Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Arte
Arte - Commenti, recensioni, raccolte di...
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Riflessioni sull'Arte
Vecchio 28-08-2004, 12.10.26   #51
Rositas
Ospite abituale
 
L'avatar di Rositas
 
Data registrazione: 19-10-2003
Messaggi: 47
Re: terzo grado per lettori

1- cosa stai leggendo?
SIDDARTHA, HESSE
I FIORI DEL MALE, BAUDELAIRE

2 - prime letture
COLLANA "IL BATTELLO A VAPORE" DIVERSI LIBRI

3- -una citazione
NON MANDARE A CHIEDERE PER CHI SONO LA CAMPANA? ESSA SUONA ANCHE X TE, John Donne

4 - un personaggio che non dimentichi
IL COMANDANE AURELIO DAL LIBRO "L'ULTIMA LEGIONE" di MANFREDI

5 - il romanzo più triste (e/o più divertente)
IL BUIO OLTRE LA SIEPE

6 - un romanzo d'amore
nessuno

7 - un personaggio con cui identificarsi (e/o odiato)
ALESSANDRO MAGNO

8 - a chi faresti la corte?
alessandro magno!

9 - romanzo da portare sullo schermo
ALEXANDROS

10 - una poesia d'amore
CET AMOUR di JAQUES PREVERT

11 - libri che cambiano la vita
I FIORI DEL MALE

12 - un libro che ti ha fatto paura
NESSUNO FINO AD ORA

13 - un'opera "minore" da riscoprire
NON LO SO

14 - un romanzo che ti ha coinvolto
TANTI

15 - per l'isola deserta?
I FIORI DEL MALE
Rositas is offline  
Vecchio 28-08-2004, 13.06.25   #52
Shanti Ananta
Ospite
 
Data registrazione: 26-07-2004
Messaggi: 18
Ciao Arsenio! Molto carina l'idea di inserire un sondaggio così stimolante e interessante per tutti.Leggendo le risposte degli altri puoi ricavare tanti spunti per nuove letture!
Ecco le mie risposte:
1.purtroppo ultimamente sono così impegnata che trovare il tempo di leggere è veramente difficile. Cmq sto tentando con IL REGNO DEL DRAGO D'ORO di ISABEL ALLENDE.

2.prime letture: enciclopedie scientifiche di animali. ho sempre amato moltissimo gli animali e ho cominciato a leggermi i nomi scientifici a sei anni su libri che pesavano quasi più di me...

3.una citazione:
me ne piacciono troppe! Sia spirituali che mondane e umoristiche. ne scrivo una a caso:
"A differenza degli animali, l'uomo non ha mai imparato a comprendere che il solo scopo della vita è quello di goderla"

4.Un personaggio che non dimentico:
il mago Silente (di Harry Potter) . Mi affascina molto come figura di saggezza.

5. Il romanzo più divertente:
Le avventure di vampiretto (romanzo per l'infanzia diviso in vari volumetti, purtroppo non ricordo l'autrice, ma so che era tedesca)

6.unromanzo d'amore: NESSUNO

7.un personaggio con cui identificarsi: il protagonista de "L'Alchimista" di Coelho.

8.a chi farestio la corte. ad Albus Silente

9.romanzo da portare sullo schermo: non saprei... anche perché leggo pochi romanzi e molta saggistica

10.una poesia d'amore: quelle di KAHLIL GIBRAN (non ricordo il titolo di una in particolare)

11.libri che cambiano la vita:
IL MANUALE DEL GUERRIERO DELLA LUCE (P.COELHO)

12.un libro che ti ha fatto paura: finora nessuno

13. un'opera minore da riscoprire: non saprei, dovrei pensarci un po'...se mi viene in mente riscrivo...

14.un romanzo che ti ha coinvolto "L'Alchimista"

15.per l'isola deserta: scelta troppo difficile...
Shanti Ananta is offline  
Vecchio 29-08-2004, 22.09.39   #53
cernia
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-08-2004
Messaggi: 91
1- cosa stai leggendo?

