Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Riflessioni > LettereOnLine
 LettereOnLine - Commenti sugli articoli della omonima rubrica presente su WWW.RIFLESSIONI.IT - Indice articoli rubrica
Vecchio 06-04-2012, 17.33.57   #91
danit
Ospite
 
Data registrazione: 28-07-2004
Messaggi: 3
Riferimento: Esiste la vera libertà o siamo tutti schiavi? (di Marco Zulian)

Se quello che io faccio, che sia un lavoro o un'acquisto o un viaggio o quant'altro, non è dettato dalla mia voglia di compiacere altri o dal mio timore di essere disapprovato da altri facendo una scelta diversa,ma solo dalla mia volontà , perché in quel preciso momento mi va di decidere così, allora sono libero.
La mente deve essere capace di non farsi influenzare dall'esterno, ed allora è libera.Si può vivere in una società,seguendone le giuste regole per una convivenza civile,senza dover per forza assimilare tutto come delle spugne,così come nel leggere un libro,non si deve accettare tutto ciò che vi si trova scritto come verità.La società è composta e fondata da uomini,che possono sbagliare, come i libri sono scritti da uomini che hanno un'opinione...ma non è detto sia giusta.Io vado un po' qua un po' là,cerco di raccogliere il meglio da ogni parte,ma ogni cosa viene prima elaborata dalla mia mente, mai accettata a priori.Questa è la mia libertà!
danit is offline  
Vecchio 08-03-2013, 11.13.05   #92
Tornelius83
Ospite
 
Data registrazione: 06-03-2013
Messaggi: 7
Riferimento: Esiste la vera libertà o siamo tutti schiavi? (di Marco Zulian)

Penso che la libertà degli individui sia stata notevolmente limitata dalla televisione, ogni volta che vedo gente ubbidire a quello che dice la televisione mi vengono i brividi. Posso capire che una persona si lasci influenzare da una pubblicazione di livello universitario, ma come ci si può lasciare influenzare dalle oscenità che girano in televisione?
Penso che un buon passo verso la libertà sia quello di togliere la televisione dalla propria camera. Certamente esistono altri mezzi di persuasione, come ad esempio un manifesto in cui c'è una modella anoressica possa spingere delle femmine a diventare anoressiche. Però tra tutte le schiavitù, quella televisiva è quella che più mi preoccupa. L'affermazione di internet la vedo come la liberazione dalla schiavitù televisiva. Purtroppo però la televisione ha ancora un notevole influsso sulla gente...
Tornelius83 is offline  
Vecchio 18-03-2013, 18.57.16   #93
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: Esiste la vera libertà o siamo tutti schiavi? (di Marco Zulian)

E' la millenaria questione del determinismo/indeterminismo.
Con un rigido determinismo (consequenzialità della causa/effetto) dovremmo sopperire, col nostro comportamento, alle cause che lo determinano...quindi niente libero arbitrio e niente libertà: non saremmo che automi.

Personalmente però non credo molto al rigido determinismo.
Infatti sembra che Dio, fin da Adamo ed Eva abbia concesso il "libero arbitrio" dicendo che quei due balordi non erano costretti a mangiare la mela: hanno deciso loro di farlo con piena facoltà di decidere delle loro azioni.

Quindi, Dio stesso, rompendo la consequenzialità e donando il libero arbitrio, ha ottenuto la facoltà giuridica di cacciarli dal paradiso facendone degli homeless!

In tal modo si evince che solo in assenza di consequenzialità si può essere liberi, ma può essere che anche la libertà è una fregatura.

Ancora personalmente, non credo ad un libero arbitrio assoluto, ma relativo: non esiste sempre una consequenzialità uno a uno...piuttosto un evento puo' dar luogo ad una serie di eveventi probabilistici fra cui scegliere.

Anzi, dirò di più, nella pratica si dà che una serie di eventi primari può dar luogo a numeri di ordine superiore di eventi conseguenti possibili...quindi abbiamo ampia facoltà di sviluppare la nostra facoltà di intendere e di volere...non in assoluto però...ma solo in relazione alle condizioni psicofisiche e ambientali in cui ci troviamo.

Ho considerato un caso positivo di libertà sociale, poichè se ci trovassimo in regime politico confessionale o dittatoriale le cose andrebbe assai peggio e ti saluto libero arbitrio...anzi qulsiasi libertà di parola e di pensiero.
ulysse is offline  
Vecchio 08-07-2013, 18.08.39   #94
romana Anna
Nuovo ospite
 
L'avatar di romana Anna
 
Data registrazione: 07-07-2013
Messaggi: 1
Riferimento: Esiste la vera libertà o siamo tutti schiavi? (di Marco Zulian)

