Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 03-08-2014, 12.07.34   #21
marcoriccardi1980
Ospite abituale
 
Data registrazione: 13-12-2004
Messaggi: 199
Riferimento: Come avete fatto ad accettare il passato sessuale di vostra moglie?

Citazione:
Originalmente inviato da vanina
Di primo impatto , sono sincera, mi sembrava una risposta (scusami) assurda e persino in odore di volgarità gratuita.

Poi, solo poi ( e per questo rispondo) mi è venuto il dubbio di un complesso.

Può essere ? (spiegherebbe molto, anche se non felicissimamente).



Quindi secondo te non è vero che è sempre la donna che decide chi far entrare o meno?
marcoriccardi1980 is offline  
Vecchio 03-08-2014, 14.08.22   #22
laryn
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 14-07-2014
Messaggi: 134
Riferimento: Come avete fatto ad accettare il passato sessuale di vostra moglie?

Citazione:
Originalmente inviato da marcoriccardi1980
Perché è sempre la donna che apre la porta....

Mi chiedo dove tu voglia arrivare con un interrogativo, peraltro discutibile, la cui risposta è tanto ovvia. Abbi pazienza, ma, a parte le brache fornite di cerniera, ti risulta che gli uomini possano aprire porte proprie?
Bisogna farsene una ragione: la donna è provvista della porta, l'uomo del chiavistello... allora?

Citazione:
Originalmente inviato da marcoriccardi1980
Molte donne hanno donato la loro verginità a uomini indegni che in quel momento hanno solo avuto l'abilità di mostrarsi migliori di ciò che realmente erano.....
Con ciò?
Vuoi perorare tu la causa delle donne che danno la loro verginità a uomini indegni o, almeno, che tu definisci indegni??
Chi le ha obbligate?
Chi dobbiamo incolpare se, per fare un esempio analogo, ci lasciamo prendere costantemente per i fondelli da uomini politici, accettandone la guida?
Se ci pensi bene la risposta dovrebbe essere la stessa.

Una domanda: maschietti e femminucce a chi dovrebbero rendere conto?
Chi ha costituito chi come sorveglianti della condotta altrui?
Pensi che dovrebbero rendere conto ad un' auctoritas particolare?
Quale secondo te?
laryn is offline  
Vecchio 03-08-2014, 14.33.48   #23
Galvan 1224
Nuovo ospite
 
L'avatar di Galvan 1224
 
Data registrazione: 30-01-2014
Messaggi: 189
Riferimento: Come avete fatto ad accettare il passato sessuale di vostra moglie?

Citazione:
Originalmente inviato da marcoriccardi1980
Quindi secondo te non è vero che è sempre la donna che decide chi far entrare o meno?


Storia vera, spero adeguata al livello raggiunto dal tema.

In quel dell’Emilia viveva una coppia anziana, in una casa oltre il limite dell’abitato, alla fine di una strada buia.

Il marito come d’uso rincasava nel cuor della notte dopo aver trascorso tutto il suo tempo al bar del paese, naturalmente bevendo oltre la misura che noi potremmo sopportare, ma si sa, son genti forti quelle di tali luoghi.

Appunto tornò e la moglie dal pian di sopra dell’umile casetta immersa nel buio fu svegliata dal suo trafficare alla porta, e ormai desta s’affacciò dalla finestrella (purtroppo non so riportare il magnifico dialetto nel quale me l’han proposta, me se conoscete un emiliano vi giuro che ne val la pena):

- Cosa stai facendo... forse hai perso la chiave… vuoi che te ne butti una..?

- … no, la chiave ce l’ho… butta la serratura…


conto sempre nel sens of humor dei miei simili...
Galvan 1224 is offline  
Vecchio 03-08-2014, 17.22.45   #24
marcoriccardi1980
Ospite abituale
 
Data registrazione: 13-12-2004
Messaggi: 199
Riferimento: Come avete fatto ad accettare il passato sessuale di vostra moglie?

