Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 29-08-2002, 18.18.30   #11
edali
frequentatrice habitué
 
L'avatar di edali
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 780
una risposta per nostro Jedi

Sinceramente vorrei capire anch’io il perché del terrorismo.
Per capire dovrei mettermi nei loro panni.
Sarà perché una grande parte della popolazione del mondo è veramente disperata, e si sente impotente.
Non posso giustificare il terrorismo perché io stessa sono contro la penna di morte, contro ogni forma dell’uccisione quindi non vorrei essere fraintesa.
Allora è arrivato il momento di porci seriamente delle domande, di aprire gli occhi per vedere la disperazione, la miseria e l’umiliazione in cui vivono altri popoli della terra. Non possiamo dire che a noi non importa perché noi siamo a casa nostra e sono loro a venire ad invadere il nostro mondo perché dal nostro mondo sono partiti i piccoli grandi colossi a schiavizzare il loro mondo. Sono partiti i missionari a cambiare il loro credo e le loro tradizioni che si adeguavano alle loro esigenze. A questi popoli il mondo “civile” ha tolto il punto di riferimento lasciando in cambio la “Coca Cola
edali is offline  
Vecchio 29-08-2002, 20.16.01   #12
Horla
Ospite abituale
 
L'avatar di Horla
 
Data registrazione: 18-08-2002
Messaggi: 41
Oltretutto...

...questi mussulmani sono anche ipocriti, vedi quello che sta succedendo a Treviso.
Io penso che la maggioranza di loro raderebbero al suolo il Duomo e sgozzerebbero il Vescovo, a cui porgevano i pargoletti, e tutti i preti.
Eppure sono proprio lì a protestare...! Un ipocrisia aberrante, cosa ne pensate?
Ciao.
Horla is offline  
Vecchio 29-08-2002, 22.00.26   #13
firenze
Ospite abituale
 
L'avatar di firenze
 
Data registrazione: 28-04-2002
Messaggi: 341
per 784 e tutti

La conosci la storia norvegese dei lemming, sintetizzati nella storia del pifferaio magico? I topi che riproducendosi diventano talmente tanti che iniziano a correre come pazzi fino a che un baratro li divora? Ecco l'umanità è divenuta così, attende solo il suo baratro finale per mettere uno stop alla propria utopia esistenziale.
Ecco tu mi stai dicendo che è possibile fermare questa corsa pazza.
Gli integralisti oggi sono come un vertice all'assurdo umano. Noi siamo la base che inconsapevolmente gli sostiene con la nostra follia collettiva. Loro sono l'apoteosi dell'assurdità delle religioni. Ecco perchè non sarà possibile fermarli.
Secondo il mio parere, tutto dovrà cambiare perchè la razza umana stoltamente non si autoestingua.
Il trattato di Kyoto è un solletico all'inquinamento che quotidianamente aumenta.
Come ho già detto, gli integralisti diverranno il "gastiga matti" per il mondo occidentale. Come dire: per arrestare i folli ci vogliono altri folli, ancora più folli dei folli.
E poi... si riparte con nuove consapevolezze.

Salve
firenze is offline  
Vecchio 29-08-2002, 22.00.48   #14
tammy
Nuovo iscritto
 
