Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 27-09-2007, 12.36.13   #31
vagabondo del dharma
a sud di nessun nord
 
Data registrazione: 28-08-2006
Messaggi: 245
Riferimento: Qualche sorpresa? Sì, il quarto pilastro

Citazione:
Originalmente inviato da marco gallione
Ho letto i vs. post, che compongono un quadro interessante, ora più articolato.
Scrivevo all’inizio, pensando di rilevare una cosa ovvia, che l’uomo cerca nell’ordine:

- fighezza,
- simpatia (nel senso di consonanza) intellettuale/emotiva,
- e sesso.

Conclusione: siccome arrivare ad un decoroso compromesso rispetto alle tre caratteristiche d’oro, nella vita è vero un casino, allora siamo costretti a prenderci quel che viene. E a sopportare il partner, che spesso è solo quello che è. Oppure a tenerci quel che passa la mutua, perchè oggettivamente non ci possiamo meritare di meglio (detto tra noi, magari non mi dimenticherei di questo grazioso dettaglio… ).

Questo è dell’affanosa esperienza sentimentale dell’uomo (che cerca la donna).

Non ci vedo nulla di più elevato, almeno al nostro livello, che non siamo Dante Alighieri (come dice prudentemente il Vaga).
Così come non vedo nulla che smonti il mio (mirabile , quanto ovvio) schema, nei post che sono seguiti.
Tutti interessanti, ovviamente. Ma la sintesi non piace. La confusione è più bella.

Il Vaga, che è un simpatico, fa semplicemente riferimento con enfasi alla caratteristica 2 della triade. Nessuna sorpresa, nonostante la bella messa cantata che ci ha scritto avendo nella testa una che aveva un mix invidiabile delle dette tre caratteristiche.

Cato, crociato della Accademia della crusca, si era già schierato grossomodo a favore dello schema. Per cui, nulla quaestio. La sua quaestio attiene di più ai neologismi, di cui mi scuso ovviamente.

Faquir vuole la caratteristica 1 e la 2; la 3, cioè il sesso, forse gli interessa di meno. Io, nel mio piccolo, il sesso lo mettevo in secondo piano nello schema, come Faquir; nessuna sorpresa quindi.

Greensoul fa un mischione delle tre caratteristiche, e le chiama amore (con la A maiuscola) perchè gli sembra più bello, e così gli sembra che si capisce meglio. Amore: suona bene. Sarà questo il sorpresone?

D'altra parte, Maxim e Marcoriccardi confermano – o non smentiscono – la impostazione, naturalmente dal loro articolato punto di vista, che ho letto con interesse, magari non condividendo (ma questo è un problema mio).
Kore, ancora, molto carinamente, ipotizza una estensione dello schema buono addirittura alle donne.

Acquario69 arriva correttamente alle conclusioni, le stesse già anticipate da Guglielmina, di cui il Cato – con candida sorpresa – ci chiede conferma: ma davvero le coppie a questo mondo si sopportano? Sì è così Cato, nella stragrande maggioranza dei casi è proprio così. Mondo cinico e baro.

Hava fa storia a sè, è sempre compassata, legge il tutto da casa (immagino), e commenta serafica con il piglio dell’aurea regola applicata (chi sa tace, chi non sa parla).

Un roba intelligente (visto che a partire dal sottoscritto abbiamo più o meno tutti detto delle ovvietà) ce l'ha scritta Donella, la quale dice: ma non ci sarà mica un quarto profilo da considerare?
Ossia, che ella non ti caghi.
E se non ce n’è - (ossia se abbiamo a che fare con un caso di "no caking" dice Donella, rischiando le ire del cato) -, lei diventa ancor più la Mitica Lei.
Ha ragione Donella. Si vede a occhio nudo che ha ragione.

Per cui (i) sì figaggine, (ii) no zucca vuota, (iii) sì un po’ sesso: ma occhio alla mitizzazione della donna irraggiungibile. La quarta (falsa) caratteristica.
Come il falso piano. Come il falso telaio. Come il falso d’autore.
Questo è un aspetto nuovo.

Vi sono simpatico?
No.
Mi dispiace molto.

Ciao


Ti ricordi il "pastone" politico?

Quel pezzo giornalistico che mette insieme i vari punti di vista dei partiti, spesso antitetici, in un un unico calderone e gira e gira alla fine diventa tutto ben amalgamato e omogeneizzato.

