Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 10-02-2008, 19.35.34   #41
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Citazione:
Originalmente inviato da veraluce
Buona domenica Giorgiosan!

Potresti riportare, per favore, qualche passo del vangelo in cui si sconsiglia di raccontare l'esperienza della presenza dello Spirito..?

Vuol questo forse dire che i martiri cristiani, esponendo la loro fede pubblicamente e, diciamo, "senza ritegno", sono contravvenuti a quanto il vangelo stesso consiliglia?

Pongo tali domande per capire, poiché se Gesù è venuto a portare una "spada", se una vera fede può essere messa alla prova da tutto e mai sconfitta, allora: perché questo timore ad esporsi agli altri uomini?
Chi è in Dio non dovrebbe temere nulla... forse il timore è per quelli che vogliono preservare la propria vita... se si nasconde qualcosa è come se si dicesse il falso... la luce non ha paura di nulla e non può essere nascosta, essa splende... è l'"umanità" che si autolimita nei propri timori... chi è grande e forte nella fede certo non si nasconde... spero...

...e spero anche che mi aiuterai a capire...

Un per te!

Bentornata Veraluce

Non ho voluto dire che non bisogna testimoniare pubblicamente la propria fede in Cristo, al contrario bisogna sempre testimoniarla con le parole e con le opere coraggiosamente.

Quello che ho detto, senza spiegarmi bene evidentemente, è che le esperienze individualissime, le esperienze mistiche è più saggio non raccontarle, a meno di un esplicito invito a renderle pubbliche.
C'è una virtù cristiana che i santi hanno sempre praticato che si chiama "nascondimento" ed è una virtù che concorre a formare un atteggiamento umile.

Per quello che riguarda il Vangelo preferisco comunicartelo con un messaggio privato...

Ciao
Giorgiosan is offline  
Vecchio 10-02-2008, 20.13.02   #42
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Citazione:
Originalmente inviato da koan
Molto bene, allora chiedo da parte mia ad ogni credente di non parlare affatto, né di Dio né della Fede, perché chi non può Testimoniare la propria Fede non ha neanche il diritto di chiamare qualcuno alla fede o di parlare per Essa.
Se è vero che la Fede è personale, è soprattutto vero che la Fede è condivisibile, senza 'metri' personali però, perché i propri 'metri di giudizio' non sono quelli del Padre, ma piuttosto chiacchiere, pietosismi e fanatismi/fazioni vari...
La Fede è un dono di Dio, ma si basa su fatti concreti della propria vita; non ho chiesto di parlare di fenomeni paranormali o di visioni personali ( che ci siano o meno ), ma secondo il Vangelo di Cristo, ossia:

Testimoniare - deliberatamente - i fatti su cui si poggia la propria Fede.

Quali sono stati i Frutti dello Spirito nella "tua" vita .. ?

Saluti.

Ciao, ho risposto anche a Veraluce che ha fatto una obiezione simile alla tua...evito quindi di ripetere la risposta che fra poco sarà pubblicata.

C'è stato un fraintendimento: mi sembrava che tu chiedessi di raccontare le esperienze personali riguardo la presenza dello Spirito. La mia risposta precedente era in rapporto a questo.

I fatti su cui poggia la propria Fede ...credo di potere rispondere così: ho incontrato un santo, un vero santo...e per grazia di Dio l'ho riconosciuto come tale.