L'avatar di tammy
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 1,287
Un problema comune a tutti i paesi del Medio Oriente è l'integralismo islamico, ossia l'intolleranza da parte di agguerriti gruppi musulmani ortodossi dei moderni elementi della civiltà occidentale considerata "infedele". Così alcuni gruppi combattono una vera e propria guerra santa contro questi "infedeli". Lo scopo principale sarebbe quello di far governare il paese applicando la shari'a, la legge islamica contenuta nel Corano. Molte volte gli attentati dei kamikaze, che si fanno saltare in aria con lo scopo di uccidere il più alto numero possibile di persone, sono dettati da una povertà esasperata e dal malcontento politico e, da "problemi personali". una medre vedova, un fratello handicappato, l' insuccesso con le donne. L' addestramento comincia durante l' adolescenza. Gli aspiranti terroristi che promettono bene vengono introdotti all' interno di gruppi clandestini, la cui vita quotidiana ruota intorno alla moschea. Gli adepti vengono addestrati secondo una visione macabra dell' Islam. Viene data scarsa importanza ai brani del Corano che vietano esplicitamente sia il suicidio che l' omicidio e, al contrario, s' insegna loro che chi muore per Dio va direttamente in Paradiso, un luogo pieno di verde lussureggiante dove ad ogni martire vengono date 70 (o 17) spose vergini. Molte volte, a metà del Ramadam, portano gli Shahidal al cimitero degli eroi e li seppelliscono in una tomba per un minuto e, se non hanno avuto paura, allora saranno pronti per morire. “Questi ragazzi hanno bisogno di identificarsi con qualcuno, ma hanno visto l'umiliazione subita dai loro padri durante l' occupazione israeliana", spiega il dottor Eyad Sarray, direttore del Programma di Salute Mentale della Comunità di Gaza. "Hamas sostituisce l' immagine paterna con un' identità di gruppo basata sulla religione, invece che su un nazionalismo palestinese sonfitto. Infonde il senso di una missione e la promessa di una vita migliore nell' aldilà". Non tutti possono diventare bombaroli suicidi, però quelli che ce la fanno sono considerati star: si possono trovare le loro facce sui poster, sui portachiavi, sulle cartoline. E a celebrare le loro imprese ci sono persino strampalati gruppi pop. Uno dei più famosi si chiama "Martiri". Le idee dei suoi seguaci (della shari’a, integrazione all’interpretazione del corano e legge stessa) sono "fondamentalmente proteste contro l' occupazione israeliana;i loro leader non sono particolarmente visibili nè, di grande effetto; ma quel che è peggio, la loro minaccia è stata sottolineata dai politici israeliani, dall' OLP e dagli Stati Uniti come un modo per ottenere concessioni dai Palestinesi e cercare di vendere l' accordo in Israele. Per giustificare le azioni dei kamikaze si ricorda sempre che per prima cosa loro Palestinesi sono vittime dell' aggressione sionista (israele=ebrei), li hanno scacciati dalla loro terra e tutt’ora gran parte del popolo è disperso all' estero. Dicono che continueranno la guerra santa fino a quando smetteranno di massacrarli, di opprimerli, allora, potranno parlare di cessate il fuoco per un periodo limitato di tempo. Non più bombe e neppure attentati, definiti suicidi dagli Israeliani. Per quanto riguarda i kamikaze, affermano che non sono loro (isrlaeliani) a spingerli a compiere quelle azioni, ma la religione, li autorizza ad utilizzare gli stessi strumenti dei loro nemici. Certo è impossibile paragonare le sofferenze di un kamikaze a quella subita dalle sue vittime. Osservando la realtà diventa facile capire perchè anche un ragazzo possa desiderare il mondo ultraterreno: case squallide e piccolissime che fiancheggiano gli scoli delle fogne, il tasso di disoccupazione altissimo e quindi, l'enorme povertà di molte famiglie.

E’ mio pensiero personale che oltre a questo “semplice” modo di “fare storia” si nascondano altri ben più grandi interessi politici, (a noi “popolino” sconosciuti o quasi) attraverso personaggi semplici e ignoranti (con tutto il rispetto) idealisti, integralisti, e quant’altro ci sia...rivoluzionari, e appartenenti a gruppi estremisti... non si faccia altro che riportare un interesse economico e politico del tutto privato e poco umanitario. Il terrorista, semina terrore, ma a favore dello “stato o gruppo” per il quale lavora ed in nome della libertà e dell’uguaglianza; ma serve anche a “noi” per ricondurci allo Stato legittimo per essere protetti e difesi quindi, non aver cambiato nulla. Pensate gente...pensate.

