Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 19-09-2007, 09.18.42   #11
pallina
...il rumore del mare...
 
Data registrazione: 15-01-2007
Messaggi: 279
Riferimento: Cosa cerca una donna in un uomo?

A volte leggere i post di marco gallione mi fa venire un gran mal di testa... in questo caso penso a quanto possa essere "pesante" in certi momenti (o forse sarebbe meglio dire "faticoso" ?) cercare di capire il cervellotico pensiero di molte donne. Dico molte perchè se c'è una cosa che a me manda in besta (proprio così, in bestia, della serie che mi fa inc...re all'ennesima potenza) è il generalizzare sempre e comunque. Al che mi viene da pensare che probabilmente simili donne sono proprio quelle che piacciono a voi, ve le andate, insomma, proprio a cercare.....

Caratterialmente sono una portata a sognare, ho una parte "bambina" ancora molto viva nonostante l'età e ne sono ben felice, sono per i rapporti direi "non semplici e scontati" ma di una cosa sono sicura: di non essere una che nei rapporti si perde tanto nei sotterfugi, nelle cose dette "tra le righe", nei subdoli messaggi sottintesi della serie ( come appunto rileva il caro markuzzo) "è vero tesoro mio ho chiesto "acqua" ma TU DOVEVI CAPIRE CHE VOLEVO IL VINO!!!!!"......... Per me sono una perdita di tempo e basta, li reputo solo un modo veramente stupido e infantile, per mantenere l'attenzione dell'uomo, un modo contorto e indecifrabile (e anche capriccioso in certi momenti) per mettere alla prova la di lui dedizione nei nostri confronti e la sua santa ma no, non basta, santissima!!!!!!!! pazienza....della serie "più resiste più mi ama"... .....

A me (nonostante mi venga da ricordare catoblepa che in altro thread mi diceva che non potevo mettermi assolutamente nei panni di un uomo nè come lui "sentire") fossi uomo a stare con una donna così mi prenderebbe la stanchezza dopo solo cinque minuti.....

Ma quanto è bello e rilassante (e lasciatemelo dire, da donna, appagante) poter dire ciò che si pensa, ciò che si sente, ciò che si vuole....Il problema è che non è questo il modo in cui è stato insegnato - a molte donne - a rapportarsi con gli uomini. Allora cari ometti perchè non iniziate anche voi a far capire (quando vi trovate davanti una così, cercando finalmente di spezzare la catena ) che siete per il "pane al pane e vino al vino" e non per il "pane per crackers e vino per acqua"? Correre il rischio che ogni tanto vi vada buca per essere stati sinceri fino al midollo, no? Rendervi, qualche volta impopolari e magari un tantino antipatici e non essere sempre consenzienti a fare il gioco dell' "indovina se dico bianco a quale colore penso" se questo è il solo modo per "concludere"? ...
Io penso che, in parte, siate anche voi colpevoli perchè permettete che continuino a perpetuare all'infinito il loro gioco, donne che domani saranno a loro volta madri di altre donne che saranno fatte alla stessa maniera, alla quale verrà insegnato che questo è il modo (fasullo ) per relazionarsi con l'altro sesso....

Che tristezza! ....
pallina is offline  
Vecchio 19-09-2007, 09.41.45   #12
vagabondo del dharma
a sud di nessun nord
 
Data registrazione: 28-08-2006
Messaggi: 245
Riferimento: Cosa cerca una donna in un uomo?

Io vorrei capire perchè si deve sempre andare a finire alla "guerra tra sessi".

Anche quando non ce n'è proprio motivo.

Anche quando uno pone un' innocente (e sincera) domanda per farsi dire cosa "sente" una donna, cosa avverte nella sua parte più intima, quando percepisce (emotivamente e non razionalmente) che l'uomo che ha vicino fa per lei o non fa per lei, l'altra faccia della medaglia.

Marco, pur condividendo in alcuni passaggi il tuo intervento, tu stai parlando di corteggiamento, materia già ampiamente dibattuta da altre parti.

Qui si cercava di dare veramente spazio al "sentire" della donna. Quindi, Donella, niente di razionale, voglio andare più a fondo.

Non cerco nemmeno il passpartout per capire cosa fare, quali strategie di conquista o di conservazione applicare.

