Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 26-07-2007, 13.51.20   #41
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Osho

Ma guarda cosa mi tocca fare...

"Le ultime parole di Gesù furono: "Dio, perdonali perché non sanno quello che fanno." Questo fu il miracolo più grande: il corpo sta soffrendo, Gesù sta morendo, eppure è ancora colmo d’amore. Nel momento in cui venne crocefisso, dimostrò di essere il figlio di Dio, perché la sua compassione rimase pura.
Non fu possibile distruggere la sua compassione, né distruggere la sua preghiera, non siete riusciti a distruggere il suo cuore." (Osho)
Yam is offline  
Vecchio 26-07-2007, 14.39.12   #42
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: Osho

Ho trovato qualche cosa in più da leggere per

MANU1






Che cos'è l'arte oggettiva?

La creatività ha qualche relazione con la meditazione?

Osho:
L'arte può essere divisa in due parti. Il novanta per cento dell'arte è un'arte soggettiva. Solo l'uno per cento è arte oggettiva. Quel novanta percento di arte soggettiva non ha alcuna relazione con la meditazione. Solo l'uno per cento di arte oggettiva è basata sulla meditazione.

Arte soggettiva vuol dire che riversi la tua soggettività sulla tela - i tuoi sogni, le tue fantasie. È una proiezione della tua psicologia. La stessa cosa accade in poesia, nella musica, in tutte le dimensioni della creatività: non ti preoccupi della persona che vedrà il tuo quadro, non ti interessa cosa le succederà quando lo vedrà; questa è una cosa che non ti riguarda affatto. La tua arte è come un vomito. Ti aiuta, proprio come il vomito ti è di aiuto. Manda via la nausea, ti fa sentire più pulito, più sano. Ma non hai preso in considerazione ciò che accadrà alla persona che vedrà il tuo vomito; le verrà la nausea, comincerà a sentirsi male.

Osserva i dipinti di Picasso. È un grande pittore, ma è solo un artista soggettivo. Se guardi i suoi quadri, inizi a sentirti male, ti girerà la testa, comincerai a dare i numeri. Non puoi guardare i quadri di Picasso per troppo tempo. Ti viene voglia di scappare, perché il quadro non è nato da un essere silenzioso. Nasce dal caos. È il sottoprodotto di un incubo. Ma il novantanove percento di tutta l'arte appartiene a questa categoria.

L'arte oggettiva è proprio l'opposto. Chi la fa, non ha nulla da buttar fuori, è del tutto vuoto, pulito. Da quel silenzio, da quel vuoto nascono l'amore e la compassione. E da quel silenzio nasce una possibilità per la creatività. Questo silenzio, questo amore, questa compassione, sono le qualità della meditazione.

La meditazione ti porta fino al centro del tuo essere. E il tuo centro non è solo il tuo centro, è il centro di tutta l'esistenza. Solo alla periferia siamo diversi. Quando iniziamo ad avvicinarci al centro, siamo tutt'uno. Siamo parte dell'eternità, una straordinaria esperienza di luce ed estasi al di là delle parole. Qualcosa che puoi essere... ma che è molto difficile da esprimere. Nasce in te però un grande desiderio di condividerla, perché tutti intorno a te brancolano alla ricerca di queste esperienze. E tu le conosci già, conosci la strada.

Queste persone cercano dappertutto tranne dentro di sé, ed è lì che si trovano! Vorresti gridare, vorresti scuoterli e dire: "Aprite gli occhi! Dove state andando? Dovunque sia, è sempre lontano da voi stessi. Tornate a casa, e andate più in profondità che potete dentro di voi".

Questo desiderio di condividere diventa creatività. Qualcuno si metterà a danzare. Ci sono stati dei mistici, come per esempio Jalaluddin Rumi, i cui insegnamenti non erano espresso con le parole, ma nella danza. Si metteva a danzare. I suoi discepoli si sedevano vicino a lui, e lui diceva: "Chiunque desideri unirsi a me, può farlo. È una questione di sensazioni. Se senti di farlo, è una scelta tua. Puoi anche star seduto a guardare".

