Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 03-06-2011, 14.20.38   #71
nemesi1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-10-2009
Messaggi: 81
Riferimento: Serve il dolore?

Citazione:
Originalmente inviato da femmefatale
ne dubito.
alle donne viene imposto dagli uomini e dalla società una particolare e ben precisa forma estetica.
ci sono canoni da seguire.

Però se si contestano nel merito detti canoni si riconoscono in quanto tali, esattamente nella stessa misura di chi li impone.

Sono donna anch'io.
nemesi1 is offline  
Vecchio 07-06-2011, 21.19.46   #72
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: Serve il dolore?

Per esperienza diretta, mi rendo conto che sapere con cognizione se il dolore dell'anima sia più grande di quello fisico, sarebbe necessario provarli ambedue; e credo che anche in quel modo non potremmo mai far dei paragoni, poiché le varietà del dolore, come sappiamo, sono infinite, sia nella parte fisica sia nella parte dell’anima.
In ogni modo, sicuramente sono dolori differenti e poco confrontabili, anche se tutte e due ti possono gettare nel baratro della disperazione.
Come ho già affermato nel mio primo intervento,a mio modo di vedere, il dolore fisico va visto semplicemente come un'arma di difesa e basta; mentre quello dell'anima, come purtroppo sappiamo, è il risultato della fragilità umana e le sue varianti non si possono contare; mentre per comprenderlo, bisognerebbe viverlo in prima persona. Perciò, secondo me, i discorsi che finiscono sempre a vino e tarallucci per minimizzare le situazioni, semplicemente denotano una leggerezza che, molte volte, infastidisce chi l’ha vissuto.
Per tornare al tema, se sia strettamente necessario non so dirlo, ma sta di fatto che quando ci siamo dentro, per non farsi sovrastare, se abbiamo le forze per farlo dobbiamo lottare e conviverci.

ps. Chi ha notizie dell’estensore di questo thread “emmeci”?

Ultima modifica di Tempo2011 : 07-06-2011 alle ore 21.41.06.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 09-06-2011, 11.41.44   #73
femmefatale
Cioraniana Incrollabile
 
L'avatar di femmefatale
 
Data registrazione: 04-07-2010
Messaggi: 154
Riferimento: Serve il dolore?

Citazione:
Originalmente inviato da nemesi1
Però se si contestano nel merito detti canoni si riconoscono in quanto tali, esattamente nella stessa misura di chi li impone.

Sono donna anch'io.

io riconosco questi canoni in quanto è impossibile e utopistico distruggerli.
non li si potrà mai fare.
è evidente che la donna non possiede la capacità di opporsi al desiderio maschile, più o meno velato, e che alla fine ne viene condizionata.
"piacere per piacersi"

comunque non penso che sia un argomento pertinente al post.
femmefatale is offline  
Vecchio 12-06-2011, 23.26.36   #74
CVC
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-01-2011
Messaggi: 747
Riferimento: Serve il dolore?

Citazione:
Originalmente inviato da femmefatale
io sono donna.
alle donne viene imposto dagli uomini e dalla società una particolare e ben precisa forma estetica.
ci sono canoni da seguire.
se sia afferma il contrario, cioè che una donna possa piacere al di là dell'aspetto estetico, si è ipocriti.

più semplicemente, non vedi pubblicità con donne sfigurate, perchè fa ribrezzo alla mente umana la bruttezza o la mancanza di una forma corporale integra.
Non considero la pubblicità un parametro di orientamento. L'unica cosa che vedo nella pubblicità è qualcuno che cerca di vendere qualcosa a qualcun'altro e tecniche di persuasione varie, occulte o meno.
Gli uomini e la società impongono canoni solo a chi basa la propria autostima sull'opinione degli altri.
L'unico fondamento stabile su cui poggiare l'autostima è il rispetto che ci è dovuto
CVC is offline  
Vecchio 13-06-2011, 01.12.00   #75
nemesi1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-10-2009
Messaggi: 81
Riferimento: Serve il dolore?

Citazione:
Originalmente inviato da femmefatale
io riconosco questi canoni in quanto è impossibile e utopistico distruggerli.
non li si potrà mai fare.
è evidente che la donna non possiede la capacità di opporsi al desiderio maschile, più o meno velato, e che alla fine ne viene condizionata.
"piacere per piacersi"

comunque non penso che sia un argomento pertinente al post.

