Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 21-02-2008, 09.37.57   #71
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Riferimento: Peccato originale e battesimo

Citazione:
Koan:

Non credere di essere tanto incredibilmente lapalissiano e logico, perché in questo "settore spirituale" non riesci, secondo me, invece, a fare altro che discorsi scontati e fine a se stessi, senza voler minimamente approfondire una realtà che NON è puramente fisica ed è l'unica a permettere ed offrire a tante persone una soluzione possibile a tanti problemi come da te oculatamente ravvisati ( o forse ti sarà tanto ovvio credere che nessuno conosce e vede tali realtà così schiette ed illuminanti, che però – lo ribadisco - non sono rigidamente esteriori ! da parte mia, preferisco una malformazione fisica ad una equivalente interiore .. tu che dici invece ? ).Alla tua sottigliezza perequativa ( come se la realtà fosse solo quella che si vede esternamente, in cui ognuno sarebbe scollegato dagli altri ), e di cui giustamente ti lamenti tu stesso ( non potendoti esimere neanche tu, da fine osservatore della cruente realtà, quale ti fai, a condannarla non potendola riuscire così facilmente a comprendere/accettare in quanto essere umano dotato di sentimenti - materiali ? - naturali... spero tu lo abbia compreso questo, cercando di riflettere se veramente quella da te ravvisata sia la realtà nuda ed intera .. ), rispondo che la realtà non è quella apparente e fine a se stessa, a cui sembri non riuscire a non ridurla tu, e che in realtà non "siamo separati" ( questa è la dimensione spirituale ), ma siamo tutti uniti, come un tutt'UNO .. sappi solo che non riuscirai a cavare nel tuo mondo puramente fisico alcun ragno dal muro .. ( la Legge dell'Amore e solo questa Legge HA POTERE contro qualunque forma e realtà - soprattutto esteriore - di male ). Saluti

Dico che di te si vede solo la rinnegata malformazione interiore, e, data la sede, non potrebbe essere altrimenti, per le malformazioni fisiche… che Dio ti preservi per l’intera tua vita.

Non so cosa sia una sottigliezza perequativa, tanto meno riesco ad immedesimarmi in una realtà di tal fatta, chissà di che tipo si tratta. Poi ti prego anche di non ondeggiare, non essere altalenante, non fare il pendolo, tutto ciò denuncia la tua vacillante personalità. Insomma, ti prego di deciderti, o le mie osservazioni, riflessioni e confutazioni sono superficiali, oppure che siano fini, acute ed oculate… mi fai quasi venire il mal di mare. Non riesco neppure a comprendere come un sentimento possa essere materiale, ma tant’è, che così sia… il resto è solo una spocchiosa e misera riedizione di filmini da videotape già visti fino alla noia.

In chiusura, solo per curiosità, in quale parte dei miei interventi ho mai definito le Scritture di qualsiasi religione favole o fiabe? Se è accaduto, è stata sicuramente una mia svista che non riflette il mio pensiero, però ti prego vivamente di segnalarmi dove e quando… ovviamente prima leggi attentamente l’eventuale passaggio, forse avrai necessità di capirlo bene.

Ora ti saluto augurandoti una maggiore serenità

Ciao
visechi is offline  
Vecchio 21-02-2008, 09.41.32   #72
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Riferimento: Peccato originale e battesimo

Citazione:
Originalmente inviato da albatro
Sembra quasi banale dire che "male" e "bene" sono cose del tutto soggettive, relative ad una nostra visione grezza e materialista. Una malattia può insegnare tante cose, persone del tutto superficiali hanno subìto un cambiamento profondo dopo che un incidente le ha poste in uno stato di invalidità. Soffrendo in prima persona, hanno compreso anche la sofferenza degli altri, hanno imparato ad amare.

SEbbene non creda sia possibile negare il valore pedagogico che le avversità spesso (non sempre) hanno, converrai con me che talvolta una malattia proprio non lascia il tempo necessario affinché colui che ne è affetto impari qualcosa… mai sentito parlare di vita neurovegetativa fin dalla nascita, o di morti in culla o altre cosette del genere?

