Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 17-11-2007, 22.38.51   #1
Phantom
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 06-11-2007
Messaggi: 1
Exclamation REIKI....che ne pensate?

Vorrei aprire questa discussione su una delle mie maggiori passioni per poter creare un argomento di dibattito su questo tema antico e così vivo, e chi lo conosce sa cosa intendo...
Vorrei lasciarvi come apertura della discussione con la massima maggiore, su questo tema:

Per oggi nn ti arrabbiare
Per oggi nn ti preoccupare
Onora i genitori, gli anziani, i maestri
Guadagna da vivere onestamente
Mostra gratitudine a tutti gli esseri viventi.
Phantom is offline  
Vecchio 18-11-2007, 09.26.59   #2
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: REIKI....che ne pensate?

Citazione:
Originalmente inviato da Phantom
Vorrei aprire questa discussione su una delle mie maggiori passioni per poter creare un argomento di dibattito su questo tema antico e così vivo, e chi lo conosce sa cosa intendo...
Vorrei lasciarvi come apertura della discussione con la massima maggiore, su questo tema:

Per oggi nn ti arrabbiare
Per oggi nn ti preoccupare
Onora i genitori, gli anziani, i maestri
Guadagna da vivere onestamente
Mostra gratitudine a tutti gli esseri viventi.


Bellissima regola di vita
da interiorizzare.
Come ogni proposta per vivere bene
va compresa profondamente
perchè seguire una regola senza comprenderne il valore
fondamentale serve a poco.
Tutti sappiamo che viviamo in un mondo pieno di regole
ma se non comprendiamo perchè osservare le regole e non trasgredirle
può prima di tutto far star bene noi e poi cambiare il mondo intorno
a noi, saremo spinti a trasgredirle, perchè in quel momento ci andrà di farlo
per il soddisfacimento di una "reazione" o di un "istinto"
Per cui concordo sulla preziosità dei consigli perchè ho fatto un tratto del percorso e continuo a camminare, ma altri accetteranno tali proposte
con vera adesione?
paperapersa is offline  
Vecchio 18-11-2007, 10.22.57   #3
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Un mio pensiero sulle energie e sul Reiki

Le energie sottili attualmente sono al centro dell'attenzione per quanto riguarda la ricerca di ulteriori tecniche di guarigione e si sente spesso parlare, oltre della pranoterapia, anche di Reiki o come poter agire sull'energia etc.. ma credo che per conversare e trasmettere direttamente ad un livello alto l'energia sottile (comunemente chiamata prana nel reiki o Prana nella pranoterapia), ottenendo una valida risposta, bisognerebbe considerare prima di tutto un nuovo tipo di linguaggio con il nostro corpo-mente, eliminando il conflitto tra conscio ed inconscio.
I nostri pensieri ed emozioni scappano spesso dalla presenza mentale ma rimangono impressi, immagazzinati energeticamente nel nostro corpo, generando a lungo o medio tempo stress ed altre conseguenze dapprima assorbite a livello eterico e successivamente a livello fisico, destabilizzandolo a volte in modo più o meno marcato....

Usare il Prana può non essere del tutto facile, perché richiede la realizzazione di influenze ed impegni fisici e mentali ma soprattutto Spirituali.
Innanzitutto per usare al meglio il Prana è necessario che la nostra motivazione sia resa pura e unicamente a veicolo del Prana stesso ed assolutamente deve essere esente del potere personale o della "fama del guaritore" e deve infine incidere esclusivamente con la trasmissione naturale ed impersonale...
L'esempio è quello del tubo dell'acqua, se un tubo è pulito all'interno, l'acqua (energia neutra) passerà dal tubo pura e si distribuirà pura.. se il tubo portante è intasato o "sporco", questa acqua porterà con sè anche i detriti accumulati all'interno per tutto il traggitto e li "donerà" con poca purezza.. Il tubo (come esempio) è in genere "sporco" dalle nostre emozioni negative e giochi dell'ego....
c'è inoltre differenza tra energia usata dal reiki e da quella usata dalla pranoterapia, in cui regna sempre confusione, pregiudizio e sciocco antagonismo...