Ci vorrebbe Mauropitta.....dove sei?

Per quanto sopra, umanamente non mi posso trovare in una posizione diversa da quella di dar ragione ad un popolo (Palestinesi) ad aver reagito, anche con le armi, ad uno sfratto dalla popria terra, solo perchè secondo il popolo Israeliano=Ebrei la Bibbia indicava loro "quel pezzo di terra". Venendo a spettegolare su quanto accade a Treviso, secondo me, può creare solo uno spiacevole ed inequivocabile "precedente"...
...spero a favore di quegli italiani (giovani coppie o anziani o portatori di handicap) che non trovano un alloggio soddisfacente alle loro esigenze.

Mauropitta!!!!! dove sei!!!! mi lincianooooooooooooo

ciao a tutti ...per fortuna siamo ancora in democrazia ed ognuno dice la sua.
tammy is offline  
Vecchio 29-08-2002, 23.20.35   #15
784
Numero
 
L'avatar di 784
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 291
Già, Lemmings verso il baratro...

...su questo sono d'accordo, però penso che non sia questo il ciglio.
Sarà una guerra mondiale? Sarà l'inquinamento? Sarà il terrorismo?
Vedremo...
784 is offline  
Vecchio 30-08-2002, 00.42.36   #16
mauropitta
Ospite abituale
 
L'avatar di mauropitta
 
Data registrazione: 31-07-2002
Messaggi: 64
Apoteosi del plagio!

Ciao Tammy, sono qui...no, non credo che ti lincerà nessuno!

Vorrei far ripensare al significato delle parole:

1) Terrorista: colui che non rispetta le "regole di un altro" e lo combatte in modo totale e indiscriminato.

2) Integralismo: arroganza di possedere la verità e paura di cambiare regole che garantiscono potere.

3) Razzismo: arroganza di ritenere che una razza sia migliore di un'altra per mantenere privilegi consolidati.

Guardando indietro nel tempo, direi che:

1) C'è sempre stato un potere dominante in tutte le epoche (Egizi, Greci, Romani ecc.)

2) Chi detiene il potere temporale, solitamente vuole detenere anche quello religioso e lo fa per dominare le masse ignoranti.
(ricordate che al tempoi degli Egizi, il Faraone era anche diretta emanazione di "Ra" il dio sole ad esempio e che ogni grande civiltà, si è costruita una religione che gli tornava comoda per governare meglio).

3) Chi non è al potere cerca di scalzare chi c'è e di prenderne il posto con ogni mezzo o di essere riconosciuto.
Nei paesi ricchi e colti questo si ottiene con la politica, la ricchezza la cultura, l'informazione e la religione; nei paesi poveri e ignoranti (nel senso etimologico del termine) questo si ottiene solo mediante la tradizione e la religione che ha anche valenza sociale.

4) Mors tua, vita mea (della serie l'egoismo è il motore del mondo)

5) Ognuno desidera avere uno scopo nella vita e assumere una identità sociale importante utilizzando qualsiasi mezzo utile.
Che gliela dia la religione o la società, non ha importanza, ma la gratitudine è una prerogativa di continuità (fedeltà).

6) Chi vince o domina ha ragione per definizione, chi perde o è dominato ha torto per definizione.

7) La verità oggettiva è relativa e come tale, può essere "adattata" a qualunque realtà, facendo sembrare tutto "buono" o "cattivo" a seconda delle convenienze.
Vedete ad esempio gli ebrei che da vittime dell'olocausto si sono trasformati in "sterminatori", sia pure con la scusa dell'autodifesa.

Ora facciamo il punto della situazione mondiale:

1) Il 70% della popolazione mondiale vive con due dollari al giorno, il 50% non ha l'acqua, il 90% dei medicinali è consumato dal 10% della popolazione mondiale e i paesi dove si riesce a vivere "decentemente" rappresentano meno del 30% della superficie mondiale.

