Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 25-06-2004, 18.26.25   #21
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
per iris

prima di ogni speculazione o analisi, bisogna innanzitutto (prima anche degli assiomi) crearsi delle definizioni.

io definisco 'mondo' come 'insieme di tutti gli oggetti e di tutte le relazioni tra essi'.

cioe` e` costituito dai fatti (relazioni) e dagli oggetti che compongono tali fatti. in tale definizione prendo tutti gli oggetti e tutte le relazioni, dunque non v'e` nulla fuori.

adesso, il senso di un sistema e` (se esiste) fuori da tale sistema, ma se il sistema-mondo non ha un fuori non puo` nemmeno avere un senso.

giusto?

P.S. per oggetto non intendo l'oggetto atomico.
epicurus is offline  
Vecchio 26-06-2004, 17.13.48   #22
iris_1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-06-2004
Messaggi: 493
Re: per epicurus

Ho capito.
Sono d'accordo con la tua definizione di 'mondo' e in effetti se tutto si trova dentro di esso al di fuori di esso di conseguenza non v'è niente, quindi... se attribuiamo il senso di un sistema a ciò che si trova fuori di esso, il mondo non ha senso... ma è legittimo fare una simile affermazione? E se il mondo non ha senso, non lo ha neanche tutto ciò che esso comprende, quindi neanche noi abbiamo senso, giusto?
Devo ammettere che tutto ciò mi confonde

Ultima modifica di iris_1 : 26-06-2004 alle ore 17.17.33.
iris_1 is offline  
Vecchio 27-06-2004, 13.18.07   #23
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
cos'è che non potrebbe esser legittimo credere?


io credo che il mondo non possegga un vero e proprio senso, ma non per questo è meno importante, dipende tutto da noi.

i nostri mondo privati hanno senso nella misura in cui noi glielo diamo.

ciao
epicurus is offline  
Vecchio 27-06-2004, 13.25.26   #24
iris_1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-06-2004
Messaggi: 493
Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus
cos'è che non potrebbe esser legittimo credere?


io credo che il mondo non possegga un vero e proprio senso, ma non per questo è meno importante, dipende tutto da noi.

i nostri mondo privati hanno senso nella misura in cui noi glielo diamo.

ciao

Giusto
iris_1 is offline  
Vecchio 27-06-2004, 13.50.18   #25
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
epicurus is offline  
Vecchio 28-06-2004, 20.32.13   #26
odos
Ospite abituale
 
L'avatar di odos
 
Data registrazione: 26-06-2004
Messaggi: 367
per Bert

..a questo punto mi sembra piú suggestivo Hegel.

Quando si sará trovato il codice chimico della configurazione sinaptica della mia inc***atura quando un tipo mi dice che fumare i fili della banana essicati é allucinoggeno, fatemelo sapere...

Con ironia
Ciao


Ps: continuo a consigliare Heisenberg per eliminare ogni dubbio e vorrei ricordare che "ente" non é solo oggetto materiale, ma tutto ció che é. Se la neurofisiologia dirá qualcosa su queste percezioni (questioni molto vecchie peraltro), non dirá mai nulla sul mondo che non parla di mele e alberi (senza con questo voler tirare fuori la distinizione scienze della natura e scienze dello spirito)
odos is offline  
Vecchio 29-06-2004, 08.56.57   #27
bert
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-06-2004
Messaggi: 105
Re: per Bert

Non condivido.

1) Heisember non toglie dubbie e mette dubbi, ma guarda il mondo e vede che c'è dell'incertezza. Poi, con carta e penna, formalizza tale incertezza in un teorema.

2) la neurofisiologia parla della struttra chimica del cervello, e di come il cervello agisce, funziona, crea e distrugge pensiero, ricordi, ecc. Alla neurofisiologia non interessa sapere dell'anima, ne delle percezioni più profonde o intime dei moti umani. La neurofisiologia è una disciplina riduzionista che pensa che la chimica del cervello sia il cervello stesso, e parte dalla considerazione che la comprensione titale dei meccanismi chimica del cervello corrisponda alla comprensione dei meccanismi cognitivi.

Citazione:
Messaggio originale inviato da odos
..a questo punto mi sembra piú suggestivo Hegel.

Ps: continuo a consigliare Heisenberg per eliminare ogni dubbio e vorrei ricordare che "ente" non é solo oggetto materiale, ma tutto ció che é. Se la neurofisiologia dirá qualcosa su queste percezioni (questioni molto vecchie peraltro), non dirá mai nulla sul mondo che non parla di mele e alberi (senza con questo voler tirare fuori la distinizione scienze della natura e scienze dello spirito)
bert is offline  
Vecchio 29-06-2004, 19.39.01   #28
odos
Ospite abituale
 
L'avatar di odos
 
Data registrazione: 26-06-2004
Messaggi: 367
Effettivamente non mi sono mai addentrato nella questione. Ma ció non in modo inconsapevole.

