Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 23-08-2004, 01.02.38   #61
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Citazione:
Messaggio originale inviato da Gest O
"noi percepiamo il mondo, a noi interessa il mondo e quindi siamo legittimati a prenderlo in considerazione seriamente."

diciamo semmai che siamo condannati al mondo..
cmq + che percepire direi che noi il mondo lo si interpreta.perdi+lo si interpreta nelle sue ipotetiche relazioni interne a partire da "dati dell'esperienza" che sono a loro volta delle interpretazioni parziali.se assumessimo questi dati dell'esperienza come realtà oggettive dovremmo ammettere la necessità di un'interpretazione UNIVOCA di essi.
se invece vediamo il mondo come circolo di interpretazioni(ermeneutico) che rimandano le une alle altre diventano pensabili altre interpretazioni come la teoria della relatività,la meccanica quantistica o l'apertura all'Essere del secondo heidegger,con tutti i loro pregi e difetti

io dico 'ho 2 mani' e sono sicuro che questa proposizione è vera, come che la sua negazione è falsa. nessuno mette in discussione tale affermazione.

il fatto è che su alcune proprietà di oggetti fisici magari ci si trova in disaccordo perchè vengono elaborate dal nostro cervello tenendo conto del nostro stato interno.
ad esempio i colori: io posso vedere un oggetto di colore differente da quello che tu vedi, ma la realtà è che vediamo lo stesso colore (stessa frequenza delle radiazioni elettromagnetiche) ma colore-percepito dipende da altri fattori (mentali e non).

questo per dirti che su ogni cosa fisica, se esaminata, ci si può metter daccordo e vedere chi a ragione, quindi c'è una concordanza di vedute. quindi io definisco il mondo come 'tutti gli oggetti e le relazioni tra questi', e se qualcuno mi chiede come faccio a sapere se esiste veramente il mondo, o è tutta illusione, io rispondo: "definisci i termini 'realtà' e 'verità' e 'esistenza'".

tu dici che siamo condannati al mondo, mah, avresti preferito non nasciere?

epicurus is offline  
Vecchio 23-08-2004, 11.24.12   #62
neman1
Ospite abituale
 
L'avatar di neman1
 
Data registrazione: 24-04-2004
Messaggi: 839
Re: Re: Re: ciao gest,

Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus
invece sono contento che tu mi faccia compagnia...

ma spiegami meglio la frase e' il mondo a farsi percepire da noi, ha una valenza metaforica o no?


Ebbene compagno Epicurus..... Vedro' di chiarirmi. Ne anche a me soddisfa' il tuo definire il mondo come un insieme d'oggetti e' le relazioni tra esse. Credo (leggermente convinto) che tu voglia dire che guardi obbietivamente all inter-relazionare/dipendere del tutto. Obbietivamente, quindi distaccato (metodo per conoscere) per considerare i fenomeni, manifestazioni oggetti. Pero poi parli di mondi privati causati dalla percezione soggettiva... in seguito ti viene anche il dubbio. Quindi ti chiedo di chiarire: siccome includi nel mondo tutto anche dio (citazione) allora dovresti includere nella definizione anche il soggetto. Questa: indicazione di contraddittorieta' amichevole.
Per la frase? Niente. Era per contrastare il dire percepisco il mondo che mette in risalto l'io. E' piu esatto dire percepisco il mondo quanto il mondo (insieme di mondi privati) si fa percepire, percepisce me. Si parlava anche di isomorfismi l'altra volta, o no? Il tuo sguardo cade sempre dove vuoi tu o ognitanto e' casuale, come se venisse attratto? Ciao
neman1 is offline  
Vecchio 23-08-2004, 12.34.38   #63
Gest O
Ospite abituale
 
Data registrazione: 07-11-2003
Messaggi: 125
x epicurus
le tue mani sono un fenomeno macroscopico facilmente osservabile e in quanto tali possiedono un alto grado di evidenza intersoggettiva.Quindi al massimo potresti definire il mondo come l'insieme di quei fenomeni che possiedono un alto grado di evidenza intersogg..in questo modo però nel "tuo" mondo ci sarebbe posto per le tue mani ma non per le molecole che le compongono nè tantomeno per gli atomi che posseggono un grado di e. i. assai inferiore.
La posizione per cui la verità di un'asserzione é garantita dal ricorso al dato empirico si chiama verificazionismo,sta alla base di un ideale unitario della scienza(determinismo,quindi) e oggi come oggi é assai problematica da sostenere.
cmq non preferirei non essere nato,intendevo constatare il fatto che l'uomo eccede continuamente la situazione concreta in cui si trova gettato pur non potendosene emancipare mai totalmente

