Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 29-06-2006, 13.39.57   #51
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
esattamente...
diciamo che inconsciamente (e anche consciamente) avevi ben chiaro cosa rappresentava un AMORE pieno.

l'uomo in fondo lo cerca in ogni cosa che fa...
ma non trovandolo...(perchè in fondo non trova prima se stesso) cosa fa?
si crea le sue belle teorie egoiche... atte a fargli credere di essere nel giusto...quando sa benissimo di non esserlo.
poi si autoconvince... e va avanti...
ma in fondo rimane "insoddisfatto" e prima o poi ciò salta fuori...

ma "l'AMORE pieno" lo si raggiunge non "evitando" per partito preso le situazioni...
ma per profonda comprensione di se stessi e per consapevolezza "espansa"...che nasce dallo "sviscerare" le esperienze fatte traendone spunto di miglioramento individuale

qui sta la differenza fondamentale...
se non "vivi" non conosci...

ciao

Ultima modifica di turaz : 29-06-2006 alle ore 13.42.45.
turaz is offline  
Vecchio 29-06-2006, 14.14.36   #52
mandi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 22-06-2006
Messaggi: 57
Vuoi dire che forse ritieni che quando ciò accade è perchè non si è più tanto attraenti sessualmente per quella persona?

-No, semplicemente che ci attrae fisicamente

Frose è dura se si continuasse a stare con una persona che non vogliamo, ma allora perchè starci?

-Qui hai ragione, ma non è detto che continuiamo a stare con una persona che non vogliamo, intendevo che in questa situazione la storia è diversa, non si considera nemmeno tradimento allora…

Sembra che tu lo giudichi un comodo, e non forse un piacere che da piacere. E quindi vuoi dire che quando sei con la tua compagna non fai il comodo tuo? Così che quando senti di voler fare il comodo tuo lasci la tua compagna... ma se lei invece avesse piacere che tu stessi bene facendo ciò che ti piace, per cui stando bene potresti far stare meglio lei?

-Puoi vederla così, ma non lo è! Se ami una persona vuoi lei per tutto quando, non un pezzo di qua e uno di là


Questo è quello che pensi o quello che è? Chi l'ha detto che il rapporto non funziona se senti di voler andare con qualcun altro? Forse proprio perchè funziona sei libero di andare con chi ti piace senza sentirti giudicato per il fatto di fare ciò che ti piace... Se poi il piacere è stare sempre con la tua compagna... non esiste alcun problema, ma allora perchè parlarne? e dire che in quel caso non funziona il rapporto?

-Se poi il piacere è stare sempre con la tua compagna... non esiste alcun problema, ma allora perchè parlarne?

E credo lo sarà sempre se ti vuole bene… ma se ti senti in colpa perché fai i tuoi comodi, allora potresti domandarti cosa sia questo senso di colpa… Ciò che pensi l'altro non voglia che tu faccia per cui il timore di perdere la persona che hai accanto?
ma la paura è il rapporto di coppia?

-Semplicemente perché non sento il bisogno di farlo, non per i derivanti sensi di colpa o paure

se non tradiamo noi stessi allora stiamo facendo esattamente quello che ci piace, per cui non esiste il problema…

-qui ti quoto!

mi spiace che tu lo senta come sacrificio, quello che credo dovrebbe invece essere cmq piacere. Se così fosse forse abbiamo punti di vista diversi, ma ognuno è ciò che vive, per cui nessuno dovrebbe poi lamentarsene…

-Per la parola sacrificio me le sono “sentite” da te e Turaz e come ho detto a lui:” Era tra virgolette, dovevo aggiungere un sacrificio che non costa fatica, una rinuncia se vuoi ma non qualcosa di cui ti penti, spero di essermi fatto capire”

Ciao
mandi is offline  
Vecchio 29-06-2006, 14.17.50   #53
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Citazione:
Messaggio originale inviato da turaz
Che ne dici della demonizzazione dei rapporti extra-coniugali che si denota negli interventi di Turaz? Nel suo primo intervento ha affermato che il tradimento nasce a causa della inconsapevolezza di se stessi…

l'amore verso Dio è esclusivo?
se tu sei "pieno" di una persona e ne sei "pienamente consapevole" hai bisogno di altro?

il "bisogno" è ego mal incanalato (che piaccia il termine oppure no)
il dire "io amo tutto" quindi non posso concepire l'amore "esclusivo" verso una persona è diciamo così un modo molto razionale per raccontarsela.

