Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 16-11-2007, 14.33.30   #1
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
L'Arte di Meditare

..Trovo la meditazione fondamentale e necessaria per chi desidera sorpassare le ansietà della vita.. e per sorpassarle necessita elevarsi, cioè creare un varco, un ponte e cercare di situarci anche nel livello spirituale, dove la nostra condizione umana possa esprimersi in modo completo e naturale.

Ognuno di noi è parte di energia spirituale entrata (traducendo) in un corpo materiale attraverso la Coscienza che, emanata dall'Anima stessa, pervade tutto il corpo animandolo.
Realizzando questo punto importante diveniamo coscienti che il nostro corpo è solamente un vestito (involucro) che prima o poi dovrà in un modo o nell'altro tornare nella terra.. ma che la nostra vera natura è anche altro.
Attraverso le varie meditazioni la nostra Coscienza si avvia al risveglio della sua natura spirituale, purificando ed innalzando questa vera identità..

Anche recitando un mantra ci si può collegare alla nostra parte Divina in modo pratico.. Dio, o meglio l'Energia Creatrice, come sappiamo ha diversi nomi e manifestazioni: Jehovah, Rama, Krishna, Cristo, Allah, Ain Soph Aur, ecc.. invocare questi nomi con Cuore aperto, cantarli, permette, secondo la mia esperienza, di lasciare la terra (la nostra zona d'ombra) ed avvicinarsi al Sole (la nostra zona Luminosa), stabilendo un sempre più stretto legame tra noi e l'Energia stessa..
Cos'è allora il meditare? ..è semplicemente l'arte dell'incontro con noi stessi.. un appuntamento non più casuale ma bensì consapevole.
Affinché ciò accada, e per rendere quasi immediati i benefici di questa nostra eterica conversazione, è pressochè necessario praticare una tecnica meditativa...

atisha is offline  
Vecchio 16-11-2007, 15.25.44   #2
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: L'Arte di Meditare

Salve e buon pomeriggio!
è bello leggere questi "pensieri" da cui traspare pace e benevolenza, sono perfettamente daccordo con quanto scrive l'amica e a lei e tutti quelli che vorranno aiutarmi chiedo "suggerimenti";
Cos'è allora il meditare? ..è semplicemente l'arte dell'incontro con noi stessi.. un appuntamento non più casuale ma bensì consapevole.
Affinché ciò accada, e per rendere quasi immediati i benefici di questa nostra eterica conversazione, è pressochè necessario praticare una tecnica meditativa...


perchè nella casualità non può esserci la consapevolezza?

data la mia "pigrizia" mi è molto più congeniale l'incontro con il "me" nel passeggiare ,nel biciclettare che nelle tecniche che rientrano nella tradizione
E' chiaro che nella meditazione seduta si raggiungno stati di concentrazione differenti da quelli che si hanno durante una passeggiata, ma in quest'ultima occassione si hanno (o almeno mi accadono)stati di percezione che rendono l'esistere un Tutt'Uno quasi come max ,quando:
Mi limito ad osservare l’esito di un fenomeno senza volerne dare una interpretazione a tutti i costi claudio
fallible is offline  
Vecchio 16-11-2007, 18.15.44   #3
salvatoreR
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 351
Riferimento: L'Arte di Meditare

la vera meditazione è quella che trascende il pensiero. E' la meditazione senza attività mentale. il Silenzio è un eterno linguaggio che può udirsi e comprendersi. E' svelamento del Reale.
salvatoreR is offline  
Vecchio 16-11-2007, 18.27.27   #4
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: L'Arte di Meditare

Citazione:
Originalmente inviato da fallible
perchè nella casualità non può esserci la consapevolezza?

già perchè?.. o meglio cosa intendi per casualità?

Citazione:
data la mia "pigrizia" mi è molto più congeniale l'incontro con il "me" nel passeggiare ,nel biciclettare che nelle tecniche che rientrano nella tradizione
ecco.. la pigrizia non è bella cosa.. è secondo me più una scusetta.. ma a parte questo dettaglio mio personale, direi che tutto va bene, specie per l'inizio.. ciò che conta è prendere coscienza del proprio corpo..
cioè creargli sensibilità maggiori.. io sono favorevole a tutte le meditazioni.. a sperimentare varie tecniche.. per poi approdare alla Tecnica una.. ossia pacificare il respiro ed il successivo pensiero..
ossia il portarci al distacco dal pensiero (mente) ..ne abbiamo parlato tante volte.. ricordi?

Citazione:
E' chiaro che nella meditazione seduta si raggiungono stati di concentrazione differenti da quelli che si hanno durante una passeggiata, ma in quest'ultima occassione si hanno (o almeno mi accadono)stati di percezione che rendono l'esistere un Tutt'Uno quasi come max ,quando:
Mi limito ad osservare l’esito di un fenomeno senza volerne dare una interpretazione a tutti i costi claudio

ottimo! arrivare ad osservare senza mente e giudizio (interpretazione).. è il Meditare..

certo.. ci sono "stadi" diversi.. ma ciò che volevo considerare non sono quegli stadi, ma l'avvio alla meditazione..
ad ognuno il proprio approccio.. va tutto bene per me, perchè siamo tanti "tipi" di personalità (condizionate) diverse..
chi cammina, chi salta come un grillo mentre fa "huhuhu" , chi pone attenzione a ciò che fa e come lo fa .. chi siede subito in zazen o similare ....
ognuno deve trovare la sua tecnica.. per poi giungere al Meditare.. ma quello è un altro discorso..

