Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 07-02-2008, 18.26.36   #31
marco cossu
Ospite abituale
 
L'avatar di marco cossu
 
Data registrazione: 30-01-2008
Messaggi: 92
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Citazione:
Originalmente inviato da koan
Carissima, la Fede non è un vedere con chiarezza, questo è vero, ma è più esattamente, se puoi comprenderlo: <<fondamento delle cose che si sperano e prova di quelle che non si vedono.>>
Stiamo parlando cioè di certezza, la quale non può che venire da Dio, anche se può essere - incredibilmente - paragonata a quella ad esempio dettata dalla sin troppo condizionabile mente e dall'immaginazione innata umana .. Chi possiede la Fede è pronto a dare la vita ( quando è per Amore, dato che Dio è Amore infinito ); poi, dai Frutti si riconosce sempre l'Albero. Ciao

perchè dai per scontato che la certezza venga da dio?

allora dimmi, cos'è che non viene da dio?
marco cossu is offline  
Vecchio 07-02-2008, 18.29.24   #32
marco cossu
Ospite abituale
 
L'avatar di marco cossu
 
Data registrazione: 30-01-2008
Messaggi: 92
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Citazione:
Originalmente inviato da koan
E' vero, ed anche una solo parola può ridare sostegno a chi si sente sfiduciato .. La Parola non è così astratta, ma può divenire un'arma molto affilata da usare per il bene o per il male.


cosa è il bene?

cosa è il male?
marco cossu is offline  
Vecchio 07-02-2008, 20.46.35   #33
koan
Utente bannato
 
L'avatar di koan
 
Data registrazione: 19-09-2007
Messaggi: 522
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Il mio vuole essere innanzi tutto un invito per i "credenti" a motivare le proprie ragioni di Fede, ma forse non siamo in sintonia...

I "non credenti", invece, d'altro canto, non possono che auspicare il dibattito sull'esistenza o meno di Dio ( in termini naturalmente fisici ed esteriori ), invece che cercare la strada dell'ascolto; la quale in effetti sembra mancare, nonostante abbia impostato questo 3d su un punto specifico, che ritengo essere molto importante ed indicativo per chi non solo possiede la Fede - sempre che non sia teorica - ma anche per chi la Fede non ce l'ha e non può comprendere che cosa sia, in termini che possano essere giustamente concreti/tangibili e non astratti, ovvero fondati sull'esperienza personale...

Citazione:
Originalmente inviato da marco cossu
perchè dai per scontato che la certezza venga da dio?
Non do nulla "per scontato" come se si trattasse di un calcolo probabilistico da dover stimare, ma sto parlando di una certezza che viene alimentata da un'entità esterna al sé, la quale fa sentire la propria voce dentro la propria anima ( vi ricordo che ci troviamo nella sezione "spiritualità" che mi consente di parlare in termini anche spirituali ) trovandone conferma attraverso - lo ripeto - fatti concreti di vita vissuta.
Che cosa "viene da Dio" può essere riconosciuto solo dai 'frutti esterni', una volta che questi raggiungano la piena maturità, e da un 'frutto interno' che dà pace ed amore incondizionatamente.
In termini pratici, se così si può dire, solo con Dio è possibile seguire ( in maniera diretta o principale ) una via che è non solo contraria alla nostra stessa tendenza naturale ( di tipo "egoistico", ossia in termini quanto meno di "sopravvivenza"; eccezioni a parte ), ma prima di tutto che non è fatta di esteriorità ( tanto in senso apparentemente logico, quanto fisico; eccezioni a parte ). Chi segue la voce interiore di Dio non può che essere recepito, agli occhi del mondo, come un/una "folle"...

Citazione:
Originalmente inviato da marco cossu
allora dimmi, cos'è che non viene da dio?
Da Dio non viene l'incertezza, mentre la certezza pulsa al ritmo della propria dimensione di cuore ..