Gest O is offline  
Vecchio 23-08-2004, 13.42.06   #64
leibnicht
Ospite abituale
 
L'avatar di leibnicht
 
Data registrazione: 06-09-2003
Messaggi: 486
Preciso

Non ho molto da obiettare, in relazione a "quelle" questioni che tu presenti come sempre attuali.
Sebbene, a stretto rigore, la celebre domanda leibniziana "Perchè il tutto e non piuttosto il nulla?" potrebbe necessitare di una riproposizione radicalmente diversa alla luce della nuova immagine fisica del mondo.
Quelle che ti ho citato furono questioni, eccome...
Il fatto che oggi ci appaiano come risposte, o come supposizioni, o come portati di sistemi di pensiero contestualizzabili, conferma proprio l'evoluzione che il pensiero ha avuto nel tempo.
Il problema delle azioni a distanza fu un vero, autentico problema concettuale e filosofico: del resto ogni questione, una volta articolatamente esposta, già si pone anche come risposta.
La rotazione della ruota sul terreno era il modo con cui gli antichi misuravano la lunghezza della circonferenza: disponevano il cerchio su di un piano e poi lo facevano ruotare esattamente una volta, così che la distanza percorsa dalla ruota indicasse esattamente la misura lineare della sua circonferenza.
Per misurarne il diametro, invece, facevano come ho scritto, cioè impiegavano una cordicelle tesa esattamente da un punto qualsiasi del bordo, facendola passare per il centro: la misura era quella del tratto di corda che incontrava il bordo dal lato opposto rispetto a quello prescelto per iniziare a stenderla.
Ciao
leibnicht is offline  
Vecchio 23-08-2004, 15.18.38   #65
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
x Gest O e neman

noi cerchiamo una garanzia assoluta che ci dica che quello che c'è la fuori è la realtà, ma tale garanzia ovviamente non esiste, o meglio tale problema è uno pseudo-problema.

è uno pseudo-problema perchè non ci rendiamo conto che è un fatto linguistico definire che cos'è la realtà: noi diciamo che questa è la realtà (definizione), altri potranno dire che questa è X (o qualsiasi altro nome) e allora mi concentro su X, senza problemi. (non voglio discutere per avere l'esclusiva sul termine 'realtà'.)

(ovviemente nel mondo esiste anche l'io, questo è innegabile, se si definisce il termine 'io').

io non capisco che prove vorremo avere per pensare questa come realtà?

comunque non appoggio (anche se per un piccolo periodo mi ha attratto) il Verificazionismo, teoria un po' ingenua.

epicurus is offline  
Vecchio 23-08-2004, 16.01.07   #66
Gest O
Ospite abituale
 
Data registrazione: 07-11-2003
Messaggi: 125
non mi sto incaponendo su uno pseudoproblema legato a convenzioni linguistiche.Il linguaggio non legge il mondo,lo crea.

Gest O is offline  
Vecchio 23-08-2004, 16.49.25   #67
neman1
Ospite abituale
 
L'avatar di neman1
 
Data registrazione: 24-04-2004
Messaggi: 839
Re: x Gest O e neman

Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus
noi cerchiamo una garanzia assoluta che ci dica che quello che c'è la fuori è la realtà,

Eh no, mi dispiace. A me pare il contrario. Si cerca di "smantellarla" la garanzia. Del resto mi affianco a Gest O con cui concordo sul mondo. Ciao Epicurus
neman1 is offline  
Vecchio 24-08-2004, 19.45.57   #68
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
io non cerco una garanzia (perchè questa ricerca è assurda) e roconosco questa (la definisco) come realtà.

voi non trovate tale garanzia e dite che questa non è la realtà, non riconoscendo che tale ricerca è assurda, cioè non falsa, ma sensa senso.

seguendo il vostro ragionamento 'il mondo è l'insime delle nostre immagini' allora ogni vostra idea è innegabilmente vera.

epicurus is offline  
Vecchio 24-08-2004, 21.38.25   #69
Gest O
Ospite abituale
 
Data registrazione: 07-11-2003
Messaggi: 125
"voi non trovate tale garanzia e dite che questa non è la realtà, non riconoscendo che tale ricerca è assurda, cioè non falsa, ma sensa senso.

l'atteggiamento naturale ci costringe a considerare tale garanzia come non problematica ma la filosofia va oltre,spinge l'uomo a pensare il sovrumano.Solo cosi può diventare feconda (di nuove problematiche)

"seguendo il vostro ragionamento 'il mondo è l'insime delle nostre immagini' allora ogni vostra idea è innegabilmente vera."

Proprio per evitare ciò nella nostra discussione ho introdotto concetti chiave dell'epistemologia contemporanea come fenomeni osservabili o meno caratterizzati da diversi gradi di evidenza intersoggettiva.Non voglio portare la scienza alla paralisi!

Gest O is offline  
Vecchio 25-08-2004, 00.29.18   #70
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Citazione:
Messaggio originale inviato da Gest O
"voi non trovate tale garanzia e dite che questa non è la realtà, non riconoscendo che tale ricerca è assurda, cioè non falsa, ma senza senso.

l'atteggiamento naturale ci costringe a considerare tale garanzia come non problematica ma la filosofia va oltre,spinge l'uomo a pensare il sovrumano.Solo cosi può diventare feconda (di nuove problematiche)

la filosofia deve riflettere su tutto il possibile immaginabile, cioè può pensare su cose false o su cose vere, ma non può riflettere su concetti senza senso, perchè ad essi non si è dato un significato. voi dice: "questa non è wxyt, bensì è l'insieme delle nostre immagini", ma a 'wxyt' (cioè il termine 'realtà' di vostro uso) non avete dato un senso.


Citazione:
"seguendo il vostro ragionamento 'il mondo è l'insime delle nostre immagini' allora ogni vostra idea è innegabilmente vera."

Proprio per evitare ciò nella nostra discussione ho introdotto concetti chiave dell'epistemologia contemporanea come fenomeni osservabili o meno caratterizzati da diversi gradi di evidenza intersoggettiva.Non voglio portare la scienza alla paralisi!

ma allora per te la realtà che cos'è?

i fenomeni osservabili ed evvidenti sono questi che formano la realtà per te?

epicurus is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it