Citazione:
La mente agisce sul fisico ovviamente in modo inconscio. Così è anche nella tradizione del popolino, dire "cuore di pietra", carattere "bilioso" ecc. (esistono mille esempi) indica qualcosa per me di reale, di come le storture caratteriali agiscano sul nostro fisico a vari livelli, e le malattie sono TUTTE psicosomatiche.

Affinché un male si manifesti a causa d’impulsi o conflitti psichici, tali da manifestarsi in deterioramenti di tipo organico e funzionale (somatizzazione), è necessario aver maturato una psiche tale da poter permettere questo processo auto-generativo ed auto-patologico. Ma noi sappiamo bene che la realtà non sempre può essere ricondotta a questa disperante fattispecie. E’, infatti, vero e riscontrabile nella letteratura medica di ogni tempo e latitudine, che certe malformazioni organiche e funzionali insorgono già da prima della nascita. In questi non rari casi non si può parlare di malattie psicosomatiche.
Escluso, dunque, che tutti i mali siano riconducibili e riducibili alla somatizzazione, la tua tesi si dimostra fallace di per se.
P.S.: non trovo sia necessario aprire un thread per discutere di questa questione, l’evidenza e il buon senso lo ridicolizzerebbero da subito
Ciao
visechi is offline  
Vecchio 21-02-2008, 11.03.31   #73
albatro
Ospite
 
Data registrazione: 11-05-2006
Messaggi: 27
Riferimento: Peccato originale e battesimo

Affermare che sono LE MALATTIE a prendere possesso di noi, e non che noi SCEGLIAMO inconsciamente le nostre malattie, significa secondo me e secondo la medicina più consapevole, quella che non cura a pezzi l'individuo come fanno i meccanici con le automobili, affermare che siamo preda del bieco caso, per il quale Dio gioca a dadi con l'universo, e a caso assegna mali incurabili e salute di ferro (oltre naturalmente ad avvenimenti "catastrofici" o "fortunati"). Ma tutto ciò lo inquadro in una visione generale che include l'eternità dell'essere umano, il suo "continuum" di esperienze ed acquisizioni evolutive, concetto che qui non sembra andare per la maggiore, per cui concludo decisamente l'argomento per non annoiare...
albatro is offline  
Vecchio 21-02-2008, 11.56.06   #74
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Riferimento: Peccato originale e battesimo

Citazione:
Originalmente inviato da albatro
Affermare che sono LE MALATTIE a prendere possesso di noi, e non che noi SCEGLIAMO inconsciamente le nostre malattie, significa secondo me e secondo la medicina più consapevole, quella che non cura a pezzi l'individuo come fanno i meccanici con le automobili, affermare che siamo preda del bieco caso, per il quale Dio gioca a dadi con l'universo, e a caso assegna mali incurabili e salute di ferro (oltre naturalmente ad avvenimenti "catastrofici" o "fortunati"). Ma tutto ciò lo inquadro in una visione generale che include l'eternità dell'essere umano, il suo "continuum" di esperienze ed acquisizioni evolutive, concetto che qui non sembra andare per la maggiore, per cui concludo decisamente l'argomento per non annoiare...



Non affermo che siano “LE MALATTIE a prendere possesso di noi”, affermo, invece, che le malattie accadono, ma ciò a prescindere dalla volontà o dalla mente di ciascuno di noi. Che poi sia tutto affidato al caso, non lo credo neppure io. Il Caso ci mette molto di suo, ma è indubitabile che esiste una certa predisposizione genetica ad ammalarsi. Con ciò non si può dedurre che si tratti di karma, ma che la trasmissione di geni potenzialmente patologici (il baco umano), è una realtà riconosciuta dalla medicina ufficiale. Oltre al caso si annovera fra le cause patogene anche il tenore e la qualità di vita, e tante altre concause che qui non è il caso di trattare.
Non tengo in alcun conto la cura fisica condotta per mezzo di ridicoli pendolini e cose alchemiche similari.
Non ti ha mai assalito il sospetto che il tanto amato Dio possa non esistere e che tutto quel che vediamo e percepiamo, anche le malattie, siano il risultato di qualcosa di assai più complesso di quanto certa scellerata e soprattutto malintesa spiritualità voglia farci credere?

