Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 14-09-2006, 13.24.06   #31
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Che significa non essere Cattolici?

Citazione:
Originalmente inviato da cstg
Che dire, che dire....
In sintesi, grosso modo son d'accordo con te, Mary.
Le religioni, un ammasso di regole dogmatiche, atte a frazionare Dio Stesso.
Che significa non essere cattolici? Quel che significa NON essere trevigiani, NON essere milanisti, NON essere musulmani, NON essere qell'altro... Ma che è, definirsi NON essere? Come nelle etichette "non contiene polifosfati" Ma non contiene neppure topi morti, ddt, e sai che lista di"NON"...
Personalmente VORREI esser cristiano, ma è difficile AMARE IL PROSSIMO COME ME STESSO E FARGLI QUEL CHE VORREI MI FACESSE Con questo insegnamento del Maestro dei Maestri , tutto il resto di qualsiasi religione, diventa dettaglio di poco conto, irrilevante...
Saluti a tutti


Posso osare darti un consiglio anche se non richiesto? (scusami per questo, ma mi sono riconosciuta in me stessa qualche anno fa nelle ultime affermazioni che fai e per questo mi permetto)
1) Non dire mai è difficile, perchè di qualunque cosa tu lo dica te ne convinci
e crei ostacoli insuperabili
2) Non dire mai Vorrei, ma:Voglio, Dovrei ma: devo, Potrei ma :Posso
e vedrai che cambiamenti.....
QUANTO AL COMANDAMENTO CHE CITI
UNA VOLTA CHE AVRAI IMPARATO L'AMORE INCONDIZIONATO PER TE
TI VERRA FACILE E NATURALE TUTTO IL RESTO
auguri
paperapersa is offline  
Vecchio 14-09-2006, 15.56.09   #32
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Che significa non essere Cattolici?

Citazione:
Originalmente inviato da cstg
Che dire, che dire....
In sintesi, grosso modo son d'accordo con te, Mary.
Le religioni, un ammasso di regole dogmatiche, atte a frazionare Dio Stesso.
Che significa non essere cattolici? Quel che significa NON essere trevigiani, NON essere milanisti, NON essere musulmani, NON essere qell'altro... Ma che è, definirsi NON essere? Come nelle etichette "non contiene polifosfati" Ma non contiene neppure topi morti, ddt, e sai che lista di"NON"...
Personalmente VORREI esser cristiano, ma è difficile AMARE IL PROSSIMO COME ME STESSO E FARGLI QUEL CHE VORREI MI FACESSE Con questo insegnamento del Maestro dei Maestri , tutto il resto di qualsiasi religione, diventa dettaglio di poco conto, irrilevante...
Saluti a tutti

Per me non essere cattolica vuol dire non appartenere più a quel "gruppo".
Non tifo più per la chiesa cattolica e per nessuna chiesa in generale.
Non mi sento in dovere di osservarne le norme, né di ascoltare i loro sermoni.

Forse più semplicemente è una bandiera che non seguo più.

E' davvero difficile, oserei dire impossibile, amare gli altri se prima non riesci ad amare te stesso.
Più ami te stesso più è naturale quasi inevitabile amare gli altri e fare loro quel che vorresti fosse fatto a te.

La chiesa predica bene e razzola malissimo. Troppe volte non predica neanche bene.

Nel Vangelo si sono dimenticati di cancellare un piccolo passaggio che rende chiaro tutto il resto. Gesù disse che vi era un solo comandamento: ama Dio, ama il prossimo, ama te stesso. Forse avrebbe voluto dire: ama te stesso, ama il prossimo, ama Dio. Ma se è stato frainteso con questo ordine figuriamoci con l'altro.

Se non parti dall'amore verso te stesso non puoi arrivare a nulla. Sarebbe come voler costruire un grattacielo cominciando.... dall'ultimo piano!!!!

ciao
mary
Mary is offline  
Vecchio 14-09-2006, 16.23.08   #33
joannes
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-05-2005
Messaggi: 329
Riferimento: Che significa non essere Cattolici?