Quali sono stati i Frutti dello Spirito nella tua vita E' stata una vera trasformazione della mia vita, trasformazione che è ancora in atto.
Per esprimersi con la Scrittura " il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo" ,
per quanto mi riguarda basta aggiungere davanti ad ogni parola un po'..... un po' di amore, un po' di gioia, ecc.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 10-02-2008, 22.09.27   #43
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Citazione da Veraluce:
I frutti sono stati che cerco sempre meno frutti... e soprattutto il fatto che qualsiasi cosa mi possa succedere alla fine poco mi importa... non che sono strafottente verso la vita, soltanto che sono serena dentro... certo resto comunque un barcollante essere umano, tuttavia vivere nello Spirito mi riporta sempre ad un "centro"... e non è che ci devo pensare, avviene spontaneamente... e più passa il tempo e più diventa un atteggiamento naturale il fatto di stare in armonia nei più disparati contesti... se, per fare un esempio (puerile), il mese scorso riflettevo di andare di qua o di là per trovare ancora più equilibrio, più serenità, oggi so che ho concretizzato ancora di più la mia serenità interiore da star bene sia di qua che di là, ovvero che non ho bisogno di andare da nessuna parte, sto bene dove sono...

Io non so se la mia si possa chiamare fede, certo è che per me stessa ho "prove di quelle cose che non si vedono" e questo mi basta... non cerco neanche di convincere gli altrui cervelli di questa cosa... a me importa essere in armonia nel contesto in cui "esisto"...

Per tornare alle "ragioni": beh, la mia vita al naturale tende di per sé a manifestare amore... l'amore unifica anche nelle apparenti diversità... l'ho visto nel concreto, lo rivedo ogni giorno intorno a me... non ho ancora conosciuto qualcosa che sia più grande e più forte dell'amore... neanche le paure e i contrasti tra uomini possono fermare l'amore... grazie a Dio (o chiamatelo come vi aggrada)!

Cara Veraluce,Carissima amica,spero ardentemente che ciò che esprimi in queste righe sia semplicemente frutto di una estemporanea espressione molto lontana e sopratutto estranea al tuo intelletto,perchè se veramente quanto esprimi è reale,sei sicuramente una persona priva di Fede,e priva di amore.La fede nella grande Verità e l'amore,sono azione ininterrotta alla ricerca di un continuo miglioramento.La fede non ti permette di adagiarti per goderti quel minimo stato di pseudo estasi che a te sembra di aver raggiunto.Come ben tu dici,sei barcollante perchè priva di una meta.La massima serenità interna,alberga nell'asceta o nell'eremita,in colui che con la sua forma di spiritualità si avvicina quasi al trascendentale immaginandosi di vivere in simbiosi con l'Essere Supremo, Ma, dimmi;Quali rapporti e quale efficacia può avere un tale essere con la società che lo circonda,che è la maggior fonte dalla quale attingere la nostra felicità,rapportandosi sempre con lei ed adoperandosi nel costante tentativo di migliorarla? Scusami Veraluce,ti parlo da vero amico e con tutto il cuore aperto verso di te, Ma cerca di capirmi: Non devi accontentarti della pacata serenità interna che te hai menzionato,dà quasi adito a far pensare ad una rinuncia a progredire.Cerca di interessarti a chi ti sta attorno e datti da fare per renderli felici,vedrai quanto buono e bello ti si riverserà addosso.


Cara Veraluce ricevi un ciao grande grande da chi ha letto tanti tuoi scritti,e ti stima molto. espert37
espert37 is offline  
Vecchio 10-02-2008, 22.55.39   #44
koan
Utente bannato
 