Quando veniva servito (forse ancora oggi, ma non guardo più i telegiornali) dal TG1 ai tempi del regime berlusconiano, aveva un potere anestetico straordinario e anche "visioni" diametralmente opposte trovavano la conciliazione. Semplificare per lasciar perdere il sapore, un sapore per così dire globalizzato, come quello del McDonalds.

Ecco, Marco, leggendo il tuo simpatico post ho avuto la stessa sensazione.
Hai calato la Triade (già il nome mi fa venire l'orticaria visto che sono juventino!) sul tavolo da gioco del poker di coppia e pretendi di aver "vinto" il punto.

Quello che ho descritto non è affatto l'elemento 2 della Triade. La "lei" di cui parlavo non risponde affatto agli elementi della Triade nel modo in cui li hai descritti. Già la fighezza contiene tante di quelle sfumature!

Tu pretendi di ridipingere la composizione VII di Kandijski utilizzando solo i tre colori primari, la triade appunto. E le migliaia di sfumature diverse, dove vanno a finire?

Ringrazio Cato e Donella per i complimenti, che fanno sempre piacere.
vagabondo del dharma is offline  
Vecchio 27-09-2007, 13.02.34   #32
marco gallione
Utente bannato
 
Data registrazione: 22-05-2007
Messaggi: 363
Riferimento: Qualche sorpresa? Sì, il quarto pilastro

Citazione:
Originalmente inviato da vagabondo del dharma
Ti ricordi il "pastone" politico?

Quel pezzo giornalistico che mette insieme i vari punti di vista dei partiti, spesso antitetici, in un un unico calderone e gira e gira alla fine diventa tutto ben amalgamato e omogeneizzato.

Quando veniva servito (forse ancora oggi, ma non guardo più i telegiornali) dal TG1 ai tempi del regime berlusconiano, aveva un potere anestetico straordinario e anche "visioni" diametralmente opposte trovavano la conciliazione. Semplificare per lasciar perdere il sapore, un sapore per così dire globalizzato, come quello del McDonalds.

Ecco, Marco, leggendo il tuo simpatico post ho avuto la stessa sensazione.
Hai calato la Triade (già il nome mi fa venire l'orticaria visto che sono juventino!) sul tavolo da gioco del poker di coppia e pretendi di aver "vinto" il punto.

Quello che ho descritto non è affatto l'elemento 2 della Triade. La "lei" di cui parlavo non risponde affatto agli elementi della Triade nel modo in cui li hai descritti. Già la fighezza contiene tante di quelle sfumature!

Tu pretendi di ridipingere la composizione VII di Kandijski utilizzando solo i tre colori primari, la triade appunto. E le migliaia di sfumature diverse, dove vanno a finire?

Ringrazio Cato e Donella per i complimenti, che fanno sempre piacere.


Sfumature, appunto.
Grazie della risposta Vaga.
marco gallione is offline  
Vecchio 27-09-2007, 15.18.45   #33
pallina
...il rumore del mare...
 
Data registrazione: 15-01-2007
Messaggi: 279
Riferimento: Cosa un uomo cerca in una donna?

Mi ero riproposta di non partecipare a questa discussione perchè pensavo di non aver niente da dire. Men che mai riflettendo, memore delle parole di Catoblepa, sul fatto che una donna NON può mettersi nei panni dell' UOMO e tantomeno pensare come lui. Per cui qualsiasi obiezione che mi frullava nella testa era immediatamente contrastata dal pensiero "che non era fatta da un uomo" e io non potevo assolutamente andare a sindacare sui suoi gusti e desideri. Che mi piacciano o no.

Però, però....un appunto lo vorrei fare.

A ben vedere l'istruzione non è più un optional.
Riguardo poi la bellezza certo....ci sono donne che per tutta una serie di motivi, familiari, ereditari nascono (buon per loro) con tutto "a posto e ben fatto". Ma per la stragrande maggioranza delle altre esistono palestra, dieta, estetica e chirurgia che aiutano assai e il risultato è pressochè identico.
Riguardo la sessualità mi vien da dire che anche questa oggi non è più un optional. Nel senso che a meno che una donna non abbia seri problemi psicologici da risolvere, beh...il sesso lo si impara...facendolo. Sull'importanza che ha per ognuno di noi, questo è un'altro discorso.

