Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 11-09-2007, 01.59.00   #121
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Van... che vuoi che ti dica?
Va bene siamo a posto così, il Se è pacifico e tranquillo, immutabile etc etc... ma la massima aspirazione umana in questa nostra condizione non è acquisire il Se...(come mai potremmo fare?) ma dotarsi dei mezzi per potercisi connettere.. o meglio a dirla tutta far si che questa evanescenza che siamo diventi concreta...

Sul pensiero potremmo andarci avanti mesi... comunque è uno strumento molto potente per chi lo usa realmente, per gli altri sono solo parole che transitano nel loro organismo, mai emesse, sempre riflesse... poi per forza se ti prendi (un tu retorico, non mi riferisco a te in particolare) la briga di osservarti non vedi nulla... sei una nuvoletta gassosa di pensieri che passano rimbalzando da uno all'altro... pensieri partiti da quei pochi che realmente hanno pensato... pensieri a volte partiti centinaia o migliaia (anche milioni) di anni fa... ma se lo hanno fatto loro, altri non possono farlo? Perchè fermarsi al non vedo nulla?
La fame... con la fame vera si andrebbe in cerca di elemosinare.

Penso di aver finito per il momento di scrivere (per altri), comunque se qualcuno interagisce (senza attaccar briga o le persone) rispondo.

Uno is offline  
Vecchio 11-09-2007, 04.18.51   #122
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
"Jiddu Krishnamurti e la via dell'uomo libero"

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
E qual è quella base? Qual’è quello sfondo immutabile di tutto il nostro esperire?

E’ ovvio, (una volta compreso è ovvio), che devo essere “io” deve essere il "me stesso" quel patrimonio inalienabile che troverò alla fine della ricerca, mondato di tutte le sovrastrutture che mi sono appiccicato e che mi hanno appiccicato.

Non sono nulla di quello che può essere detto, nulla che si possa indicare…. Eppure sono.


Forse l'avrai già letto..
(Tratto da)

"Jiddu Krishnamurti e la via dell'uomo libero"

[...]
Spesso a leggere Krishnamurti si ha questa sensazione non piacevole di non afferrare mai la soluzione del problema. Leggi Krishnamurti e ti chiedi: va bene, posso anche essere d’accordo sulla presentazione del problema, ma allora cosa posso fare? Qual è la soluzione? Ecco, su questo punto, Krishnamurti sembra rimanere sulla soglia. Spesso ripete che la soluzione non la può dare, perché altrimenti sarebbe un sistema, un programma, una via, una pratica la sua. Krishnamurti non crede affatto che sia questa la questione: “La verità è una terra senza sentieri”.

E allora?
A volte, nelle sue conversazioni, quando qualcuno gli chiede esplicitamente cosa bisogna fare in fin dei conti, per porre termine alla violenza, alla tensione, alla rabbia, all’orgoglio, all’odio che sono presenti in noi, lui risponde: non fate nulla (Sulla libertà, p. 89), non fate assolutamente nulla, non agite, non ribellatevi, non cercate nessuna soluzione, non scappate, state fermi e osservate attentamente quello che accade dentro di voi. Ecco, tutto sommato, se si volesse dare un’indicazione pratica rispetto a quello che è l’insegnamento di Krishnamurti, allora si dovrebbe insistere proprio su questo semplice punto. Se c’è semplice osservazione di sé, c’è conoscenza di sé; se c’è semplice osservazione di sé, c’è il fare silenzio di tutto ciò che di negativo è presente in noi; se c’è semplice osservazione di sé, c’è il tacere del pensiero, del chiacchierio interiore (perché se sei perfettamente attento, allora non c’è pensiero, c’è solo attenzione, consapevolezza. La concentrazione è un’altra cosa, che Krishnamurti ritiene malsana). E poi, soprattutto, se c’è semplice e profonda osservazione di sé, non c’è più nessuna scelta, non c’è più il pensiero: faccio così o faccio colà? Una profonda percezione conduce naturalmente a una retta azione. Altrimenti si è dubbiosi, incerti, si comincia allora a scegliere, essendo relegati nella rete del pensiero ordinario. Addirittura Krishnamurti dice: la scelta impedisce la libertà (Domande e risposte, p. 134).

