Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 21-08-2002, 00.33.30   #11
Atha
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-08-2002
Messaggi: 80
In risposta

Io non direi di ritenere stupido chi la pensa diversamente da me... allora si che sarei stupido.
Si parte da esperienze diverse, che io non ho fatto (tutto non si può fare), e quindi le rispetto, ma le rispetto anche quando sono esperienze che ho fatto e, a mio momentaneo parere, giustamente superato. Chi di noi non ha mai sbagliato strada nella vita andando avanti oltre la traversa in cui doveva girare?
Mi spiace che si scada nell'appartheid delle idee, e il giudizio di una idea non ha nulla a che fare col confronto. Il confronto nasce dalle motivazioni. Se tu stai da una parte del mondo, vedrai una certa costellazione, e io dalla mia parte ne vedrò un'altra, ma giudicherò la tua affermazione solo su ciò che vedi in quanto valuterò le motivazioni che porti a difesa. Se non le reputerò attendibili, mi fermerò qui... la stupidità credo sia tutta un'altra cosa.
E poi nel momento in cui dico, "da un punto di vista cristiano" evidentemente non voglio convincere nessuno. Ma siccome la parola "anticristo" rientra nella tradizione cristiana a pieno titolo, ho voluto restare in tema.

In quanto all'esistenza come unione di due opposti, io credo che il segno positivo o negativo della materia non abbia alcun nesso con la sua bontà! Non credo che un elettrone sia pericoloso per un protone e così via. Ma il male io lo reputo pericoloso per me!

In quanto al non manifesto, quando si manifesterà, ne parleremo!
Io per ora parto dal manifesto, il di più mi sembrerebbe inopportuno.

Per Obywan,
al primo punto ha risposto deirdre. L'assoluto non ha alcun limite, e un altro assoluto ne costituirebbe uno e più!

La seconda domanda: credevo che ogni oggetto emettesse delle onde luminose. Tu sai diversamente? Se si, mi puoi spiegare?

Alla terza domanda ha ancora ben risposto deirdre. Una creatura non potrà mai competere col suo creatore.

Grazie e ciao...
Atha is offline  
Vecchio 21-08-2002, 02.20.52   #12
ObyWan
Tamagochi
 
L'avatar di ObyWan
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 151
Radiazione emessa

Dipende dalla temperatura. a 0 gradi kelvin la materia è ferma, gli elettroni non girano nemmeno intorno al nucleo, e quindi ogni forma di radiazione semplicemente non ha luogo. Ora, è vero che esiste una radiazione di fondo, un paio di gradi sopra allo 0 assoluto, ma la sua distribuzione è omogenea a livello statistico, non sistematico. Ritengo pertanto più che plausibile che esistano delle "regioni ferme" ovunque nello spazio. Data la pressione media della radiazione ritengo inoltre che ci siano più zone "ferme" di quante ce ne siano "in movimento".

Del resto c'è anche da dire che del cosmo in realtà non ne sappiamo un accidenti, tutto ciò che siamo in grado di fare è di approssimare più o meno grossolanamente, a volte con approccio relativistico, a volte con approccio quantistico, un modello di ciò che ci circonda e quindi la mia precedente affermazione ha una relativa validità probabilistica, non certamente in senso assoluto.

A proposito di assoluto, continuo a non capire, partendo dalla definizione data

[CODE]

ASSOLUTO = nel linguaggio filosofico, ciò che è illimitato,
incondizionato, perfetto, ciò che non ha bisogno di cause per
esistere

[/CODE]

Assumendo come razionale l'idea di assoluto (pur io non condividendo) continuo a non capire il perchè non possano coesistere più assoluti.

Supponiamo di averne due:

entrambi illimitati, entrambi interdipendenti, entrambi perfetti, entrambi non bisognosi di cause per esistere.

Quale di queste coproprietà vìola il principio per il quale di assoluto ce ne può essere solo uno?

