Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 06-02-2003, 23.00.36   #81
Fabrizio
Ospite
 
Data registrazione: 01-02-2003
Messaggi: 17
X visechi

Grazie per gli avvertimenti, ma credo in simpatia, che Mistico è un pò come Mangiafuoco di Pinocchio, che in fondo in fondo, molto in fondo, era buonissimo.

Un salutone
Fabrizio


Fabrizio is offline  
Vecchio 06-02-2003, 23.56.31   #82
Fabrizio
Ospite
 
Data registrazione: 01-02-2003
Messaggi: 17
Risposta a Visechi.
Più che una risposta è una mia ricerca fatta sul significato della transustanziazione. Sono ben accette critiche e suggerimenti, ma andateci piano è,.... Saluti a tutti, e scusatemi per la lunghezza del messaggio...

La transustanziazione, è il passaggio da uno stato evolutivo in un altro superiore, divino direi. Non a caso, S. Tommaso d’Aguino dice in sintesi: “L’effetto proprio della Eucaristia è - per partecipazione - la trasformazione (transustanziazione) dell’uomo in Dio".
Le parola TRANS, formata dalle prime quattro lettere della parola transustanziazione, significa appunto passaggio, attraversamento, mutamento. Quindi la parola transustanziazione, sta a significare in parole povere, mutamento di una sostanza per mezzo di una azione. In tal caso, si tratta di una azione sacra, in quanto nell’Eucaristia è il Cristo stesso che offre la sua vita per la salvezza dell’uomo. Ciò sta ad indicare, che tale mutamento è possibile solo per mezzo di un sacrificio (sacrificium - fare il sacro) simile a quello dell’appeso dei tarocchi.
Il Sacerdote che ufficia il rito dell’Eucaristia e che fa discendere l’ostia nel calice, non è altro che l’iniziato (che ritroviamo nella carta del bagatto) che fa discendere la monade cioè il SE, nella coppa cioè l’uomo. Con l’Eucaristia, noi riceviamo Dio e nello stesso tempo Cristo perché essi sono una sola cosa. Gesù dice infatti: “IO E MIO PADRE SIAMO UNO”.
Si tratta quindi di trasformare, di capovolgere e questo capovolgimento, lo troviamo completato come già detto nell’appeso, la cui figura rappresenta il simbolo della Grande Opera (un triangolo col vertice in basso sormontato da una croce). L’appeso, sembra essere il contrario del quarto arcano, il RE che simboleggia lo zolfo,(un triangolo col vertice in alto dove sotto è la croce).
Queste due figure dove una è il riflesso dell’altra, ci riportano al famoso REBIS (la cosa doppia) cioè a l’androgeno, che l’iniziato deve realizzare per mezzo della Grande Opera. Così in Massoneria nel Gabinetto di Riflessione, vi è uno specchio nascosto da uno sportello nero (a simboleggiare la morte mistica) che non tutti i neofiti osano aprire, e dove vedrebbero se lo aprissero, la loro immagine riflessa, ed è per questo che si chiama Gabinetto di Riflessione, non per altro. Lo specchio, ci fa vedere la nostra immagine inversa, ad indicarci appunto quel capovolgimento che bisogna iniziare a compiere per realizzare il REBIS, cioè due figure opposte che non ne formano che una, l’Androgeno. Quando uno si specchia infatti, non è che uno, perché non ci sono altri, ma è anche due per mezzo della sua immagine riflessa, che assumerà polarità passiva - femminile, in confronto di colui che si guarda, che sarà di polarità attivo – maschile, al di la che quest’ultimo sia maschio o femmina. Chi si specchia, è solo come l’Eremita (la nona carta dei tarocchi rappresenta l’iniziato e simboleggia la rinascita, nove sono infatti i mesi di gravidanza) ed è in tale solitudine, che bisogna porre se stessi di fronte a se stessi, proprio come il caduceo di Ermete, pone i due serpenti l’uno di fronte all’altro. L’Uroboros o Serpe, simbolo del CAOS iniziale, come le acque del genesi, si sdoppia e ciò che è superiore, si separa da ciò che è inferiore. L’uomo, diviene consapevole di un IO superiore e di un IO inferiore ed è per mezzo dell’armonia di questi due principi, (si tratta come dicono i Filosofi, di CORPORIZZARE LO SPIRITO E SPIRITUALIZZARE IL CORPO) che si formerà il terzo principio equilibrato, simbolo dell’Androgeno o del Sale (visto anche come grano salis).
