Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 20-12-2007, 20.11.42   #11
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Come cercare la verità?

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Beh..vedo che il discorso aveva un' impronta personale,quindi..
Aggiungo semplicemente che ,la domanda del topic non è molto attinente all'idea di forum,anche se è di questo settore "spirituale",quindi è mal posta..
La discussione nasce da un “fatto personale” ma ha una rilevanza nel dialogo in genere e nel dialogo spirituale in particolare, visto che è col dialogo che si cerca la verità, (almeno il dialogo è l’unico mezzo che possiamo usare in un forum) e visto che il 3d invita a migliorare il dialogo.

Citazione:
Originalmente inviato da Uno
Da una parte mi hai mostrato un esercizio di Douglas che fa uso del corpo e della mente, poi U.G. dall'altra mi dici che il corpo non ha legami.
OK… diciamo che quell’espressione sul corpo, “il corpo non ha legami” e tutte le mie esposizioni in quel 3d sono un pò avventate da parte mia. Ho fatto mie ed ho esposto alcune parole e teorie di U.G. sul corpo, ma mi rendo conto che, in questo momento, non sono in grado di sostenerle. Magari in futuro proverò a spiegare quel punto di vista come l’ho compreso e lo condivido io.

Citazione:
Originalmente inviato da Uno
Questo non toglie nessuna ricchezza al dialogo, ma potrò dire: " di la hai detto così...." o no?
Di quello che credi e senti….. Io farò altrettanto……

VanLag is offline  
Vecchio 20-12-2007, 21.32.40   #12
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Come cercare la verità?

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Se io dico: - Per andare in Paradiso si deve fare il bene - chi vuole interagire dovrebbe analizzare ed eventualmente fare a pezzi quella frase e non misurare se nella mia vita io applico quanto dico, o sottolineare che da altre parti mi sono contraddetto, o che non sono titolato a fare quell’affermazione, o qualsiasi altra frase che porti me, cioè l’autore del dialogo sulla scena.

E il contenuto di verità espresso nelle parole ciò che è importante e non chi lo dice.

L’interlocutore ha un mare di possibilità dialogiche…. Mi può dire che l’inferno in fondo non è male, mi può dire che conosce persone che hanno fatto il bene e sono all’inferno, mi puoi dire che il paradiso non esiste. Mi puoi dire tutto quello che vuole, ma non deve portare me sulla scena perché questo indebolirebbe il dialogo.

La mia affermazione sul paradiso, potrebbe nascere dal fatto che sono un grande peccatore, e sono all’inferno e quindi so che fare il male non paga. Avrebbe per questo meno valore? Sarebbe meno vera?

Coinvolgere l’autore di una frase in quanto dice, per contro, porta a sterili diatribe dialettiche e non aiuta ad individuare la verità…..

Grazie


La felicità o la serenità o quello che vi pare (purché sia uno stato di benessere ), si raggiunge seguendo la propria coscienza, ...e non è facile, almeno per me.
E se non la si segue sempre? Quello che conta è la determinazione a seguirla...ogni sgarro ha già la sua pena nel rimorso.

...secondo me.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 21-12-2007, 01.24.04   #13
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Riferimento: Come cercare la verità?

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Magari in futuro proverò a spiegare quel punto di vista come l’ho compreso e lo condivido io.

E io dialogherò volentieri se vorrai.

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Va bene come inizio delle "danze",Uno...
ma se non si esce dall'inghippo facile-difficile,(che sai chi è che le crea..)
si rimane invischiati per tutta la vita in quell'illusione...
Prima si accetta l'infelicità,ma senza cercare nulla..e non gli diamo più un nome,un etichetta..
e ciò ha già un potere trasformante..

Io non sono infelice, e se guardo indietro a pensarci bene non lo sono mai stato, si qualche noia, fastidi... ma nulla da poter definire infelicità, quindi se mi succederà di esserlo, proverò a dargli un nome tanto per vedere che succede, poi ti dico eh...