Mary dice: Più ami te stesso più è naturale quasi inevitabile amare gli altri e fare loro quel che vorresti fosse fatto a te.

La chiesa predica bene e razzola malissimo. Troppe volte non predica neanche bene.

Nel Vangelo si sono dimenticati di cancellare un piccolo passaggio che rende chiaro tutto il resto. Gesù disse che vi era un solo comandamento: ama Dio, ama il prossimo, ama te stesso. Forse avrebbe voluto dire: ama te stesso, ama il prossimo, ama Dio. Ma se è stato frainteso con questo ordine figuriamoci con l'altro

-----------------------------------


togli prima la trave dal tuo occhio e poi la pagliuzza....se ami Dio sopra tutto e Dio è amore, se ami il Dio d'amore di conseguenza ami il prossimo come te stesso. Infatti chi predica bene e razzola male è chi si fa le proprie di regole al di fuori di quelle d'amore di Dio, comprese quelle regole d'amore, per amore della vita. Per questo si lascia la scuola per andare a zonzo, per predicare da se stessi cosa è meglio e cosa è peggio, chi razzola e chi non razzola in modo che nessuno ci faccia notare se quel che diciamo o facciamo sia giusto o sbagliato. Quanta presunzione nel giudicare finanche il vangelo. Ma se si ama piu se stessi che Dio questo è inevitabile, proprio perchè la struttura parte da Dio e non, come si vuole, da se stessi prima di Dio, tutto è frainteso!
joannes is offline  
Vecchio 15-09-2006, 08.50.19   #34
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Che significa non essere Cattolici?

Citazione:
Originalmente inviato da joannes
-----------------------------------


togli prima la trave dal tuo occhio e poi la pagliuzza....se ami Dio sopra tutto e Dio è amore, se ami il Dio d'amore di conseguenza ami il prossimo come te stesso. Infatti chi predica bene e razzola male è chi si fa le proprie di regole al di fuori di quelle d'amore di Dio, comprese quelle regole d'amore, per amore della vita. Per questo si lascia la scuola per andare a zonzo, per predicare da se stessi cosa è meglio e cosa è peggio, chi razzola e chi non razzola in modo che nessuno ci faccia notare se quel che diciamo o facciamo sia giusto o sbagliato. Quanta presunzione nel giudicare finanche il vangelo. Ma se si ama piu se stessi che Dio questo è inevitabile, proprio perchè la struttura parte da Dio e non, come si vuole, da se stessi prima di Dio, tutto è frainteso!

Certo che tutto parte da Dio, ma per arrivare sino a noi e noi dobbiamo essere pronti e aperti a riceverlo. Gli intermediari restano sempre fallibili come ogni essere umano, Papa compreso visto che si è fregiato del titolo di infallibilità e non di umiltà.

Non ho certo l'ardire di predicare o di giudicare il Vangelo, sarei davvero stupida e presuntuosa. Io scrivo della mia esperienza, la mia e non di un altro.
Parlo del mio cammino faticoso, dubbioso,doloroso molte volte. Altre pieno di amore e di speranza.

E quando sbaglio lo faccio in prima persona. E l'errore si vede sempre e comunque dai frutti. Non ha detto forse Gesù che l'albero buono produce frutti buoni e quello cattivo i cattivi?

Essere dentro una chiesa non ci protegge da nessun errore specialmente se a determinarli è chi dovrebbe fornici aiuto.
Per decenni ho cercato nella chiesa cattolica aiuto, guida, sostegno, comprensione. Invano. Semplicemente perchè quel che è scritto nel Vangelo non viene applicato, messo in pratica. Tutto qui. Ed io invece spero che mi guidi verso l'amore universale.

ciao
mary
Mary is offline  
Vecchio 16-09-2006, 22.56.48   #35
joannes
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-05-2005
Messaggi: 329
Riferimento: Che significa non essere Cattolici?