Ciao
visechi is offline  
Vecchio 21-02-2008, 12.58.59   #75
koan
Utente bannato
 
L'avatar di koan
 
Data registrazione: 19-09-2007
Messaggi: 522
Riferimento: Peccato originale e battesimo

Citazione:
Originalmente inviato da visechi
Dico che di te si vede solo la rinnegata malformazione interiore, e, data la sede, non potrebbe essere altrimenti, per le malformazioni fisiche… che Dio ti preservi per l’intera tua vita.


Poi ti prego anche di non ondeggiare, non essere altalenante, non fare il pendolo, tutto ciò denuncia la tua vacillante personalità.
Visechi, vedi... se scrivo frasi che vengono ritenute "offensive" verso altri che scrivono nel forum, la risposta arriva prima ancora della pubblicazione del mio post, dato che semplicemente non mi viene pubblicato... Questo però non sembra accadere per te, ma continua pure per carità, anche se ho il sospetto che ti senta dotato di spiccata personalità e di scontata capacità "intellettiva" ( l'impressione si evince palesemente dalla tua abbagliante sicumera presente in tutti i tuoi sopraffini commenti rivolti ad altri, ma l'importante è convincersene; altro discorso è invece da rivolgere nei confronti di chi cura così attentamente - ad alcuni - la forma del contenuto dei propri post e non altrettanto la sostanza ).
Mi spiace per te, ma con il mio limitato Q.I. di 164 devo arrendermi alla ferrea logica dei tuoi discorsi, quindi continua pure da solo per quanto mi riguarda, d'ora in poi.

Citazione:
Originalmente inviato da visechi
Insomma, ti prego di deciderti, o le mie osservazioni, riflessioni e confutazioni sono superficiali, oppure che siano fini, acute ed oculate… mi fai quasi venire il mal di mare. Non riesco neppure a comprendere come un sentimento possa essere materiale, ma tant’è, che così sia… il resto è solo una spocchiosa e misera riedizione di filmini da videotape già visti fino alla noia.
Eh sì, hai ragione, non riesco ad esprimere se "illogicamente" i miei mediocri pensieri... che ti devo dire, sarà dato - anche - dalla soggezione che riscontro di fronte alla tua strabiliante personalità logica. Prosegui pure la tua accorta strada di evidenza materialistica, lasciami - con buona pace - pendolare lungo la mia.

In chiusura, solo per curiosità, in quale parte dei miei interventi ho mai definito le Scritture di qualsiasi religione favole o fiabe? Se è accaduto, è stata sicuramente una mia svista che non riflette il mio pensiero, però ti prego vivamente di segnalarmi dove e quando… ovviamente prima leggi attentamente l’eventuale passaggio, forse avrai necessità di capirlo bene.[/quote]
Te la segnalo, come desideri:
ricercala pure a pagina 5 e traducila come ti pare, sono sicuro che arriverai alla conclusione più logica e chiara possibile. Inutile controbattere di fronte ad un dottore di così elevato comprendonio come te.

Citazione:
Originalmente inviato da visechi
Ora ti saluto augurandoti una maggiore serenità
Tutta quella che non puoi che comprendere tu. Preferisco vivere con i miei limiti e pendolamenti perpetui, non hai bisogno che ti spieghi nulla di più di quanto già comprendi.
koan is offline  
Vecchio 21-02-2008, 13.33.44   #76
marco cossu
Ospite abituale
 
L'avatar di marco cossu
 
Data registrazione: 30-01-2008
Messaggi: 92
Riferimento: Peccato originale e battesimo

Citazione:
Originalmente inviato da koan
Dio santo marco, conte sono costretto a sezionare se non parola a parola, periodo a periodo di quello che scrivi...
Hai fonito un'opinione in rapporto al racconto di Adamo ed Eva, hai distinto l'uomo e la donna dagli animali e poi hai spiegato quanto concerne la sessualità umana immettendola in un contesto che si riassume in due sole frasi:
fai pure sesso come ti pare e goditi la vita senza remore...
Tutto qui il tuo messaggio sul racconto biblico, come se il peccato in sostanza sia dato dal proibire tutto questo ..