Citazione:
Originalmente inviato da femmefatale
io riconosco questi canoni in quanto è impossibile e utopistico distruggerli.
non li si potrà mai fare.
è evidente che la donna non possiede la capacità di opporsi al desiderio maschile, più o meno velato, e che alla fine ne viene condizionata.
"piacere per piacersi"

comunque non penso che sia un argomento pertinente al post.

Non penso che non sia pertinente. Se non sbaglio l'argomento era stato da te introdotto come risposta ad un intervento circa la possibile ristrutturazione della percezione del dolore.

Non so se sia evidente ciò che affermi, però credo che non necessariamente certi canoni debbano essere distrutti. Anzi penso che sia importante ascoltarli e non negarli perchè sono l'espressione legittima del desiderio dell'altro sesso. Inoltre potrebbero evidenziare la difficoltà che ha la donna ad indirizzare in altro modo il desiderio maschile forse perchè invece di concentrarsi sull'opposizione potrebbe cercare di esprimere un suo proprio desiderio, senza aver bisogno di avalli o concessioni da parte dell'uomo.
Ma per far ciò occorre l'assunzione di responsabilità di un'identità specifica che la negazione di una finalità esistenziale (serve il dolore?), a mio avviso, ostacola, impedendo la vera conoscenza di se stessi (e - per complementarietà - dell'altro).
nemesi1 is offline  
Vecchio 21-06-2011, 16.19.02   #76
femmefatale
Cioraniana Incrollabile
 
L'avatar di femmefatale
 
Data registrazione: 04-07-2010
Messaggi: 154
Riferimento: Serve il dolore?

Vorrei riportare questa frase di Manlio Sgalambro, tratta dal suo libro "La consolazione" (Adelphi)

"Perchè egli (qui Sgalambro intende chi studia la filosofia) potrebbe essere in una tensione negativa verso il sapere, potrebbe odiarlo, e tuttavia sarebbe egualmente filosofo proprio in virtù della suddetta tensione.
Potremmo in tal caso definirlo un "neikosofo" (qui Sgalambro riporta un termine in greco, che non so come trascrivere....comunque dovrebbe essere il termine "odio"=neikos)
anzi, possiamo d'ora in poi definirlo a questo modo in virtù del fatto che colui del quale parliamo è atterrito dal sapere e, conseguentemente lo odia.
Lo odia ma non ne farà mai a meno"

questa frase mi ha molto colpito perchè anch'io credo che leggere, meditare ecc porti all'inevitabile senso di Weltschmerz.

più leggo, più vengo a contatto col dolore altrui , non solo il mio, più vedo che il dolore pervade l'intero cosmo.
più medito, più vedo che esiste solo il male e il dolore.
e questo accade perchè medito, perchè "non chiudo gli occhi" di fronte all'infamia della creazione, come molti, per comodità, preferiscono fare.

la gnosi porta sofferenza, la gnosi porta anche odio, perchè sarebbe meglio non pensare a nulla, non meditare su nulla.
"sapere" il male è anche odiare questa sapienza.
femmefatale is offline  
Vecchio 26-07-2011, 15.55.15   #77
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: Serve il dolore?

Citazione:
femmefatale
più leggo, più vengo a contatto col dolore altrui , non solo il mio, più vedo che il dolore pervade l'intero cosmo.
più medito, più vedo che esiste solo il male e il dolore.
e questo accade perchè medito, perchè "non chiudo gli occhi" di fronte all'infamia della creazione, come molti, per comodità, preferiscono fare.
Nell'ambito delle persone cosiddette "normali", me compreso, le tue affermazioni verrebbero considerate da soggetto depresso; ma io credo che questa visione della vita andrebbe approfondita maggiormente. Alla fine però, la paura che la storia potrebbe essere proprio quella, ci impedisce di andare oltre.
Citazione:
la gnosi porta sofferenza, la gnosi porta anche odio, perchè sarebbe meglio non pensare a nulla, non meditare su nulla.
"sapere" il male è anche odiare questa sapienza.