2) Nelle società primitive o non colte, l'unica saggezza è data dalla religione che serve sia da regola sociale per la convivenza, sia da deterrente psicologico (se pecchi riceverai il castigo che io sacerdote ti anticipo già su questa terra, ma non per mano mia, ma per mano dei tuoi compagni: esempio: la lapidazione è fatta dalle donne del villaggio e non dalla polizia o dai sacerdoti...sic!); sia da speranza e motivazione di una vita di stenti (di qua non sei nessuno ma di là sarai qualcuno).

3) Nelle società colte ed evolute, I valori etici tendono a scomparire in funzione del potere e della ricchezza, ma anche perchè la gente riesce a fare delle scelte più libere.

Personalmente non trovo grossa differenza tra l'americano che pur di fare i soldi uccide tutti quelli che può, (salvo poi scandalizzarsi perchè il Presidente è fedifrago) e l'arabo che pur di fare quello che lui ritiene "bene" uccide anch'egli tutti quelli che può in nome del suo dio.

La stonatura è iniziale: l'arroganza di avere ragione, il desiderio di pochi di avere potere grande, usando le masse facilmente manipolabili, I mediatici, che esasperano le situazioni estremizzandole sempre più asserviti al soldo dei potenti e gli uomini della strada che trovano una sicurezza nelle tradizioni e reagiscono a qulsiasi tentativo di cambiamento.

Credo che questo lo facciamo tutti, anche noi, solo che anzichè attraverso la religione, forse cerchiamo "ragioni" leggendo libri, dallo psicanalista, dall'affermazione sociale (che è un asservimento al sistema anche senza condividerne le ragioni) e perciò non siamo diversi "nelle motivazioni di base" dai terroristi, solo che non essendo sufficientemente disperati e motivati, non ci facciamo saltare in aria per un ideale anche se I suicidi/omicidi dei nuclei familiari, sono in costante aumento.

Gli USA, nell'ultimo secolo, hanno fatto tutto quello che hanno voluto, pestando i piedi a tutti, non ascoltando nessuno, crescendo i figli nel mito della "superiorità e della bontà" dell'americano vero, (purchè bianco), scordandosi di aver basato la propria esistenza sullo sterminio degli indiani d'America, antichi residenti autoctoni sterminati sulla base del profitto dei colonizzatori e scordando di essere figli di delinquenti comuni esiliati dalla Gran Bretagna (e questo si vede bene dal sistema "sociale" che hanno creato!).

E come tutti i "conquistatori", gli USA hanno molti nemici che poco a poco si stanno coalizzando (forse con l'aiuto di una regia occulta che potrebbe anche essere americana!) per rendere le paure ancestrali degli americani reali e l'intoccabilità dello stato americano, un sogno del passato.
Questo fa vendere tantissimo !!! Non immaginate quanto!!!

Quello che destabilizzerà gli USA, non saranno i nemici, né le bombe, ma la loro stessa paura, un sistema già decadente che minato dall'interno, imploderà su sé stesso, vittima di un modo di vivere disumano e malato che esso stesso ha creato (e non venitemi a dire che in USA si vive bene, perchè in confronto, in Italia si vive 1000 volte meglio e ve lo posso dare per certo visto che ci vado frequentemente!).

Poi occorre staccarsi dal nostro modo di vivere e di ragionare e provare a pensare che una landa desolata desertica che per noi sarebbe impossibile da accettare come patria, per chi ci nasce, è esattamente uguale a quello che è per noi la nostra bella Italia!
Ho viaggiato per molti anni in medio oriente e paesi arabi e vi posso dire che non ho trovato differenze tra gli "uomini medio orientali e quelli europei o americani", ma mentre sono sempre riuscito a parlare coi primi, ho avuto problemi a farlo coi secondi!

