Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 24-03-2006, 13.42.33   #1
Quaglia
Ospite
 
Data registrazione: 24-03-2006
Messaggi: 7
perchè essere cattolico?

Voi direte: "il paradiso, la vita eterna..." ma io voglio guadagnarci qualcosa qui sulla terra non quando sarò morto! Io sono stato cresciuto da una famiglia di cattolici praticanti quindi in dio ci credo, però credo anche che sia sbagliato infondre in un bambino sin da piccolo dei principi che gli resteranno per tutta la vita, lui non potrà più scegliere se credere o non credere, è una non libertà. Quindi, visto che sono indeciso fra essere cattolico e non, vi chiedo di aiutarmi a scegliere.
Quaglia is offline  
Vecchio 24-03-2006, 14.05.12   #2
nonimportachi
Utente bannato
 
Data registrazione: 04-11-2004
Messaggi: 1,010
Re: perchè essere cattolico?

Citazione:
Messaggio originale inviato da Quaglia
Voi direte: "il paradiso, la vita eterna..." ma io voglio guadagnarci qualcosa qui sulla terra non quando sarò morto!

bhe Quaglia, bel nic complimenti, che dire?

Sei qui dunque per raccogliere informazioni al fine di valutare quanto possa convenirti o meno essere cattolico?

Sei dunque intenzionato a decidere cosa credere?

Sembra proprio che tu sia in pessime condizioni......

gurda che casino hai combinato con poche righe:

Io sono stato cresciuto da una famiglia di cattolici praticanti quindi in dio ci credo

Dunque la tua fede è conseguenza di ciò che ti hanno insegnato. Credi a ciò che ti è stato insegnato.

però credo anche che sia sbagliato infondre in un bambino sin da piccolo dei principi che gli resteranno per tutta la vita, lui non potrà più scegliere se credere o non credere

capisco il tuo senso di ingiustizia. ma non basta l'educazione a garantire la devozione "vita natural durante" di un cattolico.

visto che sono indeciso fra essere cattolico e non, vi chiedo di aiutarmi a scegliere.

Se non altro hai ben chiaro che non è una questione di capire quale sia la verità, ma di DECIDERE se adottare la verità cattolica per vera o meno. Quindi fatti carico delle tue responsabilità e deciditi!
nonimportachi is offline  
Vecchio 24-03-2006, 14.21.19   #3
ancient
Ospite abituale
 
L'avatar di ancient
 
Data registrazione: 10-01-2003
Messaggi: 758
Re: Re: perchè essere cattolico?

Citazione:
Messaggio originale inviato da nonimportachi
Quindi fatti carico delle tue responsabilità e deciditi!

e, cosa ancor più importante, VIVI!!!
ancient is offline  
Vecchio 24-03-2006, 14.24.27   #4
Quaglia
Ospite
 
Data registrazione: 24-03-2006
Messaggi: 7
risposta

forse ho esagerato un po' con l'espressione "guadagnarci", ma la risposta è sì, credo in ciò che mi è stato insegnato ed è per questo che voglio capire se essere cattolico è la cosa giusta o no, per non essere più in questa situazione. Il problema è che vorrei sentire le opinioni di altri cattolici per capire le motivazione della loro fede.
Quaglia is offline  
Vecchio 24-03-2006, 14.43.04   #5
nonimportachi
Utente bannato
 
Data registrazione: 04-11-2004
Messaggi: 1,010
Re: risposta

Citazione:
Messaggio originale inviato da Quaglia
forse ho esagerato un po' con l'espressione "guadagnarci", ma la risposta è sì, credo in ciò che mi è stato insegnato ed è per questo che voglio capire se essere cattolico è la cosa giusta o no, per non essere più in questa situazione. Il problema è che vorrei sentire le opinioni di altri cattolici per capire le motivazione della loro fede.

Temo che tu debba chiarirti un po' con te stesso......

Affermi di credere a ciò che ti è stato insegnato. Quindi che problemi hai? sei già cattolico. Per te c'è un Dio creatore, che ha mandato Gesù, una serie di precetti da seguire (non rubare, non farti le pippe......) e se fai il bravo andrai in paradiso altrimenti giù all'inferno coi dannati.

Cosa significa che "vuoi capire se essere cattolico sia la cosa giusta"?
Se credi a quel che ti hanno insegnato, saprai bene che è Dio a dire cosa è giusto e cosa no. Hai dimenticato il primo comandamento? è quello che ti dice se esser cattolico è cosa giusta o no......

E poi cosa significa "per non essere più in questa situazione"? in quale situazione ti trovi? non sei forse in una situazione privilegiata da cattolico? ti hanno ripèulito da quel peccato originale che non hai mai commesso, la verità è tutta già scritta e c'è solo da andarla a leggere, ciò che devi o non devi fare è accuratamente legiferato, con un po' d'attenzione ti assicuri la felicità eterna.... cosa vuoi di più? non ti sembra abbastanza rispetto ad uno sfigato di ateo scettico?
nonimportachi is offline  
Vecchio 24-03-2006, 15.13.58   #6
R@gno
Ospite abituale
 
L'avatar di R@gno
 
Data registrazione: 30-10-2005
Messaggi: 55
Re: perchè essere cattolico?