Per concludere la lettura del testo scritto da Krishnamurti riguardo al sunto del suo insegnamento, leggiamo l’ultimo brano: “La negazione totale è l'essenza della positività. Dove c'è negazione di tutto ciò che non è amore (cioè desiderio e piacere), allora c'è amore, con la sua compassione e intelligenza”. Cosa vuol dire che dove c’è negazione c’è allora positività? Kirshnamurti ritiene che non ci sia possibilità di imparare la bontà, l’amore, la generosità, la non-violenza: che sia anzi sottilmente violento e illusorio pretendere di uniformarsi a certi ideali. Il problema degli ideali è dato dal fatto che essi sono qualcosa che ci allontanano da ciò che è: creano un conflitto tra ciò che è e ciò che pensiamo dovrebbe essere; nel momento nel quale mi contrappongo a una caratteristica, accentuo la lotta, rafforzo il muro di resistenza (Sulla libertà, p. 9). Allora, per Krishnamurti l’importante è osservare, accorgersi, entrare in ciò che è e non opporsi a ciò che è, volerlo violentemente sostituire con altro. C’è puro amore in noi, disinteressata amicizia, quiete infinita, silenzio rigenerante, ci sono compassione e benevolenza assolute? No: il fatto è che c’è la collera, c’è la violenza, c’è l’odio, la crudeltà, il disprezzo e contemporaneamente la volontà di difendere a ogni costo la nostra situazione, la nostra sicurezza. Questi sono fatti: allora, osservandoli, senza l’ideale – che è una fuga, un modello, una distrazione, una stampella psicologica – uno può accettare pienamente questi elementi. Bisogna osservarli senza dare giudizi (sono collerico, ma non dovrei esserlo, ecc.) e se si osserva in questo modo, da questa osservazione nasce la libertà e dalla libertà l’azione (Sulla libertà, p. 83).
La negazione totale è l’essenza della positività. L’idea di fondo che sta dietro a queste parole è che parallela a un lavoro di pulitura delle negatività – chiamiamole così, in modo sommario – c’è l’emersione, il farsi presente della libertà, dell’amore, della fine della paura. Questa è un’impostazione che torna spesso nell’approccio di tanti autori e tante tradizioni spirituali orientali, ma non solo: è una impostazione opposta a quella visione della pratica spirituale che vede nella pratica stessa un modo per migliorarsi, per far nascere certe qualità positive in noi, per essere più buoni, più giusti, più bravi, ecc. Se volessimo usare un’immagine metaforica, questi sono due modelli ben precisi e molto diversi tra loro. Da una parte c’è l’idea di un modello di legno cui bisogna mettere tanti indumenti, cercandoli, costruendoseli, indossandoli: la tal capacità, la tal virtù, la tal qualità positiva, la tal dote morale, ecc. Naturalmente questo conduce a una visione molto affaticante della pratica, quasi agonistica, di accaparramento, con tutto ciò che questo significa. Invece nel caso di Krishnamurti (ma lo ripeto: non solo) c’è l’idea di uno spazio fatto appunto di bellezza, di amore, di purezza, di verità, già fin da sempre presente in noi, ma che è coperto, su cui si sono sedimentati pensieri estranei, influenze da parte della società, giudizi, opinioni errate, tensioni irrisolte, valutazioni egocentriche, ecc. Allora si tratta di riconoscerle e riconoscendole di scioglierle, svuotarle da dentro. È in questo senso che Krishnamurti ha detto che la negazione totale è l’essenza della positività: la positività c’è già, devi solo osservare con attenzione chirurgica i percorsi dei tuoi inquinanti e attraverso questa osservazione, essi si placano, vengono negati, si mettono a tacere. Ma sarà una negazione – e questa è la cosa veramente fondamentale – non più realizzata attraverso una contrapposizione, un dire no, una volontà egocentrica di sostituzione di certe caratteristiche con altre. Non è mai, insomma, una fuga dal qui e ora: è anzi lo stare nel qui e ora, il permanere in esso, in estrema profondità, e attraverso questo guardarlo in faccia, scioglierlo.
In uno dei suoi tanti discorsi, Krishnamurti a un certo punto dice: “se ogni volta che l’odio sorge tu lo lasci passare, troverai che la mente si fa sensibile senza diventare sentimentale. E perciò conoscerà l’amore”.