Non credo esista la vera libertà...ogni uno di noi a volte è condizionato....siamo creature imperfette...spesso siamo prigionieri di noi stessi..
incominciamo ad obbedire alla mamma e al papà che giustamente detta delle regole fin dalla nostra infanzia..poi proseguendo da adulti...tutta la vita è un condizionamento...
quando ci innamoriamo...sul lavoro ecc.
La libertà si può creare piano...piano... evolvendo...usando la nostra determinazione e consapevolezza.
La libertà individuale è una grande ricchezza...la società deve creare la libertà...
di pensiero...di parole ed azioni...La vera libertà non è mai esistita....per questo ci sono state guerre e ancora oggi ci sono...la libertà è una grande conquista!
romana Anna is offline  
Vecchio 27-08-2013, 19.00.44   #95
Ariel
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 20-08-2013
Messaggi: 9
Riferimento: Esiste la vera libertà o siamo tutti schiavi? (di Marco Zulian)

Ciao a tutti! sono una nuova utente.
Io mi sento libera quando: faccio jogging,viaggio,cucino,invito amici a cena,scelgo un libro che mi piace,scrivo una poesia,canto una canzone,dipingo un quadro,scelgo una cosa e la compro,respiro l'odore del mare e mi tuffo,quando prego,ma soprattutto mi sento libera di dire come la penso nelle cose.La massima espressione di libertà è il pensiero perchè li nessuno ci può entrare,è solo tuo.Ma se non lo condividi è una libertà a metà.
Ma non mi sento libera quando ascolto al tg,che gli è scaduto il mandato d'arresto ai mafiosi e li fanno uscire dalla galera;quando qualcuno uccide per ubriachezza una persona e non l'arrestano,quando i giovani espatriano perchè in Italia non ci sono sbocchi lavorativi,quando devo votare quelli li, perchè cambierei proprio il sistema politico e manderei tutti a casa,non mi sento libera quando lo Stato ti massacra con le tasse e non ti fa vivere,ma ti lascia campare.
Possiamo solo sentirci liberi nel pensiero,nello scegliere gli hobby,per qualche fortunato il lavoro,gli amici,ma è una libertà chiusa confinata,perchè a livello sociale,politico,siamo tutti schiavi.
Ariel is offline  
Vecchio 28-08-2013, 13.18.36   #96
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Esiste la vera libertà o siamo tutti schiavi? (di Marco Zulian)

Citazione:
Originalmente inviato da Ariel
Ciao a tutti! sono una nuova utente.
Io mi sento libera quando: faccio jogging,viaggio,cucino,invito amici a cena,scelgo un libro che mi piace,scrivo una poesia,canto una canzone,dipingo un quadro,scelgo una cosa e la compro,respiro l'odore del mare e mi tuffo,quando prego,ma soprattutto mi sento libera di dire come la penso nelle cose.La massima espressione di libertà è il pensiero perchè li nessuno ci può entrare,è solo tuo.Ma se non lo condividi è una libertà a metà.
Ma non mi sento libera quando ascolto al tg,che gli è scaduto il mandato d'arresto ai mafiosi e li fanno uscire dalla galera;quando qualcuno uccide per ubriachezza una persona e non l'arrestano,quando i giovani espatriano perchè in Italia non ci sono sbocchi lavorativi,quando devo votare quelli li, perchè cambierei proprio il sistema politico e manderei tutti a casa,non mi sento libera quando lo Stato ti massacra con le tasse e non ti fa vivere,ma ti lascia campare.
Possiamo solo sentirci liberi nel pensiero,nello scegliere gli hobby,per qualche fortunato il lavoro,gli amici,ma è una libertà chiusa confinata,perchè a livello sociale,politico,siamo tutti schiavi.

Citazione:
Possiamo solo sentirci liberi nel pensiero,nello scegliere gli hobby,per qualche fortunato il lavoro,gli amici,ma è una libertà chiusa confinata,perchè a livello sociale,politico,siamo tutti schiavi.

si,hai ragione,siamo tutti schiavi...perche e' avvenuto tutto questo?
perche il nostro innato senso di umanità e' venuto meno per non contrapporsi a questo sfacelo?
..forse sbaglio a ritenere che esista un senso di umanita,forse piu semplicemente non esiste

Ultima modifica di acquario69 : 29-08-2013 alle ore 00.12.55.
acquario69 is offline  
Vecchio 28-08-2013, 21.43.59   #97
Parva
Ospite
 
Data registrazione: 12-08-2013
Messaggi: 33
Citazione:
Originalmente inviato da miky 1987
P.S.: Questo non significa che rifiuti i consigli. I consigli sono ben diversi dalle imposizioni e al contrario delle imposizioni sono da me ben accetti.


Miki per essere rivoluzionari ci vuole altro.
Tutte le rivoluzioni hanno portato al potere i rivoluzionari o i filorivoluzionari ma il mondo non è cambiato. Individualmente non è vestirti o dare a modo tuo, vedi un uomo libero è colui che:
- non ha paura di essere criticato
- non odia chi lo critica
- non ha paura di essere comandato perchè sa che non può decidere lui la società, anche se cercherà di liberarsi dalle persone opprimenti
- non ha bisogno di mostrarsi diverso anche se in certi casi può farlo
- può giocare a vestirsi come giocava coi giocattoli oppure no
- non cita mai nessuno perchè se una cosa la dice Hegel o Kant o Epicuro non significa sia vera
- ma soprattutto non si sente mai totalmente libero perchè sa che la prigionia non sta fuori, ma negli angoli bui del nostro cervello