“La misteriosa fiamma della regina Loana” di Umberto Eco

2 - prime letture

Piccole donne, Hemingway - Il vecchio e il mare , Hesse - Siddharta, Narciso e Boccadoro, Maugham - i racconti dei mari del sud, Pirandello – il fu Mattia Pascal, Elsa Morante – La Storia, Yourcenar – Memorie di Adriano, Ginzbourg – Lessico famigliare, La certosa di Parma, Il piccolo principe, La collina dei conigli più tutti quelli che ti fanno leggere a scuola (Papà Goriot, Madame Bovary ecc ecc)

3- -una citazione

“Nel tempio della scienza ci sono molte dimore… e diversi davvero sono coloro che le abitano e i motivi che ve li hanno condotti.
Molti cercano nella scienza l’esaltante sensazione di superiore capacità intellettuale; la scienza è lo sport da cui trarre un’esperienza vivida e il soddisfacimento delle ambizioni ; nel tempio ci saranno anche i molti che hanno immolato i prodotti del loro cervello a fini puramente utilitaristici. Se venisse un angelo del Signore a cacciare tutta la gente che appartiene a queste due categorie, il tempio si svuoterebbe di molti fedeli, ma qualcuno rimarrebbe: uomini sia dell’epoca presente sia di quella passata… Se le categorie che abbiamo appena espulso fossero le sole a popolare quel luogo, il tempio non sarebbe mai esistito, così come non può esistere un bosco fatto di soli rampicanti. Coloro che troveranno favore presso l’angelo […] sono tipi insoliti, poco comunicativi, solitari, in realtà molto meno simili tra loro degli appartenenti alla schiera dei cacciati.
Quel che li ha portati al tempio […] non c’è un’unica risposta per spiegarlo, […] l’evasione dalla vita quotidiana, dalla sua penosa crudezza, da una disperata monotonia, la fuga dalla schiavitù dei propri desideri. Una natura nobile desidera con tutte le sue forze di sfuggire al suo ambiente affollato e rumoroso per rifugiarsi nel silenzio delle vette più alte, dove l’occhio spazia liberamente nell’aria ancora pura e segue con sguardo amorevole i placidi contorni che paiono costruiti per l’eternità” Discorso pronunciato da Albert Einstein nel 1918 e citato da Robert M. Pirsig in “Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta”

4 - un personaggio che non dimentichi

Il principe Miskin de “L’Idiota” di Dostoevskij

5 - il romanzo più triste (e/o più divertente)

Romanzo triste: Addio alle armi di Hemingway
Un romanzo divertente: Picknick nell’uliveto di Hannie Hawes

6 - un romanzo d'amore

Schiavo d’amore di Maugham

7 - un personaggio con cui identificarsi (e/o odiato)

nessuno

8 - a chi faresti la corte?

Federico II

9 - romanzo da portare sullo schermo

Il remake de “Il nome della rosa” di Eco


10 - una poesia d'amore

“Per mano” di Tagore

11 - libri che cambiano la vita

Un libro che non mi ha cambiato la vita ma che mi ha fatto riflettere è “Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta” di Pirsig.

12 - un libro che ti ha fatto paura

nessuno

13 - un'opera "minore" da riscoprire

non saprei

14 - un romanzo che ti ha coinvolto

Mi coinvolgono molto tutti i libri che trattano della ricerca del proprio Io, della propria identità e che fanno riflettere tipo Gibran, e il genere beat.

15 - per l'isola deserta?

“L’isola del giorno prima” di Umberto Eco
cernia is offline  
Vecchio 03-09-2004, 16.44.08   #54
luciano
Ospite
 
Data registrazione: 25-08-2004
Messaggi: 10
1- cosa stai leggendo?

L'ombra del vento carlos ruiz zafon

2 - prime letture

Senza famiglia - Hector malot -
Salgari - Verne ecc.

3- -una citazione

Quando osservi il fiume verso valle
sembra che tutto s'allontani
come a precipitare.
Ma, se volgi lo sguardo verso i monti
dove la neve crea l'acqua sorgiva
ti accorgi che il fiume corre verso di te
e tutto può ancora accadere....

4 - un personaggio che non dimentichi


5 - il romanzo più triste (e/o più divertente)

6 - un romanzo d'amore
I ponti di Madison County - R. J. Waller

7 - un personaggio con cui identificarsi (e/o odiato)


8 - a chi faresti la corte?


9 - romanzo da portare sullo schermo

trovo assurdo portare un romanzo sullo schermo


10 - una poesia d'amore


11 - libri che cambiano la vita
La bibbia di Rajneesh - OSHO

12 - un libro che ti ha fatto paura


13 - un'opera "minore" da riscoprire
Claire Calman - Amore è una parola

14 - un romanzo che ti ha coinvolto
Ti prendo e ti porto via - N. Ammaniti


15 - per l'isola deserta?
ci stanno tutti ?

si possono aggiungere o saltare domande.
luciano is offline  
Vecchio 03-09-2004, 17.07.06   #55
rdlea
Ospite
 
Data registrazione: 23-06-2003
Messaggi: 13
Citazione:
Messaggio originale inviato da cernia
[/b]

Ciao Cernia.
Vedo che ti piace Eco. Mi farebbe piacere capire il perché. Non è polemica: tento di capire.
Grazie.
Ciao.