Questo Androgeno, rappresenta nell’uomo un nuovo e superiore stato d’essere, che fa si che il maschio, non è più maschio e la femmina non è più femmina, ma bisogna tener sempre presente che tale stato è un Donum Dei. Lo stesso Danese dice: “…si può ricevere (il Donum Dei) sia per arte breve (Ars brevis) cioè in giovane età, sia per arte lunga (Ars longa) cioè al tramonto dell’esistenza”. La cosa più interessante, in accordo con Danese e con gli altri Filosofi, è che per ricevere tale dono, non serve acquisire una grande conoscenza o dottrina, infatti molti lo hanno ricevuto non sapendo nulla dei segreti della natura, vedi ad esempio la semplicità di alcuni Santi, tra i quali va ricordato San Francesco, il puro di cuore, il giullare di Dio. In poche parole l’Androgeno (Stato Superiore), bisogna esserlo più che conoscerlo. La validità di questo concetto, ci viene confermata da alcuni miti e favole del passato, come quella di AMORE e PSICHE. La favola racconta in modo alquanto ristretto, che Psiche rapita da Zefiro e portata in un palazzo incantato, ogni notte veniva visitata da uno sposo invisibile (Amore) che la riempiva di ogni gioia e la rendeva felice. Questo amante però, era assai misterioso e prima che spuntasse l’alba scompariva, impedendo così a Psiche di vederlo. Lo stesso, raccomandò di non far nulla per cercare di sapere chi egli fosse e di lasciare nell’oscuro, ciò che doveva restare nell’oscuro. Ma Psiche assai curiosa, una notte volle vederlo, così mentre lo sposo dormiva tra le sue braccia, Psiche accese una lampada ad olio con la quale poté guardarlo: si trattava del Dio Amore (Cupido) e gli occhi di Psiche risero e brillavano per aver visto così tanta bellezza. Per meglio osservarlo, avvicinò la lampada al volto di lui, nel mentre non seppe trattenere un fremito che fece tremare la sua mano, facendo cadere una goccia di olio bollente sulla spalla di Amore, che svegliatosi di sbalzo senza dire una parola, se ne andò subito via per non tornare più. Tale favola, vuole dirci che vedere la verità, significa perderla e se prima la stessa era misteriosa (ma con noi), ora è irraggiungibile. Così, si spiega la caduta di Adamo ed Eva che vollero mangiare il frutto proibito, così si spiegano le parole di Yavè rivolte a Mosè: “Nessuno può vedere il mio volto e vivere”. Vedere Amore, è vedere Dio cioè conoscere l’inconoscibile, e ciò è impossibile. Un Maestro disse: “Se vuoi vedere la verità guarda il sole”. Ora, guardare il sole ad occhi nudi (senza veli) significa diventare ciechi e Psiche diviene cieca, cioè perde la luce (l’intelligenza) che le era stata donata per mezzo di Amore. Concludendo, il termine transustanziazione come altri termini esoterici del cristianesimo, rientra nei vari termini della Tradizione Ermetica - Alchemica che ci è stata tramandata fino ad oggi, proprio per mezzo di parole, allegorie, simboli, statue e monumenti, che il Fulcanelli chiama indistintamente Dimore Filosofiche.

Ultima modifica di Fabrizio : 06-02-2003 alle ore 23.58.41.
Fabrizio is offline  
Vecchio 07-02-2003, 10.35.47   #83
visir
autobannato per protesta
 
L'avatar di visir
 
Data registrazione: 02-05-2002
Messaggi: 436
Sicuramente interessante, certamente ben scritto, ma non ti sembra un pò "intellettuale".
visir is offline  
Vecchio 07-02-2003, 13.21.31   #84
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
per Fabrizio

Molto interessante l'intreccio che hai creato!
Come vedi, non mi sbagliavo quando ho detto che sei molto vicino a trovare la Risposta. Permettimi di fare qualche osservazione su quello che hai detto, così, ...tanto per confrontare le nostre interpretazioni. Dunque:

Citazione:
...Gesù dice infatti: “IO E MIO PADRE SIAMO UNO”...
Dicendo questo, Gesù diceva Verità mediata, cioè una parte di verità e non qualcosa che andava detto quale cosa falsa a favore della Verità. Dico che ha detto una mezza verità, perchè é vero che Lui era "uno" con il Padre, ma é anche vero che tutto ciò che può essere in esistenza lo é. Quindi non ha certamente mentito con la sua affermazione. Secondo me, Gesù era un mistico consapevole panteista... ma con uno speciale senso di devozione allo Scopo ed un raro spirito di abnegazione e di sacrificio. Un qualunque post-panteista é in grado di leggere nella mente di Gesù e comprendere il vero senso delle Sue parole e delle Sue azioni. Gesù é un grandioso modello di "post-panteista", ma, soprattutto, era un uomo geniale del cui valore spirituale molto, molto difficilmente verrà un uguale.

Citazione:
...La cosa più interessante... ...è che per ricevere tale dono, non serve acquisire una grande conoscenza o dottrina, infatti molti lo hanno ricevuto non sapendo nulla dei segreti della natura, vedi ad esempio la semplicità di alcuni Santi, tra i quali va ricordato San Francesco, il puro di cuore, il giullare di Dio.
Il post-panteista che chiamava "fratello" o "sorella" qualunque "creatura di Dio"?!
Ecco un altro esempio di grandezza Spirituale del genere di Gesù, dove é evidente il principio del sacrificio della propria individualità a favore della pluralità.

I canti e le preghiere di Francesco, votato ai poveri ed ai bisognosi, erano rivolte a Dio nelle persone dei ricchi e dei potenti. Questi, necessariamente, venivano raggiunti da tali preghiere e canti, sentivano destarglisi dentro la coscienza ed il senso di responsabilità... producendo di conseguenza qualche minimo di carità che, tuttavia, faceva la differenza tra la vita e la morte per i bisognosi. Ecco le preghiere esaudite, quando inviate al giusto "ufficio competente di Dio".

Citazione:
(Amore e Psiche)...Tale favola, vuole dirci che vedere la verità, significa perderla e se prima la stessa era misteriosa... ..., ora è irraggiungibile.
E' solo una storia, Fabrizio, é chiaro che Amore non aveva interesse ad essere riconosciuto, ma, volendo estendere la morale della storia a noi... Dio non ha nessun interesse a nascondersi, magari siamo noi che non lo riconosciamo!

Citazione:
...così si spiegano le parole di Yavè rivolte a Mosè: “Nessuno può vedere il mio volto e vivere”. .
Vero.
Infatti io sono certissimo che esiste un "Fabrizio" e quando voglio rivolgermi a lui non cerco qualcun altro. Però, per incontrarlo, qualcuno dovrà partire!
Per "vedere il volto di Dio" bisogna prima morire.

Citazione:
Un Maestro disse: “Se vuoi vedere la verità guarda il sole”.
Ecco, ci tengo molto a dire qualcosa su questo:

Cosa simboleggia "il sole", se non la cosa più splendente ed appariscente che c'é a portata della nostra vista? ...Una cosa che disturba i nostri occhi se li rivolgiamo ad essa direttamente?! Una cosa che spande segno di sè in ogni direzione al punto che chiunque può percepirne la presenza anche senza guardare direttamente verso di essa?!
Ecco la beffa:
Noi cerchiamo la Verità più volentieri sotto un sasso sepolto da una montagna, e nel cercarla siamo propensi a scavare tonnellate di spazzatura piuttosto che, semplicemente, alzare gli occhi e trovarla in qualcosa che sta lì in tutta evidenza.

In realtà, ("In Verita, in Verità vi dico...", diceva una nostra comune conoscenza), l'uomo non cerca la Verità. L'uomo cerca quel che desidera trovare, e quanto più é grande il suo desiderio, tanto più si volgerà verso l'errore.

Non mi fraintendere di nuovo, Fabrizio, io non ti giudico. Cerco solo di chiamarti... e "Chiamare" ha in sè "amare"..."chi", guarda caso.

Perciò se dico qualcosa non é per male, ok?