Citazione:
Originalmente inviato da laryn
Mi chiedo dove tu voglia arrivare con un interrogativo, peraltro discutibile, la cui risposta è tanto ovvia. Abbi pazienza, ma, a parte le brache fornite di cerniera, ti risulta che gli uomini possano aprire porte proprie?
Bisogna farsene una ragione: la donna è provvista della porta, l'uomo del chiavistello... allora?


Che la donna apre solo a chi in quel momento lei ritiene degno di poter entrare, o meglio: che ha dimostrato, magari anche con l'inganno, di essere degno.
Quindi la selezione all'ingresso è donna, hai poco da lamentarti poi se fai entrare uno schifoso travestito da gentleman soltanto perché "ci ha saputo fare".

Citazione:
Con ciò?
Vuoi perorare tu la causa delle donne che danno la loro verginità a uomini indegni o, almeno, che tu definisci indegni??
Chi le ha obbligate?
Chi dobbiamo incolpare se, per fare un esempio analogo, ci lasciamo prendere costantemente per i fondelli da uomini politici, accettandone la guida?
Se ci pensi bene la risposta dovrebbe essere la stessa.

Una domanda: maschietti e femminucce a chi dovrebbero rendere conto?
Chi ha costituito chi come sorveglianti della condotta altrui?
Pensi che dovrebbero rendere conto ad un' auctoritas particolare?
Quale secondo te?


Io penso che un grande potere comporta anche delle grandi responsabilità.
Il potere di scelta delle donne ha conseguenze sociali, perchè determina quali uomini possono salire sulla giostra e chi invece resterà a terra, anche permanentemente, solo perchè si rifiuta di "giocare"...(al posto di giocare ci potete mettere molti verbi tra loro non sinonimi).

Quindi se hai permesso a Giovanni ed Antonio di poter entrare e di farne godere delle grazie non puoi pretendere che Fabrizio e Giacomo non ne tengano conto......nel presente e nel futuro.....
marcoriccardi1980 is offline  
Vecchio 03-08-2014, 19.22.44   #25
vanina
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 22-04-2014
Messaggi: 268
Riferimento: Come avete fatto ad accettare il passato sessuale di vostra moglie?

Citazione:
Originalmente inviato da marcoriccardi1980
Quindi secondo te non è vero che è sempre la donna che decide chi far entrare o meno?

MR....non saprei cosa aggiungere a quanto postato da Laryn e a cui mi associo.

Io vedo (salvo l'ipotesi stupro) un uomo e una donna che si uniscono.

Può essere per una volta o per una vita.
Può essere per amore o per illusione.
Può essere in buona fede o in mala fede.
Può essere dicendosi le rispettive verità o le bugìe più funzionali all'ottenimento di uno scopo recondito.
Capisci che potrei continuare a vita persa, vero?

Ecco : centrale è (per me) il fatto che si uniscono (tranne l'ipotesi stupro) un uomo e una donna che hanno entrambi scelto di farlo, con le stesse identiche possibilità - l'uno e l'altra - di restarne estasiati o disgustati, di imbrogliare l'altro/a o se stesso/a , e così via...

E desidero assolutamente rispettare la tua interiorità anche su questo tema, solo che ...non ho mica capito così bene quale sia il tema !?

Ora è diventato "chi apre e chi entra" ?
Ti sembra un "potere" quello di avere il passo carraio?
Parlando con tante donne che lo tengono sempre aperto e pure con le insegne luminose per segnalarlo e che poi ...non vedono nessuno che desideri entrare...magari ti convinceresti del contrario.
Se c'è un potere (a mio parere) è quello di sapersi relazionare e favorire l'incontro tra due persone, se questo è ciò che esse desiderano. Ma lo vedo identico tra uomo e donna.
L'unica differenza è proprio nello stupro : impossibile per ragioni anatomico-fisiologiche verso un uomo, ultrapossibile per le stesse ragioni verso una donna. Ma non è di stupro che parlavamo, giusto?