Da ragazzo, una mia vicina di casa, gravemente malata, non accettò nessuna cura, poiché apparteneva ad una setta le cui regole principali glie lo impedivano (Un po come i testimoni di Geova che non ammettono le trasfusioni di sangue). Ecco! Anche quel comportamento voleva significare di non accettare il "sapere" che, in quel caso era salvifico. Sicuramente, se si fosse lasciata agire la natura fin dall'inizio, con la sua durissima selezione, oggi vi sarebbero degli essere umani molto più robusti, giacché usciti da quella selezione. Però vi è una cosa da affermare: chi avrebbe il coraggio di veder morire un figlio ammalato, pur sapendo che, con quella scienza, si potrebbe salvare?
Tempo2011 is offline  
Vecchio 27-07-2011, 09.45.32   #78
Astolfo777
Ospite
 
Data registrazione: 12-10-2009
Messaggi: 18
Riferimento: Serve il dolore?

Il dolore serve a evitare i pericoli per il corpo e per l'anima o ad affrontarli nel migliore dei modi. Se facciamo tutto il possibile esso è sempre sopportabile, altrimenti pretende attenzione e si fa acuto, e allora l'insipiente può convincersi che la sua stessa sensazione, il suo stesso corpo,è ingiusto con lui (diventato un dissennato); ma ciò è palesemente contraddittorio: noi siamo il nostro corpo. Siamo anche il nostro dolore. Se lo temiamo, stiamo temendo noi stessi. A che pro? Tanto per distrarci dai pericoli?

Laconicamente,
Astolfo.
Astolfo777 is offline  
Vecchio 15-08-2011, 17.38.06   #79
femmefatale
Cioraniana Incrollabile
 
L'avatar di femmefatale
 
Data registrazione: 04-07-2010
Messaggi: 154
Riferimento: Serve il dolore?

Citazione:
Originalmente inviato da Astolfo777
Il dolore serve a evitare i pericoli per il corpo e per l'anima o ad affrontarli nel migliore dei modi. Se facciamo tutto il possibile esso è sempre sopportabile, altrimenti pretende attenzione e si fa acuto, e allora l'insipiente può convincersi che la sua stessa sensazione, il suo stesso corpo,è ingiusto con lui (diventato un dissennato); ma ciò è palesemente contraddittorio: noi siamo il nostro corpo. Siamo anche il nostro dolore. Se lo temiamo, stiamo temendo noi stessi. A che pro? Tanto per distrarci dai pericoli?

Laconicamente,
Astolfo.


vuoi la mia "filosofia", da me elaborata, in questi anni, che medito secondo dopo secondo?
viviamo tutti in inferni estetici solipsistici.

siamo intrappolati in questi fardelli chiamati corpi.
avevano ragione gli Gnostici.
tutto ciò che è corporale è male.

il corpo è il fardello, molto più dell'io.
senza corpo saremmo simili ad angeli, forse a dei.
col corpo siamo solo fantocci di argilla, di polvere, di malattie, di dolori!
femmefatale is offline  
Vecchio 16-08-2011, 13.31.08   #80
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: Serve il dolore?

Citazione:
Originalmente inviato da femmefatale
vuoi la mia "filosofia", da me elaborata, in questi anni, che medito secondo dopo secondo?
viviamo tutti in inferni estetici solipsistici.

siamo intrappolati in questi fardelli chiamati corpi.
avevano ragione gli Gnostici.
tutto ciò che è corporale è male.

il corpo è il fardello, molto più dell'io.
senza corpo saremmo simili ad angeli, forse a dei.
col corpo siamo solo fantocci di argilla, di polvere, di malattie, di dolori!
Veramente a me, il mio inferno, etetico o non estetico che sia, piace...ed anche la mia trappola qualche soddisfazione me la dà: quindi a voler sottilizzare, tutti... meno uno!

Ed anche vorreri sapere: quegli angeli o pseudo dei di cui parli, farebbero all'amore?...e si rimpinzerebbero di gelato?....perchè se no...allora no!

Certo la fisicità puo' essere una tortura se solo di essa ci proccupiamo, ma puo' essere una fonte di dolce miele se non facciamo caso alla formica che vi si è impigliata.
Mi sà che a quegli Gnostici quella fonte era sfuggita!
ulysse is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it