Ciao...
Mistico is offline  
Vecchio 07-02-2003, 20.16.35   #85
Fabrizio
Ospite
 
Data registrazione: 01-02-2003
Messaggi: 17
riferimento...Gesù dice infatti: “IO E MIO PADRE SIAMO UNO”...


Mistico:
Dicendo questo, Gesù diceva Verità mediata, cioè una parte di verità e non qualcosa che andava detto quale cosa falsa a favore della Verità. Dico che ha detto una mezza verità, perchè é vero che Lui era "uno" con il Padre, ma é anche vero che tutto ciò che può essere in esistenza lo é. Quindi non ha certamente mentito con la sua affermazione….

Fabrizio:
Rispetto la tua tesi, ma credo che le cose stiano un po’ diversamente, cioè, è vero che tutti siamo uno con Dio, dalla pietra all’uomo, ma non è vero che tutti siamo consapevoli di questa unità. Infatti il cammino spirituale, l’evoluzione, serve proprio a risvegliarci a ricordarci di tale unità e viverla. Perché tu puoi essere anche uno con Dio, ma se non lo sai non lo sei. Scusa il gioco di parole. Gesù dice IO E MIO PADRE SIAMO UNO, perché Lui era pienamente cosciente di tale unità, vera unione ipostatica. Se diversamente fosse, non avrebbe senso il concetto di Grande Opera, della ricerca del Graal, del SE e via dicendo, che GRANDI uomini, di tutte le parti del mondo, ci hanno tramandato.

riferimento(Amore e Psiche)...Tale favola, vuole dirci che vedere la verità, significa perderla e se prima la stessa era misteriosa... ..., ora è irraggiungibile.


Mistico:
E' solo una storia, Fabrizio, é chiaro che Amore non aveva interesse ad essere riconosciuto, ma, volendo estendere la morale della storia a noi... Dio non ha nessun interesse a nascondersi, magari siamo noi che non lo riconosciamo!


Fabrizio:
Questo è vero, come è vero che Dio non ha interesse a inviare all’uomo delle prove, è l’uomo (direi il saggio) che per accettare meglio le sofferenze e trarne un insegnamento, le prende per prove. Così vi è, per fare un esempio, chi bestemmia in mezzo al traffico, e chi allena la pazienza…


riferimento:...così si spiegano le parole di Yavè rivolte a Mosè: “Nessuno può vedere il mio volto e vivere”. .


Mistico:
Vero.
Infatti io sono certissimo che esiste un "Fabrizio" e quando voglio rivolgermi a lui non cerco qualcun altro. Però, per incontrarlo, qualcuno dovrà partire!
Per "vedere il volto di Dio" bisogna prima morire.

Fabrizio:
E cosa è questo partire, questa morte, se non un risveglio o una rinascita a vita nuova? Ad una vita più alta e più consapevole dell’esistenza e dell’unione con Dio?

riferimento: Un Maestro disse: “Se vuoi vedere la verità guarda il sole”.
Ecco, ci tengo molto a dire qualcosa su questo:

Mistico:
Cosa simboleggia "il sole", se non la cosa più splendente ed appariscente che c'é a portata della nostra vista? ...Una cosa che disturba i nostri occhi se li rivolgiamo ad essa direttamente?! Una cosa che spande segno di sè in ogni direzione al punto che chiunque può percepirne la presenza anche senza guardare direttamente verso di essa?!

Fabrizio:
Sono d’accordo, ma infatti quello che volevo dire, è proprio che non serve guardare il sole direttamente e chi vuole guardarlo per forza (e sono molti caro Mistico) diviene cieco, cioè pazzo. E sappiamo tutti, che molti sono diventati pazzi per la ricerca assetata di oro (di Dio).
Cosa c’è di più bello, che alimentarsi dell’energia solare, energia che come rugiada invisibile, ci cade sulla testa e sul corpo?! E la cosa bella è che questa rugiada cade su tutti, brutti e belli, ricchi e poveri, solo che molti non lo sanno.
La frase: “Se vuoi vedere la verità guarda il sole” vuole dire proprio, secondo me, che la verità non devi guardarla direttamente ma, come tu dici, percepirla.