E forse abbiamo fatto male a non parlarne, e aggiungo una mia curiosità , se me lo consenti : se una candida e nobile fanciulla , assolutamente ferma nel voler "donare la sua verginità all'unico sposo della sua vita"....per orrenda sventura fosse stuprata..................e poi eleggesse TE a uomo della sua vita.... tu, tu MR, la vivresti come vergine oppure no
vanina is offline  
Vecchio 04-08-2014, 04.29.33   #26
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Come avete fatto ad accettare il passato sessuale di vostra moglie?

Citazione:
Originalmente inviato da vanina

Può essere per una volta o per una vita.
Può essere per amore o per illusione.
Può essere in buona fede o in mala fede.
Può essere dicendosi le rispettive verità o le bugìe più funzionali all'ottenimento di uno scopo recondito.
Capisci che potrei continuare a vita persa, vero? 

Ecco : centrale è (per me) il fatto che si uniscono (tranne l'ipotesi stupro) un uomo e una donna che hanno entrambi scelto di farlo, con le stesse identiche possibilità - l'uno e l'altra - di restarne estasiati o disgustati, di imbrogliare l'altro/a o se stesso/a , e così via...

credo che le cose stiano proprio come dici tu vanina…infatti se andiamo a vedere,ma fino in fondo e senza inutili ipocrisie,vediamo che gira che te rigira la "finalità" e' sempre e comunque la stessa per entrambi…direi proprio E' NATURALE!
quello che non ho mai capito veramente e' a cosa servono tutte le manfrine teatrali,in cui ci si adopera da subito,se poi si sa sin dall'inizio dove si vuole andare a parare,da entrambe le parti..o vogliamo continuare a credere con sospetta ingenuità a tutto cio che ci viene raccontato da sempre?

allora,per come la vedo io la donna veramente onesta e' colei che (tra l'altro ingiustamente,secondo me) viene considerata una facile,perché in totale coerenza non ha poi bisogno di agire e mostrare il contrario di come vorrebbe far sembrare (ipocrisia)..che non quelle che appunto di fatto fingono un atteggiamento che sanno benissimo non essere quello autentico…a che scopo,verrebbe da chiedersi?
da qui mi viene l'idea dell'inganno..(del resto lo accenni sopra pure tu) ma così non sono proprio loro le prime ad ingannare se stesse?..con tutto quello che ne consegue dopo?…ci sarebbe forse un vantaggio?..e se si,lo e' davvero?

ci sono state due esperienze nella mia vita molto importanti..
la prima,il mio primo viaggio all'estero a 19 anni,in olanda…,li con tutta la meraviglia che uno può avere a quell'eta ho potuto riscontrare quanta ipocrisia e' intrisa la nostra mentalità italica…e questo da tutti i punti di vista..proprio tutti.
la seconda,la mia prima volta..con una ragazza che aveva qualche anno più di me.
considerata da tutti una facile,(ingiustamente secondo me,e solo per chi guarda le cose in superficie) ma lei se ne fregava (pero veramente e non per finta) di cosa pensavano gli altri e a me e' invece apparsa da subito la più onesta che avessi mai conosciuto prima,proprio perché non aveva alcun bisogno di inventarsi artifici o ghirigori arabeschi per dirti quello che era veramente
acquario69 is offline  
Vecchio 23-08-2014, 12.44.28   #27
Roquentin
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 28-11-2013
Messaggi: 23
Riferimento: Come avete fatto ad accettare il passato sessuale di vostra moglie?