Sto parlando di quello spazio, per me misterioro e inaccessibile (perchè proprio ognuna ne ha uno suo), in cui si forma l'amore, in cui si sente la vita, in cui si leggono impercettibili sfumature di sentimento.

Ora, perchè una domanda del genere?

Boh, non lo so nemmeno io, siccome la donna, secondo me, molto più dell'uomo è capace di mettersi nello spazio del "sentire" la vita, allora mi piacerebbe conoscere cosa accade...Sia chiaro, senza generalizzare, Pallina, ognuna parla per sè.

Poi propongo l'apertura del thread "cosa cerca un uomo in una donna". Marco? ci sei? Lo apri tu?
vagabondo del dharma is offline  
Vecchio 19-09-2007, 09.55.55   #13
feng qi
Ospite abituale
 
L'avatar di feng qi
 
Data registrazione: 15-10-2005
Messaggi: 560
Riferimento: Cosa cerca una donna in un uomo?


Mi sono piaciuti tantissimo gli interventi di marco che condivido in pieno perché le donne le sento parlare anch'io e i meccanismi per non soffrire o per non illudersi sapendo che le cose possono andar male, li capisco.

Mi ricordano me stessa quando ero single e non vedendo nulla di buono all'orizzonte mi sono aggrappata al lavoro e mi sono convinta che una vita dedicata ad esso, mi poteva andar bene.

Io ho conosciuto parecchi ragazzi prima di sposarmi. Ho lasciato il ragazzo con cui stavo e che poi ho sposato, tante volte. Abbiamo conosciuto altri partner..

Ho conosciuto tanti ragazzi, dicevo, ma l'unico che mi dava sicurezza era quello che lasciavo sempre (mio marito)

L'ho sposato perché dopo il vuoto assoluto degli altri ragazzi, lui era il paradiso: affidabile, concreto, innamorato, per me anche bello, pulito fuori e dentro. Potevo parlare di tutto con lui, o stare in silenzio, andare in canoa o fare quattro passi.

L'ho sposato...ma a quel tempo non sapevo di non sapere-potere amare. Mi sono innamorata di lui dopo tanti anni di matrimonio, quando ho trovato un piccolo equilibrio in me.

"Cosa sente una donna?"dici tu. Be'..tanta confusione, incertezza, desiderio di stabilità, di una persona di cui fidarsi tanto da decidere di donarsi, di fare un figlio..

Ma poi secondo te, ciò che una donna cerca in un uomo é poi tanto diverso da ciò che cerca un uomo in una donna?

feng qi
feng qi is offline  
Vecchio 19-09-2007, 14.22.17   #14
marco gallione
Utente bannato
 
Data registrazione: 22-05-2007
Messaggi: 363
Riferimento: Cosa cerca una donna in un uomo?

I miei due post hanno suscitato numerosi interventi di replica, e la cosa mi ha sorpreso un po’ in verità perchè pensavo di aver scritto giusto qualche ovvietà più del solito. Devo, a questo punto, alcune risposte.

Concordo con il pensiero di Donella, quando sostiene, in maiuscolo, che sono Simpatico e Intelligente. Su questo aspetto ha perfettamente ragione. Sull’uso delle maiuscole.. de gustibus (avrete notato che Donella non è mai avara di lettere maiuscole..)
Non so, d’altra parte, se dare ragione a Donella quando dice che non ho capito Niente dell’Universo Donna (maiuscole a manetta anche io...).
Può darsi che abbia ragione anche su questo punto, anche solo per il fatto che non capire niente delle donne (da parte degli uomini) costituisce il perno stesso della mia balbiotta teoria.
In altre parole, la cara Donella mi da ragione proprio dandomi torto, e ad ogni modo non mi sembra affatto pazza.
Sull’altro punto di Donella – e cioè che “se la donna non cerca Te non c’è nulla da fare (potrebbe presentarsi un Altro con le tue stesse identiche caratteristiche ed innamorarsi di lui un minuto e mezzo dopo che ha lasciato Te)” –, che dire? E’ una tesi. Ed ha il suo pregio.