(Mary) : Certo che tutto parte da Dio, ma per arrivare sino a noi e noi dobbiamo essere pronti e aperti a riceverlo. Gli intermediari restano sempre fallibili come ogni essere umano, Papa compreso visto che si è fregiato del titolo di infallibilità e non di umiltà.


"Dopo queste cose, il signore designò altri settanta discepoli e li mandò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove egli stesso stava per andare. E diceva loro: La mèsse è grande, ma gli operai sono pochi; pregate dunque il Signore della mèsse che spinga degli operai nella sua mèsse. Andate; ecco, io vi mando come agnelli in mezzo ai lupi. Non portate né borsa, né sacca, né calzari, e non salutate nessuno per via. In qualunque casa entriate, dite prima: Pace a questa casa! Se vi è lì un figlio di pace, la vostra pace riposerà su di lui; se no, ritornerà a voi.. Rimanete in quella stessa casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché l’operaio è degno del suo salario. Non passate di casa in casa. In qualunque città entriate, se vi ricevono, mangiate ciò che vi sarà messo davanti, guarite i malati che vi saranno e dite loro: Il regno di Dio si è avvicinato a voi. Ma in qualunque città entriate, se non vi ricevono, uscite sulle piazze e dite: Perfino la polvere della vostra città che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi; sappiate tuttavia questo, che il regno di Dio si è avvicinato a voi. Io vi dico che in quel giorno la sorte di Sodoma sarà più tollerabile della sorte di quella città. Guai a te, Corazin! Guai a te, Betsaida; perché se in Tiro e in Sidone fossero state fatte le opere potenti compiute fra di voi, già da tempo si sarebbero ravvedute, prendendo il cilicio e scendendo nella cenere. Perciò, nel giorno del giudizio, la sorte di Tiro e di Sidone sarà più tollerabile della vostra. E tu, Capernaum, sarai forse innalzata fino al cielo? No, sarai abbassata fino al soggiorno dei morti! Chi ascolta voi ascolta me; chi respinge voi respinge me; e chi rifiuta me rifiuta Colui che mi ha mandato" (Lu. 10:1-16)."

non per volontà d'uomo vi sono gli intermediari e il titolo di infallibilità bisogna spiegarlo quando è che avviene Mary;l'infallibilità è per mezzo dello Spirito Santo e avviene ad esempio in campo etico e morale per la vita. Ad esempio l'aborto; nonostante si parli d'amore, di amare poi ci si scopre all'atto pratico all'opposto per quel che riguarda la vita, guardando piu che all'innocente alla propria personale decisione scambiata per "libertà". O sbaglio forse? ricevere Dio è ricevere la vita e proteggerla in ogni sua forma contro ogni volontà contraria ad essa. Questo è amore.

(Mary) : E quando sbaglio lo faccio in prima persona. E l'errore si vede sempre e comunque dai frutti. Non ha detto forse Gesù che l'albero buono produce frutti buoni e quello cattivo i cattivi?


i frutti buoni sono le buone opere; Gesù disse in realtà che chi è in Lui può dare buoni frutti essendo noi i tralci dell'albero; ma chi non è in lui, si secca e viene come tralcio tagliato e gettato nel fuoco perchè ramo inservibile.

(Mary) : Essere dentro una chiesa non ci protegge da nessun errore specialmente se a determinarli è chi dovrebbe fornici aiuto.
Per decenni ho cercato nella chiesa cattolica aiuto, guida, sostegno, comprensione. Invano. Semplicemente perchè quel che è scritto nel Vangelo non viene applicato, messo in pratica. Tutto qui. Ed io invece spero che mi guidi verso l'amore universale.

