Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 15-12-2003, 00.52.48   #121
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da Lucifero
X tutti
SE VOLETE VEDERE LA VERA LUCE, DOVETE AVERE LA FORZA E IL CORAGGIO DI SPROFONDARE NELLE VISCERE DEL VOSTRO SOGGETTIVO INFERNO. POICHE' LA LUCE NON GIUNGE DALL'ALTO, MA DAL BASSO. NON GIUNGE DA FUORI MA DA DENTRO, E CIOE' DALLE PROFONDE SFERE INCOSCIE DELLA COSCIENZA.

Te l'ho già scritto altrove, su questo io sono perfettamente d'accordo, ma così d'accordo che non lo puoi nemmeno immaginare, almeno fino all'ultima riga perchè ... parlare di sfere inconsce della coscienza è una contraddizione in termini, a meno che tu non intenda per coscienza qualcosa di diverso da quello che normalmente il termine indica per noi comuni mortali. E allora dovresti proprio spiegare che significato ha per te questa parola, quantomeno perchè qui abbiamo solo le parole per capirci. Per tutto il resto ... ho già detto e non mi ripeto.

ciao
Fragola is offline  
Vecchio 15-12-2003, 08.20.49   #122
Lucifero
Ospite abituale
 
Data registrazione: 07-12-2003
Messaggi: 179
Citazione:
Messaggio originale inviato da Fragola
Te l'ho già scritto altrove, su questo io sono perfettamente d'accordo, ma così d'accordo che non lo puoi nemmeno immaginare, almeno fino all'ultima riga perchè ... parlare di sfere inconsce della coscienza è una contraddizione in termini, a meno che tu non intenda per coscienza qualcosa di diverso da quello che normalmente il termine indica per noi comuni mortali. E allora dovresti proprio spiegare che significato ha per te questa parola, quantomeno perchè qui abbiamo solo le parole per capirci. Per tutto il resto ... ho già detto e non mi ripeto.

ciao

Fragola hai perfettamente ragione. La Coscienza che io intendo non è la Coscienza morale, ma la Coscienza Oggettiva, dove risiede la reale natura e la vera entità dell'uomo.
La Coscienza Morale è una funzione meccanica costituitasi di sana pianta tramite insegnamento disciplinare sia proprio, che sociale, dove risiedono le <<leggi morali e soggettive dell'uomo.>> Questa funzione, per un ricercatore di Sè, si presenta come un insormontabile ostacolo, una sorta di OFF LIMITIS. Limite che pochi individui hanno varcato, poichè oltre vi è la PAURA. Oltre vi è sofferenza, dolore, rinuncia, poichè si accede alla Coscienza Oggettiva, dove risiedono <<le leggi di Dio>>.
Fragola, hai presente quando le circostanze e l'imprevedibilità della vita mette l'uomo in ginocchio, e con gli occhi dirompenti di lacrime chiede, implora aiuto e misericordia a Dio? Ecco, in questo frangente, l'uomo viene proiettato nella dimensione della Coscienza Oggettiva, esso è in contatto diretto con la propria reale natura, è con Dio. Ma questo solitamente accade per cause accidentali, chiamati schook emozionali, una sorta di risveglio improvviso di Sè. Solo in questa occasione l'uomo ricorda se stesso, è totalmente cosciente di Sè. Quando questo magico momento ha esaurito la propria energia, automaticamente l'uomo ricade nel suo profondo e malefico sonno. Il problema quindi è di ricercare un modo, una maniera di riuscire a risvegliare la propria Coscienza in modo volontario e cosciente. Il modo? Sofferenza volontaria e rinuncia cosciente!!!
Lucifero is offline  
Vecchio 15-12-2003, 08.27.31   #123
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Citazione:
Messaggio originale inviato da Lucifero
Fragola hai perfettamente ragione. La Coscienza che io intendo non è la Coscienza morale, ma la Coscienza Oggettiva, dove risiede la reale natura e la vera entità dell'uomo.
La Coscienza Morale è una funzione meccanica costituitasi di sana pianta tramite insegnamento disciplinare sia proprio, che sociale, dove risiedono le <<leggi morali e soggettive dell'uomo.>> Questa funzione, per un ricercatore di Sè, si presenta come un insormontabile ostacolo, una sorta di OFF LIMITIS. Limite che pochi individui hanno varcato, poichè oltre vi è la PAURA. Oltre vi è sofferenza, dolore, rinuncia, poichè si accede alla Coscienza Oggettiva, dove risiedono <<le leggi di Dio>>.
Fragola, hai presente quando le circostanze e l'imprevedibilità della vita mette l'uomo in ginocchio, e con gli occhi dirompenti di lacrime chiede, implora aiuto e misericordia a Dio? Ecco, in questo frangente, l'uomo viene proiettato nella dimensione della Coscienza Oggettiva, esso è in contatto diretto con la propria reale natura, è con Dio. Ma questo solitamente accade per cause accidentali, chiamati schook emozionali, una sorta di risveglio improvviso di Sè. Solo in questa occasione l'uomo ricorda se stesso, è totalmente cosciente di Sè. Quando questo magico momento ha esaurito la propria energia, automaticamente l'uomo ricade nel suo profondo e malefico sonno. Il problema quindi è di ricercare un modo, una maniera di riuscire a risvegliare la propria Coscienza in modo volontario e cosciente. Il modo? Sofferenza volontaria e rinuncia cosciente!!!

Molti, ciò che tu descrivi..lo chiamano semplicemente..fede. L'appellarsi ad un dio.. l'entrare in comunione con la divinità ed automanticamente, con la propria scintilla divina che risiede nel profondo dell'essere. Il traslare le speranze e le aspettative verso qualcosa che non è più la potenzialità umana, ma un qualcosa di superiore. Affidare a dio il proprio essere nella speranza di ristabilire un equilibrio di forma e senso.
deirdre is offline  
Vecchio 15-12-2003, 09.35.19   #124
Zarathustra83
Ospite
 
L'avatar di Zarathustra83
 
Data registrazione: 05-12-2003
Messaggi: 24
giusto. Sai Lucifero la tua riflessione mi ricorda un detto indiano che affermava pressapoco così: La luce può entrare solo dove c'è buio...
La forza è dentro di noi....come dice il mio adorato Nietzshe: solo chi ha il caos dentro di sè può generare una stella che danza!!!
Zarathustra83 is offline  
Vecchio 15-12-2003, 11.34.53   #125
Lucifero
Ospite abituale
 
Data registrazione: 07-12-2003
Messaggi: 179
Citazione:
Messaggio originale inviato da deirdre
Molti, ciò che tu descrivi..lo chiamano semplicemente..fede. L'appellarsi ad un dio.. l'entrare in comunione con la divinità ed automanticamente, con la propria scintilla divina che risiede nel profondo dell'essere. Il traslare le speranze e le aspettative verso qualcosa che non è più la potenzialità umana, ma un qualcosa di superiore. Affidare a dio il proprio essere nella speranza di ristabilire un equilibrio di forma e senso.

Beato è colui che ha FEDE. Doppiamente beato è colui che commuta la propria fede in comprensione.
Lucifero is offline  
Vecchio 15-01-2004, 00.29.29   #126
webmaster
Ivo Nardi
 
L'avatar di webmaster
 
Data registrazione: 10-01-2002
Messaggi: 957
Come da richiesta dell'autore: "SonoGiorgio", questa discussione verrà chiusa.
webmaster is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it