rdlea is offline  
Vecchio 05-09-2004, 21.12.45   #56
cernia
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-08-2004
Messaggi: 91
ciao rdlea

a dire il vero non sono la persona più indicata per dire perchè Eco piace. Ho letto solo il nome della rosa, ora ho iniziato il nuovo libro e e nella mia libreria giacciono da tempo libri nell'attesa di essere letti, come Baudolino, L'isola del giorno prima, cronache dal medioevo e "mein verruecktes Italien". Perchè mi piace? Non lo so neanche io, il nome della rosa mi è piaciuto un sacco (sono una patita del medioevo) e poi ammiro Eco tantissimo, per la sua cultura sconfinata, per la sua capacità di giocare con le parole (anche se quando esagera mi fa annoiare). Non sono una persona che cerca di capire tutto tutto fino in fondo: anche i passi più difficili del nome della rosa li ho letti e basta, senza stare a rimuginare sul perchè e per come: se ti lasci trasportare dalla lettura è bellissimo.
Magari quando avrò finito di leggere qualche altro libro ti riscriverò.

Un saluto

Cernia
cernia is offline  
Vecchio 05-09-2004, 22.51.03   #57
testigo
Ospite
 
Data registrazione: 30-06-2004
Messaggi: 0
1 –Finzioni (Borges)
2 - prime lettureFontamara (Silone) Mastro Don Gesualdo(Verga)3- -una citazioneEsperienza è il nome che diamo ai nostri errori.
4 - un personaggio che non dimentichiAdriano Meis (Il fu Mattia Pascal)
5 - il romanzo più triste (e/o più divertente)Fontamara
6 - un romanzo d'amorenn mi piacciono
7 - un personaggio con cui identificarsi (e/o odiato)Joseph K. (Il processo – Kafka)
8 - a chi faresti la corte?Vedi n. 6
9 - romanzo da portare sullo schermoL’avventura di un povero cristiano (Silone)
10 - una poesia d'amore
la notte nell’isola (neruda)Il più bello dei mari.. (hikmet)
11 - libri che cambiano la vita
Tutti contribuiscono ad arricchire la vita
12 - un libro che ti ha fatto paura Il processo
13 - un'opera "minore" da riscoprire nn saprei
14 - un romanzo che ti ha coinvoltoUno,nessuno e centomila (Pirandello)
15 - per l'isola deserta?Fontamara-Il fu Mattia Pascal-lL’Aleph-Il Processo-I Malavoglia
testigo is offline  
Vecchio 06-09-2004, 19.19.00   #58
Gould
Ospite
 
Data registrazione: 27-04-2004
Messaggi: 25
ciao rdlea,

benché tu non l'abbia chiesto a me, Eco è uno tra i miei autori preferiti prima di tutto perché riesce, pur scrivendo più che eruditamente (e davvero non so se lo faccia apposta; o meglio, nei suoi saggi ostenta il suo sapere. Solo nei romanzi sì l'ostenta, ma in modo de ltutto diverso, potrebbbe anche essere involontario: una tra le cose da riconoscergli è i suoi libri non potrebbero esser detti in altro modo. Perdona la parentesi), a raggiungere e coinvolgere una gamma immane di lettori: ciò indica a parer mio una volgia oltre che un bisogno smisurati di comunicare (o comunicarsi), ancora una volta a parer mio si tratta d'un bene.
Poi adoro il suo stile, così simile eppure così maturo rispetto a quello seminato da Manzoni: oltre la "perfezione", che trovo ma che potrebbe suonare a parecchi alla stregua d'un banale cliché, è palese l'attacco inattacvcvabile alle assurdità compiute dalla società (bigotta, come direbbe la cima della mia classe) sia odierna sia trascorsa, e le trame dei romanzi volutamente ed irreprensibilmente celate alla distrazione; tuttavia anche per i disattenti è possibile colgiere magari la più banale fra le interpretazioni, i miei genitori docunt, ma l'ho già detto prima.
Inoltre lo trovo apprezzabile perché, in un certo senso, sa scegliere i propri lettori inserendo riempimenti di fiducia: a dimostrazione l'intero Pendolo di Foucault (l'ammetto, pesante, ma nelle ultime pagine è così... illuminante, ti da una validissima spiegazione del appena trascorso calvario) nonché la prima parte, così semplicemente pleonastica (pleonastico ha poi un'accezione positiva? è quella che voglio intendere ma non trovo il termine), del Nome della rosa (... ineffabile!). Se ti fidi leggi il libro, altrimenti non sei fatto per lui (o lui non è fatto per te).
Scusa errori e parentesi, spero d'averti aiutato perché tu possa apprezzarlo al più presto. Ciao
Gould
Gould is offline  
Vecchio 07-09-2004, 08.45.58   #59
rdlea
Ospite
 
