Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 12-05-2004, 23.19.26   #31
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
mmm... Asimov, ma anche un razionalissimo quale Leibniz lo pensava. (vabbè, un pò di tempo fa).

non è comunque un'ipotesi assurda... per lo meno, non più assurda delle migliaia che si possono fare da quaggiù, guardando le stelle nel cielo.
r.rubin is offline  
Vecchio 12-05-2004, 23.24.04   #32
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
(copia/incolla) da "Cani di Paglia"... faccio prima ...

Ipotesi di Gaia : teoria secondo cui la terra è un sistema che si autoregola e che si comporta sotto certi aspetti in modo simile ad un organismo.

Nel modello di Daisylandia di James Lovelock, un pianeta che contiene soltanto margherite bianche e nere, diventa un pianeta in cui la temperatura globale si autoregola. Daisylandia è illuminata da un sole che con il passar del tempo diventa sempre più caldo. I fiori bianchi riflettono il calore del sole, raffreddando così la superficie del pianeta, mentre quelli neri assorbono il calore, riscaldando così la superficie del pianeta. Senza che vi sia nessun elemento di predeterminazione, le margherite interagiscono per raffreddare il pianeta nonostante il calore del sole. Tutto ciò che serve per dar vita a una biosfera autoregolata sono processi meccanicistici e stocastici, che possono essere modellati in una simulazione al computer.

Joel de Rosnay spiega :

La simulazione… inizia a temperature basse. Le margherite nere, che assorbono meglio il calore del sole, sopravvivono, si sviluppano e occupano una superficie più estesa. In questo modo, la temperatura della terra aumenta, diventando più favorevole alla vita. Le margherite nere si riproducono con ritmi elevati e la temperatura supera un punto critico; le margherite iniziano a scomparire in modo massiccio. Allo stesso tempo, però, quelle bianche si adattano, si sviluppano e colonizzano ampie zone di terreno. La temperatura si abbassa eccessivamente. Le margherite bianche muoiono e le nere ricominciano a proliferare. Dopo un certo numero di fluttuazioni, un mosaico di aree bianche e nere cominciano a convivere e svilupparsi simultaneamente sulla superficie del pianeta. Ogni singola margherita nasce e muore, ma le due popolazioni , attraverso fasi successive di raffreddamento e riscaldamento, assicurano una temperatura media favorevole alla vita di entrambe le specie, e questa temperatura fluttua intorno a un equilibrio ottimale. Nessuno fissa la temperatura che si regola automaticamente come effetto del comportamento delle margherite e della loro evoluzione congiunta.

Per Gaia la vita umana non ha più significato di quanto ne abbia la vita presente nel muco. Lovelock ha detto di aver scelto il nome Gaia, come quello dell’antica dea greca della terra, sul suggerimento del suo amico, lo scrittore William Golding. Ma l’idea di Gaia è anticipata con estrema chiarezza in un verso del Tao Tè Ching, il più antico testo taoista. Negli antichi rituali cinesi, i cani di paglia erano usati come offerte agli dei. Durante il rituale, gli animali sacrificati venivano trattati con la massima riverenza. Quando tutto era finito, non erano più necessari e venivano calpestati e gettati via : il cielo e la terra sono spietati; trattano la miriade di creature come cani di paglia.
Marco_532 is offline  
Vecchio 12-05-2004, 23.24.31   #33
nicola185
al di là della Porta
 
L'avatar di nicola185
 
Data registrazione: 15-02-2004
Messaggi: 0
alziamo un polverone

Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
...ma tu pensa solo al fatto che
un seme cade e germoglia e cresce un arbusto con foglie che assorbono anidride carbonica e soffiano fuori
ossigeno; all'uomo che respira ossigeno e soffia fuori anidride carbonica; al frutto che matura sull'albero e all'uccellino che sul suo ramo si posa a becchettare quel succoso rosso frutto che tanto lo attira, che riesce a scorgere dall'altezza del cielo e a raggiungere come ad un richiamo irresistibile, pensa a quando sbattendo le sue ali si rialza in volo e poi, da lassù, lascia cadere piccole bombe sulle terra, ed una di queste, zoom grazie, eccola lì, al suo interno conserva un piccolo semetto dell'albero che ora cade al suolo, già concimato! che bellezza!
pensa all'acqua dei fiumi che evapora e si condensa in nubi e alla pioggia che cade, ad inaffiare quel piccolo seme....

