Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 09-12-2005, 21.11.40   #41
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus
non capisco, continuo a dire che il cogito non può essere fondante e che ci sono molte altre cose certe nella vita, nessuno mi contraddice direttamente, ma tutti la pensano diametralmente in modo apposto a me. bohh
A riprova che quando qualcuno ha una "certezza assoluta" più nessuno ci capisce niente.....

VanLag is offline  
Vecchio 09-12-2005, 21.15.15   #42
sunday01
Ospite abituale
 
L'avatar di sunday01
 
Data registrazione: 05-07-2005
Messaggi: 464
Una certezza non è solo che io esisto, ma anche che esiste tutto il resto: è attraverso i sensi che posso sperimentare di esistere ma se attorno a me ci sarebbe il buio, il silenzio assoluto, la mancanza di aria o di altri esseri viventi, chi potrebbe confermare la mia esistenza???
Esistere non è soltanto essere o pensare, se non c'è nulla che ti faccia pensare o sapere di essere...
Al di fuori di questo non ci sono altre certezze, ognuno si rispecchia negli altri o con le cose che ci sono intorno.
Vedere altre persone che esistono e il mondo è una conferma che io esisto.
Ciao


sunday01 is offline  
Vecchio 09-12-2005, 23.52.00   #43
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus
non capisco, continuo a dire che il cogito non può essere fondante e che ci sono molte altre cose certe nella vita, nessuno mi contraddice direttamente, ma tutti la pensano diametralmente in modo apposto a me. bohh
Per quanto mi riguarda la certezza deve risiedere e risiede in un dato oggettivo. Quel dato oggettivo, per essere assoluto deve essere a-temporale, ecco perché parlo di – qui ed ora – perché il momento presente è l’unico che non vive nella memoria, (passato) e nell’anticipazione, (futuro) che sono entrambi stati mentali, mentre il presente non è mentale…. È reale.

In questo luogo a-temporale il dato oggettivo è quella che chiamo “esistenza”, cioè “la mia presenza”, poco importa se scrivo, penso, oppure fischietto senza pensare nulla, etc. Poco importa se esistevo anche prima e se esisterò dopo. Quello che è indissolubilmente certo è che nel presente c’è la “mia” esistenza.
Questa secondo me è l’unica certezza che esiste, che è tanto piccola quanto certa. Per alcuni non significa nulla, perché è scontato, per altri questa esistenza, non ancora qualificata, cioè – io sono – prima di dire – io sono questo – o – io sono quello - è la radice stessa dalla quale si dirama l’albero della vita.

E mi fermerei qui. Anzi mi fermerei – qui ed ora - perché siamo sulla soglia di concetti metafisici e non ci vorrei entrare.

VanLag is offline  
Vecchio 10-12-2005, 12.24.19   #44
nexus6
like nonsoche in rain...
 
L'avatar di nexus6
 
Data registrazione: 22-09-2005
Messaggi: 1,770
x TUTTI!

Per quanto riguarda la domanda del thread sarebbe opportuno specificare meglio cosa si intende per "certezza assoluta" ovvero per "verità assoluta", altrimenti tutti i discorsi fatti sono solo chiacchiere: io non posso essere affatto sicuro delle vostre "esistenze" (parola da definire!) ovvero del fatto che voi siate dei soggetti pensanti: mi compaiano, certo, delle lettere sul monitor del PC, ma questo non mi può dare la "certezza assoluta" (da definire!) che VOI siate dotati della possibilità di "cogitare"; dunque non posso essere sicuro nemmeno che "VOI" esistiate, come essere autocoscienti differenti da me stesso.

Quando vedo scritto sul mio monitor "l'unica certezza è che io - qui ed ora- penso dunque esisto", tutto ciò che posso pensare a riguardo è che davanti a me - qui ed ora- sono comparse queste parole, che potrebbero pure non avere nessun significato!
nexus6 is offline  
Vecchio 10-12-2005, 12.25.40   #45
nexus6
like nonsoche in rain...
 
L'avatar di nexus6
 
Data registrazione: 22-09-2005
Messaggi: 1,770
x EPICURUS

Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus
I casi più basilari sono "Questo è un albero", "Questo è un gatto" o "Questo è un tappeto", e questi sono ritunuti veri a causa di una gran quantità di alberi, gatti e tappeti. Il fatto centrale è che ciò che determina il significato di questi enunciati è ciò che di solito li rende veri. Ciò che usualmente causa tale mia credenza (per esempio che questo è un albero) è il contenuto della mia credenza, e per forza allora usualmente avrò credenze vere.
D'altro canto sbagli sistematici non sembrano logicamente possibili.
La definizione di verità non può prescindere da un criterio, formulato in un dato linguaggio e dal linguaggio stesso; se io scrivo una frase in latino considerata autoevidente, quella stessa frase, con quelle stesse parole, potrebbe essere considerata palesemente falsa in inglese, per esempio.

