Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 10-09-2007, 18.43.50   #111
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Citazione:
Originalmente inviato da Yam
Se e' solo per quello..neanche i pensieri ci appartengono..a meno che non si pensi che siano nella testa....
Ahì.. ahì.. Yam-mete.. yam-mete!!
Stavo per soprassedere ben disposta dallo scritto di Noor..
meglio però rendere chiaro il più possibile attraverso le parole..
e tanto per non cavillare direi.. : i pensieri ci appartengono, eccome!
Appartengono a quell' <io> che non comprende in sé alcuna Coscienza,
semmai una coscienza della sua* apparizione.. apparente!

Gyta


*sua dell' <io>
gyta is offline  
Vecchio 10-09-2007, 19.45.39   #112
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Citazione:
Originalmente inviato da Uno
Un occidentale che si appoggi ad una via orientale senza una buona guida tenderà sempre alla negazione estrema, pensaci Van... già il fascino esotico di queste vie parte dal fatto che dopo una vita di fare, dover dimostrare, essere sempre sotto esame... etc non sembra vero trovare ciò che apparentemente dice che non c'è bisogno di fare nulla...
Ma in pratica è così. Sarebbe drammatico se dovessimo struggerci per essere ciò che siamo o peggio diventare ciò che siamo. La contraddizione è evidente anche nelle parole “diventare ciò che siamo”.
Sarebbe drammatico se l’illuminazione non fosse la nostra vera natura, il nostro stato naturale, ma fosse uno stato che si acquisisce dopo tanto penare e dopo tanto sforzarsi.
Una cosa che si acquisisce la si può anche perdere ed allora dove starebbe il valore di questa “Illuminazione”? A cosa servirebbe se potesse essere ridotta ad uno dei tanti target della nostra vita, o peggio ad un esperienza tra le altre? Quale sarebbe il reale valore?

E’ ovvio che parlando di illuminazione, stiamo parlando non di un’esperienza per quanto eccelsa essa possa essere, ma di qualche cosa che sta a fondamento stesso di tutte le esperienze. E qual è quella base? Qual’è quello sfondo immutabile di tutto il nostro esperire?

E’ ovvio, (una volta compreso è ovvio), che devo essere “io” deve essere il "me stesso" quel patrimonio inalienabile che troverò alla fine della ricerca, mondato di tutte le sovrastrutture che mi sono appiccicato e che mi hanno appiccicato. Sovrastrutture tipo che sono bravo che sono cattivo, che sono saggio che sono stupido, che sono illuminato che sono ricercatore, che sono questo che sono quello.

Tutto quello che posso pensare su me è falso, sono mie proiezioni. Tutto quello che vedete in me è falso sono vostre proiezioni e questo non perché io sia qualche cosa di speciale ma perché è così che sono fatti gli esseri umani. Nono sono nulla di quello che può essere detto, nulla che si possa indicare…. Eppure sono.

E’ facile….

Per mè è così che va il “film”. Poi se qualcuno vuole credere che ci sia un’illuminazione da acquisire, degli scalini da salire, dei livelli di conoscenza da superare, se vuole credere che il maestro sia quello che ci accompagna lungo questo percorso, guidandoci con la sua lungimiranza nel salire la scala, buon per lui, anche se secondo me, finché non si girerà verso "se stesso" continuerà a girare in tondo.

VanLag is offline  
Vecchio 10-09-2007, 20.00.48   #113
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

salve buona serata e scusatemi tanto ma....


Meglio di mille vuote parole
è una sola parola che porta la pace.

Meglio di mille versi vani
è un solo verso che porta la pace.

Meglio di cento vuote frasi
è una parola del dhamma
che porta la pace

con affetto e molta stanchezza claudio
fallible is offline  
Vecchio 10-09-2007, 21.25.00   #114
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Semplice Mente

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
E’ ovvio che parlando di illuminazione, stiamo parlando non di un’esperienza per quanto eccelsa essa possa essere, ma di qualche cosa che sta a fondamento stesso di tutte le esperienze. E qual è quella base? Qual’è quello sfondo immutabile di tutto il nostro esperire?

E’ ovvio, (una volta compreso è ovvio), che devo essere “io” deve essere il "me stesso" quel patrimonio inalienabile che troverò alla fine della ricerca, mondato di tutte le sovrastrutture che mi sono appiccicato e che mi hanno appiccicato. Sovrastrutture tipo che sono bravo che sono cattivo, che sono saggio che sono stupido, che sono illuminato che sono ricercatore, che sono questo che sono quello.

Tutto quello che posso pensare su me è falso, sono mie proiezioni. Tutto quello che vedete in me è falso sono vostre proiezioni e questo non perché io sia qualche cosa di speciale ma perché è così che sono fatti gli esseri umani. Nono sono nulla di quello che può essere detto, nulla che si possa indicare…. Eppure sono.

E’ facile….




Sì, VanLag.. E' Facile!
..volendo* è facile!