Acquario69, me lo aspettavo, condivide in qualche modo la mia posizione. E’ giusto un po’ più oltranzista di me nel sostenere la tesi della “irrazionalità piu’ sfuggevole e capricciosa” del genere femminile, concludendo che “non c’é alcuna maniera di capirle perchè le prime a non capirsi sono loro stesse!”.
Acquario è il talebano della fede della incomunicabilità tra i sessi, e un po’ lo si sapeva. Io, forse più moderatamente, volevo solo rilevare dei motivi di di incomunicabilità, che nemmeno mi dispiacciono, anzi trovo che sia in fondo bello così. E con questo anticipo il seme delle risposte che aggiungo sotto agli altri amici… (cresce la suspance ).

A Querelle devo dire che il mio ragionamento (che ovviamente voleva essere ironico, se no ci addormentiamo tutti …) non attiene solo le strategie per raggiungere i propri reconditi scopi in ambito di corteggiamento-seduzione. La natura indiretta della comunicazione femminile, che cozza con po’ la natura diretta di quella maschile, può far parte della coppia per lungo tempo, in certi casi costituirne il motore, e in altri casi costituirne il germe della crisi (di coppia). Ma tant’è; concordo con Querelle quando dubita se abbia – o meno – senso “fare un elenco caso per caso dei bisogni individuali di ogni magni-fica creatura femminile”. Non saprei, forse è meglio restare sulle generali, ed accettare sorridenti i normali costi delle generalizzazioni e il principio di incomunicabilità tra i sessi che tanto piace a noi giovani.

Non posso pensare che a Pallina, alla cara Pallina, venga un gran mal di testa a leggere i miei post, che io cesello come un artigiano del 400 per farla ridere sotto i baffi (che non avrà certamente), dietro al suo pc. Non ci posso credere!
Superato il trauma per la di lei inattesa emicrania, prendo atto che anche Pallina nota un certo cervellotico pensiero serpeggiante in seno a molte donne, e la cosa la manda pure in bestia. Un Acquario69 vestito da donna? Un Acquario69 vestito da Pallina?

Tra sfumature e convinzioni diverse, sembra dunque emergere un pensiero commune, che io e Vito al bar Sport potremmo sintetizzare in un: “le donne sono pazzerielle!” Ma una simile conclusione può andar bene solo per due cafoni qualunquisti seduti all’osteria (come me e Vito), lo vedete bene.
Allora bando alle generalizzazioni!
La stessa Pallina rigetta “il generalizzare sempre e comunque” e pensa che simili donne (cervellotiche) sono proprio quelle che piacciono agli uomini (“ve le andate, insomma, proprio a cercare.....” dice Pallina).
Può darsi, rispondo a Pallina, aggiungendo però che – come già detto sopra – io non trovo così fastidiosa la comunicazione “indiretta” del genere femminile. E’ diversa da quella che uso io, e forse è bella proprio per questo. Va da sè che non mi riferisco tanto a quelli che Pallina definisce i “sotterfugi, le cose dette "tra le righe", i subdoli messaggi sottintesi” (che danno fastidio a Pallina tanto quanto danno fastidio a me, no way), ma ad una più ampia attitudine femminile, diversa da quella maschile, e in fondo incontestabile.
Un lieve disaccordo rispetto al pensiero finale di Pallina, che suona un po’ come una sentenza di colpevolezza verso gli uomini, che permettono che le donne-dei-sotterfugi continuino a perpetuare all'infinito il loro gioco: donne che – secondo pallina – “domani saranno a loro volta madri di altre donne che saranno fatte alla stessa maniera, alla quale verrà insegnato che questo è il modo (fasullo ) per relazionarsi con l'altro sesso....”.
Un po’ troppo “Acquario69” mi sei sembrata qui, cara Pallina.
Ma il bello è anche questo.. e ci sta tutto.

Il Vagabondo invece, con il simpatico tono-scimitarra che ogni tanto contraddistingue la gioventù, evoca il pericolo di una "guerra tra sessi", sparando nell’etere il suo post (al solito pieno di spunti ma) scritto un po’ a vanvera stavolta.
Il mitico Vaga, che condivide alcuni passaggi del mio intervento (ne sono lusingato), ha il timore che io stia parlando del corteggiamento, ricordando con piglio-notarile che si tratta di “materia già ampiamente dibattuta da altre parti”.
Se ci pensa un secondo (o se si imbarcasse in qualche convivenza pluriennale), il Vaga si rende(-rebbe) conto da solo che non è così.
Oggi – giustamente – il Vaga cerca il passpartout. E fa bene ad interrogarsi su come far breccia nei cuori di mille Lei (anche se non ce lo vuole confessare). La occupazione che intrattiene il Vaga ha intrattenuto me per lungo tempo, e fa benissimo lui a concentrarsi su quello… e’ molto produttivo.

