Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 14-01-2008, 17.45.43   #11
RosaRossa
Ospite
 
Data registrazione: 13-01-2008
Messaggi: 3
Riferimento: Volersi bene; ma quanto?

...Più che chiedersi: volersi bene; ma QUANTO? Forse direi piuttosto; volersi bene; ma COME?

Voler bene cosa significa per te Espert? Cosa significa per lei?

E fino a che punto saresti disposto ad accettare questa "proposta"?

Se per te il sesso è "solo" il complemento dell'amore allora...l'amore come lo definisci? Credo che il rispetto per l'altro passi anche e soprattutto per il rispetto di sè stessi. Banalizzare una "scopata" con qualcun altro, temo banalizzi pure il rapporto amoroso che è fatto anche di sesso.

La risposta di Maxim mi pare ovviamente più esauriente...io ti rispondo col cuore e secondo me assecondare il desiderio del proprio partner in una relazione sessuale con un altro, non è una prova d'amore ma...di indifferenza.

E non credo neppure che si possa rendere felice qualcuno assecondadolo in ogni sua scelta o follia.

Capire il perchè si arriva a questo punto...discuterne, parlarne insieme...forse sarebbe più costruttivo di molte altre cose.

La felicità dovrebbe essere auspicabile per entrambi. Ognuno dovrebbe desiderare la felicità dell'altro...STANDO INSIEME però e trovando soluzioni non per sè stessi e le proprie frustrazioni, ma per la propria coppia!

Ciao.
RosaRossa is offline  
Vecchio 14-01-2008, 18.22.29   #12
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: Volersi bene; ma quanto?

Citazione:
Da Cravo&Canela:
aaaaaaaaah ma tu hai 70 anni...credevo tu fossi giovane...perchè se eri giovane le premesse non erano buone uahiauha...a 70 anni certo che ci si può permettere di tutto....ormai tanto...uahiauhaiuahiauaihauha

Scusa Cravo&Canela , ma non ho capito bene cosa intendi... che è una questione di età la fedeltà? Se fosse stato giovane non andava bene che la compagna andasse con un'altro... mentre dopo una certa età si?

Non capisco la logica del tuo pensiero... puoi spiegarti meglio per favore?

Comunque io penso che se scelgo di dichiarare un bel giorno (quello del matrimonio s'intende) che ho dei diritti e dei doveri di fronte alla persona che ho scelto come compagno di vita... e tra questi diritti e doveri è annoverata anche la fedeltà (di cuore e conseguentemente di mente, di corpo, "per legge civile" etc) e mi attengo a quanto da me promesso, non arriverò mai ad andare con un 'altro.. questo ovviamente se mi sono unita in matrimonio conoscendo me stessa e sapendo che per me stessa voglio il matrimonio...
Per cui, se non si hanno le idee totalmente chiare sul fatto che noi stessi vogliamo unirci in matrimonio, meglio non sposarsi, perché nessuno ci costringe a fare questo passo... soprattutto oggi...

Mi sa che quando si va in comune (per chi si sposa in chiesa avverrà in chiesa etc) a firmare il vincolo matrimoniale, non si "ascolta" molto cosa prevede il "contratto" in questione... ovvero: fedeltà, assistenza, rispetto, etc... nel bene e nel male (ovvero che non se pò sempre fà quello che ce pare e piace...)
Ora se uno di questi cardini vanno a cadere per me non si tratta più di un matrimonio... neanche legalmente... anche se i due continuano a pensare che lo sia... perché "per legge" è un "dovere" la fedeltà (ai diritti possiamo rinunciare, ma ai doveri dobbiamo adempiere... in particolare quando liberamente quel bel giorno abbiamo scelto di autoimporceli)
Le persone non sono oggetti... mi annoio di questo paio di calze, va là che oggi ne provo un altro... le persone sono infinite e se ci si annoia con una persona è perché siamo noiosi noi che non sappiamo guardare l'infinito che è dentro la persona che abbiamo davanti...
Si abbia il coraggio allora di rompere un matrimonio che nei fatti non è un matrimonio... si abbia il coraggio di optare per una convivenza se non si è sicuri del fatto che si vuol star sempre con la stessa persona...

Siamo liberi di fare ciò che vogliamo: matrimonio... non matrimonio... tu a casa tua io a casa mia, etc... perché ci mettiamo stà "fede" al dito se non siamo sicuri di rispettarla?