Citazione:
Messaggio originale inviato da Quaglia
Quindi, visto che sono indeciso fra essere cattolico e non, vi chiedo di aiutarmi a scegliere.

Aiuto a scegliere?
Non essere cattolico
Smetti di far parte di quella grande rete a strascico che contiene insegnamenti presi dal fondale della storia,dalle carte dei concilii, alberi di natale, uova di pasqua, il 25 dicembre etc...



R@gno is offline  
Vecchio 24-03-2006, 15.43.10   #7
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
A mio giudizio il vangelo di oggi ti può aiutare a scegliere Quaglia:

Dal Vangelo secondo Marco
In quel tempo, si accostò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: “Qual è il primo di tutti i comandamenti?”. Gesù rispose: “Il primo è: Ascolta, Israele. Il Signore Dio nostro è l’unico Signore; amerai dunque il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza. E il secondo è questo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Non c’è altro comandamento più importante di questi”. Allora lo scriba gli disse: “Hai detto bene, Maestro, e secondo verità che Egli è unico e non v’è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore e con tutta la mente e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso val più di tutti gli olocausti e i sacrifici”. Gesù, vedendo che aveva risposto saggiamente, gli disse: “Non sei lontano dal regno di Dio”. E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.
Parola del Signore.


Ed ecco come la Chiesa Cattolica interpreta queste parole.

Marco ci fa ascoltare, per bocca di Gesù, il nuovo comandamento per eccellenza, che è il centro e la sintesi del Vangelo, ed insieme il programma della nostra vita. Dio ci ha creati per l’amore. Ha fatto in modo che tutto in noi, il nostro corpo come il nostro spirito, la nostra sensibilità come la nostra volontà, la nostra anima come il nostro cuore, tutto il nostro essere, insomma, potesse amare. Del resto, egli ha fatto in modo che veniamo al mondo come un esserino indifeso, che ha un bisogno vitale non solo di essere nutrito, ma anche di essere amato dalla madre, un esserino che non può crescere e raggiungere la propria maturità come persona se non in fondamentali relazioni d’amore e grazie ad esse. Ma, più noi procediamo nella vita, più facciamo prova di come sia difficile amare, amare veramente e disinteressatamente, amare profondamente e sinceramente Dio e il prossimo. Questo richiede ogni sorta di purificazione, e non lo si impara certo sui libri! Il solo modo di imparare ad amare è quello di lasciarci amare da Dio, poiché non si può amare se non essendo amati, e non c’è altri che Dio che possa amarci veramente, perché egli è l’unico Signore ed è Amore.
freedom is offline  
Vecchio 24-03-2006, 15.58.09   #8
Anie
xangel18
 
Data registrazione: 22-03-2006
Messaggi: 35
...anch'io sono stata cresciuta in una famiglia cattolica...al dire il vero ero anche l'unica che osservava pienamente le regole del cattolicesimo....
ciò non toglie che ora io non sia credente....
...non riesco acredere in un dio...
ma non perchè , come direbbero gli altri, come può questo dio non formare tutta questa sofferenza nel mondo?, ma perchè non ci credo e basta...
ogni cosa che ho praticato sono sempre stata costretta ad abbandonarla perchè richiedeva una forte fede in una grande entità...
mentre io sono fortemente convinta che con la nostra sola mente possiamo fare tutto e di +...

ci si affida ad un dio solo quando non ci si riesce a spiegare qualcosa...quando si ha paura...

vuoi che ne dite????
Anie is offline  
Vecchio 24-03-2006, 15.59.37   #9
Monica 3
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 697



Grazie freedom per le tue parole e quelle di Gesù

Monica 3 is offline  
Vecchio 24-03-2006, 16.33.09   #10
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Citazione:
Messaggio originale inviato da Quaglia
Perché essere cattolico?

Per migliorarlo - il cattolicesimo...
Non è staccandotene e criticandolo che migliori il mondo... ma è cercando dall'interno di migliorarlo, o farne risaltare i valori migliori...
Guarda ad esempio Francesco d'Assisi...

Citazione:
Anie scrive
Ci si affida ad un Dio solo quando non ci si riesce a spiegare qualcosa... quando si ha paura...
Voi che ne dite?

C'è effettivamente chi sostiene che l'idea di Dio sia nata dalla paura dell'ignoto da parte dell'uomo... Bizzarra ipotesi...
Ma a parte questo, c'è solo un piccolo problema... La definizione e la concezione di Dio... Non ovunque Dio è trascendentale, o puro spirito, o altro ancora... La concezione di Dio varia da religione a religione...

Nel caso del cristiano, comunque, egli si affida a Dio, perché Dio è Amore, è la vita, è la luce, ecc.
Non di certo per paura...

Nell'amore non c'è paura; anzi, l'amore perfetto caccia via la paura, perché chi ha paura teme un castigo. Quindi chi ha paura non è perfetto nell'amore.
(1Giovanni 4:18)


Elia

Ultima modifica di Elijah : 24-03-2006 alle ore 16.36.19.
Elijah is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it