Il sesso e la sessualità credo sia riassumibile in una forma di energia vitale fondamentale per la persona umana, come lo è l'unione/il legame tra tutte le cose .. persino la forma più generica di qualunque cosa che non può che essere concavo o convesso manifesta il senso stesso di tutto questo.

E' dunque tutto qui ? è questa la massima evoluzione umana a cui ha portato l'ordine esistente delle cose che sono e la natura ?


Speriamo...


Benissimo .. condivido, ma non totalmente.
Porsi al centro dell'Universo può dipendere dalla consapevolezza di essere materia cosciente dotata di un mondo interiore, ovvero di sentimenti, e di coscienza .. A te pare poco ? a me no...
Se un Re dovesse sedere su di un trono, questo non lo renderebbe certamente un Ego-ista .. se un Re iniziasse a fare il tiranno e a spadroneggiare come un folle senza senno, ciò lo relegherebbe alla condizione di impostore; questo perché il valore del Re deve passare sempre anche per vie interiori, mentre la forma esteriore perderebbe di senso senza un contenuto che vi si applichi.
Il problema trovo sia infatti proprio il trovare un senso profondo alle cose che sono... questo l'uomo e la donna dovrebbero essere in grado di farlo.


Il problema, di nuovo, trovo non sia il giudicare, ma dato dal come esso venga compiuto e rispetto a che cosa... ognuno resta poi libero di fare quello che desidera e che sente, ma non così liberamente come ci piacerebbe, perché non si vive isolati dal mondo o in un mondo a cui poter sfogare gli istinti più reconditi.


No, il discorso è diverso e molto più sottile.

"Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e si accorsero di essere nudi";
""Ho udito il tuo passo nel giardino ed ho avuto paura perché sono nudo e mi sono nascosto" ..

Alla banale ed esteriore "vergogna del proprio corpo" temo si sia infiltrata una consapevolezza ben più interna e profonda, che interrompe e blocca il loro rapporto con Dio e con il proprio senso naturale di maturazione e crescita interiore...


Gli animali sono animali, mentre per l'uomo e la donna sarebbe più indicato parlare ad esempio, di genitori .. più che di un accoppiamento che porta ad una cucciolata; ti pare ?
Anche in questo caso la persona umana comprende il valore delle cose e lo vive interiormente come se tutto non fosse in realtà fine a se stesso, ma proteso ad un livello più profondamente umano e spirituale.
Non mi faccio una scopata per dare sfogo ai miei istinti sessuali, come se mangiassi una torta alla cioccolata e poi mi pulisco la bocca... Qualcosa dentro di me recepisce quello che faccio e porta un frutto che è sostanzialmente interiore.
Che gli piaccia o no, l'uomo e la donna non sono degli animali e tutto finisce per assumere un significa più profondo e meno meccanicistico o fine a se stesso di quanto non appaia esteriormente ( in tutte quelle che possono essere le diverse realtà in cui si senta l'amore; istinto - se istinto - umano a cui non è possibile non fare riferimento ).
Non tutto però è necessariamente bene ( "Albero del bene e del male" ) senza comprendere e conoscere quale sia il senso reale che sta alla radice del comportamento umano e di quanto egli/ella senta interiormente.

Siamo tutti, nessuno escluso, nella stessa barca: impossibile non interrogarsi ..


