Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 26-06-2002, 23.30.30   #71
Attilio
 
Messaggi: n/a
Sappi che

non seguo la discussione per fare cambiare idea a nessuno, è solo un libero scambio di informazioni.
Comunque Matteo 19,9 è giusto (dipende anche dall'edizione del testo che si consulta), tieni presente che, da buon lazzarone quale sono, le informazioni riportate sono frutto di una breve ricerca che non supera i 20 minuti...

Quello che conta è l'amore e non il matrimonio, che ha tante utilità ma non quella di fare star bene la gente: solo l'amore ti fa stare veramente bene, poi secondo me puoi fare qual che vuoi, sposarti o no...

Ciao : Attilio.
 
Vecchio 27-06-2002, 01.54.40   #72
tammy
Nuovo iscritto
 
L'avatar di tammy
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 1,287
cioè....

"Grazie Attilio, ma sono molto ignorante in materia:
Mt 19,9 ritengo stia per Matteo versetto 19,9....da qualche parte.
Cmq lo troverò. Se non altro è un inizio a togliermi una curiostà e....forse convincermi di qualcosa....o cambiare opinione......
L'informazione e l'informarsi a volte.... non ci fà sentire così ignoranti."

"non seguo la discussione per fare cambiare idea a nessuno, è solo un libero scambio di informazioni.
Comunque Matteo 19,9 è giusto (dipende anche dall'edizione del testo che si consulta), tieni presente che, da buon lazzarone quale sono, le informazioni riportate sono frutto di una breve ricerca che non supera i 20 minuti...

Quello che conta è l'amore e non il matrimonio, che ha tante utilità ma non quella di fare star bene la gente: solo l'amore ti fa stare veramente bene, poi secondo me puoi fare qual che vuoi, sposarti o no...

Ciao : Attilio."

Da dove t'è venuta tutta questa ispirazione? Bhò!
comunque grazie per i tuoi venti minuti...io ci sono stata solo dieci
ciao,

Ultima modifica di tammy : 27-06-2002 alle ore 01.58.02.
tammy is offline  
Vecchio 27-06-2002, 14.53.39   #73
Akhet
anima vagante
 
L'avatar di Akhet
 
Data registrazione: 27-06-2002
Messaggi: 79
Interessante la discussione sul matrimonio... Personalmente non credo nell'amore eterno, come non credo nell'eternità delle cose in generale. Penso che tutto abbia un inizio ed una fine, sentimenti compresi. Talvolta, assistendo a matrimoni di parenti ed amici, mi son chiesta se non fosse una semplice esibizione di vestiti e lustrini, di pranzi e di opulenza... non penso che l'unione di due persone debba necessariamente essere sancita da un sacerdote o da un ufficiale dello stato civile. Ci si fa una promessa e, si spera, non la si fa a cuor leggero. Questo indipendentemente dalla presenza o meno di firme su "contratti" (oddio... la parola contratti, per i sentimenti, mi spaventa... toglie poesia). E che ci vuole un prete o un ufficiale per rendere due persone più responsabili? A quanto pare, considerando certi facili "annullamenti", parrebbero insufficienti anche loro!
Akhet is offline  
Vecchio 27-06-2002, 16.07.08   #74
ely
Ospite abituale
 
L'avatar di ely
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 134
xtammy

bhe visto che la suocera gode di buona salute e non ho voglia di sposarmi mi sa che non mi resta che lasciare il moroso
ely is offline  
Vecchio 27-06-2002, 21.41.56   #75
Attilio
 
Messaggi: n/a
Per Tammy

Quale ispirazione? Non ritengo di avere ecceduto in qualche cosa...

Vorrei chiedere ai lettori, dopo avere appurato che il matrimonio non ha altro valore se non qualche vantaggio di tipo legislativo (anche questi da vedere a seconda delle situazioni), queste valutazioni sono state fatte con l'attenzione puntata solamente al matrimonio cristiano (ovviamente il più conosciuto qui da noi) o anche considerando altre forme di matrimonio quale quello civile o legato ad altre religioni? Non ho ben chiara questa situazione e vi sarei grato di una risposta.

Ciao: Attilio.
 
Vecchio 28-06-2002, 19.24.12   #76
tammy
Nuovo iscritto
 
L'avatar di tammy
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 1,287
x attil

ehm....
forse sono partita per la tangente... anche nella sola lettura......
cmq concordo che sia solo uno scambio d'informazioni, che l'amore è quello che vale di più nel rapporto di coppia che si vuole creare, e che.......... te ne possa fregà de meno se a me interessi sposarmi oppure nò.