perchè pensavi forse che seguendo una Messa mai piu avresti errato? non disse forse il Signore a Pietro di perdonare settanta volte sette ossia all'infinito? e il perdono avviene solo per mezzo della confessione dei peccati. Molti è vero che non praticano il vangelo come sacerdoti ma non dovevi piu di tanto scandalizzarti di loro per abbandonare il vero Pastore perchè come disse , non appena arriva una tribolazione solo chi è saldo nella fede e chi persevererà sino alla fine sarà salvato. Il vero aiuto e il vero sostegno solo in Lui puoi trovarlo ma ce ne sono di bravi pastori nella Chiesa cara Mary. la chiesa è la salvezza per mezzo dei acramenti e del Corpo di Gesù. Poi vi è libertà di scelta, ma è bene conoscere che non vi è l'amore universale dove non vi siano le opere per chi è nel bisogno come dissero gli uomini vestiti di bianco agli Apostoli:" perchè guardate il cielo? questo gesù che da tri voi è salito al cielo un giorno tornerà.." per giudicare in base alle opere, anche morali ed etiche.
joannes is offline  
Vecchio 17-09-2006, 08.15.59   #36
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Che significa non essere Cattolici?

Scusa se mi intrometto Joannes.
Da sempre la Chiesa Cattolica si è arrogata il diritto di essere ripiena di
Spirito Santo, come se lo Spirito avesse preferenze......e poi continua a sostenere che Dio è AMORE...
Ti ricordo che i Pentecostali sostengono anch'esi di essere pieni di Spirito Santo, i carismatici che prima erano stati visti con sospetto e poi accettati
a pieno titolo sono anch'essi pieni di Spirito Santo e che tanti gruppi oggi sostengono la stessa cosa...
Perchè lo Spirito soffia dove vuole .......e riempie chiunque e tutto
Dio stesso si manifesta come Colui o Tutto ciò che è
e quindi lo Spirito Santo è ovunque...il problema è riconoscerLo
sentirlo, dentro e fuori di sè.
Quanto ad infallibilità siamo tutti esseri umani e quindi erranti
ivi compreso il Papa che a volte ricoprendo una carica così piena di responsabilità anche dal punto di vista etico ed essendo a capo di un gruppo così eterogeneo (il cattolico) in cui accanto al perdono c'è il giustizialismo
e la punizione non può che oscillare per cercare di accontentare ora una fazione ora un'altra perchè è nell'animo umano questo "orgoglio spirituale"
io sono buono e quindi Dio mi ama tu sei "cattivo" e meriti il castigo......
ma DIO è Amore Incondizionato e questo aggettivo "incondizionato"
è proprio di un Amore che non giudica.....cosa che noi uomini non siamo in grado di fare......finchè non ci connettiamo con il nostro Sè divino.

Il vero problema è questo caro joannes continuare a dividere buoni e cattivi
merito e punizione arrogandoci un diritto che non ci compete e che riguarda esclusivamente questa dimensione tridimensionale e materiale
così separandoci dalla vera dimensione spirituale che vuole che tutti e tutto siano UNO con e nel Padre
Buona domenica
paperapersa is offline  
Vecchio 17-09-2006, 09.20.07   #37
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Che significa non essere Cattolici?

Citazione:
Originalmente inviato da joannes
(.

(perchè pensavi forse che seguendo una Messa mai piu avresti errato? non disse forse il Signore a Pietro di perdonare settanta volte sette ossia all'infinito? e il perdono avviene solo per mezzo della confessione dei peccati. Molti è vero che non praticano il vangelo come sacerdoti ma non dovevi piu di tanto scandalizzarti di loro per abbandonare il vero Pastore perchè come disse , non appena arriva una tribolazione solo chi è saldo nella fede e chi persevererà sino alla fine sarà salvato. Il vero aiuto e il vero sostegno solo in Lui puoi trovarlo ma ce ne sono di bravi pastori nella Chiesa cara Mary. la chiesa è la salvezza per mezzo dei acramenti e del Corpo di Gesù. Poi vi è libertà di scelta, ma è bene conoscere che non vi è l'amore universale dove non vi siano le opere per chi è nel bisogno come dissero gli uomini vestiti di bianco agli Apostoli:" perchè guardate il cielo? questo gesù che da tri voi è salito al cielo un giorno tornerà.." per giudicare in base alle opere, anche morali ed etiche.

Io non ho abbandonato per nulla, anzi mi sono riavvicinata, al vero Pastore.

