di Bruno vi erano schiere di “eretici” che ne dicevano di cotte e di crude, a partire da primissimi secoli ! Dunque non è affatto necessario arrivare al 1.500. La mia risposta a Ganfry era una richiesta di informazioni storiche inerenti le sue affermazioni e nulla più.

Per Giorgiosan

Citazione:
“Una condizione necessaria per poter parlare di Gesù Cristo è conoscere la testimonianza biblica per ottenere la quale occorre, come per tutte le conoscenze una applicazione costante ed una fame di verità scevra da pregiudizi.”

E se qualcuno avesse conoscenza biblica approfondita ma proprio per questo avesse un’opinione differente ? Inoltre non esiste nessuno al mondo che non si accosti ad un testo e ad una ricostruzione storica senza pre-giudizi, giacchè anche gli schemi e le griglie concettuali con le quali si affrontano gli studi sono dei pre-giudizi.

Saluti
Andrea
spirito!libero is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it