Ma quando vedi un uomo come Jalaluddin Rumi che danza, qualcosa che era addormentata in te, si sveglia. A dispetto di te stesso, ti ritrovi a partecipare alla danza. Danzi prima ancora di esserti accorto che lo stai facendo.

Anche questa è un'esperienza di straordinario valore, questo fatto di essere attirato come da una forza magnetica. Non è stata una decisione della mente, non hai pesato i pro e i contro, se partecipare oppure no. La bellezza della danza di Rumi, l'energia che emana, ha preso possesso di te. Ti ha toccato. Questa danza è arte oggettiva.

Se continui - e a poco a poco sarai sempre meno imbarazzato, sempre più bravo - un po' alla volta ti dimenticherai del resto del mondo. Arriva il momento in cui il danzatore scompare e rimane solo la danza.

In India ci sono statue davanti alle quali puoi sederti e meditare. Osservale. Sono state fatte da meditatori in modo tale, con tali proporzioni, che solo guardarle, osservare la figura, la proporzione, la bellezza... Tutto è stato calcolato al millimetro per creare uno stato di meditazione dentro di te. Seduto in silenzio vicino alla statua di Buddha o Mahavira, sentirai una strana emozione, una che non provi quando ti siedi vicino alle statue degli scultori occidentali.

Tutta la scultura occidentale è sessuale. Guarda la scultura dei tempi dei Romani: bella, ma crea dentro di te una sensazione sessuale. Colpisce il tuo centro sessuale, non tende a innalzarti. In Oriente le situazione è molto diversa. Anche lì si scolpiscono delle statue, ma prima di iniziare a scolpire lo scultore impara a meditare. Prima che qualcuno si metta a suonare il flauto, impara a meditare. Prima di scrivere poesie, impara a meditare. La meditazione è una necessità assoluta per qualsiasi tipo di arte; allora l'arte sarà oggettiva.

Se leggi le poche righe di un haiku - una forma giapponese di poemetto fatto di solo tre righe, a volte di tre sole parole - se lo leggi in silenzio, rimarrai sorpreso. È più esplosivo della dinamite. Può aprire le porte del tuo essere.

Vicino allo stagno adiacente alla mia casa, ho un breve haiku di Basho. Lo amo molto, così ho voluto averlo là. Tutte le volte che passo... Basho è una delle persone che amo di più. Non è nulla di straordinario: Un antico stagno... Non è la solita poesia, è un'immagine pittorica. Prova a visualizzarlo: Un antico stagno. Una rana salta... Puoi quasi vederlo, questo antico stagno! Puoi quasi vedere la rana e il suono che fa saltando: Plop.

E poi torna il silenzio. Lo stagno antico è là, la rana ci è saltata dentro, il suono del suo salto ha creato un silenzio più profondo di prima. Leggerlo non è come leggere le solite poesie - l'una o l'altra... No, lo leggi, ti siedi in silenzio. Lo visualizzi. Chiudi gli occhi. Vedi l'antico stagno. Vedi la rana. La vedi saltare. Vedi le increspature nell'acqua. Ascolti il suono. E ascolti il silenzio che lo segue.

Questa è arte oggettiva.

Basho deve averlo scritto in uno stato di profonda meditazione, seduto vicino a un antico stagno, osservando una rana. Poi la rana salta. E Basho si rende improvvisamente conto del miracolo: quel suono approfondisce il silenzio. Il silenzio è più intenso di prima. Questa è arte oggettiva.

Se non sei un creatore, non puoi mai trovare la vera estasi. Solo creando diventi parte della grande creatività dell'universo. Ma per essere un creatore, la meditazione è una necessità imprescindibile. Senza di essa puoi dipingere, ma il tuo quadro dovrà essere bruciato, non mostrato agli altri. Andava bene per aiutarti, per scaricarti del tuo fardello, ma per favore ora non caricare qualcun altro. Non regalarlo ai tuoi amici, loro non sono tuoi nemici.