Io non demonizzo nulla.
sono esperienze che nella vita possono servire a comprendere.
ti dico che a mio sentire è inutile raccontarsela.
se si cerca altrove...si continua a disperdere energia e non si rafforza l'unione che si ha.
mi pare semplice e anche chiaro.

se poi ognuno di noi per giustificare un suo atteggiamento mentale se la racconta (e anche bene) è un altro discorso.

ma quanto dico... forse lo si può "capire" nel momento in cui si scopre l'AMORE quello con la A maiuscola non gli illusori stati in cui tutti noi viviamo quasi costantemente...

ciao


Perchè non vuoi renderti conto che l'esclusiva sessuale vita natural durante è una imposizione socio-culturale?

L'animale-uomo è poligamo per natura, come la sua condizione di regime alimentare (l'uomo è onnivoro). Tu, se vuoi, puoi anche diventare vegetariano...ma non attribuire a questa tua scelta una visione spirituale.

Tu Turaz...sei un animale poligamo come lo sono io e per natura non puoi garantire a vita l'esclusiva sessuale a nessuna donna. Se tu fossi nato alle isole Figi a quest'ora non staresti scrivendo trattati di consapevolezza in questo forum, ma te la staresti passando con un centinaio di donne...attribuendone magari gli stessi significati spirituali che tu ora stai attribuendo all'AMORE unico.

Quell'esperienza che tu dici di aver fatto e che ti ha reso "consapevole" dell'importanza di un amore a senso unico è vista ancora come una cosa negativa o peggio come un continuo desiderio o ancora come un "bisogno" solo perchè ti hanno fatto credere che sia così...ma...ripeto...

...non è nella natura (fisica, mentale e tanto più animica) di Turaz.

maxim is offline  
Vecchio 29-06-2006, 14.27.33   #54
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
aridaje...
il tuo ragionamento sta a monte del mio.
prova ad andare oltre una visione puramente "scientifica" dell'uomo.
l'uomo è all'eterna ricerca dell'unione (luce costante)
non trovandola a tutti i livelli disperde la sua energia

ora proviamo ad andare oltre.
Tale luce costante la trova.

come si comporta allora?

dai su che ti stimolo un pò...

ciao "scientifico"...
turaz is offline  
Vecchio 29-06-2006, 14.59.18   #55
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Citazione:
Messaggio originale inviato da turaz
aridaje...
il tuo ragionamento sta a monte del mio.
prova ad andare oltre una visione puramente "scientifica" dell'uomo.
l'uomo è all'eterna ricerca dell'unione (luce costante)
non trovandola a tutti i livelli disperde la sua energia

ora proviamo ad andare oltre.
Tale luce costante la trova.

come si comporta allora?

dai su che ti stimolo un pò...

ciao "scientifico"...

Pensa che adoro la metafisica…

Il mio ragionamento sta a monte perché più scendo da quel monte e più mi rendo conto che siamo solo imposizioni sociali, morali, etiche, religiose, fantastiche ed illusorie…più scendo e più scompare l’essenza di quella luce divina primordiale.

Come da piccoli ci insegnano che non si mangia quando si ha fame ma ci sono degli orari da rispettare a mezzogiorno e sera, così questa strana e balorda evoluzione-involuzione dell’uomo c’ha portati a pensare, giustificando con mille fantasiose ragioni diverse, che si debba amare una volta sola nella vita.