Nella chiesa cercavo aiuto, solo un piccolo aiuto per andare avanti nel mio viaggio. Non l'ho trovato, e non solo mi sono ritrova intralci, false indicazioni, vuoto assoluto, ipocrisia, meschinità. Come puoi ascoltare una splendida musa nel frastuono? La chiesa è stata da sempre ostacolo al mio cammino. Non è mai risultata in sintonia con il messaggio evangelico.

Chi crede di non poter fare a meno della chiesa cattolica è liberissimo di seguirla, è una sua precisa necessità e per questo vuol dire che è cosa buona. Ma quando tutto il tuo essere vede che sei sulla strada sbagliata non ti resta altro che allontanarti. Mi è costato tanto, ma lo dovevo alla mia coscienza, lo dovevo a Dio.
Se sai di fare qualcosa di sbagliato e continui a farlo quello è il vero peccato.

Solo con l'uscita dal cattolicesimo ho ritrovato Gesù, il Suo Amore, il Suo Insegnamento. E mi sforzo di metterlo in pratica.

Chi è più pazzo il pazzo o colui che segue il pazzo? Il pazzo è giustificato a causa della sua pazzia, ma chi lo segue non può essere giustificato.

Io non voglio farmi una mia religione, ma non posso neppure seguire regole e imposizioni e falsi messaggi che so bene mi condurrano dove io non voglio andare.
Il solo ed unico comandamento che Gesù ci ha lasciato è l'Amore, non vi può essere altro. E l'amore non può essere insegnato da nessuno ma solo sperimentato. Vi riconosceranno da come vi amerete gli uni con gli altri, disse il Signore. Nella chiesa cattolica ho visto di tutto mancava solo l'amore.

Concludo: io non rinnego Dio, Gesù, il Vangelo ma unicamente coloro che manipolano il sacro, lo usano, lo sottomettono, lo distorcono, lo svuotano.

ciao
mary
Mary is offline  
Vecchio 17-09-2006, 13.02.17   #38
joannes
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-05-2005
Messaggi: 329
Riferimento: Che significa non essere Cattolici?

(paperapersa) : Scusa se mi intrometto Joannes.
Da sempre la Chiesa Cattolica si è arrogata il diritto di essere ripiena di
Spirito Santo, come se lo Spirito avesse preferenze......e poi continua a sostenere che Dio è AMORE...

ciao papera la Chiesa non si arroga diritti, lo Spirito discese sugli apostoli per promessa del Cristo e tutt'ora è su di essi , sulla Chiesa affinchè testimoni la parola di salvezza; poi il fatto che vedi ciascun prete come un demonio questo è un problema tuo. La Chiesa è il corpo mistico di Gesù per questo non solo difendendo un Dio "sconfitto" e umiliato in croce non può che riferire la verità, ossia che Dio è amore e lo dimostra con quell'immagine tanto disprezzata al giorno d'oggi.

(papera) : Ti ricordo che i Pentecostali sostengono anch'esi di essere pieni di Spirito Santo, i carismatici che prima erano stati visti con sospetto e poi accettati
a pieno titolo sono anch'essi pieni di Spirito Santo e che tanti gruppi oggi sostengono la stessa cosa...


che centrano i protestanti e quel che dicono? essi dicono molte cose, e molte cose non dicono; i miracoli accadono solo nella vera Chiesa universale di Cristo per mezzo dello Spirito.

(papera) : Perchè lo Spirito soffia dove vuole .......e riempie chiunque e tutto
Dio stesso si manifesta come Colui o Tutto ciò che è
e quindi lo Spirito Santo è ovunque...il problema è riconoscerLo
sentirlo, dentro e fuori di sè.

lo Spirito essendo amore non disperde ma unisce, unisce tutti nel corpo di Cristo che è la sua Chiesa(San Paolo)! è vero che senza regole, senza "riti", crediamo di essere liberi, piu liberi di chi va in Chiesa, ascolta la parola e per questo cerca di metterla in pratica; è ovvio quando si marina la scuola di pensare di essere liberi in confronto dei compagni che si caricano di studio e di compiti ma poi ci si inganna perchè da soli non possiamo far nulla; cosi, credendo d'amare rimaniamo sterili, diamo quel poco che basta; privi di grazie che solo con i Sacramenti e le preghiere si possono ottenere rimaniamo con i nostri pensieri, nella falsa libertà. privi di quel corpo che ci da la vita moriamo di quella fame che non sente il corpo mortale, ma poi ne risentirà l'anima.