Citazione:
Originalmente inviato da marcoriccardi1980
Non prendiamoci in giro per favore, uomini e donne danno al sesso una valenza diversa: per gli uomini è un fatto puramente fisico, uno sfogo, mentre per le donne è per lo più uno stato mentale, una condivisione. È la donna che decide se un uomo può avere il privilegio di "entrare" dentro di lei.
Come dice Alberoni: l'essenza della femminilità sta proprio nella sua facoltà di decidere chi è degno o meno di lei.
D'altro canto gli uomini andrebbero con qualunque ragazza carina e disponibile, le donne invece devono prima valutare chi hanno di fronte. Non è una legge ovvio, ma la tendenza è questa.
Le donne danno molto più valore all'atto sessuale di quanto non lo diano gli uomini.

Fatta questa premessa, mi rivolgo agli uomini: come avete fatto ad accettare il fatto che vostra moglie abbia condiviso l'intimità con altri uomini prima di voi, che magari l'hanno pure ingannata per farsi scegliere?
Considerato appunto che per le donne il sesso ha una valenza diversa rispetto a quella che diamo noi uomini....?

In questo post si possono leggere i tratti principali dell'uomo beta:

- investe eccessivamente nel rapporto per ottenere qualcosa in cambio (sesso, attenzioni, fedeltà)
- non avere consapevolezza della propria mascolinità
- non imporre i propri limiti invalicabili
- dare troppo valore alla donna idealizzandone la sessualità
- preconcetti sessuali
- sindrome del "bravo ragazzo"
- non soddisfare i propri bisogni
- visione infantile e irreale della natura femminile e maschile (o principessa o puttana - ******* o zerbino)
- Possibile "monogamismo materno"
- scarsa conoscenza delle reali dinamiche d'interazione tra sessi

prova a sovvertire i tuoi valori e sarà tua moglie a preoccuparsi della tua sessualità.
Roquentin is offline  
Vecchio 28-08-2014, 05.32.03   #28
leibnicht
Ospite abituale
 
L'avatar di leibnicht
 
Data registrazione: 06-09-2003
Messaggi: 486
Riferimento: Come avete fatto ad accettare il passato sessuale di vostra moglie?

Citazione:
Originalmente inviato da marcoriccardi1980




Io penso che un grande potere comporta anche delle grandi responsabilità.
Il potere di scelta delle donne ha conseguenze sociali, perchè determina quali uomini possono salire sulla giostra e chi invece resterà a terra, anche permanentemente, solo perchè si rifiuta di "giocare"...(al posto di giocare ci potete mettere molti verbi tra loro non sinonimi).

Giusto e sacrosanto. Il rapporto tra i sessi non è mai equilibrato, in nessun momento storico di alcuna società.
Quando mi trasferisco fuori della Filosofia, sono un uomo pratico, preciso e molto concreto.
E amo fare bene ad altre persone.
In questo momento, per quanto io vedo e considero, il rapporto tra uomo e donna è molto sbilanciato nel mondo islamico, induista in tutto l'oriente, e in Africa.
E' totalmente sbilanciato, all'opposto, negli USA, in Canada, Australia e nella parte occidentale della Unione Europea.
Se tu cerchi una donna con un sentimento morale della esistenza e del mondo, prima di tutto chiediti, con molta critica, se tu possiedi un retroterra del genere.
Poi, per secondo, chiediti anche se sei in grado di "adattarti" ad un mondo che ha dei "veri valori" umani, sociali e, implicitamente, anche politici e religiosi.
Se per due volte ti sei risposto con un forte "SI'", allora vai in Russia.
Soltanto in Russia esistono, oggi, le donne come le sogni tu.
Però studia prima la lingua russa, impara un po', non dico bene, ma un pochino a capire.
Infatti, quattro sono le condizioni per un europeo per non sbagliare con il mondo russo:
1) la prima è nella disponibilità di andare tu, da solo, con umiltà e desiderio di imparare e capire;
2) la seconda è quella di poter comprendere almeno qualcosa nella lingua russa, in modo da intercettare le possibili truffe (ancora frequenti);
3) osservare con attenzione le sue amiche: il loro comportamento, dove amano andare e come si atteggiano con altri uomini, specialmente se sono stranieri;
4) se possibile, cercare di conoscere il padre di lei: il comportamento di quella ragazza con suo padre sarà identico a quello con te in futuro.
Piccoli accorgimenti dettati da una modesta esperienza.
Non troverai mai, nella tua vita, una donna più femminile, dolce, ricca di un'intimità sottile ed infinita come una donna Slava. L'anima russa è così immensa che essa raccoglie ogni sfumatura di ogni altra anima, secondo me. Nessun uomo che abbia avuto una relazione importante con una donna russa, potrà mai accontentarsi di una donna diversa, a meno che non sia ottuso.
Se tu incontri una donna russa, tu incontri un'anima.
Nell'essenza di lei vive il tormento, la voglia di vita, lo spirito di un intero popolo e di una storia che ci ha donato radici e terra.
La nostra essenza viene da lì e solo in Russia è possibile cercare ciò che abbiamo interiormente già da sempre trovato.
leibnicht is offline  
Vecchio 28-08-2014, 10.44.43   #29
Koirè
Ospite
 