L'avatar di koan
 
Data registrazione: 19-09-2007
Messaggi: 522
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Citazione:
Originalmente inviato da veraluce
Non so se ho risposto alla domanda della discussione...
...e te, Koan ( ), quali sono stati i frutti dello Spirito nella tua vita?
Puoi rispondere come desideri e soprattutto senti di fare riguardo la tua esperienza di Fede... Ho aperto questo 3d per incoraggiare i credenti ad un'apertura verso gli altri fratelli in ascolto e soprattutto verso quanti sentissero il bisogno di ascoltare una "parola terrena" di Fede, fondata su fatti concreti della propria vita, affinché chi ne fosse in possesso possa parlarne liberamente, aprendo il proprio cuore e la propria anima agli altri .. E' questo che il mondo aspetta, dato che sono iniziando ad aprire se stessi verso l'esterno è possibile tornare a credere nei valori autentici della vita, che sono anche i più semplici, ma non per il mondo... oramai neanche per chi crede, corazzati come siamo dietro tutte le nostre vanaglorie, che siano di Fede ( dogmatiche ) o personali ( sentirsi bravi, buoni, beati, amati da Dio ).
Capisci che cosa voglio dire e quanto questo può essere importante per un mondo che non crede più in niente che realmente conti .. ?
La questione che rimane ancora da aprire è quella di parlare della propria vita, delle proprie esperienze di vita.
Non dico di entrare troppo nel dettaglio, ma ditemi: chi ha fatto - secondo un Midrash ebraico, se non ricordo male - il primo passo quando le acque del mar rosso sono state aperte dal soffio di Dio, quel soffio che è naturale e fisico, ma così pieno anche di Spirito ? conosco che siano stati i bambini ad aver compiuto questo passo... Ad ogni modo - e di questo sono certo - quel primo passo deve essere compiuto da chi ha ricevuto la Fede in Cristo, per dimostrare la vittoria sulla morte che incombe nella vita di tutti i giorni. E' un passaggio attraverso la Morte.
Solo chi ha attraversato Essa, può gridare a quell'amore forte come la morte, quella fiamma che viene dal Signore e le acque non la spegneranno... perché se dessi tutte le ricchezze della mia casa per amore non ne riceverei che il disprezzo.... ( niente vale di più ).
Perché allora non riusciamo a compiere questo passo che il Padre ci chiede ? che cosa racconterò a Lui quando la mia anima lo vedrà ? non sapete che questo avverrà ( mi rivolgo a chi dice di possedere la Fede, a chi ha reso Dio qualcosa utile per esorcizza la vita e scanzare le angosce della morte, ma questa non è fisica... quando verrà l'ora a cui la nostra anima anela da tutta la vita, non resteremo come nudi ? che giustificazione daremo al Padre che ha mandato il Suo Unico Figlio a morire per noi ? non è quella la strada mirabile che dobbiamo seguire ? )
Dio non vuole il male di alcuno, però la Verità è che solo l'amore, solo un amore che non può procedere da noi, che siamo così cattivi, ma solo da Dio ( per quanti hanno avuto la gioia di incontrarlo nella propria vita ), può ridestarci da terra, può ridarci la speranza della vita, può ridare fiducia ad un mondo che passa...
Se comprendete quello che sto cercando di dirvi, allora darete una mano a Dio che ha dato e continua a dare la vita per noi, perché possiamo conoscerlo e seguire con Fede la Sua Via che sola può illuminare il cammino della nostra esistenza su questa bella Terra !
Cara veraluce, mi chiedi con molta delicatezza qual è stato il 'frutto' dello Spirito nella mia povera vita, ma in realtà non basta neanche questo, se non si è capaci di rispondere alla chiamata di Dio, un Dio la cui sofferenza oltrepassa di gran lunga la comprensione umana ( immaginate un cuore di genitore che ama incommensurabilmente i propri figlioli, quanto può essere grande la sofferenza di un Padre e di una Madre rispetto a chiunque non possieda un simile cuore ? più si ama e più grande è il dolore, perché chi ama vive donando se stesso completamente .. questo in realtà è Dio ).
La chiata di Dio è quella di seguirlo per dare la vita, affinché il mondo non perisca ma viva. Il mondo non è fuori, ma dentro di noi: la chiamata è per tutti.