Accetto la proposta della apertura di un thread "cosa cerca un uomo in una donna" che mi arriva dall’amico Vaga.
Potrei anche aprirlo io, ma prima vorrei sentire Vito, che magari ha una opinione su questi temi (sicuramente imprevedibile), anche se mi pare che stia agli arresti domiciliari da qualche giorno.

Vi faccio sapere.
marco gallione is offline  
Vecchio 19-09-2007, 16.09.23   #15
vagabondo del dharma
a sud di nessun nord
 
Data registrazione: 28-08-2006
Messaggi: 245
Riferimento: Cosa cerca una donna in un uomo?

Citazione:
Originalmente inviato da marco gallione
I miei due post hanno suscitato numerosi interventi di replica, e la cosa mi ha sorpreso un po’ in verità perchè pensavo di aver scritto giusto qualche ovvietà più del solito. Devo, a questo punto, alcune risposte.


Il Vagabondo invece, con il simpatico tono-scimitarra che ogni tanto contraddistingue la gioventù, evoca il pericolo di una "guerra tra sessi", sparando nell’etere il suo post (al solito pieno di spunti ma) scritto un po’ a vanvera stavolta.
Il mitico Vaga, che condivide alcuni passaggi del mio intervento (ne sono lusingato), ha il timore che io stia parlando del corteggiamento, ricordando con piglio-notarile che si tratta di “materia già ampiamente dibattuta da altre parti”.
Se ci pensa un secondo (o se si imbarcasse in qualche convivenza pluriennale), il Vaga si rende(-rebbe) conto da solo che non è così.
Oggi – giustamente – il Vaga cerca il passpartout. E fa bene ad interrogarsi su come far breccia nei cuori di mille Lei (anche se non ce lo vuole confessare). La occupazione che intrattiene il Vaga ha intrattenuto me per lungo tempo, e fa benissimo lui a concentrarsi su quello… e’ molto produttivo.

Accetto la proposta della apertura di un thread "cosa cerca un uomo in una donna" che mi arriva dall’amico Vaga.
Potrei anche aprirlo io, ma prima vorrei sentire Vito, che magari ha una opinione su questi temi (sicuramente imprevedibile), anche se mi pare che stia agli arresti domiciliari da qualche giorno.

Vi faccio sapere.

Marco, i tuoi post sono molto stimolanti, quindi è logico che tu venga ampiamente citato.

Ti ringrazio per avermi inserito nella meglio gioventù (spero): anche rientrando nella fascia che la statistica chiama ancora "giovani" (25/34 anni), faccio fatica a considerarmi giovincello di primo pelo. Comunque, il tono-scimitarra rende bene l'idea e credo ci possa stare: sono sempre troppo diretto nelle mie affermazioni.

Solo il mio "cercare il passpartout", caro Marco, non me lo tengo. Potrei cercare piuttosto le ragioni di un "benservito" ricevuto in seguito a storia pluriennale, sarebbe molto più credibile. Ma conoscere la chiave di volta per far breccia nei cuori di tante Lei non è nè mia intenzione nè ne sarei mai capace, essendo per natura orientato a concentrarmi su una persona (avevo scritto "obiettivo", il gergo bellico ormai è assimilato a quello amoroso!) per volta e cercando di essere sempre tremendamente me stesso, il che è proprio quanto di più lontano ci possa essere dal preparare un "piano di guerra" (vedi, sarà il tono-scimitarra ma la parola guerra, quando si parla di relazioni uomo-donna, si usa molto di frequente) per far breccia (vedi?) nei cuori altrui.

Forse la chiave per capirci di più (uomini e donne) e smettere di farci la guerra, è veramente ascoltarci. Certo, poi chi parla deve dire quello che sente e pensa, non può fingere, nè dire e fare il contrario di quello che pensa e farebbe. Questa è la base di partenza. E hai ragione. Ma a te non è mai capitato di fare diversamente da quello che sentivi? A me sì...