Direi che è un simbolo molto, fin troppo, sostanziale...
Possedere un'arma - discorso classico - permettere che sia usato in bene o in male. Non tutte le forme di affettività e di amore sono infatti bene .. che cosa denuncia ad esempio chi è affetto da pedofilia ? in una parola: la mancanza - molto grave - di maturità dell'amore, tanto da non poter percepire l'amore innato ed estremamente naturale di un bambino e di una bambina .. Anche in questo caso gli "occhi sono stati aperti" deturpando la coscienza umana nel suo profondo... Chi dice che sia realmente normale ? solo il cuore può comprendere tutto questo e nessuno può essere ipocrita con se stesso... o forse si !


Questo mi sembra uno sfogo. Ammesso pure che la società sbagli - non lo escludo affatto, sia che faccia "bene" sia che faccia "male" .. - ciò non impedisce alle persone di dover rendersi conto di quale sia la realtà ed il senso di quanto dipenderebbe dalla propria sfera sessuale. L'istinto non viene dal nulla, ma - per l'uomo e la donna - dipende da un profondo senso di conoscenza di sé e del mondo circostante ( che mi ricorda molto l'Albero del racconto biblico ) ..
Una perversione è perversa in sé, non a causa di altri .. questa mi preoccupa di più del giudizio esterno, perché avviene internamente alla persona ( se riesci a comprendere questo linguaggio ).


No, la Chiesa - anch'essa in "bene" o in "male" - trasmette con forza il messaggio religioso su cui si fondano le Sacre Scritture. Questa è una realtà come quella di voler fare come ci pare e piace, essendo tutti ed in infiniti modi condizionati dal mondo esterno, sempre e comunque... A me interessa comprendere e trovare quale sia la Verità, o stiamo parlando inutilmente.


E' verissimo, ma ciò non toglie che tale forma di energia vada controllata al fine di essere usata con temperanza e dignità.
Il malessere interiore dipende sempre da un uso sbagliato dell'energia e della vita, questa è la verità.
Diversi sono i casi di dipendenza... i quali vanno chiaramente affrontati in maniera specifica e mai drastica, perché a tutto esiste rimedio, se si conoscono metodi di analisi - fondamentali per chiunque - che permettono di conoscere la realtà ed il mondo che ci circonda e di svilupparsi in esso imparando ad usare ed impiegare positivamente le proprie energie.

Nessun giudizio, la verità non giudica mai, ma piuttosto libera ( o non sarebbe "verità" ) ..


Torniamo se volete al racconto biblico...


Ciao koan, tutte le tue affermazioni fanno trasparire una visione di un Dio non onnipresente, non onnipotente, non onniscente....

inoltre non hai ancora risposto alle mie domande ma ti sei limitato a parlare in generale di ciò che la chiesa insegna a riguardo ( circa )

1-pensi che Dio sia onnipresente, onniscente e onnipotente?

2-esiste il bene assoluto, cioè che nessuno possa trovarne il lato negativo?

3-esiste un'interpretazione giusta della bibbia?
4-se si, quale, quella cattilica, quella protestante ecc...?
5-se esiste, perchè quest'interpretazione è cambiata, senza andare troppo lontano, dal medioevo ad oggi?

6-E' la Verità a cambiare in base ai tempi e ai luoghi?

7-se la verità è cambiata e continua a farlo, è possibile che ci sia qualcuno che spaccia "una verità" per "la Verità"?

prima di argomentare potresti rispondere alle domande con un SI o con un "NO", grazie mi occorrerebbe per capirci meglio.

io ti scrivo anche le mie risposte così possiamo confrontare le due opinioni partendo dalle differenze.

1- Si
2- No
3- No
4-
5-
6- No
7- Si

A te, ciao.
marco cossu is offline  
Vecchio 21-02-2008, 15.44.29   #77
koan
Utente bannato
 
L'avatar di koan
 
Data registrazione: 19-09-2007
Messaggi: 522
Riferimento: Peccato originale e battesimo

Citazione:
Originalmente inviato da marco cossu
inoltre non hai ancora risposto alle mie domande ma ti sei limitato a parlare in generale di ciò che la chiesa insegna a riguardo ( circa )
E' quanto insegna la Chiesa ?
Riflettiamo però sul tema del 3d o finiamo per allontanarci da esso.