Ho portato un semplice esempio per far comprendere come spesso l'energia incanalata possa non essere candida, e nella trasmissione, trasmettiamo o ci autotrasmettiamo anche i nostri pensieri poco puri ed altro, rimettendoli nuovamente in circolo o donandoli..
Il reiki usa un tipo di energia e cioè il prana (l'aspetto solare e maschile) assieme all' apana (aspetto femminile e lunare) che formano due polarità energetiche del respiro e lo ritrasmettono..
mentre la pranoterapia oltre ai due tipi di energia (prana e apana) ne adopera anche altri tre che sarebbero samana, udana e vyana.. e tutti e cinque, secondo la tradizione dello yoga (ayurveda) danno corpo completo al Prana o meglio chiamata energia universale..

atisha is offline  
Vecchio 18-11-2007, 11.34.02   #4
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: REIKI....che ne pensate?

Citazione:
Vorrei aprire questa discussione su una delle mie maggiori passioni per poter creare un argomento di dibattito su questo tema antico e così vivo, e chi lo conosce sa cosa intendo...
Vorrei lasciarvi come apertura della discussione con la massima maggiore, su questo tema:

Per oggi nn ti arrabbiare
Per oggi nn ti preoccupare
Onora i genitori, gli anziani, i maestri
Guadagna da vivere onestamente
Mostra gratitudine a tutti gli esseri viventi.

Innanzitutto Benvenuto tra noi Phantom!

Penso che già in questa regola sia racchiusa la guarigione che la tecnica persegue...tutto ciò che può condurre l'uomo all'armonia è cosa buona...

Con il Reiki in particolare non ho esperienze dirette, comunque questa discussione spero mi darà modo di "conoscere".
veraluce is offline  
Vecchio 23-11-2007, 22.36.01   #5
Mr.Chakra
Ospite abituale
 
L'avatar di Mr.Chakra
 
Data registrazione: 27-09-2006
Messaggi: 64
Riferimento: Un mio pensiero sulle energie e sul Reiki

Citazione:
Originalmente inviato da atisha
Le energie sottili attualmente sono al centro dell'attenzione per quanto riguarda la ricerca di ulteriori tecniche di guarigione e si sente spesso parlare, oltre della pranoterapia, anche di Reiki o come poter agire sull'energia etc..
L'esempio è quello del tubo dell'acqua, se un tubo è pulito all'interno, l'acqua (energia neutra) passerà dal tubo pura e si distribuirà pura.. se il tubo portante è intasato o "sporco", questa acqua porterà con sè anche i detriti accumulati all'interno per tutto il traggitto e li "donerà" con poca purezza.. Il tubo (come esempio) è in genere "sporco" dalle nostre emozioni negative e giochi dell'ego....
c'è inoltre differenza tra energia usata dal reiki e da quella usata dalla pranoterapia, in cui regna sempre confusione, pregiudizio e sciocco antagonismo...

No scusa ma proprio non mi torna !!!
Ti voglio ricordare che il Reiki non è solo "metti le mani e guarisci", ma vi è tutta una presa di consapevolezza dietro inimmaginabile.
Anche l'esempio del tubo pecca.... detto così, nessuno può incanalare energia "pulita" alle mani (che sia pranoterapia o reiki) perchè chiunque al mondo avrà delle "emozioni negative o giochi dell'ego". In questo modo tale pratiche sono totalmente inefficaci, inutili, anzi dannose!
Parli di differenza di energie, e li potrei essere d'accordo: del resto l'energia usata con la pranoterapia è proprio della persona, nel reiki è un energia, come dice proprio il nome, "universale"... e qui ci si potrebbe domandare cosa intende per universale!!! ma ogniuno ha le sue teorie....