Quindi, volevo veramente ascoltare cosa "sente" una donna. Dai, sono sincero, credimi! Anche perchè credo sia una domanda tremendamente difficile per una donna, come per un uomo.

Se tu, dopo aver consultato Vito, apri veramente il thread (ormai aspetto te a riguardo) "cosa cerca un uomo in una donna", credo mi troverei veramente in difficoltà a rispondere. Ci sto già pensando...
vagabondo del dharma is offline  
Vecchio 19-09-2007, 16.17.55   #16
cassiopea
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 50
Riferimento: Cosa cerca una donna in un uomo?

Citazione:
Originalmente inviato da vagabondo del dharma
Voglio sapere da ognuna di voi cosa cercate nell'uomo.



Quel "voglio" iniziale e l'appello alla componente femminile del forum, che si tramuta presto in una domanda posta alle singole persone (l'uso del tu..), farebbe pensare che il buon Marco abbia ragione nel sostenere che il Vaga sia alla ricerca di una "chiave" universale

ma ha perfettamente ragione Donella quando afferma che alle domande poste si può rispondere con due tipi di logiche diverse (e non del tutto contrastanti..)

"cosa deve avere il tuo compagno per farti innamorare e per "convincerti" che è l'uomo della tua vita?"


già qui...la prima punta sul "lui": cosa deve avere e cosa deve fare...
in generale? se qualcuno provasse a "convincermi"..probabilmen te avrebbe un esito disastroso..

Parlo per me, ma penso che questo valga anche a livello generale, è più chiaro quel che "non piace" di una persona che non il contrario..Es. se non sopporto il tipo che va in discoteca tutte le sere è difficile che m'innamori alla follia di un tipo del genere (perché mancherebbero interessi comuni, cose da condividere..). Al contrario, magari si può essere più affascinati da persone con cui sia possibile condividere qualcosa...e ci si potrebbe innamorare follemente anche se avesse un bel paio di orecchie a sventola (sarebbe "percepito" sempre come stupendo, unico..)

Qual è il segnale che vi avverte e vi fa "sentire" che "ci siamo è lui"?
La risposta è collegata al discorso sopra..parlo sempre a livello individuale..e trovo che è più facile esser attratta da persone con cui sia possibile condividere qualcosa...ma il "è lui" scatta solo se si crea come una sorta di magia e alchimia del momento..e in quel caso, anche se il lui in questione avesse un bel paio di orecchie a sventola..sarebbe "percepito" sempre come stupendo, unico..

La scelta non affonda mai le radici in considerazioni di ordine puramente razionale?

beh..sinceramente sì...al "lui" emotivamente perfetto..si potrebbe aggiungere il "lui economicamente" perfetto (ok lo so, con questo solleverò le obiezioni della parte femminile...però, dalle mie parti del sud italia, ci sono non poche donne che questo discorso lo fanno...anche se non l'ammetterebbero mai con persone che non siano di stretta fiducia).. Ritorna qui il discorso della stabilità..non si può certo dire che sbaglino quelle persone che dicono "è lui!!" perché hanno visto nel prescelto la loro stabilità futura...

...al di là di queste considerazioni..è davvero bello l'intervento di Pallina sul modello femminile trasmesso di madre in figlia...mi trova pienamente d'accordo..oggi tante relazioni sembrano partire da "modelli e ruoli" pre-costituiti...e questo è un peccato..un rapporto, almeno a me, sembra speciale quando s'istaura una vera comunicazione tra le due parti..l'uomo non dovrebbe essere né un padre né un figlio..ma per l'appunto un compagno..
Tante volte è capitato di vedere uomini che, a parole, cercavano donne indipendenti, forti..poi gli stessi uomini cercavano in quelle persone un sostituto della madre..continuando ad esser forti, fuori, e bisognosi di assistenza all'interno del rifugio...Ecco a questo tipo di uomini, qualsiasi cosa facessero per conquistarmi, dico: "no, grazie"
cassiopea is offline  
Vecchio 19-09-2007, 19.03.26   #17
marco gallione
Utente bannato
 
Data registrazione: 22-05-2007
Messaggi: 363
Cosa cerca una donna in Vito?