e mettici dentro ciò che vuoi che, forse l'universo non ha una personalità, ma certo si comporta come se sapesse in anticipo cosa serve a farlo funzionare!!

Questa casualità come la chiamiamo? ... o .c....a?
nicola185 is offline  
Vecchio 12-05-2004, 23.32.50   #34
nicola185
al di là della Porta
 
L'avatar di nicola185
 
Data registrazione: 15-02-2004
Messaggi: 0
Citazione:
Messaggio originale inviato da Marco_532
(copia/incolla) da "Cani di Paglia"... faccio prima ...

Ipotesi di Gaia : teoria secondo cui la terra è un sistema che si autoregola e che si comporta sotto certi aspetti in modo simile ad un organismo.

Nel modello di Daisylandia di James Lovelock, un pianeta che contiene soltanto margherite bianche e nere, diventa un pianeta in cui la temperatura globale si autoregola. Daisylandia è illuminata da un sole che con il passar del tempo diventa sempre più caldo. I fiori bianchi riflettono il calore del sole, raffreddando così la superficie del pianeta, mentre quelli neri assorbono il calore, riscaldando così la superficie del pianeta. Senza che vi sia nessun elemento di predeterminazione, le margherite interagiscono per raffreddare il pianeta nonostante il calore del sole. Tutto ciò che serve per dar vita a una biosfera autoregolata sono processi meccanicistici e stocastici, che possono essere modellati in una simulazione al computer.

Joel de Rosnay spiega :

La simulazione… inizia a temperature basse. Le margherite nere, che assorbono meglio il calore del sole, sopravvivono, si sviluppano e occupano una superficie più estesa. In questo modo, la temperatura della terra aumenta, diventando più favorevole alla vita. Le margherite nere si riproducono con ritmi elevati e la temperatura supera un punto critico; le margherite iniziano a scomparire in modo massiccio. Allo stesso tempo, però, quelle bianche si adattano, si sviluppano e colonizzano ampie zone di terreno. La temperatura si abbassa eccessivamente. Le margherite bianche muoiono e le nere ricominciano a proliferare. Dopo un certo numero di fluttuazioni, un mosaico di aree bianche e nere cominciano a convivere e svilupparsi simultaneamente sulla superficie del pianeta. Ogni singola margherita nasce e muore, ma le due popolazioni , attraverso fasi successive di raffreddamento e riscaldamento, assicurano una temperatura media favorevole alla vita di entrambe le specie, e questa temperatura fluttua intorno a un equilibrio ottimale. Nessuno fissa la temperatura che si regola automaticamente come effetto del comportamento delle margherite e della loro evoluzione congiunta.

Per Gaia la vita umana non ha più significato di quanto ne abbia la vita presente nel muco. Lovelock ha detto di aver scelto il nome Gaia, come quello dell’antica dea greca della terra, sul suggerimento del suo amico, lo scrittore William Golding. Ma l’idea di Gaia è anticipata con estrema chiarezza in un verso del Tao Tè Ching, il più antico testo taoista. Negli antichi rituali cinesi, i cani di paglia erano usati come offerte agli dei. Durante il rituale, gli animali sacrificati venivano trattati con la massima riverenza. Quando tutto era finito, non erano più necessari e venivano calpestati e gettati via : il cielo e la terra sono spietati; trattano la miriade di creature come cani di paglia.