L'appunto che vorrei fare è questo.
Partendo dal fatto che qui non si parla di "cosa cerca un uomo nella donna che si vorrebbe per la vita" ma cosa cerca in generale, ecco io mi chiedo: ha senso lasciare al caso poco o niente? Che senso ha dire la desidero così e così, fatta in questo modo, che abbia queste peculiarità, che a letto sia all'altezza? In questo caso è esattamente come scrive Maxim: è come andare al supermercato. E comprare un ovetto Kinder. L'esterno di cioccolato sarà SICURAMENTE ottimo, la sorpresa...chissà. Per cui se sono fortunato e mi piace la tengo, altrimenti la butto via o magari la lascio a qualcun'altro e poi.........corro a comprarmene uno nuovo.

Tutto molto pratico, non fa una grinza e direi quasi indolore. Perchè quando le cose poi si mettono male, è talmente tutto così ben programmato che fa male il tanto giusto che serve a ricordarsi che nella vita qualche volta la caramella la si può mangiare tutta intera, qualche volta con il buco e qualche altra ci si ritrova con il buco e basta.....

L'incontestabile pragmatismo maschile.. ....
pallina is offline  
Vecchio 27-09-2007, 16.48.09   #34
catoblepa
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2006
Messaggi: 282
Riferimento: Cosa un uomo cerca in una donna?

Citazione:
Originalmente inviato da pallina
Mi ero riproposta di non partecipare a questa discussione perchè pensavo di non aver niente da dire. Men che mai riflettendo, memore delle parole di Catoblepa, sul fatto che una donna NON può mettersi nei panni dell' UOMO e tantomeno pensare come lui. Per cui qualsiasi obiezione che mi frullava nella testa era immediatamente contrastata dal pensiero "che non era fatta da un uomo" e io non potevo assolutamente andare a sindacare sui suoi gusti e desideri. Che mi piacciano o no.

Però, però....un appunto lo vorrei fare.

A ben vedere l'istruzione non è più un optional.
Riguardo poi la bellezza certo....ci sono donne che per tutta una serie di motivi, familiari, ereditari nascono (buon per loro) con tutto "a posto e ben fatto". Ma per la stragrande maggioranza delle altre esistono palestra, dieta, estetica e chirurgia che aiutano assai e il risultato è pressochè identico.
Riguardo la sessualità mi vien da dire che anche questa oggi non è più un optional. Nel senso che a meno che una donna non abbia seri problemi psicologici da risolvere, beh...il sesso lo si impara...facendolo. Sull'importanza che ha per ognuno di noi, questo è un'altro discorso.

L'appunto che vorrei fare è questo.
Partendo dal fatto che qui non si parla di "cosa cerca un uomo nella donna che si vorrebbe per la vita" ma cosa cerca in generale, ecco io mi chiedo: ha senso lasciare al caso poco o niente? Che senso ha dire la desidero così e così, fatta in questo modo, che abbia queste peculiarità, che a letto sia all'altezza? In questo caso è esattamente come scrive Maxim: è come andare al supermercato. E comprare un ovetto Kinder. L'esterno di cioccolato sarà SICURAMENTE ottimo, la sorpresa...chissà. Per cui se sono fortunato e mi piace la tengo, altrimenti la butto via o magari la lascio a qualcun'altro e poi.........corro a comprarmene uno nuovo.

Tutto molto pratico, non fa una grinza e direi quasi indolore. Perchè quando le cose poi si mettono male, è talmente tutto così ben programmato che fa male il tanto giusto che serve a ricordarsi che nella vita qualche volta la caramella la si può mangiare tutta intera, qualche volta con il buco e qualche altra ci si ritrova con il buco e basta.....

L'incontestabile pragmatismo maschile.. ....

Cara Pallina, spero di poter rispondere al cuore della tua domanda, ossia "cosa cerca un uomo in una donna, aldilà dei connotati superficiali , estetici, ecc..."
io (e quindi parlo solo per il Sig. Catoblepa) cerco una COMPAGNA DI VITA, se c'è amore, cerco SODDISFAZIONE FISICA se c'è solo attrazione sessuale.
Non so se intendevi altro, tipo "l'uomo cerca in ogni donna la seconda mamma" , così come sembrava in un precedente post, e che riporta , ovviamente a Freud (ma non intendo addentrarmi in questo per mia ignoranza).