Citazione:
Originalmente inviato da Giorgiosan
La felicità o la serenità o quello che vi pare (purché sia uno stato di benessere ), si raggiunge seguendo la propria coscienza, ...e non è facile, almeno per me.
E se non la si segue sempre? Quello che conta è la determinazione a seguirla...ogni sgarro ha già la sua pena nel rimorso.

Secondo me ti conviene ritrattare prima che qualcuno dica che anche il rimorso è ego


A tutti
Uno is offline  
Vecchio 21-12-2007, 07.53.38   #14
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Come cercare la verità?

Citazione:
Originalmente inviato da Uno
Io non sono infelice, e se guardo indietro a pensarci bene non lo sono mai stato, si qualche noia, fastidi... ma nulla da poter definire infelicità, quindi se mi succederà di esserlo, proverò a dargli un nome tanto per vedere che succede, poi ti dico eh...

beh.. sei stato fortunato..
io al contrario, quando ero identificata con l'ego.. ero molto infelice..
ho molto sofferto..
soffrivo della mia e altrui ignoranza...


Citazione:
Secondo me ti conviene ritrattare prima che qualcuno dica che anche il rimorso è ego

senza ritrattare, il rimorso è parte dell'ego.. cioè dell'identificazione..
è un'emozione negativa che spesso serve a rivedere alcuni abusi del proprio ego.. ma più in là non va...
atisha is offline  
Vecchio 21-12-2007, 08.30.38   #15
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Come cercare la verità?

Citazione:
Originalmente inviato da Uno
Io non sono infelice, e se guardo indietro a pensarci bene non lo sono mai stato, si qualche noia, fastidi... ma nulla da poter definire infelicità, quindi se mi succederà di esserlo, proverò a dargli un nome tanto per vedere che succede, poi ti dico eh...
Non mi sembrava che stessi parlando di te in particolare..
Quindi il mio ragionamento non ti coinvolgeva..
Noor is offline  
Vecchio 21-12-2007, 09.01.11   #16
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Riferimento: Come cercare la verità?

Quando ci sentiamo assalire da una inquietudine, da un malessere, da una sofferenza, per prima cosa noi vogliamo eliminarla, dissiparla, cercando di modificare le cause esterne: ambiente, oggetti, persone, ecc. Davanti al fallimento di questo intervento, il quale non risolve mai la questione, noi dovremmo imparare a non agire più sulle circostanze che ci hanno fatto soffrire, ma ci dovremmo invece domandare: chi è colui che soffre? Io soffro. Dunque, chi sono io?
Se il problema è veramente sentito, la domanda si carica di forza psichica e permette di approfondire l’indagine.
L’essere umano è pieno di concetti su ciò che esso è. Associa il pronome “io” a molte qualificazioni, e questo “io” identificato nel l’ organismo corpo-mente si prende per un’entità indipendente. Ciò lo rende legato, a vari livelli, dal morale all’intellettuale…al fisico. Questa, per me, è la causa prima delle sue difficoltà.
Con un esame sempre più profondo, invece, si può constatare che le percezioni dipendono da chi le percepisce. Inoltre, si può scoprire che esse sono in continua trasformazione attraverso le età dell’esistenza: che va dall’ infanzia alla giovinezza, dalla maturità alla vecchiaia, e che colui che le osserva si trova al di fuori di esse.
A quel punto si comprende che lo sconforto che ha fatto nascere la domanda “chi sono io?” dipende da un “io” abituato a porsi come attore, pensatore, colui che soffre. Volersi sbarazzare della sofferenza, del conflitto, o diminuirli, non cambia nulla, dato che quando ci si pone come un “io” volitivo è proprio questo che ci lega alla sofferenza. Questo “io” volitivo è sottomesso a tutte le fluttuazioni del condizionamento: paura, disagio, ecc., egli è un ego, una pseudo-entità. Quando questa situazione è vista per ciò che è, si elimina portando via con sé tutti i problemi.
Perchè è stata percepita nel momento dell’atto da uno spettatore totalmente impersonale e disimpegnato; quando lo vediamo, questo io-testimone, non è più un concetto, ma un “io sono” vissuto. Tutto ciò che ha preceduto l’“io sono” è riassorbito in uno stato di lucidità silenziosa.
Allora la sofferenza non è più vissuta come un carico personale, ma una testimonianza di una condizione. E non è la stessa cosa.
La sofferenza c’è, ma senza un qualcuno che afferma “io soffro”.
E lo sfondo nel quale dimora la Consapevolezza che noi siamo è serena presenza osservante.
Ci accade di percepire nuvole di dolore scorrere animate nella nostra mente, mordere il nostro corpo, ma senza coinvolgere il Sé, ormai riconosciuta fonte inesauribile di pace e beatitudine, nostra intaccabile Essenza.

