Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 17-06-2002, 01.03.37   #31
Pie'oh'pah
 
Messaggi: n/a
Re: e chi....

Citazione:
Originally posted by tammy

ma nn è che siamo più innamorati dell'AMORE?
Finito il quale ci pesa l'altro?


Giàgiàgiàgià...

temo proprio che sia così per la maggior parte delle storie d'amore finite per motivi cretini...

E' bella la situazione, il coinvolgimento, i regali, i sogni...tutto quello che circonda la storia d'amore tra i due innamorati...ma una volta approdati nella routine quotidiana è finita!
Si scopre che l'altro è una palla totale, è volgare, è rozzo, maleducato, ci dà fastidio come mangia, come parla....eh...ormai tutto il bello della novità, dell'amore nascente non c'è più e si ha voglia di ricominciare per provare le stesse emozioni.

E in questi casi non è importante la persona con cui provi dette emozioni, va bene chiunque!


Che schifo...



Pie
 
Vecchio 17-06-2002, 01.37.48   #32
Morfeo
 
Messaggi: n/a
Ehm...

è una velata critica o cosa??

 
Vecchio 17-06-2002, 07.46.59   #33
scultore
 
Messaggi: n/a
Non era vero amore?

Riflessione.......su quello che avete scritto

Non era vero amore......

L'unità è rotta, l'unione di due persone che tendevano all'unità è scissa e l'uomo apostata, adultero, omicida, resta solo con se stessLa fase dell'innamoramento non dura.

C'è poi la fase della conoscenza più profonda, allora ci sono incontri e scontri, momenti felici o ribellioni, rifiuti.

Se si vuole l'incontro si deve rinunciare al proprio io di superficie e accettare l'altro, diverso da noi, e alle volte sconvolgente.

L'io e il tu devono unirsi per diventare uno. Se l'io di superficie predomina, il tu non entra, e non avviene l'unione. Perciò tanti tradimenti, tante fughe in cerca di altri innamoramenti dove solo l'io di superficie ne è soddisfatto, ma poco dura e come farfalla vola di fiore in fiore, ma poi muore.

Il vero amore profondo passa dall'innamoramento alla fase vera dell'amore che esige sacrifici, rinunce; che vede nell'altro lo scopo essenziale della propria vita.

o, guarda, cerca, vuole solo se stesso (egoismo).

Ma poiché l'uomo è un essere socievole, ricerca altri esseri simili a lui, dopo aver rifiutato Colui che più di altri gli era vicino. La prima scelta è stata scartata e subentra la seconda, la terza etc. Ma la prima scelta è sempre l'essenziale, l'unica e irripetibile, perché spontanea, istintiva, dove le energie si incontrano e si permeano.

Solo il maligno, principe di questo mondo, può deviare, disgiungere tale unione illudendo l'uomo confuso, prospettandogli scelte migliori. Ma guai all'uomo che si lascia irretire da tale illusione perché, prima o poi, si accorgerà del bene primitivo rifiutato e sarà pianto per lui.

Alla fine, dopo il suo tormentoso girovagare in cerca della vera unità, la ritroverà nel Fuoco eterno (Amore di Dio) dove bruciate le sue scorie (illusioni e deviazioni terrene) ritroverà l'unione col suo Padre, il suo partner, il suo fratello. E saranno finalmente uno nell'Uno.

Il vero amore profondo passa dall'innamoramento alla fase vera dell'amore che esige sacrifici, rinunce; che vede nell'altro lo scopo essenziale della propria vita.

 
Vecchio 17-06-2002, 10.59.46   #34
Pie'oh'pah
 
Messaggi: n/a
Talking

Citazione:
Originally posted by Morfeo
Ehm...

è una velata critica o cosa??



No no, figurati...io già lo so che sei rozzo, volgare, maleducato...ecc ecc

E' che mi piaci anche così, cosa ci devo fare? bacio!!


Pie
 
Vecchio 18-06-2002, 13.37.03   #35
ely
Ospite abituale
 
L'avatar di ely
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 134
xtutti

lasciamo perdere il matrimonio come contratto, il fatto che possa essere visto come un modo per tutelarsi da un eventuale fallimento, parlate d'amore, dite se ci si sposa non si pensa al fatto che possa finire...,ho letto di sfuggita quindi forse mi sono persa qualcosa, ma allora quali sono i vantaggi di sposarsi?
non è la stessa cosa la convivenza?
io posso dire bhe lo amo, non ci lasceremo mai, conviviamo tanto non cambia niente, non è un'unione dettata dall'amore anche questa?
non ricordo poi chi l'abbia detto ma qualcuno l'ha fatto insomma avete detto che ci si sposa anche perchè si sente in dovere verso i parenti (oltre che sentirne il bisogno perchè ci si ama), ma perchè cavolo devo sentirmi in dovere verso gli altri?
faccio un torto ai parenti se vado a convivere?forse quelli religiosi non saranno daccordo, forse la nonna lo vedrà di cattivo occhio ma la vita alla fine non è della coppia che deve vivere insieme?
ely is offline  
Vecchio 18-06-2002, 19.22.07   #36
Portland
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-06-2002
Messaggi: 48
sono daccordo
Portland is offline  
Vecchio 18-06-2002, 23.59.56   #37
Whitepearl
Ospite
 
Data registrazione: 15-06-2002
Messaggi: 12
x ely

sei semplicemente divina!sono d'accordo con te!non potevi esprimerlo meglio.
Whitepearl is offline  
Vecchio 19-06-2002, 12.16.51   #38
ely
Ospite abituale
 
L'avatar di ely
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 134
xwhitepearl

divina...attento a come usi le parole...pie'oh'pah non potrebbe essere daccordo
ely is offline  
Vecchio 19-06-2002, 12.39.42   #39
Pie'oh'pah
 
Messaggi: n/a
Eh?

Uh....ehm....oh! Tocca a me!


MISERI MORTAAAAAAAAAAAAALI...INGINOCC HIATEVI E CHIEDETE PERDONO PER I VOSTRI PECCATI!

Ho qui pronto il secondo diluvio universale, cosa credete? Vi tengo d'occhio io...
O preferite che vi lasci sulla graticola?





Pie
 
Vecchio 19-06-2002, 22.01.13   #40
Attilio
 
Messaggi: n/a
Umilmente mi intrometto nell'olimpo

per dire molto semplicemente che è solo l'amore che conta.

La regolamentazione del rapporto ha solo scopi pratici e si esegue solo per perseguire tali scopi.

Comunque penso che dal punto di vista affettivo due conviventi che si lasciano in malo modo soffrono esattamente come due sposati che si lasciano in malo modo. Solamente i primi non hanno molta burocrazia da svolgere, probabilmente dovranno litigare tra loro per accaparrarsi parte di quello che hanno creato insieme senza poter appellarsi a nessun regolamento esterno: vince chi grida di più!

Il fato di fare un torto hai parenti dipende dal legame che hai con loro: so benissimo che ognuno è libero, però in certe famiglie fare decisioni controcorrente vuol dire essere lasciati SOLI (magari con qualche basone tra le ruote...). Ho forse torto? Cosa faremmo noi in questo caso, giovani, senza soldi, con un contratto a termine e senza casa, con la moglie che studia ancora?
Quanto amore ci vuole a volte per fare certe scelte...
 

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it