(papera) : Quanto ad infallibilità siamo tutti esseri umani e quindi erranti
ivi compreso il Papa che a volte ricoprendo una carica così piena di responsabilità anche dal punto di vista etico ed essendo a capo di un gruppo così eterogeneo (il cattolico) in cui accanto al perdono c'è il giustizialismo

il Papa è infallibile in campo etico e morale ex-cattedra perchè sotto la protezione dello Spirito che difende la vita nonostante il pensiero corrente; infatti mai nella Chiesa nonostante la fallibilità dei papi, di chi proprio papa non era, si è mai cambiata la parola. Lo fece la chiesa africana che per questo fu abbandonata dalla provvidenza dello Spirito e spazzzata via dalle persecuzioni. Mi sembra che il giustizialismo sia da altre parti che non dove affermi.

(papera) : e la punizione non può che oscillare per cercare di accontentare ora una fazione ora un'altra perchè è nell'animo umano questo "orgoglio spirituale"
io sono buono e quindi Dio mi ama tu sei "cattivo" e meriti il castigo......

mi sembra che cerchi di spiegare certe cose in modo assai sbrigativo. secondo poi, la Chiesa non dice assolutamente quel che vuoi far credere, non parla di buoni o cattivi perchè tutti siamo peccatori giacchè non c'è nessun giusto, neppure uno. é proprio la Chiesa che non diffonde un falso messaggio di Dio perchè Dio ama tutti; dunque perchè parli di buoni o cattivi, di chi è o non è castigato? si parla del peccato per questo non c'è giusto; ma il peccato puo essere perdonato, qualsiasi peccato perchè come disse Gesù: "Il mio cuore è piu grande dei vostri peccati". Ma se pensiamo di non aver bisogno di questo cuore perchè non riteniamo di essere peccatori allora inganneremo noi stessi e la verità non è in noi (Giovanni)! è il peccato che ci allontana dalla visione beatifica di Dio, non Dio che castiga chi non è buono.

(papera) : Il vero problema è questo caro joannes continuare a dividere buoni e cattivi
merito e punizione arrogandoci un diritto che non ci compete e che riguarda esclusivamente questa dimensione tridimensionale e materiale
così separandoci dalla vera dimensione spirituale che vuole che tutti e tutto siano UNO con e nel Padre
Buona domenica

continui con questa visione distorta di come in realtà stanno le cose. Nessuna divisione ma solo umiltà di riconoscerci per quel che siamo, ovvero peccatori innanzi a Dio. Dunque è vero che ci arroghiamo qualcosa solo quando siamo sordi alla salvezza proprio perchè tutti siano Uno col Padre. Ma è per colpa del peccato che noi non possiamo vedere Dio, e lui è venuto proprio per questo ed è morto in croce per questo; per far si che lo rivedessimo mediante Lui e per mezzo di Lui, il figlio, l'Agnello di dio che toglie i peccati del mondo!
joannes is offline  
Vecchio 17-09-2006, 17.03.57   #39
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Che significa non essere Cattolici?

Citazione:
Originalmente inviato da joannes
(paperapersa) : Scusa se mi intrometto Joannes.
Da sempre la Chiesa Cattolica si è arrogata il diritto di essere ripiena di
Spirito Santo, come se lo Spirito avesse preferenze......e poi continua a sostenere che Dio è AMORE...

ciao papera la Chiesa non si arroga diritti, lo Spirito discese sugli apostoli per promessa del Cristo e tutt'ora è su di essi , sulla Chiesa affinchè testimoni la parola di salvezza; poi il fatto che vedi ciascun prete come un demonio questo è un problema tuo. La Chiesa è il corpo mistico di Gesù per questo non solo difendendo un Dio "sconfitto" e umiliato in croce non può che riferire la verità, ossia che Dio è amore e lo dimostra con quell'immagine tanto disprezzata al giorno d'oggi.