In generale, a meno di essere misantropi, ognuno cerca un'altra persona per dare un senso in più alla propria presenza nel mondo.
E' un istinto naturale, altrimenti ci saremmo estinti pochi giorni dopo essere apparsi sul pianeta Terra.
catoblepa is offline  
Vecchio 28-09-2007, 01.32.28   #35
sentieroluminoso
Ospite abituale
 
L'avatar di sentieroluminoso
 
Data registrazione: 18-04-2007
Messaggi: 60
Annotazioni

Interessante lettura, chissà se risulta strano solo a me leggere con tanta franchezza delle quantità, delle qualità, e della quantità delle qualità che sono state usate come paradigmatiche in questi scritti nella valutazione di una donna. La cosa che mi diverte è appurare che nonostante si sia spesso citata la "comunicazione indiretta" femminile, quale fonte di correnti interpretative senza codice, gli uomini che ho frequentato devono aver adottato delle "contromisure", atte ad arredare pochi ma chiari punti ritenuti in gran parte assodati, accettati anche controvoglia in quanto ineluttabilmente insiti nella maschia natura. Quasi mai mi è capitato di sentire enunciare da un uomo in carne ed ossa (senza pixels, per intenderci): senti bionda, te c'hai un triciclo zoppicante (ormai le avevano usate tutte le parole con tri...), non ci andiamo lontano, ma una corsina con te me la sparerei lo stesso. Non è ergonomico, non fornisce passpartout, anzi potrebbe significare sigillare a doppia mandata qualunque toppa, un effetto serra-tura! Ma l'uomo ha una comunicazione diretta.

Ho trovato invece finalmente piacevole in alcuni casi leggere senza criptogrammi di definizioni sessuali ampie, stupefacente la citazione dell'intimità, e della qualità dell'intimità tra le prerogative importanti. E' questo sinonimo di maturità erotica molto più di altro, valutare la potenzialità intima in toto, con tutto quello che ci gira intorno, non solo un solido primo piatto, ma l'aperitivo il contorno e soprattutto l'aroma del caffè, quello che riempie la casa e dura per un sacco di tempo. Ho apprezzato chi ha annoverato tra le prerogative auspicabili in una donna doni femminili non visibili ma percettibili solo in caso di rara sensibilità, la propensione alla maternità è il frutto del senso di accoglienza che sta all'apice dell'erotismo che la donna sa esercitare e che trova il suo naturale sbocco nella custodia e conseguente donazione della vita. Sto invece ancora riflettendo sul concetto di "sopportazione", di cui ho letto interpretazioni ribaltate.

Secondo alcune tesi intercettando le caratteristiche fondamentali ma emblematicamente superficiali che una donna dovrebbe possedere, ci si potrebbe basare una relazione proficua, il possesso di queste prerogative basterebbe da solo a mettere in moto l'uomo, che da allora in poi si renderebbe propulsore inesauribile, trasportando la coppia verso sicura felicità. Riflettevo su quello che poteva accadere quando la superficie cedendo lasciasse emergere il territorio sottostante, fino ad allora quasi inesplorato, escludendo il calcolo del Q.I e la disamina dei titoli accademici. Mi chiedevo, anche solo in termini di tempo, quanto ne verrà investito nella "sopportazione" del frutto che si cela sotto la perfetta buccia e quanto invece ne avrà investito chi si sarà premunito di andare oltre la buccia, assaggiare il frutto ed arrivare al nocciolo?
sentieroluminoso is offline  
Vecchio 28-09-2007, 07.43.36   #36
pallina
...il rumore del mare...
 
Data registrazione: 15-01-2007
Messaggi: 279
Riferimento: Cosa un uomo cerca in una donna?

Citazione:
Originalmente inviato da catoblepa
Cara Pallina, spero di poter rispondere al cuore della tua domanda, ossia "cosa cerca un uomo in una donna, aldilà dei connotati superficiali , estetici, ecc..."
io (e quindi parlo solo per il Sig. Catoblepa) cerco una COMPAGNA DI VITA, se c'è amore, cerco SODDISFAZIONE FISICA se c'è solo attrazione sessuale.
Non so se intendevi altro, tipo "l'uomo cerca in ogni donna la seconda mamma" , così come sembrava in un precedente post, e che riporta , ovviamente a Freud (ma non intendo addentrarmi in questo per mia ignoranza).

In generale, a meno di essere misantropi, ognuno cerca un'altra persona per dare un senso in più alla propria presenza nel mondo.
E' un istinto naturale, altrimenti ci saremmo estinti pochi giorni dopo essere apparsi sul pianeta Terra.

