Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 12-10-2002, 16.45.24   #41
Morfeo
 
Messaggi: n/a
Atha:

Hmmmm... non so... ma se dici che io cerco la verità nello straordinario e che non penso che sia alla portata di tutti, mi fai pensare che non hai letto quello che ho scritto...

Ma nessun problema , se non ti va quello che dico non fa niente...


DD :

Secondo me il problema non si pone proprio...

I "mezzi potenti" in mano agli stolti non funzionano...

Se poi credete che esistono cose tipo libri magici che basta che uno qualsiasi li legga e ottenga risultati, mi sa che siete molto fuori strada...

La magia "funziona" solo se c'è un lavoro personale, un grande lavoro, e gli stolti si stufano di lavorare, vogliono le cose facili e pronte...

Tipo il discorso dei viaggi astrali e dalla paura delgi spiriti bassi... Se qualcuno ha raggiunto un livello tale da poter uscire dal corpo normalmente, vuol dire che vibra già ad una frequenza tale da non aver problemi da chi è a livelli più bassi...

Oppure per un'arte marziale...
Chiunque può imparare a tirare due cazzotti, ma per imparare l'arte devi romperti il culo anni ed anni, e dopo tutti questi anni il tuo spirito è arrivato a livelli tali che non potrai "fare del male" a nessuno...

E così per ogni cosa...

E' tutto molto limpide e lineare, se poi uno vuole complicare le cose, ci sono infinite possibilità per farlo... ma non mi interessano per niente.


Tutto qui.
 
Vecchio 13-10-2002, 09.36.59   #42
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
ciao Morfeo....
non posso fare altro che darti ragione.

Stolto è stato usato per indicare persone che fanno un cattivo uso della conoscenza. Non credo all'esistenza di libri magici, ho smesso di farlo da bambina.
ciao
deirdre is offline  
Vecchio 12-11-2002, 14.31.57   #43
carlostogi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 01-09-2002
Messaggi: 63
Francesco

Un grande Illuminato che prese luce dal Cristo, uno tra i più Grandi Illuminati, come il Buddha. (Forse il Cristo fu il maggiore, per me che, volente o nolente, ormai impregnato di occidentalità, fu ed è il Maestro dei Maestri, ma...ahimé... per i credenti nei dogma religiosi...Il Cristo non fu l'unico Grande Maestro Spirituale...)
Francesco ne ripropose il messaggio, superando, con dei picchi, il Suo Maestro... Cristo NACQUE povero, Francesco RINUNCIO' alla ricchezza... Ben più difficile...
Saluti
carlostogi
carlostogi is offline  
Vecchio 12-11-2002, 16.19.34   #44
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
verità su Francesco/una speranza

Carlostogi ha detto bene.
Nostro fratello Francesco ha seguito gli insegnamenti di Gesù, si dice. Ma Francesco non ha detto questo, lui diceva solo che bisognava fare come Gesù. Disse questo perfino al Papa quando lo incontrò per chiedergli guida, consiglio e conferma di essere nel giusto.
Francesco subì una rapida trasformazione spirituale, una rapida mutazione nell'intendere il significato della Vita: Da quel normalissimo ragazzo che era, figlio di famiglia benestante, nel giro di poco tempo divenne quello che conosciamo.
La grande spiritualità di Francesco gli ha fornito la capacità di approfondire il suo pensiero permettendogli di non distrarsi e dimenticare, di procedere verso la Verità, di capire qual'è il proprio compito e scopo.
Erano anni che Francesco si poneva domande, che cercava nel Vangelo risposte non evidenti (non circolava la Bibbia in quel tempo, nè altri libri guida), poi, di colpo, capì qualcosa di Gesù che potè cancellare ogni dubbio, ogni esitazione.
Scelse così di essere coerente e consacrò la propria vita allo scopo di Dio scegliendo il modo più logico ed efficace di agire.
A quei tempi, attorno, a lui, molti morivano per miseria. Francesco capì che salvando questi poveri, curandoli e dando loro l'esempio di Cristo avrebbe permesso loro di continuare a vivere e così a fare tanto di più. Se non li avesse aiutati sarebbero morti prima del tempo e la loro vita sarebbe stata meno fruttuosa di interazioni con il mondo, sarebbe stata meno utile.
Scelse di predicare il bene per l'uomo, come fece Gesù, perchè il bene per l'uomo avvantaggia l'umanità che è la cosa più interattiva con il mondo.
Il sentimento di Francesco nei confronti dell'umanità povera e misera era la pietà, in virtù della propria natura terrena; mentre in virtù della propria natura spirituale l'impulso che lo muoveva era il "Bisogno di Essere e di Fare".

Quello che invidio a Francesco è la grandezza della sua spiritualità (ciamiamola pure "Anima"), che gli ha dato la determinazione di essere tanto coerente con la sua natura mistica al punto di consacrare la vita allo scopo di Dio, annullando, se non per le poche cose necessarie a tenere in vita il corpo, ogni altra propria, individuale esigenza.