L'avatar di Koirè
 
Data registrazione: 26-12-2012
Messaggi: 111
Riferimento: Come avete fatto ad accettare il passato sessuale di vostra moglie?

Citazione:
Originalmente inviato da leibnicht
Giusto e sacrosanto. Il rapporto tra i sessi non è mai equilibrato, in nessun momento storico di alcuna società.
Quando mi trasferisco fuori della Filosofia, sono un uomo pratico, preciso e molto concreto.
E amo fare bene ad altre persone.
In questo momento, per quanto io vedo e considero, il rapporto tra uomo e donna è molto sbilanciato nel mondo islamico, induista in tutto l'oriente, e in Africa.
E' totalmente sbilanciato, all'opposto, negli USA, in Canada, Australia e nella parte occidentale della Unione Europea.
Se tu cerchi una donna con un sentimento morale della esistenza e del mondo, prima di tutto chiediti, con molta critica, se tu possiedi un retroterra del genere.
Poi, per secondo, chiediti anche se sei in grado di "adattarti" ad un mondo che ha dei "veri valori" umani, sociali e, implicitamente, anche politici e religiosi.
Se per due volte ti sei risposto con un forte "SI'", allora vai in Russia.
Soltanto in Russia esistono, oggi, le donne come le sogni tu.
Però studia prima la lingua russa, impara un po', non dico bene, ma un pochino a capire.
Infatti, quattro sono le condizioni per un europeo per non sbagliare con il mondo russo:
1) la prima è nella disponibilità di andare tu, da solo, con umiltà e desiderio di imparare e capire;
2) la seconda è quella di poter comprendere almeno qualcosa nella lingua russa, in modo da intercettare le possibili truffe (ancora frequenti);
3) osservare con attenzione le sue amiche: il loro comportamento, dove amano andare e come si atteggiano con altri uomini, specialmente se sono stranieri;
4) se possibile, cercare di conoscere il padre di lei: il comportamento di quella ragazza con suo padre sarà identico a quello con te in futuro.
Piccoli accorgimenti dettati da una modesta esperienza.
Non troverai mai, nella tua vita, una donna più femminile, dolce, ricca di un'intimità sottile ed infinita come una donna Slava. L'anima russa è così immensa che essa raccoglie ogni sfumatura di ogni altra anima, secondo me. Nessun uomo che abbia avuto una relazione importante con una donna russa, potrà mai accontentarsi di una donna diversa, a meno che non sia ottuso.
Se tu incontri una donna russa, tu incontri un'anima.
Nell'essenza di lei vive il tormento, la voglia di vita, lo spirito di un intero popolo e di una storia che ci ha donato radici e terra.
La nostra essenza viene da lì e solo in Russia è possibile cercare ciò che abbiamo interiormente già da sempre trovato.