Come mi è stato richiesto, ho fatto a Vito qualche domanda in argomento, e ne esce un quadro abbastanza duro, ma merita; almeno per avere una idea dei diversi punti di vista.
In verità non ho fatto a Vito tutte le domande che avevo in mente, perchè a un certo punto l’ho sentito nervoso, e non mi andava di rischiare. E’ piuttosto irascibile.
Ecco il resoconto.

Caro Vito, si parla di linguaggio femminile. E’ razionale? Si differenzia da quello maschile?

La donna non sa cosa vuole, almeno non coscientemente, certamente lo sa emotivamente, ma non parlatemi di razionalità.

Costituzionalmente le donne, come forma mentis, ovvero come "mamma le ha fatte" sentono chiaramente un moto interiore, interrogate farfugliano.

Molti uomini non sono messi meglio, ma il divario fra sensazione e manifestazione è meno schizofrenico.


Vito, ci puoi consigliare qualcosa a riguardo?

Se dovessi parlare ad un mio "amico" direi semplicemente: "la donna non sa, ma vuole solo sapere che tu sai, fine della questione".
E con questo avrei chiuso il discorso.
Con i miei "cumpà" non facciamo molti giri di parole.
Visto che mi si chiede, allora rispondo, cercando di spiegarvi come spiegherei a mio figlio Turi (che ha 4 anni).

L'errore è nell'uomo (maschio) che cerca di creare una sequenza logica in un bisogno che in realtà è solo emotivo.
E' come è successo al mio socio Santuzzo che ha sfasciato il locale di un cinese che non pagava, semplicemente perché quello non capiva il suo italiano (molto sicialianizzato),
Due lingue diverse non possono che creare equivoci.


E cosa ne deriva quanto ai rapporti donna-uomo, al “cosa cerca una donna in un uomo”?

Ogni risposta è sempre sbagliata, ogni strategia è sempre inopportuna.

Non è in quello che dici, ma come lo dici.
Al cuore si parla con il cuore, mica con il culo.
E' questione di cosiddetti, e questione di rispetto che hai conquistato sull'altro.

Tutti viviamo persi in questo mondo, se non ci sono strade allora tanto vale dire "Io so!" e indicare la direzione agli altri, il loro stesso passaggio farà il sentiero.


Si può dunque “comunicare” tra uomini e donne?

Questi ominicchi che vogliono parlare...alla femmina, ma quando mai uomini e donne devono parlare?
Uomini e donne si possono amare, questo si, possono fare figli, una famiglia (che è buono), ma parlare serve veramente a poco.
Il linguaggio è sopravvalutato, è una moneta fasulla e come i rolex che vende il mio amico Boris a 100 euro.

Devi far sapere solo che tu ci sei, e che tu sai... non cosa sai, ma che sai, allora la femmina si quieta, come il cavallo.

Che ve lo dico a fare...


Vito a questo punto riceve una telefonata, e cambia la sua espressione, che ora inquieta un po’...
marco gallione is offline  
Vecchio 19-09-2007, 19.21.53   #18
pallina
...il rumore del mare...
 
Data registrazione: 15-01-2007
Messaggi: 279
Riferimento: Cosa cerca una donna in un uomo?

Citazione:
Originalmente inviato da cassiopea

.............................. ........
..l'uomo non dovrebbe essere né un padre né un figlio..ma per l'appunto un compagno..
Tante volte è capitato di vedere uomini che, a parole, cercavano donne indipendenti, forti..poi gli stessi uomini cercavano in quelle persone un sostituto della madre..continuando ad esser forti, fuori, e bisognosi di assistenza all'interno del rifugio...Ecco a questo tipo di uomini, qualsiasi cosa facessero per conquistarmi, dico: "no, grazie"

La mia considerazione nasceva da due situazioni (che conosco molto bene) dove dopo anni di matrimonio - in una - una lei chiama il suo compagno "papi" mentre nell'altra un lui chiama la sua compagna "mamma": così, tranquillamente e apertamente....
Per quanto mi si dica che possono essere due modi "affettuosi" di rivolgersi ai rispettivi partners io penso, invece, che queste siano le rappresentazioni "verbali" di due rapporti che in origine erano amorosi ma con il tempo si sono rivelati avere ben altro significato. Un uomo che ha accettato di essere padre e un altro che si è fatto figlio (forse perchè è rimasto orfano da bambino....). In ogni caso due esempi che mi hanno portato a riflettere su come NON dovrebbe essere un rapporto anche se, evidentemente, ognuno di noi si crea gli equilibri che gli consentono nel bene e nel male di vivere al meglio la propria vita.