Dici anche il reiki usa certi tipo di energia e la pranoterapia anche altri....
Allora mettiamola così, mi ripeterò ma sarò più chiaro:
REIKI, parola in sanscrito che significa energia "KI" universale "REI". Prana è un'altro nome per "energia", insieme a chi, ci ecc ecc...
Che questa "universal energy" si possa dividere in 5 tipi di energia, come la luce si scinde nei vari colori attraverso un prisma, io proprio non l'ho mai sentita, ne letta, ne accennata....

Comunque ricordo a tutti che Reiki è una disciplina , come lo yoga, meditazione, terapia alternative ecc, e non una pillolina magica per far passare tutti i mali....
Mr.Chakra is offline  
Vecchio 24-11-2007, 08.07.40   #6
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Un mio pensiero sulle energie e sul Reiki

Citazione:
Originalmente inviato da Mr.Chakra
No scusa ma proprio non mi tornano!
Ti voglio ricordare che il Reiki non è solo "metti le mani e guarisci", ma vi è tutta una presa di consapevolezza dietro inimmaginabile.
Anche l'esempio del tubo pecca.... detto così, nessuno può incanalare energia "pulita" alle mani (che sia pranoterapia o reiki) perchè chiunque al mondo avrà delle "emozioni negative o giochi dell'ego". In questo modo tale pratiche sono totalmente inefficaci, inutili, anzi dannose!

esatto ... pensa un po' ad uno che fuma e mangia carne rossa e bene vino.. che tipo di Ki trasmette?
sta invece secondo me usando il biomagnenismo non Ki C'hi o (Qi) o Ruach..che è energia universale neutrale, ma che si riveste al passaggio di ogni scoria.. e se non si è puri sia nell'intento (egoismo) che nella pulizia fisica (accumulo di scorie) può realmente essere di danno..

il biomagnetismo invece è ciò che usano sia il Reiki che la maggior parte delle terapie cosiddette alternative..
ed è un trattamento che ripristina l'equilibrio psico-fisico attraverso l'influenza magnetica (elettrica) delle mani.. cioè funziona da stimolatore.. ben altra cosa dall'uso dell'energia Universale chiamata Ki o Prana.. che è un'arte sacerdotale, quindi arte Iniziatica.. ora capirai che in due corsetti è impossibile usare il Prana...

Citazione:
REIKI, parola in sanscrito che significa energia "KI" universale "REI". Prana è un'altro nome per "energia", insieme a chi, ci ecc ecc...
Che questa "universal energy" si possa dividere in 5 tipi di energia, come la luce si scinde nei vari colori attraverso un prisma, io proprio non l'ho mai sentita, ne letta, ne accennata..

Comunque ricordo a tutti che Reiki è una disciplina , come lo yoga, meditazione, terapia alternative ecc, e non una pillolina magica per far passare tutti i mali....

reiki deriva dal giapponese ki che significa energia individualeparte del Rei energia universale..
ciò che non hai mai sentito non è detto che non esista.. sarebbe opportuno tu facessi ricerche in merito allargando i tuoi orizzonti..
questo significa ricerca.. ed è ciò che tende anche il Reiki.. purtroppo invece, ci si ferma solo alla superficie con la speranza di divenire "guaritori" e distribuire amore responsabilizzando il prana... o Ki nel tuo caso..
La meditazione, l'uso del mantra e dei mudra sono tecniche usate in modo blando dai reiki, capaci di produrre alcuni effetti di suggestione..
perchè agiscono sulla forza psichica.. e ciò non ha niente a che vedere con l'energia universale anche se la stessa tutto com-prende..
il Reiki usa frammenti spacciandoli per energia universale...

atisha is offline  
Vecchio 24-11-2007, 11.51.52   #7
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: REIKI....che ne pensate?