Grazie ancora, ed a presto!
ObyWan is offline  
Vecchio 21-08-2002, 10.04.06   #13
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
per Atha

Innanzitutto..Buon Giorno
Credo sarà dura raggiungere un punto d'incontro, comunque...proviamoci....
Allora, ribadisco, quando sostengo che la religione cristiana è stupida ho dei motivi validi (a mio parere) per farlo. Ho una certa concezione del rapporto uomo-Dio in completo disaccordo con questa tradizione. Mi spiego...1) la religione cristiana, per come ci viene imposta (poichè, che tu ne dica, non è proposta...ma imposta) non ha nulla a che vedere con ciò che viene citato nelle sare scritture...apri gli occhi e guardati attorno...cosa vedi?
2) Il clero....avessi un kalashnikov ...abbi pazienza, perchè il mio interlocutore deve essere un pretaccio? Nononono!!!!
Il mio rapporto è con l'entità..non con uno pseudoministrodidio...
3) Non dimentico le neffandezze fatte dalla chiesa...
ne avrei ancora...ma mi stoppo qui.
Citazione:
Mi spiace che si scada nell'appartheid delle idee, e il giudizio di una idea non ha nulla a che fare col confronto.

Scusa...quale?
Se mi permetto di esprimere un'opinione è fare appartheid?
Non puoi pretendere che io sia d'acordo con te, quando le mie idee stanno mille miglia lontano dalle tue. E se questo mio modo d'esprimere i concetti ti reca offesa, ne sono spiacente... ma non è un problema mio. Ho una strana forma d'avversione nei confronti del cristianesimo...lo ammetto!
Comunque, il mio giudizio (come tu ami sottolineare), va oltre la parte umana del cristiansimo.
L'idea stessa di concepire Dio come due due lati di un'unica medaglia..ti fa capire che per la sottoscritta non è possibile, ripeto, non è possibile vedere solo la bontà....sai quante discussioni ho avuto per questo motivo. ma sono più che convinta di ciò che dico...
La parola anticristo è di origine cristiana...vero..nulla in contrario...ma l'anticristo, come i cristiani amano chiamare il male, non è altro che uno dei due lati della famosa medaglia....
Spiego...se Dio è un'energia sublime...ed è sublime in quanto perfetta ed equilibrata...questo equilibrio può essere dato solo ed esclusivamente dall'unione di due opposti, quindi, se una delle due facce è bene, l'opposto sarà male...ma non male inteso come noi lo immaginiamo, bensì forme di energia distruttiva, oscura (distruggere per ricostruire) e comunque utile.
Ricorda...ho detto che vedo l'era dell'anticristo come il momento del risveglio per l'umanità....molla l'idea di anticristo=male e pensa a quanto l'uomo potrebbe conoscere se venissero abbattute le barriere costruite dal cristianesimo.
Citazione:
In quanto all'esistenza come unione di due opposti, io credo che il segno positivo o negativo della materia non abbia alcun nesso con la sua bontà! Non credo che un elettrone sia pericoloso per un protone e così via. Ma il male io lo reputo pericoloso per me

bene, ora capisco....
Certo, il positivo ed il negativo sono concetti che ASSSOLUTAMENTE ed ESCLUSIVAMENTE vanno legati agli elettroni e protoni...ok...se la pensi così non vado oltre....

bacibacio!!
DD
deirdre is offline  
Vecchio 21-08-2002, 16.21.09   #14
bataki
Ospite abituale
 
L'avatar di bataki
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 53
x il figlio di Kmer

<<Assumendo come razionale l'idea di assoluto (pur io non condividendo) continuo a non capire il perchè non possano coesistere più assoluti.>>

...perchè sarebbero per definizione lo stesso Assoluto.

bataki is offline  
Vecchio 21-08-2002, 19.28.01   #15
784
Numero
 
L'avatar di 784
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 291
Non so Bataki: secondo la definizione di Oby in effetti due assoluti potrebbero coesistere....
In effetti non si dice nulla circa la composizione di questi assoluti, e se fossero di due enti non influenzabili tra di loro e omogenei potrebbero coesistere secondo la definizione negli stessi spazi illimitati.
Questo logicamente... poi resta da trovarla davvero una cosa simile.