Francesco, quanto vorrei averti potuto conoscere in vita... Starti vicino sarebbe stato come per una pianta è l'avere a fianco un ruscello: la mia anima sarebbe cresciuta rigogliosa per merito tuo, ed io sarei stato tanto migliore di così.
Il tempo in cui sei vissuto è stato un momento non meno magico del tempo di Gesù.
E' affascinante il pensiero che forse, eravate la stessa cosa... sarebbe grande ritrovarti quì, ora, con noi.
Mistico is offline  
Vecchio 12-11-2002, 16.44.00   #45
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Mistico...ho letto con molto interesse il tuo post.... anche se può sembrare assurdo...ammiro la figura di Francesco, la sua coerenza, il suo coraggio.... non è da tutti!
Ciò che non mi è del tutto chiaro è cosa accade ad un uomo (come poteva essere il primo Francesco)... che lo porta ad un cambiamento cosi radicale.... cosi repentino....
Non è da tutti cambiare completamente il senso della propria esistenza... senza timori o rimorsi.
Mi puoi rispondere, la fede. Vero...la fede....
Posso capire la pietà nei confronti di chi stava male..ecc... ma quanto forte può essere la fede... e cosa può comportare il credere in modo cosi certo e sicuro...?????
Sarà che io non ho un vero credo..tantomeno ho fede.... ma mi risulta davvero difficile concepire un concetto cosi....
ciao
deirdre is offline  
Vecchio 12-11-2002, 16.49.37   #46
carlostogi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 01-09-2002
Messaggi: 63
In poche righe...

Mistico, in poche righe, hai riassunto la vita di Francesco, dalla conversione (...passatemi il termine per favore...) in poi...
Anno 0,(-10, +75) il Cristo...
Anno 1000 (1100)Francesco
Anno 2000?.... Sai Baba? Ha da venire? L'Eterno ci lascia far da soli, così impariamo a combinar fregnacce?... Mah!...
Però, è strano che l'avvento di ogni personaggio che, in qualche modo, nel suo campo, metta dei paletti-guida per il vivere sociale, sia quasi cadenzato nel tempo... Se fai caso negli anni 0, 250, 500, 750, è avvenuto un qualcosa che ha dato una svolta...

Per non uscire dal tema, secondo me Francesco è un Grande Maestro, simile al Cristo.
Ciao

P.S. Cento anni più, cento meno, han poca importanza nel campo spirituale...

Saluti
carlostogi
carlostogi is offline  
Vecchio 12-11-2002, 17.02.39   #47
784
Numero
 
L'avatar di 784
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 291
Ti assicuro che se butti una griglia in un lago, tutte (no una o due, tutte!) le sbarre toccheranno dell'acqua... incredibile, vero?
784 is offline  
Vecchio 12-11-2002, 17.46.31   #48
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
a Deirdre

Deirdre, hai mai pensato che Gesù non era affatto mosso dalla Fede ma dalla sua Conoscenza di Dio?

Le religioni come quella che cì è stata tramandata e per le quali siamo stati istruiti da bambini, tengono in enorme rilievo la Fede, ma la Fede è solo un seme che dobbiamo far germogliare, è solo il titolo del tema che dobbiamo svolgere sui banchi della vita ed il "voto" che potremmo avere sarà basso se non ci saremo sforzati di scrivere qualcosa di nostro, se non avremo cercato la Verità.

Si, certo, chi fa il bene per l'uomo mosso dalla Fede è molto meritevole, ma è identicamente meritevole, per le stesse cose che ha fatto se non è stata la Fede a muoverlo ma la Conoscenza.
La differenza non è nella qualità del merito acquisito, ma nella possibile quantità dei meriti che si possono acquisire. Spiego:

Se ti capita di assistere ad un incidente e sei l'unica persona lì a poter dare soccorso, tu fai di tutto per il bene di un ferito, vero? Ma, non potresti fare molto di più se tu sapessi bene cosa fare perchè sei un medico?

Un medico sa cosa fare in quei casi così come un mistico sa cosa fare per avere i "meriti" (che però non sono lo scopo dell'agire del mistico).

La "molla" potente che muove persone dotate di grande spiritualità è la "Conoscenza" di Dio e del Suo Scopo. La Fede può avere tentennamenti, la Conoscenza no!

Ti consiglio di non pensare più in termini di Fede, è un errore che chiude la mente alla ricerca della Verità.

E' una contraddizione pazzesca il "cercare Dio avendo fede in Lui". Quando avrai trovato, tutti i dubbi cadranno, resteranno solo domande che implicano facili e deduttive risposte.

Nella ricerca della Verità Il veleno è proprio la "fede": una classe dirigente eclesiastica è sempre lì pronta ad accecarti con la fede per piegarti al proprio potere e comodo... Che ci siano alcuni effetti positivi collaterali alla "fede" è indubbio, ma questo va a beneficio minimo dell'umanità ed a grande danno di Dio il cui interesse è che tu ti procuri TUTTI gli strumenti utili a perseguire il comune Scopo. Mentre la fede ti impedisce di sapere più di quanto qualcuno vuole che tu sappia.

Tornando a Francesco... Non è ovvio? Partendo dalla Fede, Francesco trovò la Conoscenza e seppe accettarla per Verità. Questo, insieme alla grande spiritualità di Francesco, ha potuto operare il grande cambiamento in lui.

Ciao!
Mistico is offline  
Vecchio 13-11-2002, 08.29.51   #49
carlostogi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 01-09-2002
Messaggi: 63
Eh,sì...

...Proprio così...
La fede dovrebbe essere il punto do partenza per la ricerca, non un punto di arrivo...
Aver fede, così come comunemente è inteso, significa accettare TUTTO quel che pastori di ogni credo - diversi tra loro - promulgano dai loro pulpiti... E credere loro e alla lettera su quanto scritto in testi (ritenuti) sacri, è estremamente dannoso, sia per noi stessi, sia per il prossimo... Ed invito a NON credermi, ma fermarsi ad osservare quanti/quali danni l'umanità subisce (ha subito e subirà...) per colpa della fede in questo o quel Dio...
...Mai, però, nel nome di Dio, quello ricercato, non raggiunto dalla fede...
...E questa ricerca è comune sia nel Cristo, quanto in Francesco... (Sbaglio o il Cristo contestava i sacerdoti?...)
Saluti
carlostogi
carlostogi is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it