Sono nato da genitori anziani e mio padre è passato nel mondo spirituale cinque anni fa. Non smette di mandare messaggi, ogni qual volta io glielo chieda; non li manda però a me, ma a mia madre, che nulla sa del mio raporto con lui.
La mia vita ha attraversato le acque del peccato e della solitudine, quelle che mi hanno portato a conoscere diversi aspetti della miseria umana.
Sono nato con la Fede in Dio, ma non con la forza per far fronte alle difficoltà della vita, una vita che ti schiaccia da tutte le parti.
Ho scoperto nella mia vita che a nulla serve la forza derivante da piaceri effimeri, dal bisogno di sentirsi qualcuno, da quella che non è altro che la schiavitù di una passione sessuale atta solo ad uno sfogo e dipendenza fisica, dal fuggire le mie responsabilità che diventano solo un motivo per arrendermi ad esse, ovvero a me stesso... ad un io - il mio - che ha sempre cercato solo di riempire la propria voragine interiore, senza mai riuscirvi.
Questa è stata la mia vita, ma posso Testimoniare in questa realtà di miseria, senza speranza, la valenza del sacrificio di chiunque è disposto ad amare con tutto il proprio cuore, con tutta la propria anima e con tutte le proprie forze..... fino a dare la vita per un amico.
Ho scoperto che solo chi possiede l'amore e la vita può sconfiggere l'ombra della morte che ricopre la nostra Terra, che ricopre i nostri cuori.
Il frutto dello Spirito è stato un incredibile amore per chi soffre, per chi è ammalato, per chi è solo, per chi non ha nulla, per chi non ha amore... Questo solo riesce a riempire il mio animo, non perché mi identifico con l'esterno proiettando su di essi l'amore di cui ho bisogno, ma perché ho scoperto che la vera vita ( e non mi è mancato nulla in realtà nella mia ) sta nell'andare verso gli altri, nel poterli sentire profondamente come fratelli e sorelle, come padri e madri, come figli e figlie. Non è possibile fare questo se non si riceve - immeritatamente - un amore che non appartiene a questa terra.
Dio mi ha trasmesso la Fede in Cristo e solo questa posso Testimoniare, perché l'ho sperimentata dentro di me sentendo un amore incredibile, nel momento più buio della mia vita, in un momento in cui avevo rinunciato anche a Dio, anzi arrivando ad odiarlo, mentre all'improvviso mi ha fatto sentire questo incredibile amore per me, così come sono, e mi ha fatto scegliere ( non posso più scordarmelo ) ed io ho scelto Lui......
Non riesco a descrivere l'amore che ho sentito, perché è troppo grande per me che sono così piccolo.
Molti altri sono stati i segni del Suo Amore, fino - fisicamente parlando - alla materializzazione del sale, che durante una Messa ho sentito formicolare durante il Vangelo sulla mia fronte ( un mio amico era come me ). Questo è accaduto la domenica dopo l'esperienza di questo incredibile Amore che ho - a grosse linee - descritto.
Non basta avere Fede, perché il Signore prova nel crogiuolo chi ama.
Chiunque soffre, posso Testimoniare che è incredibilmente amato da Dio.
Chi soffre sa - questo lo conosco sulla mia pelle - che quello che manca nel mondo è l'amore... Quello che viviamo non è solo per noi, ma per chiunque aspetta una parola di speranza, che non sia solo teorica, perché la vita ed il dolore non sono mai teorici, ma concreti, fatti di fatti concreti di vita vissuta.
Se veramente abbiamo conosciuto l'Amore di Dio, allora Dio chiama le 'foglie' degli Alberi della Vita, posti sulle rive di un fiume d'acqua viva limpida come il cristallo che zampilla per una vita che non tramonta, a guarire tutte le Nazioni ..

Questa vuole essere la mia Testimonianza... vi prego di aprire i vostri cuori e di ascoltare la Parola di Dio, quello che ci chiede e che ci ha donato perché possiamo portare, a chiunque lo desideri, anche una piccolissima parola di vita vissuta e di amore concreto e sincero, perché Dio Operi - da subito - nella vita di chiunque riceva la Sua Parola di Vita..

Prossimamente scriverò sotto sua diretta dettatura l'esperienza di vita della mia anziana madre, perché possa essere un prezioso dono di vita vera a quanti desiderino con cuore aperto riceverlo nella propria vita.