Se per assoluto invece si intendesse ciò che contiene "tutto", il discorso cambia.

784 is offline  
Vecchio 21-08-2002, 19.56.43   #16
bataki
Ospite abituale
 
L'avatar di bataki
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 53
dire che l'assoluto è <<ciò che è illimitato,
incondizionato, perfetto, ciò che non ha bisogno di cause per
esistere>> è come dire che l'assoluto è "l'essere in sè e per sè" che rientra a prescindere dalla specie degli enti che possono essere in sè e per sè nella (unica) definizione (o analiticamente "insieme") chiamato "Assoluto". Percio' dicevo che due assoluti -in questo senso- possono essere ricondotti ad un unico insieme.

Per il resto concordo...

Ciao!!!
bataki is offline  
Vecchio 22-08-2002, 11.54.01   #17
UlceraGastrica
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-05-2002
Messaggi: 82
Citazione:
Messaggio originale inviato da Catharsis
Io l'opera di Nietzsche l'ho già letta,e a dire il vero non è incentrata sulla figura del demonio;ma è semplicemente una radicale critica anticristiana.Non penso possa dire molto sulla figura del diavolo.(però è bizzarro quanti nomi si diano a questo personaggio...belzebu',mefisto ,diavolo,demonio,lucifero,anti cristo,ecc....)
Cmq concordo con Deirdre che l'anticristo vada visto come una rappresentazione del lato selvaggio dell'uomo.Questa figura non è altro che l'evoluzione dei satiri greci,esseri mitologici metà capra e meta uomo,legati a culti agresti.Anche le corna,nelle antiche rafigurazioni,sono spesso rappresentate come dei rami d'albero,a indicare com il davolo sia effettivamente l'evoluzione di un'antica divinità legata alla terra.

Rispetto all'opera di nice , in effetti , non descrive il demonio in sè per sè , ma sicuramente può rendere in parte comprensibile la ragione per cui una divinità pagana legata al culto della terra possa essere stata ridotta a un rango così basso : mi sembrava implicito.

Vorrei sottolineare che ancora nella tradizione medievale e rinascimentale , l'idea di demone con i suoi aspetti "bassi materiali e corporei" , come li definiva il critico letterario russo M. Bachtin , era associata a un'idea di ambiguità e di ambivalenza , che oramai si è perduta. Ad esempio , esistono profonde relazioni nella commedia dell'arte tra Pulcinella/Arlecchino e il diavolo (pensiamo solo alle loro frequenti discese agli inferi) e al loro comportamento "dionisiaco", strettamente legato all'urgenza delle necessità primordiali: una continua tensione tra essere e divenire ,un ritorcersi su sè stessi e il proprio essere.

Sicuramente , il demone è costituito dalla paura dell'irruzione improvvisa degli impulsi , ritenuti pericolsi e incontrollabili , dissociati completamente dalle loro valenze vitali .
UlceraGastrica is offline  
Vecchio 22-08-2002, 12.05.11   #18
UlceraGastrica
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-05-2002
Messaggi: 82
Re: Direi...

Citazione:
Messaggio originale inviato da Atha
In primis che male e bene non sono le faccie di una stessa medaglia. Non da un punto cristiano (che non ritengo affatto stupido come qualcuno ha scortesemente sentenziato)

L'anticristo, ha origini meramente creaturali, e quindi non essendo divinità, ha ben poco in comune con Dio, quindi gli è inferiore e votato alla sconfitta.

Il male, da questo punto di vista è inteso come assenza di bene.
Prendiamo come paragone la luce, intesa come Dio.
Ora come quando si spegne la luce viene il buio, così quando viene meno il bene, il male ne prende il posto.
Ma in natura non esiste luogo senza luce alcuna (noi forse non ce ne accorgiamo per i limiti della nostra vista, ma c'è sempre un po' di luce (infrarossi). Così il male assoluto non esiste, ma il bene assoluto si: Dio (per chi ci crede naturalmente). Il diavolo, non è male assoluto, ma colui che vorrebbe esserlo e non può, perché due assoluti non possono esistere!