Io mi chiedevo, osservando da un punto di vista psicologico, che senso ha ricercare sempre "lo stesso tipo di donna", che significato può avere...
E' rassicurante? Ha a che fare con qualcosa di inconscio? Oltre alla "coazione a ripetere" sempre gli stessi errori, esiste una "coazione a ricercare" la stessa "fisionomia"? Sarà anche questo "un errore"?... ...


Domanda che vale, ovviamente, per ambo i sessi...
pallina is offline  
Vecchio 28-09-2007, 15.54.35   #37
catoblepa
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2006
Messaggi: 282
Riferimento: Annotazioni

Citazione:
Originalmente inviato da sentieroluminoso
Ho trovato invece finalmente piacevole in alcuni casi leggere senza criptogrammi di definizioni sessuali ampie, stupefacente la citazione dell'intimità, e della qualità dell'intimità tra le prerogative importanti. E' questo sinonimo di maturità erotica molto più di altro, valutare la potenzialità intima in toto, con tutto quello che ci gira intorno, non solo un solido primo piatto, ma l'aperitivo il contorno e soprattutto l'aroma del caffè, quello che riempie la casa e dura per un sacco di tempo.

per quanto mi riguarda questi aspetti sono fondamentali, e io in una donna li cerco.

Rispondendo a Pallina, che diceva "Io mi chiedevo, osservando da un punto di vista psicologico, che senso ha ricercare sempre "lo stesso tipo di donna", che significato può avere...
E' rassicurante? Ha a che fare con qualcosa di inconscio? Oltre alla "coazione a ripetere" sempre gli stessi errori, esiste una "coazione a ricercare" la stessa "fisionomia"? Sarà anche questo "un errore"?...


credo, sebbene io abbia avuto rapporti con donne molto diverse fra loro, che tutto vada inquadrato in quello che gli psicologi chiamano "imprinting" ossia una sorta di marchio indelebile che ci portiamo dalla tenerissima infanzia, e che ha segnato i confini dei nostri desideri-esigenze.
Con molta probabilità questo ci porta a scegliere più o meno sempre lo stesso tipo di potenziale partner.
Questa cosa però mi pare di vederla più spesso nelle donne....che sono più portate a rimanere ferme ad un amore idealizzato vissuto tempo prima e che cercano di ricreare con i nuovi partner, che però, inevitabilmente , sono diversi.
catoblepa is offline  
Vecchio 29-09-2007, 00.10.12   #38
marco gallione
Utente bannato
 
Data registrazione: 22-05-2007
Messaggi: 363
Riferimento: Cosa un uomo cerca in una donna?

Vito mi scritto due parole, dal tono risolutivo che sembrano riguardare il tema qui in discussione.
Le lascio a voi. E' un altro punto di vista. Lapidario, ma certo non scontato.


"Solo i poveri cercano, gli uomini che possiedono non sentono il bisogno di cercare.
Bisogna chiarirsi a quale parrocchia si appartiene.

Nel mio lavoro saper fare è importante come il saper apparire, il rispetto si ottiene sul campo, ma a volte la fama ti precede ed aiuta, è come dice il mio avvocato:"inutile negarlo".
Una Donna (con la d maiuscola) si incontra, non si cerca mai. Essa accade come i posti di blocco in città.
L'unica abilità dell'uomo è nel riconoscerla e non farsela portar via.

Mio padre, Vito senior, mi disse la prima volta che mi portò a giocare a dadi nella bisca di Mimmo: Vituzzo, una donna ti fa o ti disfa, ricordati la nostra vita è la strada, ma tu puoi essere forte solo se hai una famiglia alle spalle.
Questa frase può essere intesa in molti modi, ma che ve lo dico a fare...

Due cose una Donna non farà mai: metterti in discussione davanti agli altri e girarti le spalle nel momento del bisogno, le corna nel mio mondo non sono contemplate poiché i morti non possono fare le corna.

Chi si innamora della bellezza e dei denti si innamora di niente.
Ma la femmina deve scaldare il cuore e anche una altra parte che non nomino, deve fare la sua parte in casa, con i figli e non deve scassare i cosiddetti nelle cose da uomini.