Gyta

*volendo abbandonare ogni pre-concetto è.. facile.
gyta is offline  
Vecchio 10-09-2007, 21.35.38   #115
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Citazione:
Originalmente inviato da gyta
Ahì.. ahì.. Yam-mete.. yam-mete!!
Stavo per soprassedere ben disposta dallo scritto di Noor..
meglio però rendere chiaro il più possibile attraverso le parole..
e tanto per non cavillare direi.. : i pensieri ci appartengono, eccome!
Appartengono a quell' <io> che non comprende in sé alcuna Coscienza,
semmai una coscienza della sua* apparizione.. apparente!

Gyta


*sua dell' <io>

Ahaiaiaiai cara Gyta, mica penserai che la mente sia dentro la testa?
O che i pensieri che designano il tuo nome-forma siano roba personale?
Yam is offline  
Vecchio 10-09-2007, 21.53.48   #116
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Citazione:
Originalmente inviato da atisha

perchè ognuno è solo pronto ad osservare il cammino dell'altro e giudicarlo.. spesso senza volersi nemmeno avvicinare all'altro!..
solo perchè non parla da copione...ecco il dramma!

Mi ha stancato.. sincera-mente!





alla prossima, se accadrà..

Ah rieccoci!
Ati sono anni che ogni tanto te ne esci in questo modo, offesa, non capita da nessuno, incompresa...saluti tutti e te ne vai..come i bimbi! (beh questo e' un buon segno )

Effettiva-mente sono anni che giochiamo a ping pong e ora l'uno ora l'altro sostiene questo e quello, anche se alcuni sono piuttosto stabili (forse sarebbe meglio dire sclerotizzati) nelle loro posizioni (come giusta-mente osservi, filosofiche ).
Qualcun'altro e' ossessionato da complotti cosmici messi in atto da maestri orientali ed ha paura di quelle discipline, di quegli insegnamenti e quindi cerca altrove nei vari rebus e quiz enigmistici dell'esoterismo nostrano.
Volevo dirti che ti voglio bene.
Yam is offline  
Vecchio 10-09-2007, 21.53.52   #117
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Citazione:
Originalmente inviato da gyta
i pensieri ci appartengono, eccome!
Appartengono a quell' <io> che non comprende in sé alcuna Coscienza,
semmai una coscienza della sua* apparizione.. apparente!

Gyta


*sua dell' <io>

Invece (giusto per "alimentare"..non certo per cavillare... )
la penso come Yam..
..Ecco allora che questo pacchetto di nervi (il corpo-mente) è investito da un'onda-pensiero:ma proviene da fuori..l'ego non può..non si autoalimenta..al limite ,struttura,interpreta (distorce) quell'onda credendo di averla creata da sè..
Noor is offline  
Vecchio 10-09-2007, 22.08.26   #118
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
se qualcuno vuole credere che ci sia un’illuminazione da acquisire, degli scalini da salire, dei livelli di conoscenza da superare, se vuole credere che il maestro sia quello che ci accompagna lungo questo percorso, guidandoci con la sua lungimiranza nel salire la scala, buon per lui, anche se secondo me, finché non si girerà verso "se stesso" continuerà a girare in tondo.


D'accordo.. ma questo possiamo solo crederlo intellettualmente..perchè se lo vedessimo ADESSO il gioco sarebbe fatto..
Pe cui per un pò la scala la saliamo (o crediamo di farlo..in fondo il Lavoro è solo un dis-velare ciò che già è,ma sin quando c'è quel velo illusorio..a chi la raccontiamo?) Poi ,chissà forse all'ultimo scalino ,ceduta l'ultima arma,comprendiamo che non ci eravamo mai mossi..che c'era solo da riconoscere ciò che era già lì da ..sempre.
Noor is offline  
Vecchio 10-09-2007, 22.14.05   #119
Flow
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2006
Messaggi: 317
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Si possono usare tutte le parole magiche che si vogliono...
Tutte le parole sono pensiero e pensiero e' tutto quello che c'e'.

Se il pensiero non viene rifiutato non ha motivo di sorgere.
Flow is offline  
Vecchio 11-09-2007, 01.16.41   #120
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

L' <io> non è nient'altro che un'insieme di pensieri più o meno complessi,
la cui coesistenza dà luogo a ciò che chiamiamo <ego> o personalità.
Tutto qui ciò che intendevo.
I pensieri non risiedono nella mente (come luogo fisico) essendo nient'altro questi che elaborazioni,
o meglio ancora incontri di un'infinita rete energica d'interconnessioni..
Tra chi/cosa? Immagino domanderete.. :
tra una miriade di piccoli e più complessi aspetti della veste apparente
della Realtà stessa.
Mi auguro di non essere stata <criptica>


Citazione:
Originalmente inviato da Flow
.. pensiero e' tutto quello che c'e'.

Tu invece, Flow mi pari alquanto <criptico> o platonico..
Non penso comunque di distanziarmi di molto dalla tua "interpretazione"..
seppure il termine "pensiero" forse non l'avrei usato.. cmq..

Gyta
gyta is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it