L'arte oggettiva è arte meditativa, l'arte soggettiva è arte della mente.
klee is offline  
Vecchio 26-07-2007, 16.16.32   #43
yeiaiel
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 19-06-2007
Messaggi: 23
Riferimento: Osho

Citazione:
Originalmente inviato da atisha
ciò che Osho diceva di Gesù lo contraddiceva la volta dopo..
Osho è un grande provocatore..

E'...

Non si può sindacare la parola di un Illuminato (DIO).
yeiaiel is offline  
Vecchio 26-07-2007, 16.33.22   #44
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Osho

Citazione:
Originalmente inviato da yeiaiel
Non si può sindacare la parola di un Illuminato (DIO).

E chi lo ha detto?
Se non verifichi in te le parole del maestro sei un ipocrita...e se le prendi per vere senza sperimentare, verificare, diventi un ideologo, chiuso e dogmatico e quelle parole divengono lettera morta. Non e' difficile capire questo, oltretutto i testi possono essere stati manipolati, infatti ogni tanto si trovano delle notevoli incongruenze.
Buddha che era figlio di dio come me e te e Gesu' disse proprio questo, e non solo lui.
Yam is offline  
Vecchio 26-07-2007, 22.34.59   #45
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Osho

Citazione:
Originalmente inviato da yeiaiel
Non si può sindacare la parola di un Illuminato (DIO).

dipende dai punti di vista..

per me Osho era un Illuminato..
atisha is offline  
Vecchio 27-07-2007, 09.28.56   #46
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Osho

Citazione:
Originalmente inviato da atisha
dipende dai punti di vista..

per me Osho era un Illuminato..

Gia', infatti per me non lo era.
Yam is offline  
Vecchio 27-07-2007, 14.20.38   #47
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Osho

Citazione:
Originalmente inviato da Yam
Gia', infatti per me non lo era.


non ne avevo dubbi
ma si tratta solo di differenti riferimenti che si danno a quel termine..

e del valore che si da a quella parola
ed alle aspettative che sotto sotto covano in chi non lo vuole vedere illuminato..

se dicessi che per me è un Buddha?
stessa cosa..


Ultima modifica di atisha : 27-07-2007 alle ore 14.57.26.
atisha is offline  
Vecchio 27-07-2007, 14.34.21   #48
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Osho

Citazione:
Originalmente inviato da atisha
non ne avevo dubbi
ma si tratta solo di differenti riferimenti che si danno a quel termine..

e del valore che si da a quella parola
ed alle aspettative che sotto sotto covano a chi non lo vuole vedere illuminato..

se dicessi che per me è un Buddha?
stessa cosa..


Osho sapeva benissimo di non essere illuminato perche' era un professore di filosofia e conosceva molto bene i testi e la tradizione del suo Oriente e anche quelli dell'Occidente...tuttavia a quei poveri accattoni spirituali di ignorantissimi occidentali, ribelli frustrati da una civilta' in decadenza, tra cui c'ero anche io che pero' evitai di incontrarlo, faceva bene in quel momento a farla facile....chi ha orecchi.....
Oggi si vedono bene i suoi discepoli brancolare tra illusioni di goni genere....non tutti pero'...e lui lavoro' per quelli.
Yam is offline  
Vecchio 27-07-2007, 14.58.33   #49
crepuscolo
viandante
 
Data registrazione: 19-11-2006
Messaggi: 199
Riferimento: Osho

Citazione:
Originalmente inviato da atisha
non ne avevo dubbi
ma si tratta solo di differenti riferimenti che si danno a quel termine..

e del valore che si da a quella parola
ed alle aspettative che sotto sotto covano in chi non lo vuole vedere illuminato..

se dicessi che per me è un Buddha?
stessa cosa..


non può essere un Buddha altrimenti sarebbe un illuminato
crepuscolo is offline  
Vecchio 27-07-2007, 16.34.40   #50
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Osho

In un Maestro e' piu' importante la capacita' pedagogica,divulgativa che la "quantita' di illuminazione.
Quello era il dono di Osho,secondo me,piu' di qualsiasi altro.
Noor is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it