Tu puoi anche aver trovato la luce…ma quella luce non è per sempre! Ti hanno insegnato che essere attratti da un’altra donna è uno sporco desiderio da reprimere. Il “bisogno” di amare che si trasforma in possesso della persona amata.

Dimmi…per cortesia…
Ritorno all’esempio delle Figi…tu pensi che quelle persone siano spiritualmente meno evolute di noi occidentuccoli teoretici e dispensatori di consapevolezza?
maxim is offline  
Vecchio 29-06-2006, 15.24.52   #56
feng qi
Ospite abituale
 
L'avatar di feng qi
 
Data registrazione: 15-10-2005
Messaggi: 560
io credo che sia d'obbligo una precisazione. Noi stiamo parlando di tradimento..no? E tradire penso significhi venir meno ad un impegno, ingannare.

allora se io prendo un impegno con qualcuno e lo inganno, questo è tradire. Ma se io faccio sesso seguendo il fiuto, e passo di fiore in fiore, di uccello in uccello ( bellissima la licenza poetica!), senza prendere impegni con niente e nessuno..non tradisco nessuno.

In teoria.

Tutto sta nell'impegno che prendo con me stessa a monte di tutti gli avvenimenti, di tutti gli incontri.

Se io decido di fare sesso con qualcuno lo faccio perché mi prude qualcosa e me ne devo liberare?

Oppure voglio condividere qualcosa con l'altro? Voglio dargli qualcosa che si esprime sì, ad un livello fisico, ma che dovrebbe risuonare con forza anche su quello spirituale.

In ogni caso nessuno giudica nessuno. E' solo una questione di patti fatti a monte, con se stessi e con gli altri.

Ed é certamente anche questione di complessi, di cultura..etc, etc e bla bla blà.

Per mia necessità personale io ho bisogno di dedicare la mia attenzione, devozione, stima, desideri, tutto quello che volete, ad una sola persona. Ed ho bisogno che quella persona la pensi come me.

Quella persona del resto, mio marito , la pensa esttamente come me! Per cui..siamo a posto.

Ecco perché dicevo che ciò che conta é scegliere anche la persona giusta perché noi possiamo dare un grande dolore agli altri con le nostre egoistiche decisioni.

Ma se c'é un accordo preventivo..che si vada con Dio!

feng qi
feng qi is offline  
Vecchio 29-06-2006, 15.44.07   #57
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
Citazione:
Messaggio originale inviato da maxim
Pensa che adoro la metafisica…

Il mio ragionamento sta a monte perché più scendo da quel monte e più mi rendo conto che siamo solo imposizioni sociali, morali, etiche, religiose, fantastiche ed illusorie…più scendo e più scompare l’essenza di quella luce divina primordiale.

Come da piccoli ci insegnano che non si mangia quando si ha fame ma ci sono degli orari da rispettare a mezzogiorno e sera, così questa strana e balorda evoluzione-involuzione dell’uomo c’ha portati a pensare, giustificando con mille fantasiose ragioni diverse, che si debba amare una volta sola nella vita.

Tu puoi anche aver trovato la luce…ma quella luce non è per sempre! Ti hanno insegnato che essere attratti da un’altra donna è uno sporco desiderio da reprimere. Il “bisogno” di amare che si trasforma in possesso della persona amata.