Le domande che mi poni dipendono da concezioni acquisite dall'umano scibile, le quali sono soggette all'evoluzione della mente e coscienza umana nel tempo ( ossia dalla propria capacità di comprensione - nelle diverse sfaccettature - dello stesso soggetto/oggetto discusso ) particolarmente in rapporto alla realtà che viene da ognuno percepita; non necessariamente quindi tali concezioni corrispondono al reale significato dei termini da te elencati .. Questo non permette quindi di discutere su tali questioni partendo da una base che risulti necessariamente comune, la quale non è neanche imponibile se non per pianificare un senso e significato che non sono appianabili/uniformabili secondo il nostro beneplacito o pluralistico consenso...

Sono pertanto costretto - come è deducibile da una tale consapevolezza - a tenermi generico sulle risposte ( non ove non lo ritenga personalmente necessario ), dato che ognuno deve poter - sempre e comunque - arrivare alle proprie conclusioni del caso.

1-pensi che Dio sia onnipresente, onniscente e onnipotente?
Tutto ciò che E' non può che essere in Dio, niente è senza di Lui; tutto ciò che "non E'" invece non solo non "E'", ma può essere solo in antitesi all'E' ..
( Risposta: SI' )

2-esiste il bene assoluto, cioè che nessuno possa trovarne il lato negativo?
Credo che il Bene sia assoluto e relativo al contempo ( tutto è rispetto al Sé ed al Tutto .. )
Esiste eccome l'Assoluto ( se non credi nell'Assoluto, allora la risposta alla nr.1 per come la vedo io è NO; tutto dipende dalla comprensione dei concetti da te esposti ), quindi la mia risposta è: rispetto all'Assoluto, SI'; rispetto al Relativo invece NO ( riguardo il "possa", ovvero nella "potenzialità" propria della realtà "relativa", da te precisato ).

3-esiste un'interpretazione giusta della bibbia?
Assolutamente SI', una volta spiegata integralmente è possibile comprendere tutto, anche in rapporto alla nostra vita di tutti i giorni ( non a tutti è però dato di comprenderla ).

4-se si, quale, quella cattilica, quella protestante ecc...?
Tutte e nessuna .. La comprensione è sempre personale, a qualunque religione o concezione di vita si appartenga, e solo Dio può decretarne la giustizia o correttezza ultima ( Lui solo è il Primo e l'Ultimo ).

5-se esiste, perchè quest'interpretazione è cambiata, senza andare troppo lontano, dal medioevo ad oggi?
La comprensione può cambiare, o meglio, essere sempre approfondita, ma un contesto storico non è decontestualizzabile.

6-E' la Verità a cambiare in base ai tempi e ai luoghi?
SI' e NO, dipende sempre dal Sé; no di certo dal Tutto ..

7-se la verità è cambiata e continua a farlo, è possibile che ci sia qualcuno che spaccia "una verità" per "la Verità"?
Sempre. Infatti la Verità non può trovare risposta personalmente, non "a maggioranza".

Ciao
koan is offline  
Vecchio 21-02-2008, 17.09.11   #78
koan
Utente bannato
 
L'avatar di koan
 
Data registrazione: 19-09-2007
Messaggi: 522
Riferimento: Peccato originale e battesimo

Citazione:
Originalmente inviato da koan
Sempre. Infatti la Verità non può che trovare risposta personalmente, non "a maggioranza".
Ho corretto la frase di cui sopra, purtroppo sto a lavoro e non mi è possibile sempre rileggere ..
koan is offline  
Vecchio 22-02-2008, 00.32.03   #79
albatro
Ospite
 
Data registrazione: 11-05-2006
Messaggi: 27
Riferimento: Peccato originale e battesimo

