Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 12-01-2008, 00.41.05   #21
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Il partecipare

Smascherare il falso e' per esempio il neti neti iti iti dell'advaita, la discriminazione tra se e non se'.
Yam is offline  
Vecchio 12-01-2008, 07.10.10   #22
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Il partecipare

Citazione:
Originalmente inviato da Flow
Come e' possibile certificare l'azione che e' prima di quello che ne e' stato detto ?

l'ego spirituale è abilissimo a scambiare l'istinto per "azione".. e se la conta..

trovo a questo punto più onesto esprimere e riconoscere la propria ira..

perchè nel momento in cui la si riconosce si è consapevoli..

atisha is offline  
Vecchio 12-01-2008, 07.28.07   #23
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Il partecipare senza giudizio e con rispetto... possibilmente

Citazione:
Originalmente inviato da berenger11
Sottoscrivo in pieno, da vittima e colpevole.
Come è bella questa presa di coscienza!
Accettare di essere sia vittima che responsabile ( eviterei la parola colpevole)
è un grandissimo riconoscimento di parti di noi!
E' cominciare a vedere il gioco delle parti, è avvicinarsi pian piano
ala posizione dell'osservatore.
Anche il Forum ci fa da specchio (grazie Mirror!)
e ci dà la possibilità di ri-conoscerci.!
paperapersa is offline  
Vecchio 12-01-2008, 07.39.16   #24
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Il partecipare

Citazione:
Originalmente inviato da Yam
...che si dichiara praticante di lunghissima data e con frequentazioni di ashram e centri di dharma che molti qui si sognano.

ecco, per esempio non trovo onesto questa rivelazione, perchè, per esempio, personalmente non l'ho letto da nessuna parte e Raphael non me lo ha comunicato neanche privatamente... nel caso mi fosse sfuggito, se mi indichi dove è scritto qui nel forum mi fai un piacere...

Citazione:
Credo ci si possa far del male e che si possa diffondere una falsa idea della pratica danneggiando anche molte persone. Per questo a volte ritengo necessario creare un po di scompiglio....facendo emergere la falsa quiete dietro la quale si nasconde l'ego spirituale.


chi è che crede ci si possa far del male? non è sempre l'ego spirituale che sta parlando?
questo è un tuo pensiero corrente dato dalla tua personalissima esperienza..
pratica.. che comunica e si manifesta dalla propria personalissima "paura" che a tutti debba accadere così..

Avvisare le eventualità ed i rischi è scambio
perseverare diventa persecutorio ed indice di "blocco"..

Sei in condizione dio Orgoglio spirituale se pensi di trovarti più avanti nel viaggio rispetto agli altri.
Anche se fosse vero, non ti è utile nè saperlo nè vantartene.
Quello che ti serve è compassione per sè e per gli altri.
Quello che ti serve è sapere che ognuno ha la sua lezione che è perfetta per lui e che, se la impara bene, non si può prevedere fino a che punto potrà spingersi.
Non pensare di avere la capacità di determinare correttamente il progresso spirituale di chiunque, compreso te stesso.
Non puoi.
Non lo sai.
Magari uno ti sembra molto indietro e poi può ritrovarsi più avanti in un lampo.
E un altro che ti sembra così avanti può essere seriamente infortunato.
Tutto il concetto di "avanti" e "indietro" è privo di significato, perchè non sai dove si trovi la linea di partenza e neppure il traguardo.
Gli altri non iniziano necessariamente dal tuo stesso punto, nè devono arrivare dove arrivi tu.
Per alcuni il viaggio è breve, ma zeppo di sfide stressanti.
Per altri è lungo, composto da molte lezioni poco significative.
Puoi forse guardare gli altri e pensare di avere capito, ma stai solo prendendo in giro te stesso.
Non hai idea di come sia la vita di un altro (se non lo conosci personalmente)
e in realtà non tocca a te saperlo.
Non sono affari tuoi.
Le tue lezioni bastano per tenerti occupato.
Solo afferrare quali siano quelle che ti riguardano e iniziare ad assimilarle è un lavoro che prende una vita intera.
Se sei un maestro spirituale, chiediti se hai scelto quel ruolo per evitare le lezioni che sei venuto ad imparare. Dato che sei un'autorità e prescrivi ricette altrui, non sei obbligato a guardare te stesso.
Ma non potrai nasconderti per sempre!
Col tempo anche i tuoi panni sporchi dovranno prendere aria.
E' inevitabile.