Interessante ma perchè c'è questa auto regolamentazione? Non era molto più semplice che non ci fosse niente? Semplicemente fin dagli "inizi" un ammasso informe di materia senza capo nè coda?
O ancora meglio niente di niente?
nicola185 is offline  
Vecchio 12-05-2004, 23.37.36   #35
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
hahaha ...
Marco_532 is offline  
Vecchio 12-05-2004, 23.46.52   #36
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Citazione:
Messaggio originale inviato da nicola185
Interessante ma perchè c'è questa auto regolamentazione? Non era molto più semplice che non ci fosse niente? Semplicemente fin dagli "inizi" un ammasso informe di materia senza capo nè coda?
O ancora meglio niente di niente?


giusto un problemino da nulla...

io però, marco, non me la sento di liquidare tutto così facilmente... mah... sarà anche una vena poetica che mi attraversa l'anima e la fa vibrare quando penso.... cribbio!! io sono vivo!!!

poi, a voler aggiungere un altro problemino da nulla... che bisogno c'era di sapere di essere vivi!? che bisogno c'era, se tutto si autoregola come un ingrannaggio di cui ognuno di noi è solo un dentino?!
r.rubin is offline  
Vecchio 12-05-2004, 23.57.53   #37
nicola185
al di là della Porta
 
L'avatar di nicola185
 
Data registrazione: 15-02-2004
Messaggi: 0
Citazione:
Messaggio originale inviato da Marco_532
hahaha ...

I polveroni li alzo sperando di suscitare qualcosa più di una risata; qualcosa più di semplici osservazioni. Qualcosa che ci permetta di dare una risposta, se è possibile anche scientificamente (ben venga), a dei quesiti esistenziali che non si possono riassumere con un esperimento sui fiori. Ho letto molti tuoi post e ti ritengo una persona capace di scavare in profondità, razionalmente e scientificamente parlando. Non fermarti ai fiori per favore. Nicola
nicola185 is offline  
Vecchio 13-05-2004, 01.12.59   #38
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Citazione:
Messaggio originale inviato da nicola185
Non era molto più semplice che non ci fosse niente? Semplicemente fin dagli "inizi" un ammasso informe di materia senza capo nè coda?
O ancora meglio niente di niente?

... ho frainteso o pretendi che io possa rispondere alla domanda :"Come ha inizio la vita?"
Marco_532 is offline  
Vecchio 13-05-2004, 01.18.02   #39
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
...che bisogno c'era di sapere di essere vivi!? che bisogno c'era, se tutto si autoregola come un ingrannaggio di cui ognuno di noi è solo un dentino?!

... anche questa evidentemente è un'autoregolazione ...
Marco_532 is offline  
Vecchio 13-05-2004, 01.23.20   #40
nicola185
al di là della Porta
 
L'avatar di nicola185
 
Data registrazione: 15-02-2004
Messaggi: 0
Citazione:
Messaggio originale inviato da Marco_532
... ho frainteso o pretendi che io possa rispondere alla domanda :"Come ha inizio la vita?"

Probabilmente non la troveremo mai la risposta, forse manco esiste, però tentare di fare dei passi, anche "semplicemente" scientifici verso una maggiore comprensione della stessa penso sia, quantomeno stimolante. A me spiace vedere, che talvolta tronchi i discorsi con delle battutine pungenti, ma che, a mio parere, non vanno a beneficio di nessuno. Certo, ammetto che, tra le tante cose che diciamo, a volte anch'io sono tentato di troncare il discorso, ma, se tendenzialmente non lo faccio, è perchè comprendo quanto sono opinabili e fallaci le mie opinioni. Probabilmente potremo discutere su questi forum anche per 500 anni, se fosse possibile e ci avvicineremo forse di un solo metro ad una maggiore chiarezza, chiarezza distante ancora, almeno per me, di miliardi di anni luce, ma credo valga comunque la pena provarci. Nico

Ultima modifica di nicola185 : 13-05-2004 alle ore 01.27.03.
nicola185 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it