Citazione:
Originalmente inviato da visechi
Non affermo che siano “LE MALATTIE a prendere possesso di noi”, affermo, invece, che le malattie accadono, ma ciò a prescindere dalla volontà o dalla mente di ciascuno di noi. Che poi sia tutto affidato al caso, non lo credo neppure io. Il Caso ci mette molto di suo, ma è indubitabile che esiste una certa predisposizione genetica ad ammalarsi. Con ciò non si può dedurre che si tratti di karma, ma che la trasmissione di geni potenzialmente patologici (il baco umano), è una realtà riconosciuta dalla medicina ufficiale. Oltre al caso si annovera fra le cause patogene anche il tenore e la qualità di vita, e tante altre concause che qui non è il caso di trattare.
Non tengo in alcun conto la cura fisica condotta per mezzo di ridicoli pendolini e cose alchemiche similari.
Non ti ha mai assalito il sospetto che il tanto amato Dio possa non esistere e che tutto quel che vediamo e percepiamo, anche le malattie, siano il risultato di qualcosa di assai più complesso di quanto certa scellerata e soprattutto malintesa spiritualità voglia farci credere?
Ciao


Non si muove foglia che Dio non voglia. Sono convinto di questo, detto con banalissime parole. Non appartengo ad alcuna religione formalizzata, detto in maniera assai grossolana (è tardi) sono organizzazioni di potere somiglianti a vampiri che succhiano il sangue degli adepti. Ancora di più le varie sette.
Non è un caso che un virus attacchi Filippo e non il fratello gemello Bastiano. Non è un caso che io mi sia beccato da mia madre una certa predisposizione genetica, e mia sorella no. Penso di sapere bene da cosa sia stata causata la mia gastrite, da cosa la mia cistite prostatica (da quale mia stortura mentale). Non sono piovute dal cielo. Poi, certo, magari si sono appoggiate a qualche virus di passaggio...
La "scellerata spiritualità" per te comprende anche classici millenari come i Veda, la Baghavad Gita, gli Aforismi yoga di Patanjali, la tradizione zen, quella taoista e insomma tutta la summa spirituale viva nelle grandi civiltà prima di Cristo? Se è così perdonami per averti fatto perdere tempo. Un caro saluto da Maurizio
P.S. Sei uno di quelli che pensano "eccone un altro che va a sfruculiare l'Oriente lontano, uno dei tanti sciocchi new age"? Se così fosse ti consiglierei vivamente la lettura di un classico occidentale come "I sermoni tedeschi" di mastro Eckhart, e "Il vangelo di Tommaso". Dio non esiste? Ma in fondo Buddha (per dire) non ha mai parlato di Dio, tanto che qualcuno -per me poco avveduto- definisce il buddismo una "religione atea"...
albatro is offline  
Vecchio 22-02-2008, 12.32.29   #80
marco cossu
Ospite abituale
 
L'avatar di marco cossu
 
Data registrazione: 30-01-2008
Messaggi: 92
Riferimento: Peccato originale e battesimo

Un saluto a tutti,

Ciao Koan, queste sono le mie opinioni riguardo le tue risposte alle mie domande.


Alla mia domanda:
1-pensi che Dio sia onnipresente, onniscente e onnipotente?

Tu hai risposto:

Tutto ciò che E' non può che essere in Dio, niente è senza di Lui; tutto ciò che "non E'" invece non solo non "E'", ma può essere solo in antitesi all'E' ..
( Risposta: SI' )

Marco Cossu:
Quindi possiamo prendere dei pensieri comuni su cui costruire il discorso, finalmente...

Tu negli altri post hai affermato che Dio è il “bene” e tutto ciò che si contrappone a Dio è il “male”, giusto?
Ora dici che tutto ciò che “non è” si contrappone a Dio, quindi stai dicendo che il male “non è”, giusto?

Quindi non esiste, allora perchè continui a distinguerlo dal bene?


Tu scrivi:
2-esiste il bene assoluto, cioè che nessuno possa trovarne il lato negativo?
Credo che il Bene sia assoluto e relativo al contempo ( tutto è rispetto al Sé ed al Tutto .. )
Esiste eccome l'Assoluto ( se non credi nell'Assoluto, allora la risposta alla nr.1 per come la vedo io è NO; tutto dipende dalla comprensione dei concetti da te esposti ), quindi la mia risposta è: rispetto all'Assoluto, SI'; rispetto al Relativo invece NO ( riguardo il "possa", ovvero nella "potenzialità" propria della realtà "relativa", da te precisato ).