Se saprà muoversi nell'ombra come un sicario avrà grande considerazione da tutti e la sua quota di felicità.
Le donnette di oggi non vogliono essere felici, vogliono avere ragione.
Ma il mio è un mondo arcaico, primordiale non è perfetto ma funziona meglio di quello di quei pallemoscie di intellettuali che si riempiono di paroloni, ma non hanno il cuore, ne sanno rischiare il culo per un amico vero.

In definitiva è una questione di spirito, di sapere quando tacere e di quando saper parlare, ma sopra ogni cosa non dimenticare che una famiglia è una mano formata da dita diverse che possono chiudersi in un pugno o aprirsi in una carezza.
Appartenere uno per l'altra con l'orgoglio di fare il proprio senza bisogno dell'applauso, per una donna vera il silenzio complice è il miglior complimento.

Una Donna che porta in se queste convinzioni senza mai vacillare è la degna compagna di un Uomo vero.

Le passioni, ndeeeeeeeeeeee...non scherziamo cumpà a parte le persone che ti vogliono veramente bene il resto è solo business.

Vito"
marco gallione is offline  
Vecchio 29-09-2007, 12.22.38   #39
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Riferimento: Cosa un uomo cerca in una donna?

Citazione:
Originalmente inviato da marco gallione
Vito mi scritto due parole, dal tono risolutivo che sembrano riguardare il tema qui in discussione.
Le lascio a voi. E' un altro punto di vista. Lapidario, ma certo non scontato.


"Solo i poveri cercano, gli uomini che possiedono non sentono il bisogno di cercare.
Bisogna chiarirsi a quale parrocchia si appartiene.

Nel mio lavoro saper fare è importante come il saper apparire, il rispetto si ottiene sul campo, ma a volte la fama ti precede ed aiuta, è come dice il mio avvocato:"inutile negarlo".
Una Donna (con la d maiuscola) si incontra, non si cerca mai. Essa accade come i posti di blocco in città.
L'unica abilità dell'uomo è nel riconoscerla e non farsela portar via.

Mio padre, Vito senior, mi disse la prima volta che mi portò a giocare a dadi nella bisca di Mimmo: Vituzzo, una donna ti fa o ti disfa, ricordati la nostra vita è la strada, ma tu puoi essere forte solo se hai una famiglia alle spalle.
Questa frase può essere intesa in molti modi, ma che ve lo dico a fare...

Due cose una Donna non farà mai: metterti in discussione davanti agli altri e girarti le spalle nel momento del bisogno, le corna nel mio mondo non sono contemplate poiché i morti non possono fare le corna.

Chi si innamora della bellezza e dei denti si innamora di niente.
Ma la femmina deve scaldare il cuore e anche una altra parte che non nomino, deve fare la sua parte in casa, con i figli e non deve scassare i cosiddetti nelle cose da uomini.

Se saprà muoversi nell'ombra come un sicario avrà grande considerazione da tutti e la sua quota di felicità.
Le donnette di oggi non vogliono essere felici, vogliono avere ragione.
Ma il mio è un mondo arcaico, primordiale non è perfetto ma funziona meglio di quello di quei pallemoscie di intellettuali che si riempiono di paroloni, ma non hanno il cuore, ne sanno rischiare il culo per un amico vero.

In definitiva è una questione di spirito, di sapere quando tacere e di quando saper parlare, ma sopra ogni cosa non dimenticare che una famiglia è una mano formata da dita diverse che possono chiudersi in un pugno o aprirsi in una carezza.
Appartenere uno per l'altra con l'orgoglio di fare il proprio senza bisogno dell'applauso, per una donna vera il silenzio complice è il miglior complimento.

Una Donna che porta in se queste convinzioni senza mai vacillare è la degna compagna di un Uomo vero.

Le passioni, ndeeeeeeeeeeee...non scherziamo cumpà a parte le persone che ti vogliono veramente bene il resto è solo business.

Vito"

Bel post, molto condivisibile.
Non mi è chiarissimo chi sia 'sto Vito? Uno dei centomila Marco?

nevealsole is offline  
Vecchio 29-09-2007, 13.54.16   #40
kore
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-07-2007
Messaggi: 343
Riferimento: Cosa un uomo cerca in una donna?

"Solo i poveri cercano, gli uomini che possiedono non sentono il bisogno di cercare.
Bisogna chiarirsi a quale parrocchia si appartiene".

Condivido questa proposizione perchè comprovata dalla mia personale esperienza!
E' sacrosantamente vera!
kore is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it