Citazione:
Originalmente inviato da marco cossu
cosa è il bene?

cosa è il male?
Il bene è tutto ciò che porta a piena maturità le cose portando un 'frutto che resta', mentre il male è ciò che le rende come fine a se stesse portando un 'frutto che muore e che non resta' ..
koan is offline  
Vecchio 09-02-2008, 12.51.45   #34
marco cossu
Ospite abituale
 
L'avatar di marco cossu
 
Data registrazione: 30-01-2008
Messaggi: 92
Riferimento: Fede e ragione .. ?

ma per fede intendi "rispetto delle regole di una data religione"?

se così fosse non ho minimamente fede, se invece intendi parlare di fede in dio , ti posso dire che non ho fede ma certezza dell'esistenza di dio.


quando dici: Che cosa "viene da Dio" può essere riconosciuto solo dai 'frutti esterni', una volta che questi raggiungano la piena maturità, e da un 'frutto interno' che dà pace ed amore incondizionatamente.

io ti chiedo: quindi tu ami incondizionatamente?


tu scrivi: In termini pratici, se così si può dire, solo con Dio è possibile seguire ( in maniera diretta o principale ) una via che è non solo contraria alla nostra stessa tendenza naturale ( di tipo "egoistico", ossia in termini quanto meno di "sopravvivenza"; eccezioni a parte ), ma prima di tutto che non è fatta di esteriorità ( tanto in senso apparentemente logico, quanto fisico; eccezioni a parte ). Chi segue la voce interiore di Dio non può che essere recepito, agli occhi del mondo, come un/una "folle"...


e io ti voglio chiedere, cosa vuol dire egoistico? cosa vuol dire folle?

tu scrivi:
Da Dio non viene l'incertezza, mentre la certezza pulsa al ritmo della propria dimensione di cuore ..

allora ti voglio chiedere: se tu dici che l'incertezza non viene da dio stai limitando dio alle sole cose che tu ritieni siano "il bene".
il problema è che il concetto di "bene" non solo è soggettivo ma veria nel tempo e nello spazio.

ti faccio due domande: la pena di morte è bene?
cosa ne pensi dell'eutanasia?


tu dici: Il bene è tutto ciò che porta a piena maturità le cose portando un 'frutto che resta', mentre il male è ciò che le rende come fine a se stesse portando un 'frutto che muore e che non resta' ..

cosa intendi per piena maturità?
marco cossu is offline  
Vecchio 09-02-2008, 23.24.30   #35
sunday01
Ospite abituale
 
L'avatar di sunday01
 
Data registrazione: 05-07-2005
Messaggi: 464
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Ciao Koan. Ho letto la tua domanda e ti posso dire che una persona che ha fede non ha nessun problema ad esporre le ragioni della sua fede.
Io nella mia vita ho sempre avuto fede in Dio, non solo nella sua esistenza ma soprattutto nella sua presenza, che sento fortemente nella mia vita.
Avere fede in Dio vuol dire fidarsi di lui, e una persona che si fida accetta la sua legge, che è scritta nel cuore, quindi è già una luce che rischiara il cammino, anche se non si sa bene dove ci porterà e che esperienze ci farà fare...
La fede è fatta di rinunce ma anche di consolazioni, sai dentro di te che non sei solo, che qualcuno ti accompagna, che non ti abbandonerà mai se tu non gli volti le spalle...e anche in quel caso sei tu che abbandoni, non lui perchè Dio è un Dio fedele...
Nella mia vita ho passato periodi molto difficili, in cui pensavo di non credere più a nulla ma ho visto anche dei frutti che non speravo e continuo il cammino...
La fede non è cieca, è ragionata, è capire che noi da soli siamo poco meno di nulla, chiedi a uno scienziato di produrre dal nulla in laboratorio la più piccola delle cose che esiste in natura, se non ha un qualcosa di già esistente su cui lavorare non può fare nulla perchè la scienza può studiare solo quello che già esiste, e tutto quello che ci sta intorno in natura non l'ha fatto l'uomo e vedi che tutto è retto da un'intelligenza che non solo crea ma permette che la creazione proceda...
Tu parlavi di Abramo il Padre delle Fede... io penso che anche lui avendo sentito fortemente la presenza di Dio abbia avuto fiducia, per cui ha risposto affermativamente anche se non sapeva con certezza dove lo avrebbe portato la fede... ma è uscito dalla sua terra andando verso l'ignoto che però ignoto non era, gli sembrava impossibile quando Dio gli ha promesso un figlio da Sara sua moglie che aveva 90 anni, eppure quel figlio è nato.... questo per dire che è con la fede che avvengono i miracoli, il porre fiducia in chi ha fatto tutte le cose...
E tante altre cose sono accadute grazie alla fede... prova a pensare a Maria, anche a lei che non aveva conosciuto uomo pareva impossibile concepire un figlio, eppure ha detto "sia fatto di me secondo la tua parola"... se non si fosse fidata e si fosse chiusa in se stessa, la storia come la conosciamo sarebbe stata molto diversa...
Per cui direi che la fede è accettare di stare con Dio, è dare la propria disponibilità, è camminare insieme, è agire come se fosse Dio stesso che agisce per mezzo di noi...
Infatti Dio agisce nel mondo attraverso gli uomini e le donne che hanno fede, quindi è un dono ma anche un onere da portare avanti...
Che altro ti posso dire ??? Che la fede produce fede, vedere una persona di fede non solo di nome ma anche di fatto, vedere la sua serenità, e i frutti che questa fede produce nella sua vita e in quella di chi gli sta vicino invoglia a seguirla, non tanto per una promessa futura, quanto per la vita quotidiana, che ha una finalità da seguire e un perchè, visto che ognuno di noi è un essere che basta lo voglia può collaborare con Dio a rendere migliore e più vivibile questo mondo...