Magari poi mi pento di quello che ho appena detto... non lo so, sarà che mi dispiace per il problema di Espert37 a cui sono affezionata.. e, nonostante sono abbastanza tranquillina ultimamente, davvero questa cosa mi ha turbata... ... in particolare perché la persona che sta vivendo il problema ha fatto capire in molte occasioni, qui sul forum, quanto in alto pone il sentimento dell'amore! Quindi scusate se ho un pò esagerato...
...è un momento di debolezza questo mio...

Buon proseguimento a tutti!
veraluce is offline  
Vecchio 14-01-2008, 21.56.48   #13
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Volersi bene; ma quanto?

Carissimi,vengo a ringraziarvi tutti di vero cuore,i vostri argomenti e le vostra risposte ci hanno dato lo spunto per un colloquio serio e definitivo,ci siamo accorti che ciò che lei cerca è in esuberanza in mio possesso,per cui ci è bastato chiarire certe incomprensioni da parte di entrambi, per darci la certezza di una continua e duratura unione felice. Ciao e tutti e tanti nuovi grazie!! espert37
espert37 is offline  
Vecchio 15-01-2008, 09.12.32   #14
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: Volersi bene; ma quanto?

Citazione:
Originalmente inviato da espert37
Carissimi,vengo a ringraziarvi tutti di vero cuore,i vostri argomenti e le vostra risposte ci hanno dato lo spunto per un colloquio serio e definitivo,ci siamo accorti che ciò che lei cerca è in esuberanza in mio possesso,per cui ci è bastato chiarire certe incomprensioni da parte di entrambi, per darci la certezza di una continua e duratura unione felice. Ciao e tutti e tanti nuovi grazie!! espert37


Mi fa piacere che siate riusciti a chiarire attraverso un semplice colloquio …a volte si trascorre un’intera vita assieme non conoscendo affatto la persona che abbiamo accanto. E’ un vero peccato perché quale occasione migliore di conoscenza se non proprio attraverso un matrimonio? Generazioni troppo diverse tra genitori e figli non permettono occasioni simili con loro…con il nostro partner si!
Un complimento vivissimo a tua moglie che è riuscita a confidarti ciò che tutte le donne fantasticano ma che non hanno mai il coraggio di confidare al proprio compagno preferendo così relegare in solitudine, sotto le lenzuola, tra le braccia del marito, una loro intima fantasia. Veramente un’eccezione il coraggio di tua moglie, molto probabilmente aiutata dalla forza di sapere di comunicare con un uomo che le vuole veramente bene e che ha saputo accogliere intelligentemente, senza machismi di sorta, ciò che viene considerato “normale” solo se viene vissuto in clandestinità…all’insaputa di tutti, all’insaputa di chi dovrebbe essere parte della nostra stesa anima.
…e quale fantastico esito ha avuto per te tale conoscenza che tanto ci ha scandalizzati all’inizio?...hai scoperto, dopo 35 anni di matrimonio, attraverso un semplicissimo colloquio aperto, sincero e sereno che anche tu possiedi le caratteristiche che tua moglie presumeva solo nell’altro!

Ora veramente avrete la certezza di una continua e duratura unione felice.

maxim is offline  
Vecchio 15-01-2008, 10.11.34   #15
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Volersi bene; ma quanto?

Citazione da Maxim:
Mi fa piacere che siate riusciti a chiarire attraverso un semplice colloquio …a volte si trascorre un’intera vita assieme non conoscendo affatto la persona che abbiamo accanto. E’ un vero peccato perché quale occasione migliore di conoscenza se non proprio attraverso un matrimonio? Generazioni troppo diverse tra genitori e figli non permettono occasioni simili con loro…con il nostro partner si!
Un complimento vivissimo a tua moglie che è riuscita a confidarti ciò che tutte le donne fantasticano ma che non hanno mai il coraggio di confidare al proprio compagno preferendo così relegare in solitudine, sotto le lenzuola, tra le braccia del marito, una loro intima fantasia. Veramente un’eccezione il coraggio di tua moglie, molto probabilmente aiutata dalla forza di sapere di comunicare con un uomo che le vuole veramente bene e che ha saputo accogliere intelligentemente, senza machismi di sorta, ciò che viene considerato “normale” solo se viene vissuto in clandestinità…all’insaputa di tutti, all’insaputa di chi dovrebbe essere parte della nostra stesa anima.
…e quale fantastico esito ha avuto per te tale conoscenza che tanto ci ha scandalizzati all’inizio?...hai scoperto, dopo 35 anni di matrimonio, attraverso un semplicissimo colloquio aperto, sincero e sereno che anche tu possiedi le caratteristiche che tua moglie presumeva solo nell’altro!

