Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 16-04-2008, 13.24.20   #31
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Riferimento: Illuminazione e continuità della specie

Citazione:
Originalmente inviato da (XH)
per concepire l'essere svegli non c'è bisogno che ci sia qualcuno di addormentato, poichè è semplicemente uno stato.

Stato che però non tutti condividono... stato di cui tutti non sono consapevoli.
Per me è necessario che ci sia qualcuno addormentato affinchè qualcun'altro possa sentirsi sveglio.
Quel sentirsi sveglio, consapevole, è una stato della Coscienza, chiaramente.
Come lo è l'essere addormentato. Non è un merito.
Non considero dunque l'illuminazione come uno stato di superiorità, ma un fatto naturale,
un accadimento impersonale che avviene all'interno della Coscienza Una in un organismo corpo-mente particolare.

Mirror is offline  
Vecchio 16-04-2008, 13.53.06   #32
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Riferimento: Illuminazione e continuità della specie

Citazione:
Originalmente inviato da tmusa
Aih, sei incappato in un errore logico.
Hai fatto una premessa ottima, con una tesi condivisibile, "polarità che hanno bisogno l'una dell'altra.." quindi neghi la possibilità dell'evenienza;
poi chiudi accettando il gioco dell'ipotesi possibile : "l'umanità ci sarebbe ancora, ma più consapevole".
Io preferisco rimanere all'assunto iniziale, che trovo egregio, come del resto tutto quello che scrivi.

La logica non è la vita. La vita è paradossale, è oltre la logica.
La logica è solo una piccola dimensione mentale.

Perchè non potrebbe esserci una umanità più consapevole, ammesso e non concesso che sia nell'ordine Divino delle cose, pur vivendo una umanità condizionata dal dualismo, secondo te?

Ti ringrazio per gli apprezzamenti che ricambio con sincerità.

Mirror is offline  
Vecchio 16-04-2008, 14.43.58   #33
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Illuminazione e continuità della specie

Citazione:
Originalmente inviato da Yam
Il Samsara e' un luogo fisico?
O piuttosto e' un Sogno?
E chi e' il Sognatore?
L'Illuminazione, inoltre, non e' mai "individuale", non c'e' nessuno che si Illumina...siamo solo noi, cioe' la mente, a pensare che ci sia un Illuminato, ad individualrlo, a dargli un nome....ma Egli e' semplicemente il Tutto, il Sostrato e la Manifestazione...simultanea-mente....e' l'Illuminato Primordiale...l'Unica realta'.
Per questo quel Maestro Dzoghchen ha detto una cavolata.
Il Samsara non esiste ne mai esistera'.

la cavolata la stai mettendo giù tu.. secondo me..
non quel Maestro...
qui si confonde l'insegnamento per giungere a Comprensione, con la Vita bella e buona.. con l'attimo.. con il Qui e Ora, puro e vergine da ogni aspettativa.. e da ogni insegnamento

ecco il danno di non voler lasciare "cadere" gli insegnamenti...
si lasciano cadere da una parte, ma si riesumano dall'altra...


atisha is offline  
Vecchio 16-04-2008, 14.56.12   #34
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Illuminazione e continuità della specie

Citazione:
Originalmente inviato da (XH)
Mi dispiace ma non condivido neanche qui: non è una questione di polarità: per concepire l'essere svegli non c'è bisogno che ci sia qualcuno di addormentato, poichè è semplicemente uno stato.


non è una questione di polarità? mmmhhhh...

se fosse sempre giorno, potresti forse conoscere la notte?
no... non potresti, per te esisterebbe solo il giorno e punto.. ignoreresti la notte, il buio e altro..
e viceversa..

queste sono le polarità.. tutto è polare e basato sulla scienza dell'equilibrio..
un essere Sveglio si appoggia e vive in quell'equilibrio, cioè Vive e comprende gli opposti, senza essere assorbito dagli opposti.. cioè vive in DUE stati di coscienza paralleli...
dove coincidono nirvana e samsara.. apparenza e realtà.. Io e Dio... e tanto altro che si potrebbe aggiungere per rendere l'idea..

tutto è duale, opposto, polare.. ed Uno nello stesso tempo
atisha is offline  
Vecchio 16-04-2008, 15.23.44   #35
Flow
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2006
Messaggi: 317
Riferimento: Illuminazione e continuità della specie

Citazione:
Originalmente inviato da Yam
Il Samsara e' un luogo fisico?
O piuttosto e' un Sogno?
E chi e' il Sognatore?
L'Illuminazione, inoltre, non e' mai "individuale", non c'e' nessuno che si Illumina...siamo solo noi, cioe' la mente, a pensare che ci sia un Illuminato, ad individualrlo, a dargli un nome....ma Egli e' semplicemente il Tutto, il Sostrato e la Manifestazione...simultanea-mente....e' l'Illuminato Primordiale...l'Unica realta'.
Per questo quel Maestro Dzoghchen ha detto una cavolata.
Il Samsara non esiste ne mai esistera'.

Qual'e' allora la differenza tra samsara e quel "siamo solo noi, la mente".. ?
Siamo sicuri che e' la mente a pensare che ci sia un illuminato ?
Flow is offline  
Vecchio 16-04-2008, 17.05.32   #36
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Illuminazione e continuità della specie

Citazione:
Originalmente inviato da Mirror
Stato che però non tutti condividono... stato di cui tutti non sono consapevoli.
Per me è necessario che ci sia qualcuno addormentato affinchè qualcun'altro possa sentirsi sveglio.