Io ti ho chiesto un criterio per discriminare la verità (richiesta MOLTO impegnativa) e tu mi hai risposto:

"Sinteticamente - anche se so che è una risposta troppo smilza e dovrebbe venir più ampliata - un enunciato s che significa P è vero se e solo se vengono soddisfatti i requisiti che vengono richiesti da P."

Non l'ho capita e ti ridomando: quando una proposizione P come "il cielo è azzurro" è vera?
nexus6 is offline  
Vecchio 10-12-2005, 12.37.13   #46
autunno1
è qui
 
Data registrazione: 23-10-2005
Messaggi: 0
Re: x TUTTI!

Citazione:
Messaggio originale inviato da nexus6
[b]io non posso essere affatto sicuro delle vostre "esistenze" (parola da definire!)

Ma della tua "esistenza" sei sicuro?

Secondo il mio modestissimo parere "la verità assoluta" non esiste, mai esistita, è mai esistera.
autunno1 is offline  
Vecchio 10-12-2005, 12.45.41   #47
nexus6
like nonsoche in rain...
 
L'avatar di nexus6
 
Data registrazione: 22-09-2005
Messaggi: 1,770
Re: Re: x TUTTI!

Appunto! Io non so che vuol dire "certezza assoluta", non so che vuol dire "verità assoluta", non so che vuol dire "esistenza", non so che vuol dire "io" e dunque a maggior ragione non so che vuol dire "voi"!

La verità è sempre relativa, mentre quella assoluta, svincolata da definizioni, linguaggi, rappresentazioni, categorie, non esiste per definizione ovvero è pari al nulla.

La verità, in quanto puro concetto umano, non può prescindere dall'esistenza di un sistema formale di rappresentazione, anzi è una proprietà attribuibile e confinata all'interno dello stesso.


Ultima modifica di nexus6 : 10-12-2005 alle ore 12.52.46.
nexus6 is offline  
Vecchio 10-12-2005, 13.17.54   #48
alessiob
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 749
Ringrazio autunno 1 e Epicurus per aver provato a rispondere ad un questito così difficile: Restringere ancora di più il concetto di Cartesio: Penso dunque sono.

Avete intuito la via, ma non l'avete afferrata per un semplice motivo: non è detto che quello che sto per esporvi sia vero, non è detto che voi condividiate questa teoria.

Comuque a mio avviso ecco il modo per restringere ancora di più un concetto che sembra già essere il minimo indispensabile: Cartesio diceva che l'unica certezza è essere un essere pensante, non sappiamo nemmeno dove stanno i pensieri, non ne abbiamo la certezza, sappiamo solo che pensiamo qualcosa... Un ulteriore limite potrebbe essere questo: Non solo l'unica certezza è che siamo un essere pensante, ma anche che lo siamo solo in questo preciso e unico istante di TEMPO!!!!!

In coerenza con la teoria sulla vita da me esposta (e da nexus 6 condivisa ) noi non siamo "vivi" come lo intendiamo noi, ma per istanti di tempo, dunque anche il pensiero vive per istanti di tempo: a questo punto non ho nemmeno la certezza di ESSERE STATO un essere pensante, nemmeno un secondo fa. Solo nel puro e seplicissimo e impercettibile presente ho la certezza assoluta che sono un essere pensante.

Dunque a livello puramente eorico potrei essere nato un secondo fa; e dunque non avere la certezza neanche sulla mia stessa esistenza (vedi un clone )

Stiamo restringendo sempre più il campo....credo sia il massimo, non possiamo restringerlo di più....ma se ce una cosa che ci ha insegnato l'universo è questa: ulla è impossibile.

Chi vuole può tentare...
alessiob is offline  
Vecchio 10-12-2005, 13.27.48   #49
nexus6
like nonsoche in rain...
 
L'avatar di nexus6
 
Data registrazione: 22-09-2005
Messaggi: 1,770
Da parte mia non scorgo nessuna "certezza assoluta", caro Alessio, come ho provato a spiegare nei post precedenti...
nexus6 is offline  
Vecchio 10-12-2005, 13.30.10   #50
autunno1
è qui
 
Data registrazione: 23-10-2005
Messaggi: 0
Citazione:
Messaggio originale inviato da alessiob
Restringere ancora di più il concetto di Cartesio: Penso dunque sono

Chi vuole può tentare...


Tento io...tanto non perdo nulla...
e azzardo...provo a leggere la frase di Cartesio in questo senso: Sono dunque penso.

C'e un senso?
autunno1 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it