(Paul Ferrini - Il Silenzio del Cuore.. riflessioni della Mente di Cristo)

realizzare queste parole è assai importante.. anche questo è un passaggio.. un "accadere" di una mente aperta.. indice, secondo me, di un vero Risveglio..

atisha is offline  
Vecchio 12-01-2008, 07.39.38   #25
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Il partecipare

Citazione:
Originalmente inviato da Yam
Personalmente ho fama di essere (una zanzara ..altre volte uno scorpione ). E' vero pungo quando vedo che c'e' dell'ipocrisia in modo che venga fuori, lo faccio credendo che questo sia utile..allo smettere di raccontarsela, vedendosi ancora una volta per quello che si e'.
Quando si raccontano tante belle cose e ci si gonfia da illuminati e saggi, e fiumi di parole scorrono nella mente e nella tastiera del pc e tutto fila liscio, ci siamo ancora una volta anestetizzati, drogati di pensieri spirituali.
Sostanzialmente siamo degli ipocriti.
Magari sbaglio, ma a volte mi viene cosi....soprattuttto quando il praticante dice di essere "navigato"....
A me personalmente e' la cosa che e' servita di piu'...dopo oltre due decenni di intensa pratica..incontrare proprio su internet chi mi ha fatto vedere il mio tronfio e gonfio ego spirituale. Certo era il momento giusto e la vita stessa mi stava dando importanti indicazioni....mah....

Non giudicate, non giudicate.......tutto ciò che volete fatto a Voi
fatelo prima Voi agli altri...(Gesù Cristo!) Perdonate, perdonate, perdonate!(sempre lo stesso)
Lo stesso "personaggio" o "maestro" o "figlio di Dio" o "profeta"
che ha però dato dell''ipocrita agli scribi e ai farisei, che ha rimproverato
coloro che mettevano dei carichi sulle spalle dei loro seguaci che neanche loro erano in grado di portare.......che ha cacciato con violenza i mercanti
dal Tempio del Padre.....
Meditate gente, meditate!
paperapersa is offline  
Vecchio 12-01-2008, 09.08.54   #26
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Il partecipare

Citazione:
Originalmente inviato da Flow
Se l'azione precede il pensiero allora precede anche il wu-wei, il sutra del cuore, il buddha, l'adesso e la coscienza illuminata..

Tutto quello che hai detto E' sempre la medesima consapevolezza che si esprime in infiniti nomi e forme...come tu stesso indichi..ma non c'e' ne' un prima ne un dopo...e' vero l'azione, cioe' la pura radianza della consapevolezza, precede il pensiero....sempre. Solo dopo l'uomo inizia a dire che ha agito per questo o quel motivo....dopo perche' con il sorgere del pensiero, sorge il tempo.
Che ne dici l'ho espresso bene?

Citazione:
Come e' possibile certificare l'azione che e' prima di quello che ne e' stato detto ?

Infatti non e' possibile.
Yam is offline  
Vecchio 12-01-2008, 09.36.07   #27
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: Il partecipare

Salve e buon giorno!
non sono nemmeno moto sicuro se non mi contraddica postando il mio pensiero...spero di no, credo che ogni essere vivente debba lavorare sulla "propria" presunzione, c'è comunque da considerare che se la bacchettata fa male ,l'insulto offende claudio
fallible is offline  
Vecchio 12-01-2008, 09.53.58   #28
crepuscolo
viandante
 
Data registrazione: 19-11-2006
Messaggi: 199
Riferimento: Il partecipare

Citazione:
Originalmente inviato da Yam
Io credo che tu stia un po esagerando, anche perche' personalmente non ho insultato proprio nessuno...tastando la reattivita' dell'ego del mio interlocutore...che si dichiara praticante di lunghissima data e con frequentazioni di ashram e centri di dharma che molti qui si sognano.