Ora veramente avrete la certezza di una continua e duratura unione felice.

Carissimo amico,ti ringrazio di vero cuore per la tua sentita partecipazione al mio piccolo ma importante problema. ci tengo a dirti,che oltre ai vostri personali e molto apprezzati consigli, ha avuto un buon ruolo nella soluzione anche la imposizione reciproca che ci eravamo data nei primi giorni della nostra vita in comune, di essere sempre schietti e sinceri,anche nei più pesanti eventi,al fine di darci reciprocamente un ausilio,e questo,visto i risultati lo consiglio a tutte le coppie che si vogliono bene di questo mondo.
Ps. rettifico, i nostri anni di vita bellissima in comune,non sono 35,ma bensì 45.

Ciao Maxim ti saluto con un nuovo e sentito ringraziamento espert37
espert37 is offline  
Vecchio 15-01-2008, 10.47.37   #16
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Volersi bene; ma quanto?

Citazione da Cravo&Canela.
Fossi in te la lascerei seduta stante...io non capisco come tu possa accettare che la donna che ami vada a letto con un altro, che venga posseduta da un altro...molti uomini di oggi mi fanno ridere...prima si mettono con le sgualdrine e poi piangono se queste li lasciano per mettersi con altri...

Carissima, E' da tempo che seguo i tanti argomenti di questo forum,ed ho notato nelle varie esternazioni il giusto valore che viene dato a quel Grande sentimento che si chiama AMORE,ed anche quello che viene dato al sesso.
Per cui io non posso assolutamente accettare il tuo consiglio,perchè da come ti sei espressa mi da l'impressione che te stia dando più importanza al sesso che all' Amore o quanto meno li metti alla pari.Probabilmente ti sei espressa senza troppo riflettere,hai commesso l'errore che purtroppo commettono quelle tantissime coppie moderne che unendosi con alla base questi tuoi principi,dopo poco se ne tornano ogniuno per proprio conto. Secondo mè ogni unione dovrebbe avere un fine inportante in comune,raggiungibile sulla strada dell'Amore,il sesso è solo un semplice complemento a tutto questo.
Scusami, questa non vuole essere una paternale,ma è il mio semplice modo di interpretare la vita.
Con un ciao amichevole espert37
espert37 is offline  
Vecchio 15-01-2008, 11.40.15   #17
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: Volersi bene; ma quanto?

Citazione:
Originalmente inviato da espert37


Carissimo amico,ti ringrazio di vero cuore per la tua sentita partecipazione al mio piccolo ma importante problema. ci tengo a dirti,che oltre ai vostri personali e molto apprezzati consigli, ha avuto un buon ruolo nella soluzione anche la imposizione reciproca che ci eravamo data nei primi giorni della nostra vita in comune, di essere sempre schietti e sinceri,anche nei più pesanti eventi,al fine di darci reciprocamente un ausilio,e questo,visto i risultati lo consiglio a tutte le coppie che si vogliono bene di questo mondo.
Ps. rettifico, i nostri anni di vita bellissima in comune,non sono 35,ma bensì 45.

Ciao Maxim ti saluto con un nuovo e sentito ringraziamento espert37

Mi inchino innanzi la tua esperienza di vita di coppia…per me il 29 gennaio sarà il quattordicesimo anniversario di matrimonio e complessivamente 25 anni di vita a due!
Hai detto cose molto sagge ma purtroppo, non sempre rispecchianti la realtà di una vita, l’unica che ci è concessa, che mal tollera contratti a lunga scadenza che impongano anticipatamente modi, usi e costumi di come questa debba essere vissuta. Le ultime statistiche vedono i divorzi in netto aumento rispetto gli anni precedenti e matrimoni/non matrimoni in rialzo in quanto attraverso quella leggera e fragile convivenza, viene offerta in dotazione anche la facile scappatoia alle promesse, inizialmente sempre sincere, stabilite con quel patto.
E’ bello e di buon auspicio sentire queste tue parole…non negherai però, come diceva l’amico Rudello che non leggo più da un po’ di tempo in questo forum, che la vita matrimoniale è fatta di alti e bassi, debolezze e risolutezze, gioie e dolori e soprattutto che, al di la delle debolezze del momento, le cose cambiano e non sono mai uguali semplicemente perché cambiamo noi e la persona che vive con noi. Allora è fondamentale ciò che hai ben espresso tu!...schiettezza e sincerità, innanzitutto con se stessi e poi nei confronti della persona che si ama. Volevo però rivolgerti una domanda qualora tu voglia cortesemente rispondermi…45 anni di matrimonio sono moltissimi quindi sarà capitato anche a te, magari solo pensandolo, ciò che tua moglie ha avuto il coraggio di dirti. Come ti sei comportato allora?...supponendo invece che a te non sia mai successo di guardare e fantasticare su di un’altra donna ma consapevole del fatto che è una pratica assai "normale" e diffusa, secondo te sarebbe più corretto reprimere l’idea facendo di tutto per allontanarla dalla propria mente in maniera tale che il problema non si ponga o, con pari schiettezza e sincerità di tua moglie, confidarla sempre e comunque alla persona amata?