Dimmi…per cortesia…
Ritorno all’esempio delle Figi…tu pensi che quelle persone siano spiritualmente meno evolute di noi occidentuccoli teoretici e dispensatori di consapevolezza?

amico maxim...
nessuno mi ha insegnato nulla solo con parole...
nella vita... non ho mai preso "qualcosa" senza averlo verificato nella mia esperienza.
tu stai "giudicando" per luoghi comuni e per fasci.
e inoltre sei "fermo" nell'analisi di chi hai davanti (che sarei io) bloccato dal tuo mentale .

io non ho detto che quelli delle isole fiji sono meno evoluti.
dico che come gli occidentalucci (psichici) gli abitanti delle fiji (psichici) con altra cultura e tradizioni sono alla ricerca della luce e disperdono la loro energia.
come gli occidentali "psichici" forzano la loro esperienza (e vivono insoddisfatti e "bramosi") così gli psichici delle fiji suppongono di aver trovato la luce andando di palo in frasca ma in realtà se tale scelta non deriva da una profonda conoscenza di se stessi sono allo stesso livello.
Ma non è il COSA (metodo o tradizione) ma il COME a fare la differenza.

io do la mia esperienza di vita fatta di Errori, comprensione degli stessi, risalita e avanzamento.

rileggi quanto ho scritto

"tu puoi aver trovato la LUCE, ma essa non è per sempre"
questo chi lo dice? il tuo mentale (ego distorto)
quel mentale che ritiene "impossibile" (dato che non corrisponde a quello che pensi tu) che ciò che ti ho detto sia vero.

Io ti dico.
non sono qui per insegnare a nessuno.
ognuno ha il suo percorso da compiere, i suoi modi, i suoi tempi.
io posso dare la mia esperienza e dire cosa ho compreso (o penso di aver compreso) io di ciò che ho vissuto.

come ti ho scritto sopra e anche se forse non te ne rendi conto.
Quanto dici e pensi sta a monte di quanto ti sto dicendo io.

Poi per usare le parole di feng qi...
vai con Dio!

ciao
turaz is offline  
Vecchio 29-06-2006, 15.45.11   #58
matil
Ospite
 
Data registrazione: 26-02-2006
Messaggi: 17
in tutta onestà, credo anch'io che poligamia o monogamia siano risposte alle differenti esigenze presentate dalla struttura sociale che si forma in seno ad una determinata civiltà.

Quindi il tradimento andrebbe considerato nel contesto nel quale viene analizzato.

Nel crearci la scala di valori che ispira le scelte della nostra vita dovremmo (parlo per me) cominciare a ragionare non più sulla base dei condizionamenti culturali, ma analizzando i fenomeni relazionali distinguendo la logica che c'è sotto i vari aspetti che li riguardano.


matil is offline  
Vecchio 29-06-2006, 15.46.54   #59
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
Citazione:
Messaggio originale inviato da matil
in tutta onestà, credo anch'io che poligamia o monogamia siano risposte alle differenti esigenze presentate dalla struttura sociale che si forma in seno ad una determinata civiltà.

Quindi il tradimento andrebbe considerato nel contesto nel quale viene analizzato.

Nel crearci la scala di valori che ispira le scelte della nostra vita dovremmo (parlo per me) cominciare a ragionare non più sulla base dei condizionamenti culturali, ma analizzando i fenomeni relazionali distinguendo la logica che c'è sotto i vari aspetti che li riguardano.


appunto...

infatti ho parlato di "tradimento" inteso come "tradimento" di se stessi quindi "deistituzionalizzato" e "decontestualizzato"

ciao
turaz is offline  
Vecchio 29-06-2006, 16.30.07   #60
matil
Ospite
 
Data registrazione: 26-02-2006
Messaggi: 17
Citazione:
Messaggio originale inviato da turaz
appunto...

infatti ho parlato di "tradimento" inteso come "tradimento" di se stessi quindi "deistituzionalizzato" e "decontestualizzato"

ciao

lo so turaz, intendo cosa scrivi.

tu richiami l'analisi dei fenomeni su di un piano dove gli stessi hanno origine: alla sostanza delle cose; la discussione invece normalmente si sviluppa partendo dalla forma che assume il fenomeno e si risale gradualmente per afferrare il "bandolo della matassa" il quale si trova sul piano in cui tu porti spesso il discorso.
C'è poi da dire che non tutti sono ugualmente motivati a scovare questo "bandolo"...
matil is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it