Mirror is offline  
Vecchio 21-12-2007, 10.22.47   #17
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Riferimento: Come cercare la verità?

Citazione:
Originalmente inviato da atisha
beh.. sei stato fortunato..
io al contrario, quando ero identificata con l'ego.. ero molto infelice..
ho molto sofferto..
soffrivo della mia e altrui ignoranza...

Non ho detto di non aver sofferto, ho detto di non poter dire di essere mai stato infelice.
Magari con più calma ne parliamo.

Citazione:
senza ritrattare, il rimorso è parte dell'ego.. cioè dell'identificazione..
è un'emozione negativa che spesso serve a rivedere alcuni abusi del proprio ego.. ma più in là non va...

Se fosse parte dell'ego sarebbe facile sbarazzarsene, invece c'è gente che arriva ad uccidersi perchè non ne salta fuori, non conosce gli strumenti per riplasmarlo. Posso agevolare il discorso dicendo che si, nasce dall'ego, ma quando arrivi a poterlo chiamare rimorso non è più ego.
Prova a pensarci, poi male che vada abbiamo chiacchierato

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Non mi sembrava che stessi parlando di te in particolare..
Quindi il mio ragionamento non ti coinvolgeva..

E a me non sembra di aver toccato personali altrui, potrò parlare di me almeno?



A tutti buone feste se non ci ribecchiamo
Uno is offline  
Vecchio 21-12-2007, 10.38.36   #18
veerag
Ospite
 
Data registrazione: 14-12-2007
Messaggi: 6
Riferimento: Come cercare la verità?

ciao ragazzi
un pensierino da condividere..........io cerco la verita.............io utilizzo dei mezzi.............io credi di sentire cio che e' piu giusto per me............io valuto cio che trovo e cio che succede in base a cio che io ho imparato o in base a cio che qualche d'uno mi ha insegnato...........

ma di cosa io sto parlando?
veerag is offline  
Vecchio 21-12-2007, 11.00.44   #19
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Come cercare la verità?

Citazione:
Originalmente inviato da Uno
Se fosse parte dell'ego sarebbe facile sbarazzarsene, invece c'è gente che arriva ad uccidersi perchè non ne salta fuori, non conosce gli strumenti per riplasmarlo. Posso agevolare il discorso dicendo che si, nasce dall'ego, ma quando arrivi a poterlo chiamare rimorso non è più ego.
Il rimorso, è una "variazione sul tema" del senso di colpa ..ma sempre ego resta...Almeno per come lo vedo..
Noor is offline  
Vecchio 21-12-2007, 11.53.19   #20
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Riferimento: Come cercare la verità?

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Il rimorso, è una "variazione sul tema" del senso di colpa ..ma sempre ego resta...Almeno per come lo vedo..

Giusto, il senso di colpa è ego, ma il rimorso non ne è una variazione (anche conseguenza non è esatto), è un'emanazione diretta di qualcosa che sta sopra l'ego, anche quando non ne siamo coscienti.
L'ego può torturarsi, ma per istinto di conservazione non arriverebbe mai a distruggersi.
Uno is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it