sunday01 is offline  
Vecchio 10-02-2008, 09.26.23   #36
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Ci sono due significati di fede.
Uno è quello della fede negli asserti della dottrina di una religione, come sarebbe, per esempio, fede nella creazione del mondo dal nulla. Questa è la fides quae creditur, che è fede in contenuti che possono essere concettualizzati, eventualmente discussi cioè esaminati dalla ragione.

L'altro è la fede soggettiva, fides qua che è la fiducia in Dio. Esempio: la fede di Abramo che si appresta a sacrificare Isacco...è un abbandonarsi alla volontà di Dio, cioè fidarsi completamente di Lui.

Questa fede è quella che può o non può accompagnare le azioni di ogni giorno, la fede esistenziale se si vuole (che non riguarda i contenuti dalla fede).
La presenza dello Spirito è continua, e se ne fa esperienza in molti diversi modi.
I credenti che esercitano questa fede o fiducia, pur nella certezza della presenza dello Spirito che esperimentano in modi diversi, devono talvolta farsi una certa violenza perché ciò che lo Spirito Santo chiede può essere assai diverso da quello che faremmo o sceglieremmo secondo i nostri personali giudizi. E non è detto che un credente abbia sempre questa fede o fiducia ad agire secondo la volontà di Dio ....per paura dell'opinione degli altri, per timore che gli costi troppo, ecc. ecc.


Citazione:
Originalmente inviato da koan
Nessuno vedo che ha esperienza di Fede personale e a mio vedere questo è molto male...

C'è sempre un certo ritegno a raccontare l'esperienza della presenza dello Spirito ed è un outing che è sconsigliato anche dal Vangelo.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 10-02-2008, 10.24.58   #37
koan
Utente bannato
 
L'avatar di koan
 
Data registrazione: 19-09-2007
Messaggi: 522
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Citazione:
Originalmente inviato da marco cossu
ma per fede intendi "rispetto delle regole di una data religione"?

se così fosse non ho minimamente fede, se invece intendi parlare di fede in dio , ti posso dire che non ho fede ma certezza dell'esistenza di dio.
Credevo di averlo già chiarito. Il tuo tono è direi fin troppo tendenzioso e fazioso ( pur non essendo religioso ) o quanto meno allusivo, non ti pare ? sei libero di esprimere quello che ritieni opportuno, ma - qui almeno e se non vuoi essere O.T. - restando nei termini della Fede ( vedila pure come preferisci, ma nel rispetto di chi diversamente da te è anche religioso, quindi ti invito a dir pure quello che riguarda te, non quello però che non riguarda te stesso, alludendo, come fai, a ben altro e volendo probabilmente dibattere su altre tematiche che non sono però previste in questo 3d; a parte chiarimenti in tema, il quale, te lo ripeto, riguarda: le ragioni della propria Fede ).