Anche l'uso del mantra se fa star bene .. secondo me va più che bene.. la preghiera pure, è una forma di meditazione....

atisha is offline  
Vecchio 16-11-2007, 19.18.15   #5
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: L'Arte di Meditare

Citazione:
Originalmente inviato da salvatoreR
la vera meditazione è quella che trascende il pensiero. E' la meditazione senza attività mentale. il Silenzio è un eterno linguaggio che può udirsi e comprendersi. E' svelamento del Reale.

condivido... ma prima di arrivare a quello... che è un po' la mèta, è possibile affacciarsi alle varie tecniche..
che non sono secondo me altro che mappe.. segnali.. preparativi consapevoli che c'invitano alla esperienza vera e propria..
cioè quella che hai ben descritto..

ciao Salva!
atisha is offline  
Vecchio 16-11-2007, 19.20.57   #6
paolo di abramo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 20-03-2007
Messaggi: 162
Riferimento: L'Arte di Meditare

a me e' capitato dopo un po' di corsa di sperimentare l'osservazione senza il giudizio,sara' perche' il sangue era in tutti i posti tranne che nel cervello?sono ansioso quindi mi e' difficile meditare stando seduto con la schiena dritta,poi non ci sono maestri nella mia citta'.
paolo di abramo is offline  
Vecchio 16-11-2007, 20.45.17   #7
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: L'Arte di Meditare

Salve e buona serata!
avendo chiesto suggerimenti continuo:

E' la meditazione senza attività mentale. il Silenzio è un eterno linguaggio che può udirsi e comprendersi
questo stato (il Silenzio) durante la meditazione è raggiungibile ma mi pone due quesiti:
il Silenzio può essere frutto della mente, quindi sua attività...

quando si raggiunge questo stato cosa ti spinge a tornare indietro...,è un pò il cruccio che avevo tentato di esporre ne "il rinunciante" ;cioè ascoltato il "Silenzio" perchè domani si va al lavoro...?non è meglio "volare" bassi e "cercare l'uomo"? claudio
fallible is offline  
Vecchio 16-11-2007, 20.55.21   #8
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: L'Arte di Meditare

Citazione:
Originalmente inviato da paolo di abramo
sono ansioso quindi mi e' difficile meditare stando seduto con la schiena dritta,poi non ci sono maestri nella mia citta'.

in questi casi risultano ottime,secondo me,le meditazioni dinamiche inventate da Osho.
Vedi ad esempio il suo:
"Meditaziome.La prima e ultima libertà.(Ed Mediterranee).
Noor is offline  
Vecchio 16-11-2007, 21.02.59   #9
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: L'Arte di Meditare

Citazione:
Originalmente inviato da paolo di abramo
a me e' capitato dopo un po' di corsa di sperimentare l'osservazione senza il giudizio,sara' perche' il sangue era in tutti i posti tranne che nel cervello?sono ansioso quindi mi e' difficile meditare stando seduto con la schiena dritta,poi non ci sono maestri nella mia citta'.

capisco eccome.. anch'io ero ansiosa..
ma anche tanto curiosa.. (è una mia particolarità..) e mi andava di "paciugare" con le varie tecniche che offriva Osho..
però avendo compreso mentalmente il senso di ciò che stavo facendo.. e dove mi stavo dirigendo..
ma cercavo innanzitutto il rilassamento.. e a furia di provare, giocando (cioè senza prendermi troppo sul serio) mi è accaduto di rilassare il respiro (hai presente il respiro corto?? ).. poi il corpo.. e successivamente rilassare la mente.. fino ad osservarne il pensiero e rendermi conto che non ero alcuno dei miei pensieri...
respirazione tranquilla e rallentamento del pensiero viaggiano di pari passo..

Con calma e tenacia è possibile attivare questo "impegno" verso se stessi.. migliorando la qualità della vita!

atisha is offline  
Vecchio 17-11-2007, 07.42.17   #10
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: L'Arte di Meditare

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
in questi casi risultano ottime,secondo me,le meditazioni dinamiche inventate da Osho.
Vedi ad esempio il suo:
"Meditaziome.La prima e ultima libertà.(Ed Mediterranee).

è vero.. però è tutto soggettivo..
a me per esempio m'nnervosivano ancora di più.. e mi snervavano..
cioè producevano un effetto energetico diverso da ciò che promuovevano.. mentre l'uso del mantra mi energizzava sì.. ma acquietava successivamente la mente..
fino ad un certo punto però ho potuto praticare.. perchè poi, seguendo la "mia" evoluzione, ho dovuto lasciar anche quello..
è come se ad un certo punto il "corpo" con la sua Intelligenza, armonizzandosi sempre più con la mente.. purificandosi, mi dirigesse verso ciò di cui avevo più bisogno..
ecco perchè secondo me, Osho intelligentemente ha offerto un bagaglio di meditazioni senza distoglierci dal proprosito finale.. che ogni tecnica doveva condurre.. al Silenzio.. ed ascoltando osservare quell'intervallo tra due pensieri..
quello è Amore...


va tutto bene..
atisha is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it