Ho trovato molte cose in siti generici ( e non "di parte" ) ve ne riporto alcune
( così possiamo scambiarci informazioni ):

1)
Citazione:
Reiki viene tradotto come “Energia Vitale Universale”, ad indicare che è la stessa energia dell’Universo e della Vita che interviene nel processo terapeutico, per facilitare e potenziare meccanismi di autoguarigione dell’organismo di chi si sottopone a un trattamento di Reiki.

La parola si compone di due parti: la sillaba REI descrive l’aspetto universale illimitato di questa energia, KI è una parte del Rei, la forza vitale della vita che scorre attraverso tutto ciò che vive.

L’Energia Vitale Universale viene “captata”, quindi, dal praticante di Reiki e trasmessa, attraverso le mani o attraverso tecniche mentali, a chi deve ricevere il trattamento.



Dopo aver effettuato un trattamento, potrete sentivi più calmi, concentrati e vigili; focalizzando l’attenzione sul paziente sentirete le vostre idee divenire più chiare e, nello sforzo di creare uno spazio mentale per lui, ne realizzerete uno anche per voi.

Per quanto riguarda, per esempio, la confusione tra Reiki e magnetismo personale (preferisco questa definizione a “pranoterapia”, un termine troppo vasto che per definizione significa la terapia attraverso il prana, ovvero l’energia universale, non quella propria del terapeuta), la differenza fondamentale tra le due tecniche è che il Reiki permette effettivamente di innescare processi di guarigione molto potenti, senza mai ricorrere all’energia individuale del terapeuta.

Il terapeuta posa o accosta le mani al corpo del malato e l’energia fluisce quasi automaticamente; a differenza di un pranoterapeuta, chi pratica Reiki non trasmette la propria energia, con la conseguente necessità di mantenere questa energia il più possibile sana ed equilibrata, ma l’Energia dell’Universo, infinita ed equilibrata.


Anzi, lo stesso atto di praticare Reiki ha effetti benefici non solo su chi riceve un trattamento, ma anche su chi lo effettua, perché anche quest’ultimo viene pervaso dall’Energia Vitale dell’Universo.

Il Reiki non affronta mai i sintomi di cui soffre la persona, come per esempio fa spesso la medicina allopatica, ma innesca un processo di guarigione globale delle cause profonde di tali sintomi, guarigione che porta inevitabilmente a modificare qualcosa dentro di sé e che, quindi, corrisponde inevitabilmente ad un processo di crescita, ovvero una profonda trasformazione interiore e la liberazione dai propri blocchi.

Ciò che posso affermare con sicurezza è il fatto che il Reiki non può mai essere nocivo; dal momento che l’energia affluisce spontaneamente dove è maggiormente necessaria, non esistono rischi legati ad una diagnosi errata dei problemi del soggetto da trattare: al di là delle nostre intenzioni, sarà comunque sempre l’energia ad indirizzarsi dove serve e ad innescare il processo di guarigione.

L’energia è una sola, ma si può presentar sotto forme diverse e interagire con noi in modi diversi, anche se tutti tendenti allo stesso risultato: la guarigione naturale.

Prendiamo, per esempio, la pranoterapia: si avvale dell’energia propria dell’individuo, che è, rispetto al Reiki, più “densa”, più vicina al fisico che non alle energie sottili.

A differenza della pranoterapia, nel Reiki entrambe le mani trasmettono energia; nella pranoterapia, invece, la mano destra è radiante (trasmette) e la sinistra è assorbente (riceve); è per questa ragione che diversi pranoterapeuti assorbono le malattie e i disagi delle persone trattate e, di conseguenza, devono conoscere le tecniche per “scaricare” ciò che hanno accumulato e soffrono in prima persona.

Il terapeuta di Reiki, di contro, non assorbe perché entrambe le mani sono radianti. Non c’è dunque alcun pericolo né di trasmettere un’energia “non pulita”, né di assorbire energia, malattie o disagi del ricevente.