Perchè costernarsi se l'islam vuole imporre il proprio credo e sistema di vita quando gli europei hanno fatto esattamente lo stesso durante la "colonizzazione" del continente americano, uccidendo tutti quelli che non la pensavano come loro (=che non si convertivano al cristianesimo) quando gli stessi conquistadores erano i primi a fare qualunque efferatezza in nome di un re o regina "cattolicissimo" ?
E che dire qui in Europa dell'inquisizione? Ne vogliamo parlare? Ritenete che fosse meno barbara di quello che fanno i musulmani oggi?

Per concludere, voglio dire che il sistema globale, impedirà il predominio di qualsivoglia estremismo di qualunque tipo, perchè non conviene a nessuno la sua destabilizzazione, ma continuerà a cercare di far viaggiare il mondo a due marce dove molti poveri manterranno pochi ricchi.

Questo è sempre stato e cotinuerà ad essere a livello di grande potere, naturalmente i singoli, potranno aiutarsi tra di loro (volontariato) in modo che i ricchi non vengano troppo gravati anche da un sistema sociale !

A presto.
Mauro
mauropitta is offline  
Vecchio 30-08-2002, 03.28.45   #17
webmaster
Ivo Nardi
 
L'avatar di webmaster
 
Data registrazione: 10-01-2002
Messaggi: 957
Proprio oggi nel sito ho aperto una nuova rubrica: Angolo filosofico e in uno dei due testi presenti si parla di integralismo islamico, si tratta di un approfondimento sul rapporto Religione e Storia
Ciao
webmaster is offline  
Vecchio 30-08-2002, 10.23.48   #18
Willow
Ospite abituale
 
L'avatar di Willow
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 211
Il significato delle parole ovvero...

... leggete prima di rispondere!

Cari astanti del forum, come è facile farsi sfuggire da sotto gli occhi una riflessione quando si è presi dalla foga del tema in discussione.
Il (mio) caro Oby non vi ha chiesto cos'è il terrorismo islamico, ma cosa è il terrorismo in generale. Credo che nessuno sia riuscito a cogliere la sfumatura.
Questo terrorismo islamico che ci riguarda sta diventando cavallo di battaglia come unico terrorismo, quando nel mondo esiste anche l'IRA e l'ETA. Un po' come per l'olocausto che è diventato unico omicidio di massa dimenticando ad esempio i desaparasitos.

Conoscendo il mio compagno credo che la domanda avesse il sottinteso "che potere economico c'è dietro il terrorismo?". insomma Osama ha così tanti soldi da finanziare da solo tutto il terrorismo orientale?
Forse bisognerebbe ricordarsi come i rivenditori di armi non abbiano una nazionalità (loro sì che sono globalizzati!), ma solo un portafoglio e vendano indisciminatamente armi ai paesi arabi e carrarmati agli Usa. Lo stesso vale per le armi chimiche. Davvero hanno soldi e tecnologie per sintetizzarle. Non costa meno comprarle?

Meditate gente, meditate....

Un abbraccio
Willow is offline  
Vecchio 30-08-2002, 12.30.39   #19
ObyWan
Tamagochi
 
L'avatar di ObyWan
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 151
quasi ....

Grazie Wilow ... Grazie Mauro e grazie a tutti.

In effetti .... Come già scritto in precedenza (non ricordo su quale tema, mo lo cerco e ve lo comunico) il vero tema dominante, oggi come ieri e come domani, è la distribuzione dei dobloni.

il "terzo mondo", al di la di qualsiasi considerazione morale, è un'immensa, inesauribile riserva di consumatori. Tutto ciò che serve è prestare loro del denaro e fare in modo che lo spendano per acquistare i nostri prodotti.

Ciao!
ObyWan is offline  
Vecchio 30-08-2002, 13.14.01   #20
edali
frequentatrice habitué
 
L'avatar di edali
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 780
per Mauro

Grazie Mauro!
Con rispetto
Edali
edali is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it