Credo ci si possa far del male e che si possa diffondere una falsa idea della pratica danneggiando anche molte persone. Per questo a volte ritengo necessario creare un po di scompiglio....facendo emergere la falsa quiete dietro la quale si nasconde l'ego spirituale.

C'e' una famosa storiella tibetana, che ora non ricordo bene, su un certo monaco che sta aggiustando il tetto del monastero. Questo monaco aveva praticato per una vita intera i precetti Buddisti, la meditazione e tutto il resto. Ora i ragazzini del monastero lo stavano prendendo in giro, mentre lui lavorava. Il monaco esplose di rabbia ecc. ecc....i tibetani dicono che per un solo istante di rabbia paranoica si distruggono meriti accumulati in vite intere. Certo e' solo una storiella....che indica qualcosa di ben preciso....(io sono uno di quei bambini che giocano mentre il monaco lavora).


La pace interiore e' non azione, semplicemente perche' la consapevolezza non entra mai nell'azione...essendo la sorgente di tutto cio' che si manifesta. Possiamo tranquillamente dire che tutto e' consapevolezza o coscienza. Non ci si puo' pero' nascondere dietro una idea della non-azione che e' sostanzialmente "passivita'" (tamas guna). Come e' ipocrita predicare la benevolenza senza averne compreso la vera natura...(che e' sempre Sattvica) che e' tutt'altro che passivita'. Come non si puo' nascondersi dietro al "tutto accade" giustificando ogni nostra singola miseria. Quella e' la mente....cioe' la consapevolezza in cui e' sorto il pensiero "io"...simile al ragliare di un asino....se con la i inspirata...
Scherzo, con tanto amore...un grande abbraccio a tutti noi che tanto sempre UNO solo siamo.

La trovo splendida con più significati, riflette più informazioni. I bambini forzatamente giocano a fare i bambini perchè in fondo amano quel ruolo e sfruttano la loro innocenza ...il monaco esplode la sua rabbia perchè si era confezionato il suo abito da monaco... in fondo è un gioco. Che l'asino ragli credo sia normale, meno normale è che gli altri "asini" aspettino quel raglio per mettere in discussione , non la loro spiritualità, ma quella dell'asino che ha ragliato...dovremmo partire sempre da noi
crepuscolo is offline  
Vecchio 12-01-2008, 10.01.39   #29
crepuscolo
viandante
 
Data registrazione: 19-11-2006
Messaggi: 199
Riferimento: Il partecipare senza giudizio e con rispetto... possibilmente

Citazione:
Originalmente inviato da Mirror
Ciao, Crepuscolo... condivido quanto sopra detto.
Ma anche se non lo sapesse non dovremmo, secondo me, mai forzare la sua ricerca...
Continuamente imparo ad attenermi a questo principio, a non farmi tentare dal volere che gli altri condividano, comprendano, assecondino... le mie opinioni, idee... esperienze. Mi basta esprimerle in libertà.
Mi succede poi di osservare anche le mie aspettative che, in quel senso, ogni tanto fanno capolino nella mente, ma le lascio sempre di più andare...
Ciò mi fa sentire più leggero, più in armonia con un collettivo processo coscienziale che ci accomuna, spesso in maniera imprevedibile, misteriosamente.


Credo che quando vogliamo forzare la ricerca di fatto mettiamo in evidenza la nostra voglia di esibizionismo. Hai scritto una cosa bella: osservare le proprie aspettative...se ci sono aspettative non c'è leggerezza. Non ci sono altre cose da dire, non ci sono giustificazioni che tengano...grazie delle tue splendide perle ciao
crepuscolo is offline  
Vecchio 12-01-2008, 10.05.57   #30
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Il partecipare

Citazione:
Originalmente inviato da atisha
l'ego spirituale è abilissimo a scambiare l'istinto per "azione".. e se la conta..

trovo a questo punto più onesto esprimere e riconoscere la propria ira..

perchè nel momento in cui la si riconosce si è consapevoli..


Certo, ma credo che Flow volesse dire un'altra cosa....magari mi sbaglio....
Yam is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it