Citazione:
Originalmente inviato da danit
Se quello che io faccio, che sia un lavoro o un'acquisto o un viaggio o quant'altro, non è dettato dalla mia voglia di compiacere altri o dal mio timore di essere disapprovato da altri facendo una scelta diversa,ma solo dalla mia volontà , perché in quel preciso momento mi va di decidere così, allora sono libero.
La mente deve essere capace di non farsi influenzare dall'esterno, ed allora è libera.Si può vivere in una società,seguendone le giuste regole per una convivenza civile,senza dover per forza assimilare tutto come delle spugne,così come nel leggere un libro,non si deve accettare tutto ciò che vi si trova scritto come verità.La società è composta e fondata da uomini,che possono sbagliare, come i libri sono scritti da uomini che hanno un'opinione...ma non è detto sia giusta.Io vado un po' qua un po' là,cerco di raccogliere il meglio da ogni parte,ma ogni cosa viene prima elaborata dalla mia mente, mai accettata a priori.Questa è la mia libertà!

E tu sei certo che vedi tutti gli inganni e le influenze del nostro tempo come vedi quelli del tempo passato? Sei certo che all'epoca non avresti approvato ad esempio che bruciassero eretici o streghe? Cosa è che non vedi oggi? Le persone più libere se lo chiedono...
Parva is offline  
Vecchio 30-08-2013, 09.20.34   #98
Ariel
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 20-08-2013
Messaggi: 9
Riferimento: Esiste la vera libertà o siamo tutti schiavi? (di Marco Zulian)

noi non siamo esseri umani che vivono un esperienza spirituale ma esseri spirituali che vivono un esperienza umana (Pierre Theillard De Chardin)

Ciao Acquario 69,come dici bene tu il senso di umanità viene sempre meno,lo vivono e realizzano concretamente in pochi e cioè quelli che vivono al servizio degli altri e ci si dedicano con generosità,incondizionatamente .
Ma basterebbe poco a ognuno di noi nella vita di tutti i giorni a dare il nostro piccolo contributo.Io credo che siamo la maggior parte solo umani e che alla spiritualità nemmeno ci si avvicina,è un dono che pochi per me riescono ad avere,perchè il sesso,i soldi e il potere attraggono l'uomo più di un gesto di generosità che non ha tornaconto.
Alla fine siamo tutti insoddisfatti e incompleti e non capiamo il perchè.
Forse perchè l'uomo è stato creato ad immagine e somiglianza di Dio?
e siamo fattti di materia(corpo) e immateria (anima/spirito)?
Ariel is offline  
Vecchio 30-08-2013, 13.46.13   #99
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Esiste la vera libertà o siamo tutti schiavi? (di Marco Zulian)

Citazione:
Originalmente inviato da Ariel
noi non siamo esseri umani che vivono un esperienza spirituale ma esseri spirituali che vivono un esperienza umana (Pierre Theillard De Chardin)

Ciao Acquario 69,come dici bene tu il senso di umanità viene sempre meno,lo vivono e realizzano concretamente in pochi e cioè quelli che vivono al servizio degli altri e ci si dedicano con generosità,incondizionatamente .
Ma basterebbe poco a ognuno di noi nella vita di tutti i giorni a dare il nostro piccolo contributo.Io credo che siamo la maggior parte solo umani e che alla spiritualità nemmeno ci si avvicina,è un dono che pochi per me riescono ad avere,perchè il sesso,i soldi e il potere attraggono l'uomo più di un gesto di generosità che non ha tornaconto.
Alla fine siamo tutti insoddisfatti e incompleti e non capiamo il perchè.
Forse perchè l'uomo è stato creato ad immagine e somiglianza di Dio?
e siamo fattti di materia(corpo) e immateria (anima/spirito)?

non saprei dire se e' questione di piccoli o grandi contributi o meno..magari quella diventa solo la sua conseguenza.
secondo me se la liberta non la realizziamo prima in noi stessi non riusciremo mai a comprendere fino in fondo come stanno le cose intorno a noi e ci sara' sempre qualcosa o qualcuno che riuscirà a manipolare le nostre esistenze e il paradosso vuole che i primi a sostenere i carnefici siano proprio le loro vittime inconsapevoli.
secondo me non si tratta di credere o no in Dio come qualcosa di separato da noi...anche in questo caso ritengo che diventi un altra illusione...come diceva gia qualcun'altro prima di me,ci piace illuderci fino all'inverosimile..fino a perderci completamente...quale sarebbe poi il "vantaggio"

acquario69 is offline  
Vecchio 04-09-2013, 10.09.04   #100
Ariel
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 20-08-2013
Messaggi: 9
Riferimento: Esiste la vera libertà o siamo tutti schiavi? (di Marco Zulian)

Ciao! Anch' io credo che non bisogna pensare a Dio come un qualcosa di separato da noi,non so se ci piace perderci o illuderci ma sicuramente l uomo per natura e' alla ricerca di sapere e sente il bisogno di credere in qualcosa,di darsi spiegazioni e risposte. Poi ognuno le trova dove si sente più persuaso.
Ariel is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it