[..]
Ovviamente siamo tutti d’accordo nel dire che non siamo liberi, altrettanto ovviamente una cosa è dire questo rimanendo su un piano puramente mentale, intellettualistico, una cosa è dirlo su un piano meramente psicologico e tutt’altra cosa è l’osservazione di cui parla Krishnamurti. Quest’osservazione è quell’accorgersi, come dicevamo, dei meccanismi che si muovono nella nostra mente in certe situazioni. Vedete questa importanza dell’osservarsi nei rapporti. È proprio quello il terreno su cui lavorare, perché è proprio in questi contesti che emergono le diverse strategie di autolimitazione della libertà. Non scopri più la mancanza di libertà, come se la stessi leggendo in un libro, ma la realizzi, la vivi: la vivi sulla tua pelle, potremmo dire. Senti le catene stringersi su di te: ed è qualcosa di insopportabile, di massimamente inquinante. Comunque magari poi su questo punto torneremo. [...]

“La libertà non è una reazione, la libertà non è una scelta. È una pretesa umana pensare che la possibilità di scelta sia libertà”. [...]

[..] La libertà autentica non è da qualche cosa, non ha una causa, è invece uno stato dell’essere liberi in sé, è libertà in sé. Krishnamurti vuole uscire dalla gabbia della volontà: la libertà da noi conosciuta è la libertà generata dalla volontà; voglio liberarmi da questa cosa, voglio essere libero di fare quest’altra cosa, ecc. La libertà vera invece non è il risultato di uno sforzo di volontà[..]

“La libertà è pura osservazione senza movente; [...].



A cura di Gianfranco Bertagni tratto da:
http://guide.dada.net/filosofie_orie...3/247306.shtml
gyta is offline  
Vecchio 11-09-2007, 07.50.31   #123
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Invece (giusto per "alimentare"..non certo per cavillare... )
la penso come Yam..
..Ecco allora che questo pacchetto di nervi (il corpo-mente) è investito da un'onda-pensiero:ma proviene da fuori..l'ego non può..non si autoalimenta..al limite ,struttura,interpreta (distorce) quell'onda credendo di averla creata da sè..

Lo stesso corpo-mente e' nome-forma...ovvero pensiero...pensiero di chi? Certo non vi e' distorsione alcuna...
Yam is offline  
Vecchio 11-09-2007, 08.38.24   #124
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Citazione:
Originalmente inviato da Flow
pensiero e' tutto quello che c'e'.


concordo sul resto Flow..
Ma questa non riesco a "capirla"..
Ti riferisci al forum (sarei più che d'accordo..) o tutto cosa?
Noor is offline  
Vecchio 11-09-2007, 09.29.11   #125
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Citazione:
Originalmente inviato da Yam
Ah rieccoci!
Ati sono anni che ogni tanto te ne esci in questo modo, offesa, non capita da nessuno, incompresa...saluti tutti e te ne vai..come i bimbi! (beh questo e' un buon segno)

Effettiva-mente sono anni che giochiamo a ping pong e ora l'uno ora l'altro sostiene questo e quello, anche se alcuni sono piuttosto stabili (forse sarebbe meglio dire sclerotizzati) nelle loro posizioni (come giusta-mente osservi, filosofiche ).
Qualcun'altro e' ossessionato da complotti cosmici messi in atto da maestri orientali ed ha paura di quelle discipline, di quegli insegnamenti e quindi cerca altrove nei vari rebus e quiz enigmistici dell'esoterismo nostrano.
Volevo dirti che ti voglio bene.

a parte che non credo a questo tipo di affettività.. falsa e edulcorata dalla parola Spiritualità e dal "vojammoce tuti bbene"
l'affetto si sviluppa altrove.. non di certo in un forum.. il forum può generare solo sentimenti di simpatia e antipatia.. o indifferenza che sarebbe già tanto.. ne sono cosciente.. comunque raccolgo il tuo segno di affetto
detto questo, centra la poca volontà che tu (&co.) mettete nel confrontarsi con gli altri..

confronto...

confronto non significa scontro e volerla sempre spuntare..
significa restare aperti..
all'Attenzione (quella che spesso manca come disciplina interiore)..
significa Ascoltare ciò che dice l'altro..
come parla della propria esperienza..
cos'egli ha da comunicarci..
insegnarci..
perchè da tutti possiamo raccogliere..
basta avere umiltà e non presunzione..