Come l’acqua che scorre in un tubo di gomma utilizzato per bagnare i fiori bagnerà il tubo stesso nel suo interno, così un trattamento di Reiki fatto da un’altra persona diventerà, contemporaneamente, una forma di auto-trattamento, perché una certa quantità di energia che ci ha attraversato rimane dentro il nostro organismo. È questa la ragione della sensazione di gioia, benessere e gratitudine che sente il terapeuta dopo un trattamento.

Il Reiki conferma l’idea che possediamo un potenziale nascosto, latente nella maggior parte delle persone, ma in grado di essere destato.

L’inconscio può allora guidare il funzionamento del talamo e del sistema nervoso perineurale per generare energia Reiki e convogliarla sull’area danneggiata attraverso le mani del guaritore.

2)
Citazione:
Vi è una sostanziale differenza tra la pranoterapia e il Reiki: nella prima l’operatore è dotato di una grande energia personale che cede alla persona trattata.

Nel Reiki, invece, si impara a convogliare sugli altri (o su se stessi) l’energia che ci circonda: si diventa tramiti tra l’energia cosmica e la persona che riceve e mentre si lavora sugli altri si riceve energia anche per sé;
ma per essere veramente efficaci si dovrà imparare la difficile arte dell’umiltà.


3)
Citazione:
Differenza fra ReiKi e pranoterapia
Questo mio intervento non è per sostenere che una tecnica sia meglio dell'altra ma per sottolineare la profonda differenza, a livello energetico, fra le due tecniche.

Si deve evitare di confondere il Ki (o Chi o Prana o Bioplasma) con il ReiKi. Il Ki è relativo all'energia personale di una persona. L'energia ReiKi non è della persona che lo pratica, ma il praticante ne è solo canale prendendola da fuori e trasferendola alla persona trattata.

Per essere più espliciti i Pranoterapeuti usano il Prana o Ki, cioè la loro energia personale e trasferiscono questa alla persona trattata o assorbono le energie negative presenti nella persona, a volte purtroppo questo ha l'effetto di fare stare male il pranoterapeuta.

Chi pratica ReiKi è canale di questa energia bellissima che prende dall'esterno e trasferisce alla persona che riceve il trattamento. Chi trasferisce questa energia lo fa con entrambe le mani e non assorbe le energie negative della persona trattata, questo rende il ReiKi molto sicuro e praticabile da chiunque.

Altre differenze a livello pratico sono che chiunque può fare ReiKi senza nessun prerequisito, questo non è vero per la Pranoterapia nella quale si deve possedere almeno una quantità minima di energia. Nel ReiKi si possono fare autotrattamenti o trattamenti a chiunque , un pranoterapeuta non può farsi autotrattamenti ed ha difficoltà a trattare parenti e persona alle quale è affettivamente legato.

Da tutte le ricerche che ho fatto ( quindi non solo da quanto ho qui riportato... non volevo esagerarre ), personalmente evinco che il Reiki sia stato ben contestualizzato da Mr.Chakra... in quanto l'energia nel Reiki affluisce al di là del fatto che il "tubo" sia o non sia in un certo modo ( cosa che non avviene nella pranoterapia )... per far passare l'energia universale basta la sincera umiltà
( così ho letto in alcuni siti ) e nient'altro ( la pranoterapia richiede invece "pulizia" interiore = cosa ardua ) .

Comunque continuerò le ricerche e accetterò indicazioni "diverse"... sono qui per ampliare i mie orizzonti .