Scusami la lieve polemica ma trovo queste tue affermazioni sulle donne alquanto limitanti anche perchè ho conosciuto donne russe amabilissime e altre ciniche...come ci sono donne italiane amabili e altre no...insomma te sei stato molto fortunato a trovare questa anima...ma non puoi dire che nel mondo non ci siano altre anime altrettanto ,se non di più, nobili e sensibili.
Così elogi le donne russe...ma offendi un pochino le donne di tutto il resto del mondo.
Koirè is offline  
Vecchio 28-08-2014, 12.53.33   #30
vanina
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 22-04-2014
Messaggi: 268
Riferimento: Come avete fatto ad accettare il passato sessuale di vostra moglie?

Citazione:
Originalmente inviato da Koirè
Scusami la lieve polemica ma trovo queste tue affermazioni sulle donne alquanto limitanti anche perchè ho conosciuto donne russe amabilissime e altre ciniche...come ci sono donne italiane amabili e altre no...insomma te sei stato molto fortunato a trovare questa anima...ma non puoi dire che nel mondo non ci siano altre anime altrettanto ,se non di più, nobili e sensibili.
Così elogi le donne russe...ma offendi un pochino le donne di tutto il resto del mondo.

Di primo acchito non potrei non sottoscrivere quanto osservato da Koirè, ma poi... amo conservare la sensazione che Leibnicht abbia voluto introdurre una "provocazione" pro-dialogo, nelle piena consapevolezza ed allegria di farlo.

E' in questo stesso spirito che, leggiadramente ma non per scherzo, mi permetto di aggiungere qualche mia riflessione al tema.
Io non sono mai stata in Russia, ma per lavoro frequento moltissime persone dell'Est, ed ho avuto piacere anche di stringere qualche amicizia.

Quel che mi arriva da questo mondo mi fa sentire vero quel che dice Leibnicht, in parte. Perchè per la restante parte... è anche vero che è perfettamente possibile percepire un grande spessore caratteriale...completamente votato in modo spregiudicato alla salvaguardia di se staessi (esattamente come accade fra noi).

Quel che però mi fa sorridere è particolarmente il ricordo di una amicizia femminile davvero unica e speciale, con tale Julia.
Dolcissima e fortissima giovane donna, che a trent'anni era qui, neo moglie per procura di un ricchissimo quanto zotico italiano, e già divorziata da un suo conterraneo.
Julia era ...davvero unica...
Con lei era possibile parlare solo di Bellezza (arte, letteratura, musica) verso la quale aveva un anelito monopolizzante, anche ad onta della tanta brutta vita fatta in Russia.......
Eravamo in grande e piacevole confidenza.
Era bellina, ormai ricchissima e con piena licenza di godersi questo nuovo paradiso, con autentica "carta bianca" (anche del carnet di assegni) da parte del marito (che non credo abbia mai assolutamente potuto comprendere Chi gli toccò in moglie, per procura; perchè Julia era Tanta, ma proprio Tanta in Sensibilità e Forza e Vita!) .

Un giorno era molto mesta, e ormai aveva anche provato e riprovato l'ebrezza di stuoli di corteggiatori locali.............

Sull'orlo delle lacrime mi disse..."sai....comincio ad essere disorientata....qui ho tutto quello che ho inseguito per una vita e anche di più. Ma..........non so come la vivete voi italiane....ma....ma...ma..... l'amore e il sesso con un uomo della mia Terra....è Altro....dentro c'è l'anima.....e qui non è così........"

Ho perso questa Amicizia, purtroppo. Perchè poco tempo dopo questa confidenza.... riprese il proprio viaggio nella Vita....scappando con un maestro di yoga (non italiano) ...che non aveva di che pagarsi un sandwich.....

E dunque?
Magari è proprio vero quel che dice Leibnicht!
Solo che...detto da Russa... pare che valga anche al maschile!!!
vanina is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it