Secondo quello in cui credo, il male è sempre meno del bene. E se così non fosse, non si porrebbe il problema del lottare, tanto il male e il bene si equivarrebbero per l'eternità.

Chi è l'anticristo?
Tutto ciò che ci fa credere che non esista.

Rispettosa(mente)... Atha!

Non credo che la cosa sia tanto semplice , ad esempio l'egoismo è un male però ci consente , in una certa misura , di sopravvivere. Ecco perchè si parla delle 2 facce di una stessa medaglia : ma in parte tu hai ragione , si tratta di una semplificazione.

Quando si fà una scelta , secondo me è sempre una questione di bilanci , sia in senso utilitaristico , sia in quello morale. Esistono molte + tonalità di grigio e sfumature di colori che non il nero assoluto o il bianco assoluto.

bacio!!
UlceraGastrica is offline  
Vecchio 22-08-2002, 12.25.29   #19
Elianto
Ospite
 
L'avatar di Elianto
 
Data registrazione: 22-08-2002
Messaggi: 17
Intanto salve ... sono capitato qui, non ricordo come, poi mi son ritrovato a leggere ... e così ... insomma, mi si consentano (come direbbe quello) alcune osservazioni, sono solo due domande che si sono condensate nel mio cervello leggendovi. Ho anche provato a rispondermi, chissà che a qualcuno non interessi :

- Si puo' parlare di Anticristo a prescindere dal Cristianesimo ?(Anticristo é l'antitesi al Cristo-Salvatore non al male in sé come concetto assoluto)

- Si puo' discutere su quanto é assoluto l'Assoluto a partire da una definizione data che per quanto bella non é che una tra mille ?
(é ovvio che si puo' ma non si corre il rischio che la discussione si sposti su un piano di dimostrazione matematica, molto interessante anche quella ma che poco ha a che fare col punto della questione ? - ho la sensazione che se potremmo mai afferrare il senso di 'Assoluto' non lo faremo con la nostra parte razionale)

E per finire, visto che qualcuno ha citato Nietzsche, riporto a memoria (ed in sintesi) un concetto espresso da quel vecchio pazzo:
"la verità è un errore e non un assoluto, ma è un errore di cui la specie umana non può fare a meno"
... e meno male che era pazzo.

State bene
Elianto
Elianto is offline  
Vecchio 22-08-2002, 12.33.52   #20
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Citazione:
In quanto al non manifesto, quando si manifesterà, ne parleremo!

Allora....cara/o (non ho ancora capito se parlo ad un uomo o una donna, comunque non importa!) quando parlo di Non Manifesto, intendo qualcosa di particolare, ovvero...quel piano esistenziale dal quale sotto pressione di Kether è scaturita la prima scintilla vitale. Sopra a Kether (primo Sephirah dell'Albero della Vita) troviamo tre scritte che sono rispettivamente AIN (Nulla) AIN SOPH (Infinito) e AIN SOPH AUR (Luce infinita), nel punto massimo di concentrazione della Luce Infinita...lì sta Kether... Queste tre scritte vengono raffigurate con tre veli (i cosiddetti "Veli del Negativo") e rappresentano il regno della Divinità dal quale proviene la scintilla che da origine a Kether ae al resto dell'Albero.
Per concludere...userò le parole di Mac Gregor Mathers "L'infinito oceano di luce negativa non procede dal centro, ma esso concentra un centro, che è il numero uno dei Sephiroth manifesti, Kether, la corona Il primo Sephirah"....


Citazione:
Ecco perchè si parla delle 2 facce di una stessa medaglia : ma in parte tu hai ragione , si tratta di una semplificazione.


semplificazione?
Vedi..si parla sempre di scelte, decisioni ecc...
Dio (per come io lo vedo e lo interpreto) è "formato" (che brutto termine) da due potenze uguali ed opposte....è semplificare?
Non capisco....sarò tonta ma non comprendo...
baci

Ultima modifica di deirdre : 22-08-2002 alle ore 12.36.03.
deirdre is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it