Per ritornare alla domanda iniziale del paziente Vaga (poichè l'abbiamo tanto "allargata" andando a rasentare l'O.T.)

"cosa deve avere il tuo compagno per farti innamorare e per "convincerti" che è l'uomo della tua vita?"


sono d'accordo con Cassiopea per due motivi.
Il primo quando scrive che è "più chiaro quel che "non piace" di una persona che non il contrario..."; il fatto poi che qualcuno debba convincermi già mi fa presupporre che devo farmi piacere "per forza" qualcosa che invece non mi attira per niente.
Il secondo è "la condivisione". A patto che non sia una forzatura ma che ci sia, sinceramente da ambedue le parti, il piacere, la voglia di divertirsi e di "fare" insieme, questo potrebbe essere un ottimo motivo per innamorarsi di un uomo.....
pallina is offline  
Vecchio 19-09-2007, 20.48.42   #19
maggie
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 18-09-2007
Messaggi: 2
Riferimento: Cosa cerca una donna in un uomo?

buonasera
da un uomo cerco.......behh oltre a tutte le caratteristiche fisiche del principe azzurro...
che sappia cogliere in me l'unicita (come ha incantevolmente descritto sentiero)
di tutte le componenti femminili presenti nella mia variopinta apparenza.
maggie is offline  
Vecchio 19-09-2007, 21.17.44   #20
kore
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-07-2007
Messaggi: 343
Riferimento: Cosa cerca una donna in un uomo?

Citazione:
Originalmente inviato da vagabondo del dharma
Voglio sapere da ognuna di voi cosa cercate nell'uomo.

Ogni donna, è chiaro, cerca qualcosa di diverso.

Ma in generale, cosa deve avere il tuo compagno per farti innamorare e per "convincerti" che è l'uomo della tua vita?

Qual è il segnale che vi avverte e vi fa "sentire" che "ci siamo è lui"?

La scelta non affonda mai le radici in considerazioni di ordine puramente razionale?

Sto studiando il target e mi mancano degli elementi (levata di scudi!!!).

Una cosa mi sembra essere stata trascurata nelle precedenti risposte delle donne del forum a questa domanda, una cosa che, secondo me, non è affatto secondaria a tutto il resto, ma presuppone tutto il resto.
Premetto che per me l'innamoramento rimane misterioso, e non posso nemmeno provare ad esprimerlo a parole. Io onestamente non lo so perchè mi innamoro di Tizio e non di Caio o Sempronio.
Ma per quanto riguarda ciò che potrebbe convincermi che l'uomo che amo è l'uomo della mia vita ho le idee molto chiare: deve essere emotivamente solido, ovvero non deve essere affetto da particolari turbe psichiche.
Per quale motivo?
Perché in questo modo è meno esposto al rischio di impazzire nel disperato tentativo di capirmi!

Infatti c'è una simpatica teoria di una psicologa junghiana, Clarissa Pinkòla Estes, che in base al patrimonio attinto dalle fiabe e dai miti sostiene che "per conquistare il cuore della donna selvaggia, un compagno deve comprenderne sempre meglio la naturale dualità".
Secondo questa psicologa "in una stessa donna albergano due potenti forze femminili".
"La comprensione di questa duplice natura talvolta induce gli uomini, e persino le donne, a chiudere gli occhi e a chiedere aiuto al cielo".
"Talvolta le donne si stancano e si irritano nell'attesa che il compagno le comprenda. Dicono: "Perchè non riesce a capire quello che penso, quel che voglio?" E si affaticano a porre questa domanda.
Eppure una soluzione c'è, efficiente ed efficace".

Ve la riporto?



" Se una donna vuole un compagno sensibile, deve rivelargli il segreto della dualità femminile. Deve parlargli della donna interiore, che aggiunta a sé fa due. E lo farà insegnando al suo compagno a porle due semplicissime domande che la faranno sentire guardata, ascoltata e conosciuta.
Questa è la prima domanda: Che cosa vuoi?
Ma c'è una domanda ancora più essenziale: Che cosa desidera il tuo io più profondo?"

Con buona pace di Acquario69
kore is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it