E' l'Umanità intera il Corpo di Dio, l'Umanità che non ha ancora compreso nulla di questa verità e continua a considerare gli altri "diversi" e non cellule
di un unico corpo.....
Qualunque cosa viene fatta a chiunque è come se fosse fatta a Dio
nel bene e nel male perchè tutto è Dio.....
Non credo che diciamo cose diverse ma tu hai una visione ecclesiale
io ho una visione umanitaria....
Oggi ho rifrequentato una messa domenicale e mi sono resa conto di come non cambi mai nulla al suo interno......è una chiesa vecchia...fatta da vecchi
attorno a me persone che in attesa del rito chiaccheravano come in salotto
ed io ero entrata per un mio intimo bisogno di silenzio e di preghiera
ma la chiesa è il luogo meno adatto ormai almeno per me ( quando voglio pregare seguo il consiglio di Gesù e mi raccolgo in preghiera nel mio intimo e
nel mio angolino silenzioso di concentrazione e meditazione)

(papera) : Ti ricordo che i Pentecostali sostengono anch'esi di essere pieni di Spirito Santo, i carismatici che prima erano stati visti con sospetto e poi accettati
a pieno titolo sono anch'essi pieni di Spirito Santo e che tanti gruppi oggi sostengono la stessa cosa...


che centrano i protestanti e quel che dicono? essi dicono molte cose, e molte cose non dicono; i miracoli accadono solo nella vera Chiesa universale di Cristo per mezzo dello Spirito.

questa dei miracoli te la potevi risparmiare.....
oggi i miracoli avvengono ovunque vi sia vera fede e vero amore
ci sono guaritori spirituali di qualunque religione dovrestri
informarti di più ed uscire da questa visione esclusivamente ecclesiale

(papera) : Perchè lo Spirito soffia dove vuole .......e riempie chiunque e tutto
Dio stesso si manifesta come Colui o Tutto ciò che è
e quindi lo Spirito Santo è ovunque...il problema è riconoscerLo
sentirlo, dentro e fuori di sè.

lo Spirito essendo amore non disperde ma unisce, unisce tutti nel corpo di Cristo che è la sua Chiesa(San Paolo)! è vero che senza regole, senza "riti", crediamo di essere liberi, piu liberi di chi va in Chiesa, ascolta la parola e per questo cerca di metterla in pratica; è ovvio quando si marina la scuola di pensare di essere liberi in confronto dei compagni che si caricano di studio e di compiti ma poi ci si inganna perchè da soli non possiamo far nulla; cosi, credendo d'amare rimaniamo sterili, diamo quel poco che basta; privi di grazie che solo con i Sacramenti e le preghiere si possono ottenere rimaniamo con i nostri pensieri, nella falsa libertà. privi di quel corpo che ci da la vita moriamo di quella fame che non sente il corpo mortale, ma poi ne risentirà l'anima.

i sacramenti sono sacri certamente ma come ogni cosa
hanno il valore che noi attribuiamo loro.....
c'è chi crede che l'immaginetta di Padre Pio sia miracolosa
e ......ottiene o miracolo
io non vedo il diavolo in nessuno tanto meno nei preti che stimo se lo meritano e che compiango quando non sono convinti della loro scelta.....
quanto al valore della preghiera ne sono profondamente convinta....
ma non vedo la necessità che sia corale, rituale, litanica.....
io parlo con mio Padre come una figlia che ha fiducia in tutto ciò che
fa per me e per tutti
e sono profonfdamente convinta che la regola più importante sia "Aiutati che Dio ti aiuta"""