maxim is offline  
Vecchio 15-01-2008, 12.48.44   #18
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Volersi bene; ma quanto?

O tempora o mores….. Ma dove sono finiti i bei tempi quando l’uomo usciva dalla caverna, dava una botta in testa alla donna e la trascinava per i capelli nella grotta per…….?

Leggendo le risposte mi viene da pensare che in fondo aveva ragione U.G. quando diceva: - perché siete così scandalizzati se dico che il rapporto tra uomo e donna è sesso, puro sesso? –

Sembra che limitiate tutto a quello facendone poi anche un atto di possesso. Beh nulla di più assurdo. Nessuno, ma proprio nessuno, può possedere un essere umano. Un essere umano appartiene sempre e solo a se stesso.

In quanto al quesito dell’amico espert37, gli direi di segue il suo cuore come fa in altre cose, e non sbaglierà.

VanLag is offline  
Vecchio 15-01-2008, 13.59.57   #19
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: Volersi bene; ma quanto?

Citazione:
Da VanLag:
Sembra che limitiate tutto a quello facendone poi anche un atto di possesso. Beh nulla di più assurdo. Nessuno, ma proprio nessuno, può possedere un essere umano. Un essere umano appartiene sempre e solo a se stesso.

Ci mancherebbe che appartiene pure a qualcun altro...
...per quel che mi riguarda ci si dona infinitamente, per cui è impossibile possedersi mai totalmente su questa terra...
...restiamo comunque, con i nostri corpi, con le nostre menti e con i nostri cuori, in quell'anelito di impossibile... ovvero in un'anelito d'Amore infinito...
Questo è per me ovviamente...
...e il matrimonio è, all'origine, al di là del contratto firmato, un matrimonio di anime... ovvero un'unione nello Spirito...

Così è per me... per gli altri, dir non posso...

Ciao VanLag!
veraluce is offline  
Vecchio 15-01-2008, 14.01.43   #20
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: Volersi bene; ma quanto?

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
O tempora o mores….. Ma dove sono finiti i bei tempi quando l’uomo usciva dalla caverna, dava una botta in testa alla donna e la trascinava per i capelli nella grotta per…….?

Leggendo le risposte mi viene da pensare che in fondo aveva ragione U.G. quando diceva: - perché siete così scandalizzati se dico che il rapporto tra uomo e donna è sesso, puro sesso? –

Sembra che limitiate tutto a quello facendone poi anche un atto di possesso. Beh nulla di più assurdo. Nessuno, ma proprio nessuno, può possedere un essere umano. Un essere umano appartiene sempre e solo a se stesso.

In quanto al quesito dell’amico espert37, gli direi di segue il suo cuore come fa in altre cose, e non sbaglierà.


A me pare sia proprio il contrario…
Il tema centrale esposto da Espert nella presente discussione ha evidenziato come egli fosse ben disposto a “concedere” alla moglie un mero atto sessuale con un’altra persona, in virtù del suo/loro grande amore. In tal caso, un’esperienza seppur così forte, sarebbe passata assolutamente in secondo piano grazie all’aspetto fondante della loro unione di coppia…l’amore.
Mi pare invece che il rapporto venga a basarsi esclusivamente su un fattore di possesso nel caso in cui mentalmente non ci sia la capacità di scindere le due cose ed oltre all’amore, quello vero, si pretenda anche l’esclusiva della carne, vita natural durante…
…non pensi sia così la questione?

maxim is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it