Saluti
koan is offline  
Vecchio 11-02-2008, 07.50.33   #45
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Citazione:
Da Espert37:
Cara Veraluce,Carissima amica,spero ardentemente che ciò che esprimi in queste righe sia semplicemente frutto di una estemporanea espressione molto lontana e sopratutto estranea al tuo intelletto,perchè se veramente quanto esprimi è reale,sei sicuramente una persona priva di Fede,e priva di amore.La fede nella grande Verità e l'amore,sono azione ininterrotta alla ricerca di un continuo miglioramento.La fede non ti permette di adagiarti per goderti quel minimo stato di pseudo estasi che a te sembra di aver raggiunto.Come ben tu dici,sei barcollante perchè priva di una meta.La massima serenità interna,alberga nell'asceta o nell'eremita,in colui che con la sua forma di spiritualità si avvicina quasi al trascendentale immaginandosi di vivere in simbiosi con l'Essere Supremo, Ma, dimmi;Quali rapporti e quale efficacia può avere un tale essere con la società che lo circonda,che è la maggior fonte dalla quale attingere la nostra felicità,rapportandosi sempre con lei ed adoperandosi nel costante tentativo di migliorarla? Scusami Veraluce,ti parlo da vero amico e con tutto il cuore aperto verso di te, Ma cerca di capirmi: Non devi accontentarti della pacata serenità interna che te hai menzionato,dà quasi adito a far pensare ad una rinuncia a progredire.Cerca di interessarti a chi ti sta attorno e datti da fare per renderli felici,vedrai quanto buono e bello ti si riverserà addosso.
Cara Veraluce ricevi un ciao grande grande da chi ha letto tanti tuoi scritti,e ti stima molto. espert37
Caro Espert, quello che hai espresso sul mio post lo trovo molto distante dal contenuto che io volevo esprimere... ma se per te una persone che si arrende al volere di Dio è senza fede e senza amore, beh, pazienza... ti pregherei di non dare giudizi affrettati... io accetto anche che tu possa pensare qualsiasi cosa su quanto da me detto, ma sinceramente credo che hai interpretato tutto a modo tuo, e non posso non dirtelo....

"Barcollante" per me significa che sono pur sempre un essere umano "limitato"... che anch'io cado alcune volte, ma comunque mi rialzo sempre (di nuovo grazie a Dio!)... inoltre non ho mai detto che ho raggiunto uno stato di pseudo-estasi (se puoi indicarmi dove l'ho qui detto...?), ho detto in sintesi che non mi affanno più per ottenere chissà cosa, ma lascio fare a Dio... e non voglio ripetere all'infinito cose che ho espresso tante volte e che tante volte hanno deturpato le "orecchie" o meglio gli "occhi" altrui...
Quindi non ti preoccupare per me ma preoccupati di te stesso... io non giudico e gradirei non essere giudicata... soprattutto non è bello che si interpretino le mie parole a proprio piacimento... credo di usare bene il mio intelletto, non sono perfetta, sbaglio spesso anch'io ma non mi permetterei mai di dire a qualcuno che probabilmente ciò che dice è "estraneo al suo intelletto"... caro Espert, sai che ti ho sempre rispettato, ma non credo tu possa giudicare né la mia fede né l'amore che manifesto...
...anche perché mi sembra di aver sempre dimostrato anche sul forum quel che sono...

Ti abbraccio e buona giornata a te!

P.S.: E sinceramente parlando: io amo la serenità... e non penso che sia cosa di cui mi accontento... è pace e armonia... non sto dicendo che per gli altri debba essere così, sto dicendo che per me è così... nonostante tutte le vicissitudini che hanno attraversato e che continuano ad attraversare la mia vita... caro Espert... e dovresti ben saperlo ormai quali sono stati alcuni dei dolori che hanno solcato la mia esistenza... per questo ti dico attento a giudicare il prossimo frettolosamente!