Citazione:
Originalmente inviato da marco cossu
quando dici: Che cosa "viene da Dio" può essere riconosciuto solo dai 'frutti esterni', una volta che questi raggiungano la piena maturità, e da un 'frutto interno' che dà pace ed amore incondizionatamente.

io ti chiedo: quindi tu ami incondizionatamente?
Perché a te non è mai capitato di amare senza condizioni ?

Citazione:
Originalmente inviato da marco cossu
tu scrivi: In termini pratici, se così si può dire, solo con Dio è possibile seguire ( in maniera diretta o principale ) una via che è non solo contraria alla nostra stessa tendenza naturale ( di tipo "egoistico", ossia in termini quanto meno di "sopravvivenza"; eccezioni a parte ), ma prima di tutto che non è fatta di esteriorità ( tanto in senso apparentemente logico, quanto fisico; eccezioni a parte ). Chi segue la voce interiore di Dio non può che essere recepito, agli occhi del mondo, come un/una "folle"...


e io ti voglio chiedere, cosa vuol dire egoistico? cosa vuol dire folle?
e io ti voglio rispondere: che cosa vuol dire dare la propria vita per gli altri o sacrificare se stessi per il bene di altri ? che cosa vuol dire camminare senza una meta ed all'impazzata, non avendo bisogno né di conoscere da dove si viene, né donde si va .. mentre tutto diventa il contrario di tutto ?

Citazione:
Originalmente inviato da marco cossu
tu scrivi:
Da Dio non viene l'incertezza, mentre la certezza pulsa al ritmo della propria dimensione di cuore ..

allora ti voglio chiedere: se tu dici che l'incertezza non viene da dio stai limitando dio alle sole cose che tu ritieni siano "il bene".
il problema è che il concetto di "bene" non solo è soggettivo ma varia nel tempo e nello spazio.
Esiste un processo naturale di crescita e di sviluppo per le cose che divengono nel tempo, questo è un dato di fatto, ma ogni avvenimento deve essere rigidamente inquadrato nel proprio contesto storico.
Non limito Dio ( pur facendolo non vi riuscirei mai ), ma sono invece chiamato nella mia vita ( che è un dono ) a ricercare e perseguire la Verità ( non solo esteriormente parlando ) .. Se poi mi dici anche che non esiste per l'uomo e la donna una Coscienza che parla dentro di sé e Leggi sia "morali" che "fisiche", allora che vuoi che ti dica ? fa pure ciò che ritieni più giusto...

Citazione:
Originalmente inviato da marco cossu
ti faccio due domande: la pena di morte è bene?
cosa ne pensi dell'eutanasia?
Dipende da molti fatti e contingenze, ma non è questo certamente il contesto per discuterne .. non ti pare ?

Citazione:
Originalmente inviato da marco cossu
tu dici: Il bene è tutto ciò che porta a piena maturità le cose portando un 'frutto che resta', mentre il male è ciò che le rende come fine a se stesse portando un 'frutto che muore e che non resta' ..

cosa intendi per piena maturità?
Il poter arrivare a lasciare ai discendenti o posteri un 'frutto' che resta e che non appassisce, come quello di una pianta che produce ogni stagione i propri 'frutti' .. ed essi risultino essere buoni al palato...
koan is offline  
Vecchio 10-02-2008, 10.30.06   #38
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Citazione:
Da Giorgiosan:
C'è sempre un certo ritegno a raccontare l'esperienza della presenza dello Spirito ed è un outing che è sconsigliato anche dal Vangelo.

Buona domenica Giorgiosan!

Potresti riportare, per favore, qualche passo del vangelo in cui si sconsiglia di raccontare l'esperienza della presenza dello Spirito..?