Per la tua domanda:
tra il matrimonio religioso e quello civile, in Italia, cambia solo la cerimonia. Il Codice Civile ha valore in entrambi i casi per il riconoscimento della nuova famiglia (il matrimonio , oggi è unico: o civile o religioso, un tempo ci si sposava in Chiesa, ma dovevi poi celebrare un'altro matrimonio di fronte al Podestà, oggi è il Sindaco o da lui delegato, l'unione dei due assumeva gli effetti civili e legali). Una notizia in più è che il matrimonio religioso, se la coppia non vuole, non viene fatto registrare all'ufficio di Stato Civile, il Parroco ha tempo cinque giorni per far registrare il matrimonio al Comune di celebrazione quindi, ci si limita alla cerimonia e si mantiene lo stato civile di "nubile o "celibe" nei dati anagrafici, ma ci si sposa comunque davanti a Dio e...... ai parenti tutti.
Per i matrimoni contratti da altri appartenenti a religioni diverse o culture diverse, rimango ank'io, curiosa, di leggere qualche messaggio. Spero sempre che siano anch'essi attratti dall'amore senza tanti fronzoli tutt'intorno.
ciao, ciao
tammy is offline  
Vecchio 28-06-2002, 19.53.45   #77
tammy
Nuovo iscritto
 
L'avatar di tammy
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 1,287
x attil 2

volevo solo precisare che la possibilità di cambiare idea, su un proprio pensiero, sull'opinione di un argomento, non è data dalla presunzione di un individuo, ma soprattutto da ciò che sentiamo, apprendiamo, percepiamo con qualunque mezzo di informazione e dal sapersi confrontare sempre con gli altri. La ricerca di risposte a nostre eventuali domande è solo la dimostrazione dell'essere disponibili ad ammettere, fino a prova contraria, dell'essere nella più remota delle possibilità, nel torto.
tammy is offline  
Vecchio 28-06-2002, 20.02.45   #78
Armonia
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 250
Re: x attil

Citazione:
Messaggio originale inviato da tammy
Una notizia in più è che il matrimonio religioso, se la coppia non vuole, non viene fatto registrare all'ufficio di Stato Civile, il Parroco ha tempo cinque giorni per far registrare il matrimonio al Comune di celebrazione quindi, ci si limita alla cerimonia e si mantiene lo stato civile di "nubile o "celibe" nei dati anagrafici, ma ci si sposa comunque davanti a Dio e...... ai parenti tutti.

Il matrimonio religioso di cui parli spesso viene fatto per fregare la legge e lo Stato, lo usano fare i vedovi in seconde nozze per non perdere la pensione del defunto.
In una trasmissione televisiva, un giudice disse che chi assiste (anche un estraneo) ad un matrimonio simile, può chiedere ed ottenre che venga pubblicato e registrato in comune.
Non so se è vero ma a dirlo è stato il giudice Santi Licheri.
Armonia is offline  
Vecchio 28-06-2002, 23.35.38   #79
Attilio
 
Messaggi: n/a
Per Tammy

Hai ragione, il cambiare idea entro certi limiti e dopo avere assorbito nuove informazioni, è sintomo di disponibilità ad apprendere.

Attendo anche io informazioni su altre forme di matrimonio.

Sono molto stanconoia_ .

Sento un'insoddisfazione nel correre sempre per ogni cosa. Forse non è il luogo adatto per parlarne...

Ciao.
Attilio.
 
Vecchio 29-06-2002, 01.23.12   #80
tammy
Nuovo iscritto
 
L'avatar di tammy
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 1,287
precisazione....

allora:
la celebrazione religiosa del matrimonio, come nel caso dei vedovi, è estesa anche alle persone celibi o nubili, a discrezione della figura ecclesiastica che celebrerebbe la cerimonia.
Tutto questo non ha a che fare con il matrimonio vero e proprio, per la legge vigente in Italia.
Il matrimonio si dice "concordatario" quando questo è preceduto dalle pubblicazioni di matrimonio e quindi, includono al matrimonio religioso la successiva registrazione all'ufficio di Stato Civile del Comune di celebrazione del matrimonio stesso (entro cinque giorni dalla data di celebrazione) e, di conseguenza tutti i diritti civili e legali. Se due vedovi o due persone cmq libere da qualsiasi vincolo, ovviamente precedenti matrimoni seguiti da divorzi, scelgono SOLO LA CELEBRAZIONE RELIGIOSA DEL MATRIMONIO è discrezione del Parroco, della Curia, non lo sò, perchè non rientra nella sfera dell'Ordinamento dello Stato Civile, di cui permettimi, ma lo vivo nel quotidiano, decidere se celebrare il matrimonio solo in funzione religiosa oppure nò. E' conseguenza che questo "matrimonio" ha valore solo di fronte alla religione e a Dio.
Nei confronti dello Stato non ha alcun valore. Lo stato anagrafico dei due nubendi (sposi) sarà sempre, all'anagrafe, celibe e nubile.
Il Giudice Santi Licheri, sicuramente, si sarà espresso su un matrimonio del quale si sarà data pubblicazione, ma poi è venuta a mancare la registrazione. Allora vale la tesi del testimone, oppure "matrimonio in extremis", senza pubblicazione, ma in presenza di testimoni, allora valido ai fini civili. Concludendo se non c'è la volontà espressa, carte alla mano, io (per modo di dire) mi sposo davanti a Dio, ma non agli uomini (Stato) non ha alcun valore ai fini civili o legali. Fidati.
Disponibile, sempre, leggi alla mano, ma in privato. Chiedo venia per essere entrata in un argomento "apparentemente volatile" ed essermi lasciata prendere dal vivere quotidiano.

x Attilio
Buonanotte noia_ Ma ti auguro sempre un Buon giorno
tammy is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it