Data registrazione: 23-06-2003
Messaggi: 13
Citazione:
Messaggio originale inviato da Gould
ciao rdlea,
benché tu non l'abbia chiesto a me, Eco è uno tra i miei autori preferiti...Gould

Ciao Gould,
so che scatenerò un vespaio, ma io credo che Eco non sia un narratore. Eco è un costruttore di fiction. Eco non commuove. I romanzi di Eco si finiscono - chi li finisce - perché sa applicare alla perfezione la tecnica: ogni periodo e ogni capitolo sono quasi un racconto a se e terminano in modo da far chiedere al lettore "what's next?". Tutto qui. Tonio Kroger è costruito da Mann allo stesso modo, ma al termine del racconto stringe il cuore; La Gita al Faro di Virginia Woolf è costruita alla stesso modo, ma alla fine lascia sgomenti. Il Nome della Rosa alla fine lo metti nella scansia e non lo tiri più fuori per goderti qualche passaggio che hai sottolineato: confessalo.
E ora sotto con le reazioni!

Ciao.
rdlea is offline  
Vecchio 07-09-2004, 18.27.22   #60
Gould
Ospite
 
Data registrazione: 27-04-2004
Messaggi: 25
Intendevo proprio questo.
Se leggi Eco aspettandoti di leggere fiction, sarai accontentato. Da come scrivi sembra che Il nome della rosa sia quello che più ti ricordi: a che genere appartiene? detective fiction? un giallo? Dove il detective è palesemente sconfitto dal ladro-assassino (anche se "assassino" già è troppo)? Possibile che un attento lettore come te non abbia apprezzato questa discrepanza?
Mann e Virginia... non so, mi perplimono assai... incolpo le traduzioni (non che abbia letto molto: La morte a Venezia, Tonio Kroger (dov'è l'Umlaut?), Le onde, tutti piuttosto male: solo perché ho dovuto leggerli per la scuola, credo ritenterò), ma forse sbaglio ad avvicinarmici.
Certo la costruzione, quella scritta nero su bianco, è semplice da apprezzare, per tutti e tre. E' l'arché, ciò che sta scritto bianco su bianco, che mi riesce con Eco d'intuire solo dopo aver ricevuto molto aiuto, per gli altri due sono ancoa lontano dall'illuminazione.
Se, ad esempio, chiedessi la tua personale interpretazione d'un qualsiasi libro echiano, su che tema porresti la tua attenzione? Mi riassumeresti la trama, come si è costretti ad agere con un libro di fiction o con Cime tempestose? ops, scusa, che sbadato, ma la trama non è un tema...
Mi sento di confessare solo che sottolineo raramente libri, se mi piacciono non finisco mai di rileggerli e li imparo più o meno a memoria: così posso ad esempio dire "mamma, ti ricordi chi ha scritto Piccola, splendida bambina cinese, mangia con la forchetta, o ti ammazzo?" magari mentre mia madre sta cucinando, così s'arrabbia, mi sgrida in dialetto ed io mi diverto pur essendo in casa con i miei.
Prova a leggere, se ti va ovviamente, La misteriosa fiamma della regina Loana (p.s.: leggi mai Lessico e Nuvole, sul Venerdì della Repubblica? poco tempo fa era uscito un'ottima commento proprio su La misteriosa fiamma della regina Loana, se non è finito nella carta straccia te lo copio), m'è parso molto più immediato degli altri da capirsi.
Infine, scusa l'austerissimo ordine dei paragrafi ma sto scrivendo di getto, la suspence in Eco proprio non ce la trovo! Ma hai presente Il pendolo di Fuìoucault? E poi, questo per deduzione, non metterebbe i titoli che ha sempre affibiato ai suoi libri qualora volesse accattivarsi un pubblico di giallisti (cioè "chi legge libri gialli", non so come si dica): non sono mai andato in libreria a comprare Il mistero dell'abbazia (abbazia?) di Umberto Eco, o Viaggio negli enigmi dei Templari... non ti sei chiesto il perché di quei titoli apparentemente senza senso?
scusa anche errori vari e passaggi non chiari (mi sembra anche in metrica involontaria), non sto a rileggere, e scusa per il tempo che t'ho portato via, non m'ero accorto d'aver scritto tanto.
Ciao e grazie d'avermi risposto, forse ti sembrerà banale ma lo speravo.
Cordialmente
Pablo Neruda
Gould is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it