Vuol questo forse dire che i martiri cristiani, esponendo la loro fede pubblicamente e, diciamo, "senza ritegno", sono contravvenuti a quanto il vangelo stesso consiliglia?

Pongo tali domande per capire, poiché se Gesù è venuto a portare una "spada", se una vera fede può essere messa alla prova da tutto e mai sconfitta, allora: perché questo timore ad esporsi agli altri uomini?
Chi è in Dio non dovrebbe temere nulla... forse il timore è per quelli che vogliono preservare la propria vita... se si nasconde qualcosa è come se si dicesse il falso... la luce non ha paura di nulla e non può essere nascosta, essa splende... è l'"umanità" che si autolimita nei propri timori... chi è grande e forte nella fede certo non si nasconde... spero...

...e spero anche che mi aiuterai a capire...

Un per te!
veraluce is offline  
Vecchio 10-02-2008, 10.42.33   #39
koan
Utente bannato
 
L'avatar di koan
 
Data registrazione: 19-09-2007
Messaggi: 522
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Citazione:
Originalmente inviato da Giorgiosan
C'è sempre un certo ritegno a raccontare l'esperienza della presenza dello Spirito ed è un outing che è sconsigliato anche dal Vangelo.
Molto bene, allora chiedo da parte mia ad ogni credente di non parlare affatto, né di Dio né della Fede, perché chi non può Testimoniare la propria Fede non ha neanche il diritto di chiamare qualcuno alla fede o di parlare per Essa.
Se è vero che la Fede è personale, è soprattutto vero che la Fede è condivisibile, senza 'metri' personali però, perché i propri 'metri di giudizio' non sono quelli del Padre, ma piuttosto chiacchiere, pietosismi e fanatismi/fazioni vari...
La Fede è un dono di Dio, ma si basa su fatti concreti della propria vita; non ho chiesto di parlare di fenomeni paranormali o di visioni personali ( che ci siano o meno ), ma secondo il Vangelo di Cristo, ossia:

Testimoniare - deliberatamente - i fatti su cui si poggia la propria Fede.

Quali sono stati i Frutti dello Spirito nella "tua" vita .. ?

Saluti.
koan is offline  
Vecchio 10-02-2008, 18.37.43   #40
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: Fede e ragione .. ?

Citazione:
Da Koan:
Quali sono stati i Frutti dello Spirito nella "tua" vita .. ?

I frutti sono stati che cerco sempre meno frutti... e soprattutto il fatto che qualsiasi cosa mi possa succedere alla fine poco mi importa... non che sono strafottente verso la vita, soltanto che sono serena dentro... certo resto comunque un barcollante essere umano, tuttavia vivere nello Spirito mi riporta sempre ad un "centro"... e non è che ci devo pensare, avviene spontaneamente... e più passa il tempo e più diventa un atteggiamento naturale il fatto di stare in armonia nei più disparati contesti... se, per fare un esempio (puerile), il mese scorso riflettevo di andare di qua o di là per trovare ancora più equilibrio, più serenità, oggi so che ho concretizzato ancora di più la mia serenità interiore da star bene sia di qua che di là, ovvero che non ho bisogno di andare da nessuna parte, sto bene dove sono...

Io non so se la mia si possa chiamare fede, certo è che per me stessa ho "prove di quelle cose che non si vedono" e questo mi basta... non cerco neanche di convincere gli altrui cervelli di questa cosa... a me importa essere in armonia nel contesto in cui "esisto"...

Per tornare alle "ragioni": beh, la mia vita al naturale tende di per sé a manifestare amore... l'amore unifica anche nelle apparenti diversità... l'ho visto nel concreto, lo rivedo ogni giorno intorno a me... non ho ancora conosciuto qualcosa che sia più grande e più forte dell'amore... neanche le paure e i contrasti tra uomini possono fermare l'amore... grazie a Dio (o chiamatelo come vi aggrada)!

Non so se ho risposto alla domanda della discussione...
...e te, Koan ( ), quali sono stati i frutti dello Spirito nella tua vita?
veraluce is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it