(papera) : Quanto ad infallibilità siamo tutti esseri umani e quindi erranti
ivi compreso il Papa che a volte ricoprendo una carica così piena di responsabilità anche dal punto di vista etico ed essendo a capo di un gruppo così eterogeneo (il cattolico) in cui accanto al perdono c'è il giustizialismo

il Papa è infallibile in campo etico e morale ex-cattedra perchè sotto la protezione dello Spirito che difende la vita nonostante il pensiero corrente; infatti mai nella Chiesa nonostante la fallibilità dei papi, di chi proprio papa non era, si è mai cambiata la parola. Lo fece la chiesa africana che per questo fu abbandonata dalla provvidenza dello Spirito e spazzzata via dalle persecuzioni. Mi sembra che il giustizialismo sia da altre parti che non dove affermi.

senti sull'infallibilità dei papi meglio stendere un velo pietoso sullle ....azzate di tutti i papi della storia...
e tornando al presente sarebbe meglio che l'attuale Papa evitasse certe esternazioni..ovvie ed evidenti....anche per i bambini.

(papera) : e la punizione non può che oscillare per cercare di accontentare ora una fazione ora un'altra perchè è nell'animo umano questo "orgoglio spirituale"
io sono buono e quindi Dio mi ama tu sei "cattivo" e meriti il castigo......

mi sembra che cerchi di spiegare certe cose in modo assai sbrigativo. secondo poi, la Chiesa non dice assolutamente quel che vuoi far credere, non parla di buoni o cattivi perchè tutti siamo peccatori giacchè non c'è nessun giusto, neppure uno. é proprio la Chiesa che non diffonde un falso messaggio di Dio perchè Dio ama tutti; dunque perchè parli di buoni o cattivi, di chi è o non è castigato? si parla del peccato per questo non c'è giusto; ma il peccato puo essere perdonato, qualsiasi peccato perchè come disse Gesù: "Il mio cuore è piu grande dei vostri peccati". Ma se pensiamo di non aver bisogno di questo cuore perchè non riteniamo di essere peccatori allora inganneremo noi stessi e la verità non è in noi (Giovanni)! è il peccato che ci allontana dalla visione beatifica di Dio, non Dio che castiga chi non è buono.

(papera) : Il vero problema è questo caro joannes continuare a dividere buoni e cattivi
merito e punizione arrogandoci un diritto che non ci compete e che riguarda esclusivamente questa dimensione tridimensionale e materiale
così separandoci dalla vera dimensione spirituale che vuole che tutti e tutto siano UNO con e nel Padre
Buona domenica

continui con questa visione distorta di come in realtà stanno le cose. Nessuna divisione ma solo umiltà di riconoscerci per quel che siamo, ovvero peccatori innanzi a Dio. Dunque è vero che ci arroghiamo qualcosa solo quando siamo sordi alla salvezza proprio perchè tutti siano Uno col Padre. Ma è per colpa del peccato che noi non possiamo vedere Dio, e lui è venuto proprio per questo ed è morto in croce per questo; per far si che lo rivedessimo mediante Lui e per mezzo di Lui, il figlio, l'Agnello di dio che toglie i peccati del mondo!
E anche qui purtroppo non mi trovo d'accordo,
siamo tutti peccatori e tutti santi poichè siamo tutti
parti di un'unica grande Anima Universale
una Grande Essenza che si manifesta
in molteplici forme ed esperienze
paperapersa is offline  
Vecchio 17-09-2006, 17.18.15   #40
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Talking Riferimento: Che significa non essere Cattolici?

MI DISPIACE HO INSERITO LE MIE OBIEZIONI
NEL QUOTING
PUOI RILEGGERLO CON ATTENZIONE
E LE TROVERAI

Vedi caro Joannes
io più che fede in Dio ho piena fiducia
nel Padre e a Lui mi affido totalmente
perchè sono talmente certa del suo amore....
che non ho bisogno di dire di quale fede sono
e tuttavia non ho mai rinnegato
nè mai rinnegherò Gesù Cristo
il Maestro dei Maestri.....
paperapersa is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it