Mistico:
In realtà, ("In Verita, in Verità vi dico...", diceva una nostra comune conoscenza), l'uomo non cerca la Verità. L'uomo cerca quel che desidera trovare, e quanto più é grande il suo desiderio, tanto più si volgerà verso l'errore.

Fabrizio:
Lo so Mistico, mediterò comunque su questo concetto così importante.

Grazie Mistico, perché ho imparato qualcosa in più dal tuo messaggio, e mi piace molto quello che dici.

A presto
Fabrizio – Ricercatore.
Fabrizio is offline  
Vecchio 07-02-2003, 20.18.56   #86
Fabrizio
Ospite
 
Data registrazione: 01-02-2003
Messaggi: 17
X Visir
Sicuramente interessante, certamente ben scritto, ma non ti sembra un pò "intellettuale".

Intellettuale tipo alla Guenon? Ci penserò, grazie per l’indicazione.

Ciao


Fabrizio is offline  
Vecchio 07-02-2003, 23.31.15   #87
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
per Fabrizio

Molto bene Fabri,

questa volta non riesco a trovare proprio niente da ridire... a parte che sono certo anch'io che ben pochi sono i consapevoli.

Hai detto una cosa importante:
Citazione:
...non serve guardare il sole direttamente e chi vuole guardarlo per forza... ...diviene cieco, cioè pazzo. E sappiamo tutti, che molti sono diventati pazzi per la ricerca assetata di oro (di Dio).
Molto giusto, in teoria e pratica. Non ha senso il cercare di inquadrare Dio, e non é neppure possibile inquadrarne la totalità. Bisogna accontentarsi dei Suoi segni che sono già di per sè evidentissimi e molto più alla portata della percezione umana.

Non dico altro... altrimenti, anche se in senso positivo, ...poi dici che ti giudico!


Ciao...
Mistico is offline  
Vecchio 07-02-2003, 23.52.10   #88
Fabrizio
Ospite
 
Data registrazione: 01-02-2003
Messaggi: 17
Smile

Mistico:
Non dico altro... altrimenti, anche se in senso positivo, ...poi dici che ti giudico!

Fabrizio:
No non è vero, puoi dirmi quello che vuoi, o capito che sei sincero e mi sembra come se ti conoscessi da molto tempo...
Ma non esagerare però, odio i colpi bassi).

A presto
Ciao.

Ultima modifica di Fabrizio : 07-02-2003 alle ore 23.57.07.
Fabrizio is offline  
Vecchio 08-02-2003, 09.57.14   #89
firenze
Ospite abituale
 
L'avatar di firenze
 
Data registrazione: 28-04-2002
Messaggi: 341
per Mistico

Lo sai perchè Gesù ha avuto successo un pò da tutte le parti? Perchè nelle sue frasi non vi chiarezza, pertanto chiunque secondo il proprio credo può trarne la sua morale e significato. Tu, come panteista, io come ricercato disidentificato da ogni religione, un buddista, un induista, e così via. Solo gli ebrei lo hanno sistematicamente boigottato in tutto.
La sua verità è però una sola, che trascende un pò tutte le cognizioni che le religioni si ostinano a dare delle sue parole. Dovresti leggere Roberto Assagioli, fondatore della psicosintesi. Lui era uno psichiatra e incontrando il Padre anche un illuminato. Diciamo che anche lui era un tutt'uno con il Padre suo... E' una lettura di alta qualità spirituale, scritta da un contemporaneo, quindi attuale con la nostra cultura.

firenze is offline  
Vecchio 08-02-2003, 16.11.06   #90
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Citazione:
In realtà, ("In Verita, in Verità vi dico...", diceva una nostra comune conoscenza), l'uomo non cerca la Verità. L'uomo cerca quel che desidera trovare, e quanto più é grande il suo desiderio, tanto più si volgerà verso l'errore.




allora se non cerca la verità...cosa cerca Mistico... ?????
Tu cosa cerchi?

Io cerco delle risposte....... è sbagliato?
E' male?

Cosa dobbiamo cercare... qualcuno indichi la via please!

errore errore errore.... l'uomo commette degli orrori...gli dei no!

va bhe...passo e chiudo.... vado in pace con visechi.... tornerò quando sarò sufficientemente saggia da poter osservare il sole senza bruciarmi gli occhi!
deirdre is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it