Pace
veraluce is offline  
Vecchio 24-11-2007, 13.12.17   #8
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: REIKI....che ne pensate?

le ricerche non vanno fatte sui libri..
ma con la propria esperienza..

poi che ognuno prenda in prestito ciò che più gli conviene..

atisha is offline  
Vecchio 24-11-2007, 13.52.33   #9
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
un 'aggiunta

Citazione:
Originalmente inviato da veraluce
Da tutte le ricerche che ho fatto ( quindi non solo da quanto ho qui riportato... non volevo esagerarre ), personalmente evinco che il Reiki sia stato ben contestualizzato da Mr.Chakra... in quanto l'energia nel Reiki affluisce al di là del fatto che il "tubo" sia o non sia in un certo modo ( cosa che non avviene nella pranoterapia )... per far passare l'energia universale basta la sincera umiltà

ci stiamo contando un sacco di balle solo perchè è divenuto di moda il reiki.. è un metodo suggestivo come ce ne sono tantissimi altri..
ho preso il secondo livello per curiosità e per "studiare" il fenomeno, anni fa...


questi scritti sono, per me s'intende, pure idiozie piene di contraddizioni..
se rileggi ciò che hai postato, con un po' d'impegno ed intelligenza potrai vederle da te.. termini che s'intrecciano tra loro.. poi si parla di bioplasma senza sapere cos'è..
paroloni che fanno sembrare la materia chissà chè..

l'energia è Una e non è personale.. nè tantomeno del pranoterapista.. infatti non ce ne sono pranoterapisti, ma semplici guaritori..
che operano con il metodo del magnetismo e della suggestione.. (il reiki, ripeto solo con la suggestione.. la suggestione è un metodo potentissimo sconosciuto, della suggestione conosciamo solo pochissimo, ciò che ci passano di convenienza)

perchè non si nasce pranoterapisti..
ma lo si diventa semmai nel proprio cammino iniziatico..

la sincera umiltà ce l'ha solo chi ha affrontato totalmente il proprio ego..
chi è Morto realmente a se stesso.. non noi altri .. e detto questo ho detto tutto.. se si vuole capire..

spiegami come è possibile rendersi canali vuoti e far fluire solo l'energia universale.. ?
basta il pensiero? recitare un mantra? applicare una visualizzazione?
se fosse così semplice..

il reiki ha estrapolato tecniche profonde e antiche, reimpastandole in modo semplicistico e vendendole per alleggerire le tensioni dell'umanità ...ma nel contempo riempire il proprio portafogli..

se poi fa piacere credere a certe cose, perchè fa stare meglio, per me va più che bene..

tutto ciò che hai riportato è secondo me contorto.. è pubblicità in cassetta.. "new age".. che va pure bene, basta sia solo un inizio, verso una più profonda conoscenza di se stessi e del circostante..

non ho altro da aggiungere..
atisha is offline  
Vecchio 24-11-2007, 14.41.10   #10
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: REIKI....che ne pensate?

Citazione:
Da Atisha:
se si vuole capire..

Certo che si vuol capire... io sono qui soprattutto per questo!

Citazione:
Da Atisha:
tutto ciò che hai riportato è secondo me contorto.. è pubblicità in cassetta.. "new age".. che va pure bene, basta sia solo un inizio, verso una più profonda conoscenza di se stessi e del circostante..

Quindi come in tutte le cose alla fine è sempre l'esperienza diretta quella che più conta...

Certo che bisogna davvero star sempre con gli occhi aperti per discernere...

E' bene comunque poter fare riferimento a chi ha sperimentato in prima persona cose del genere... almeno per avere un punto di vista più diretto rispetto a dissertazioni trovate sparse su internet... per questo ti ringrazio Atisha...

Per chi come me, ancora non ha potuto conoscere direttamente non è sempre facile capire... sorgono sempre tanti interrogativi


Citazione:
Da Atisha:
la sincera umiltà ce l'ha solo chi ha affrontato totalmente il proprio ego..
chi è Morto realmente a se stesso.. non noi altri .. e detto questo ho detto tutto.. se si vuole capire..

Secondo te, al momento su questa terra, c'è qualcuno che il proprio ego lo ha affrontato? Chiedo questo soltanto per capire a chi-cosa ci si riferisce nel concreto quando si parla di qualcuno che è Morto a sé stesso...
Una persona, che è contestualmente "inserita" nella società occidentale contemporanea, può Morire a sé stessa oppure è impossibile secondo te?
veraluce is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it