Cioa Carissimo
veraluce is offline  
Vecchio 11-02-2008, 08.28.13   #46
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Citazione:
Da Giorgiosan:
Bentornata Veraluce

Non ho voluto dire che non bisogna testimoniare pubblicamente la propria fede in Cristo, al contrario bisogna sempre testimoniarla con le parole e con le opere coraggiosamente.

Quello che ho detto, senza spiegarmi bene evidentemente, è che le esperienze individualissime, le esperienze mistiche è più saggio non raccontarle, a meno di un esplicito invito a renderle pubbliche.
C'è una virtù cristiana che i santi hanno sempre praticato che si chiama "nascondimento" ed è una virtù che concorre a formare un atteggiamento umile.

Per quello che riguarda il Vangelo preferisco comunicartelo con un messaggio privato...


Grazie Giorgiosan , non ti eri spiegato male, soltanto che adesso ti sei spiegato meglio (e poi lo sai anche tu che ogni tanto sono di coccio e non volevo obiettare, in realtà volevo capire bene) !

Trovo che la logica che sottenda l'atteggiamento dei santi cristiani in fondo sia molto valida... l'umiltà è molto importante anche secondo me...

...e ti ringrazio anche per l'mp (sai che un altra persona mi mandò quel versetto e mi disse di stare attenta a ciò che dicevo in pubblico? Neanche allora avevo capito bene la saggezza di quelle parole... )

X Koan:

Leggere la tua esperienza mi ha trasmesso "molto"...una bella testimonianza... soprattutto non mi aspettavo tale apertura...

Nel concreto, anch'io penso di essere "nata" con questo "sentire" Dio...
...come tante altre persone la mia infanzia è stata da incubo, la mia adolescenza lo stesso e soltanto da poco tempo ho trovato una pace anche esteriore... dico "esteriore" perché comunque quella interiore nonostante tante esperienze traumatiche ce l'ho sempre avuta, per questo mi sono espressa dicendo che comunque la presenza dello Spirito l'ho percepita dalla nascita... mia madre, soltanto un mesetto fa, dopo che io gli ho confessato che ho incontrato quella che di solito definiamo "Luce", mi ha detto a sua volta che mentre mi partoriva ha visto scendere un triangolo di luce su di lei, in sala operatoria... ora a me poco importa di essere creduta dalle persone a cui racconto di queste "cose"... però non potrei mai far finta che non siano accadute e se ho la possibilità di dialogare con persone che hanno esperito cose simili, per me è una gioia divina... un condividere umilmente nello Spirito...
per questo ti ringrazio di cuore per aver esposto la tua esperienza...

Buona giornata a voi!
veraluce is offline  
Vecchio 11-02-2008, 09.53.38   #47
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Carissima Veraluce,secondo il mio modesto parere,l'azione sopratutto con il proprio prossimo sta quale fondamento della Fede e dell'amore.Ciò che io ho interpretato leggendo il tuo post,mi ha fatto immaginare una Veraluce appagata del suo stato interiore e lontana da ciò che gli gira attorno, Può anche darsi che io sia in errore,ma non condivido assolutamente l'isolamento delle suore di clausura e neanche degli eremiti.Ciò che ho espresso nel mio scritto, vuole essere una critica costruttiva,non un mal giudizio. Comunque se non ci trovi consiglio efficace, scarta pure il tutto.Il mondo è così interessante perchè ogni uno ha la possibilità di pensare ed agire secondo le proprie idee,e la Fede oltre a tutto il resto ci offre il piacere di adoperarsi per tentare di trasmettere ciò che si ritiene buono al proprio prossimo.
Se qualcosa di mio ti ha recato offesa, perdona la mia schiettezza perchè riconosco che è un mio brutto difetto e che lentamente però stò cercando di migliorare imparando ad esprimermi in modo migliore.
Ciao Veraluce,a risentirci espert37
espert37 is offline  
Vecchio 11-02-2008, 11.28.31   #48
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Carissimo Koan, ho letto e riletto quattro o cinque volte quanto tu hai espresso e ti ringrazio immensamente per il contributo che mi hai dato con tanta efficacia per il miglioramento e l'innalzamento del mio sentimento di Fede. Mi auguro fermamente di avvicinarmi sempre più al tuo stato di pensare.
Nuovamente ti ringrazio Ciao espert37
espert37 is offline  
Vecchio 11-02-2008, 11.52.26   #49
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Testimoniare la Verità

"Testimoniare non è predicare,non è propugnare o condannare,ma solo offrire la nostra esperienza agli altri.Fatto questo,il nostro lavoro è compiuto.Non dobbiamo attaccarci al risultato ma lasciarlo allo Spirito Santo."