Non condivido questa visione dell'illuminazione individuale.
La dualita', il chiaro e l'oscuro, l'addormentato e il risvegliato ecc. ecc., sono nome-forma (nama-rupa), sono mente.
Al di la della mente non c'e' nulla di tutto cio', non c'e' proprio nessuno.....e niente che possa essere definito come qualcosa o qualcuno.
Anche l'idea stessa di Ishvara (Brahman Saguna) e' solo un pensiero.

Non c'e' chi ha bisogno del suo opposto per riconoscersi........
La consapevolezza non e' stupida......come la mente.
Yam is offline  
Vecchio 16-04-2008, 17.13.31   #37
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Illuminazione e continuità della specie

Citazione:
Originalmente inviato da Flow
Qual'e' allora la differenza tra samsara e quel "siamo solo noi, la mente".. ?

Samsara vuol dire "girare in tondo", fare girotondo

Citazione:
Siamo sicuri che e' la mente a pensare che ci sia un illuminato ?

Certo, un illuminato come essere individuale.
Yam is offline  
Vecchio 16-04-2008, 17.49.43   #38
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Illuminazione e continuità della specie

Citazione:
Originalmente inviato da Yam
Non c'e' chi ha bisogno del suo opposto per riconoscersi........
La consapevolezza non e' stupida......come la mente.
Diciamo che sarebbe "lo stato di essere" e non ci sarebbe bisogno di rifarsi al nome-forma "illuminazione" o "stato naturale" (che presuppone un'"innaturale-illusorio")..
è solo linguaggio per capirsi in fondo..
..e credo che pure Mirror intenda questo..
Noor is offline  
Vecchio 16-04-2008, 20.20.43   #39
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Riferimento: Illuminazione e continuità della specie

Citazione:
Originalmente inviato da Yam


Non condivido questa visione dell'illuminazione individuale.
La dualita', il chiaro e l'oscuro, l'addormentato e il risvegliato ecc. ecc., sono nome-forma (nama-rupa), sono mente.
Al di la della mente non c'e' nulla di tutto cio', non c'e' proprio nessuno.....e niente che possa essere definito come qualcosa o qualcuno.
Anche l'idea stessa di Ishvara (Brahman Saguna) e' solo un pensiero.

Non c'e' chi ha bisogno del suo opposto per riconoscersi........
La consapevolezza non e' stupida......come la mente.


Non ho parlato d'illuminazione individuale. E' proprio la cosiddetta l'illuminazione che fa comprendere fino in fondo che non esiste un agente personale.
Inoltre non ho mai detto che la Consapevolezza sia stupida...

Certo che se ci si vuole attaccare pretestuosamente ai concetti... per la mente, l'occasione non manca mai
La consapevolezza può riconoscersi come tale soltanto se ha come contrapposizione l'inconsapevolezza. Altrimenti perchè dovrebbe ritenersi Consapevolezza se non ci fosse altro da sè, qualcosa in cui si riscontra?
Lo stesso pensiero ha la sua ragion d'essere proprio perchè c'è il "non pensiero". Dunque, la mente e la "non mente".

Anche l'idea stessa Ishvara (Brahman Saguna) sia solo un pensiero è pensiero.
Non se ne esce se si vuole dimostrare l'assoluto con il relativo. Mi pare ovvio.
Bisogna accontentarsi di dare indicazioni discorsive approssite in uno spazio dialogico come questo. Bisogna intuire cosa si sta indicando fra le parole, fra le righe...

Mirror is offline  
Vecchio 16-04-2008, 20.32.50   #40
andre2
Ospite abituale
 
Data registrazione: 13-11-2007
Messaggi: 258
Riferimento: Illuminazione e continuità della specie

Citazione:
Originalmente inviato da Mirror
Non so cosa si voglia dire con "svuoterebbe", ma mi sembra evidente che, se tutti si illuminassero, l'illuminazione non avrebbe il rilievo che ha quando invece è un accadimento raro.
Quindi, se tutti s'illuminassero, paradossalmente, nessuno sarebbe illuminato. Non avrebbe più lo stesso senso lo scoprirsi illuminati.
naaah, ma che dici. se uno vede, vede, non ha bisogno ce ci siano gli orbi per dire che vede.
se uno comprende, comprende, non ha bisogno che ci siano gli ottusi per dire che comprende.
la meditazione non è un confronto.


Citazione:
Possibilità che, tra l'altro, è assurdo anche il solo pensarla; come lo è il credere che ci possa essere solo la luce senza l'oscurità. Sono dimensioni, polarità, che hanno bisogno una dell'altra per essere riconosciute, per riconoscersi.
eh, ma qui sei nell'approccio duale.
la condizione meditativa non è cofronto.

Citazione:
Rispetto poi alla continuità delle specie, secondo me, quella ci sarebbe ancora, solo che svilupperebbe in maniera più consapevole.

il giochetto è di porsi come osservatori (imparziali). e non cercare di inquadrare l'osservato in schemi precostituiti, frutto di desideri, aspirazioni, credenze, ecc.
andre2 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it