non sto nuovamente a ripetermi o giustificarmi, non servirebbe.. ho ben visto..
per il resto pensa ciò che vuoi dal fatto che me ne esco da questa discussione.. filosofica...
sta il fatto che se tu mi vedi offesa è sempre una proiezione..

semplicemente mi sposto... lasciando un segno che qualcosa non va nella comunicazione..
nello scambio
nell'incontro

Ciao nè
atisha is offline  
Vecchio 11-09-2007, 09.32.01   #126
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Invece (giusto per "alimentare"..non certo per cavillare... )
la penso come Yam..
..Ecco allora che questo pacchetto di nervi (il corpo-mente) è investito da un'onda-pensiero:ma proviene da fuori..l'ego non può..non si autoalimenta..al limite ,struttura,interpreta (distorce) quell'onda credendo di averla creata da sè..

state dicendo (tu e Gyta) la stessa cosa..

da due postazioni differenti..

so che ce la puoi fare ad osservare tale "inganno"
atisha is offline  
Vecchio 11-09-2007, 09.45.19   #127
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Citazione:
Originalmente inviato da Yam
Lo stesso corpo-mente e' nome-forma...ovvero pensiero...pensiero di chi? Certo non vi e' distorsione alcuna...


La distorsione è nella mente-ego che interpreta quel pensiero come "suo".
Intendo solo questo..
Noor is offline  
Vecchio 11-09-2007, 09.45.37   #128
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Citazione:
Originalmente inviato da Flow
Si possono usare tutte le parole magiche che si vogliono...
Tutte le parole sono pensiero e pensiero e' tutto quello che c'e'.

Se il pensiero non viene rifiutato non ha motivo di sorgere.

Certo Flow perche' colui che rifiuta il pensiero e' sempre colui che lo afferra.
C'e' pensiero e pensiero...(Platone distingueva bene i quattro gradi della Conoscenza). C'e' un pensiero funzionale del quale non potremo mai fare a meno, qui in questo corpo. C'e' un pensiero che sono tutti i nomi e tutte le forme e quello e' il pensiero di Dio ed e' la manifestazione o creazione...o Sogno o Vita o ecc. ecc.
Chi sogna?
C'e' un pensiero in piu'...del quale possiamo fare a meno...lasciandolo andare...come un uccello che passa nel cielo....e questo e' connesso alle varie pratiche cosiddette spirituali.
Yam is offline  
Vecchio 11-09-2007, 09.47.01   #129
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Citazione:
Originalmente inviato da gyta

Tu invece, Flow mi pari alquanto <criptico> o platonico..
Non penso comunque di distanziarmi di molto dalla tua "interpretazione"..
seppure il termine "pensiero" forse non l'avrei usato.. cmq..

Gyta

Direi Vedantico (Advaita) oltre che Platonico....
Yam is offline  
Vecchio 11-09-2007, 10.37.03   #130
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Un affondo sulla “conoscenza di se stessi”

Citazione:
Originalmente inviato da Uno

Sul pensiero potremmo andarci avanti mesi... comunque è uno strumento molto potente per chi lo usa realmente, per gli altri sono solo parole che transitano nel loro organismo, mai emesse, sempre riflesse... poi per forza se ti prendi (un tu retorico, non mi riferisco a te in particolare) la briga di osservarti non vedi nulla... sei una nuvoletta gassosa di pensieri che passano rimbalzando da uno all'altro... pensieri partiti da quei pochi che realmente hanno pensato... pensieri a volte partiti centinaia o migliaia (anche milioni) di anni fa... ma se lo hanno fatto loro, altri non possono farlo? Perchè fermarsi al non vedo nulla?
La fame... con la fame vera si andrebbe in cerca di elemosinare.



Tu non sei i fenomeni....ma la sorgente di tutti i fenomeni e cioe' quella pura Coscienza sostrato immutabile di ogni fenomeno.
Pensiero non sono solo quelle paroline che concateniamo nella mente.
Per chi ha una reale esperienza della pura Coscienza di Se' non c'e' dentro e fuori e pensiero sono tutti i nomi-forme.
Una automobile che passa per strada non e' diversa da un uccello che vola nel cielo o da un pensiero che solca lo spazio vuoto della mente..quelli sono fenomeni, sono nome-forma..infiniti aspetti dell'energia della manifestazione.
Yam is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it