Quando sento parlare di percezioni, stimoli che arrivano dall'esterno, chimica del cervello ecc... mi sento in diritto di non interessarmi, come non mi interesso di botanica. Se la ricerca ha tutti questi limiti concettuali (esterno, interno, stimoli come sense data ecc..), che in altri ambiti non convincono piú nessuno, mi sento tranquillamente di scollegare il cervello. Penso solo che sia una ricerca di una regione particolare del sapere e che GIUSTAMENTE si serve degli strumenti che piú crede efficaci.

Ma quando sento parlare di logica del mondo, realtá ecc... allora non posso fare a meno di sentirmi chiamato in causa, in qualitá di persona che cerca di pensare lo stessa cosa. E allora in questo caso noto solo molta ingenuitá. In reltá pensavo che tutti queste ontologie della logica del mondo=logica del cervello(una volta si chiamava coscienza), di percezioni neutre ecc... fossero ormai solo una parentesi storica.

Ad ogni modo non volendo precludermi la possibiltá di dialogo, che spesso serve a chiarirsi le idee, ti chiedo:

che vuol dire cognitivo? O meglio (so cosa vuol dire cognitivo), cosa intendi esattamente quando dici cognitivo? quale regione prendi in considerazione esattamente?
Considera che hai giá escluso la mia domanda sui fili di banana essiccati.

Ciao, a prersto
odos is offline  
Vecchio 30-06-2004, 08.22.36   #29
bert
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-06-2004
Messaggi: 105
Citazione:
Messaggio originale inviato da odos
Effettivamente non mi sono mai addentrato nella questione. Ma ció non in modo inconsapevole.

Quando sento parlare di percezioni, stimoli che arrivano dall'esterno, chimica del cervello ecc... mi sento in diritto di non interessarmi, come non mi interesso di botanica. Se la ricerca ha tutti questi limiti concettuali (esterno, interno, stimoli come sense data ecc..), che in altri ambiti non convincono piú nessuno, mi sento tranquillamente di scollegare il cervello. Penso solo che sia una ricerca di una regione particolare del sapere e che GIUSTAMENTE si serve degli strumenti che piú crede efficaci.

Ma quando sento parlare di logica del mondo, realtá ecc... allora non posso fare a meno di sentirmi chiamato in causa, in qualitá di persona che cerca di pensare lo stessa cosa. E allora in questo caso noto solo molta ingenuitá. In reltá pensavo che tutti queste ontologie della logica del mondo=logica del cervello(una volta si chiamava coscienza), di percezioni neutre ecc... fossero ormai solo una parentesi storica.

Ad ogni modo non volendo precludermi la possibiltá di dialogo, che spesso serve a chiarirsi le idee, ti chiedo:

che vuol dire cognitivo? O meglio (so cosa vuol dire cognitivo), cosa intendi esattamente quando dici cognitivo? quale regione prendi in considerazione esattamente?
Considera che hai giá escluso la mia domanda sui fili di banana essiccati.

Ciao, a prersto


Alla scienza si deve chiedere ciò che è effettivamente in grado di produrre, ed alla filosofia si richiede altrettanto.

Il fatto è che secondo me è impossibile fare filosofia senza avere in testa, per sommi capi, ma chiari, le frontiere che adesso la scienza ha tracciato tra noto ed ignoto. Non credo si possa parlare così semplicemente di percezione senza sapere come si è evoluta adesso la neurofisiologia. Ed è inutile parlare di mondo e fatti, senza sapere che il mondo ed i fatti che la maccanica quantistica descrivono sono ben lontani dalla classicità di non molti anni fa.

Ho trovato francamente così semplice il modo con cui certi filosofi hanno parlato del principio di indeterminazione di heisemberg, senza nemmeno soffermarsi sulle vere implicazioni di questo teorema.

Detto questo, la questione mondo=logica è vecchia come il cucco, ma è sempre terribilmente attuale, dato che non è affatto risolta. Se pensi alle posizioni di Hilary Putnam e del matematico Mackey a ringuardo (il primo per la logica empira, il secondo per l'assiomatizzazione totale, il tutto nei "lontanissimi" anni 70-80) vedi che la questione è aperta, ed è diventata attualissima con l'avvento delle teorie fisiche congetturali (stringhe, supersimmetria, ecc).

ciao
bert is offline  
Vecchio 30-06-2004, 08.50.20   #30
DOLDOS
Ospite
 
Data registrazione: 23-06-2004
Messaggi: 6
per epicurus

Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus

[...]
...il senso di un sistema e` (se esiste) fuori da tale sistema...
[...]

Perchè?
DOLDOS is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it