--------------
Marco Cossu:
ovviamente rispetto all'assoluto... se dici che il bene assoluto esiste ti vorrei porre una domanda:

l'eutanasia è bene o male?

In assoluto intendo, sempre.


Tu scrivi:
3-esiste un'interpretazione giusta della bibbia?
Assolutamente SI', una volta spiegata integralmente è possibile comprendere tutto, anche in rapporto alla nostra vita di tutti i giorni ( non a tutti è però dato di comprenderla ).
--------
Marco Cossu:
Spiegata da chi?


Ogni passo della bibbia è interpretabile in infiniti modi, se scegli di ritenere giusta un'interpretazione, automaticamente scarti tutti gli altri significati e la Verità assoluta non può prescindere dall'accettazione di tutte le verità soggettive... la Verità assoluta non può essere esclusiva per sua natura. Io ti ho risposto NO perchè mi riferisco sempre all'assoluto in cui tutto ciò che è soggettivo è parte infinitesimale dell'assoluto, quindi non giusta in assoluto.

Koan:
4-se si, quale, quella cattilica, quella protestante ecc...?
Tutte e nessuna .. La comprensione è sempre personale, a qualunque religione o concezione di vita si appartenga, e solo Dio può decretarne la giustizia o correttezza ultima ( Lui solo è il Primo e l'Ultimo ).

Marco Cossu:
qui mi trovo d'accordo con te infatti nella soggettività sono tutte giuste mentre nell'Assoluto sono tutte sbagliate se viste in maniera soggettiva e giuste se viste come infinitesimali parti di un Tutto che è assoluto, infinito, Dio.

Koan:
5-se esiste, perchè quest'interpretazione è cambiata, senza andare troppo lontano, dal medioevo ad oggi?
La comprensione può cambiare, o meglio, essere sempre approfondita, ma un contesto storico non è decontestualizzabile.

Marco Cossu:
La comprensione può cambiare se è soggettiva, l'approfondimento è un'illusione che riguarda sempre un mondo soggettivo perchè l'assoluto è infinito e comprende tutte le possibilità passate presenti e future quindi è immutabile. La Verità assoluta non può cambiare perchè comprende già Tutto.

Koan:
6-E' la Verità a cambiare in base ai tempi e ai luoghi?
SI' e NO, dipende sempre dal Sé; no di certo dal Tutto ..

Marco Cossu:
qui ho scritto Verità con la V maiuscola intendo sempre assoluta ti ho detto la mia prima ma tu non hai risposto, cosa vuol dire si e no? Se parliamo di Dio dobbiamo parlare in assoluto in quanto ci siamo mostrati concordi sul fatto che Dio sia illimitato, perchè continuare a parlare di visioni soggettive?
Penso sia scontato che ognuno abbia la sua opinione ma qui si tratta di prescindere da se stessi accettare di essere infinitesimali rispetto a Dio illimitato, che valore può avere la singola opinione?

Koan:
7-se la verità è cambiata e continua a farlo, è possibile che ci sia qualcuno che spaccia "una verità" per "la Verità"?
Sempre. Infatti la Verità non può che trovare risposta personalmente, non "a maggioranza".

Marco Cossu:
Ogni verità personale è un'illusione se non si è disposti a distruggerla in ogni istante per rinascere.
Il meccanismo di distruzione della propria verità è doloroso ma la sofferenza è simbolo della morte e come non c'è morte senza vita, non c'è vita senza morte....sperimentare la morte giorno per giorno ci porta la consapevolezza di essere inscindibili da Dio, da e come ogni parte dell'universo da una stella all'uomo alla cacca di piccione.

Il significato dell'esistenza è insito nell'esistenza stessa, ogni convinzione che non assoggettiamo al cambiamento è il simbolo delle nostre paure e tutte le paure derivano dalla paura della morte...

ciao...
marco cossu is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it