Paul Ferrini
Noor is offline  
Vecchio 11-02-2008, 13.39.23   #50
marco cossu
Ospite abituale
 
L'avatar di marco cossu
 
Data registrazione: 30-01-2008
Messaggi: 92
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Citazione:
Originalmente inviato da koan
Credevo di averlo già chiarito. Il tuo tono è direi fin troppo tendenzioso e fazioso ( pur non essendo religioso ) o quanto meno allusivo, non ti pare ? sei libero di esprimere quello che ritieni opportuno, ma - qui almeno e se non vuoi essere O.T. - restando nei termini della Fede ( vedila pure come preferisci, ma nel rispetto di chi diversamente da te è anche religioso, quindi ti invito a dir pure quello che riguarda te, non quello però che non riguarda te stesso, alludendo, come fai, a ben altro e volendo probabilmente dibattere su altre tematiche che non sono però previste in questo 3d; a parte chiarimenti in tema, il quale, te lo ripeto, riguarda: le ragioni della propria Fede ).


Perché a te non è mai capitato di amare senza condizioni ?


e io ti voglio rispondere: che cosa vuol dire dare la propria vita per gli altri o sacrificare se stessi per il bene di altri ? che cosa vuol dire camminare senza una meta ed all'impazzata, non avendo bisogno né di conoscere da dove si viene, né donde si va .. mentre tutto diventa il contrario di tutto ?


Esiste un processo naturale di crescita e di sviluppo per le cose che divengono nel tempo, questo è un dato di fatto, ma ogni avvenimento deve essere rigidamente inquadrato nel proprio contesto storico.
Non limito Dio ( pur facendolo non vi riuscirei mai ), ma sono invece chiamato nella mia vita ( che è un dono ) a ricercare e perseguire la Verità ( non solo esteriormente parlando ) .. Se poi mi dici anche che non esiste per l'uomo e la donna una Coscienza che parla dentro di sé e Leggi sia "morali" che "fisiche", allora che vuoi che ti dica ? fa pure ciò che ritieni più giusto...


Dipende da molti fatti e contingenze, ma non è questo certamente il contesto per discuterne .. non ti pare ?


Il poter arrivare a lasciare ai discendenti o posteri un 'frutto' che resta e che non appassisce, come quello di una pianta che produce ogni stagione i propri 'frutti' .. ed essi risultino essere buoni al palato...


caro koan, il mio tono lo stai decidendo tu perchè io sto scrivendo semplicemente ciò che penso, il 3d è "fede o ragione?" "e non fede e basta", giusto?

io sto chiedendoti le ragioni della tua fede, quindi sono perfettamente a tema.

io non ho fede perchè sento l'esistenza di dio.
tu perchè hai fede?

a te che dici di amare senza condizioni voglio chiedere: ami anche i pedofili?

io ti voglio chiedere: cosa significa sacrificare se stessi per gli altri se in realtà lo facciamo per sentirci bene dentro di noi?

tu dici che esiste una morale oggettiva, allora ti voglio chiedere: cosa ne pensi dell'eutanasia?

mi fai un esempio di un 'frutto' che resta e che non appassisce?

tengo a precisare che non giudico il tuo pensiero sbagliato, sto cercando di capire come la pensi...le mie domande e affermazioni vogliono essere la base di un dialogo non di uno scontro.

ciao.
marco cossu is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it