Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 20-04-2008, 17.33.42   #11
Divi Augustus
Ospite
 
Data registrazione: 02-04-2008
Messaggi: 9
Riferimento: Il Destino è gia scritto?

Citazione:
Originalmente inviato da sunday01
Se tutti i nostri pensieri e le nostre scelte sarebbero già incanalate in un certo percorso perchè nasciamo con certe caratteristiche e non con altre, il libero arbitrio sarebbe soltanto un'illusione.
Tutti conosciamo la vita di Gesù, lui sapeva già a cosa era destinato, chi gli sarebbe rimasto fedele e chi l'avrebbe tradito o rinnegato, quindi le azioni di questi uomini erano in qualche maniera già pre-viste ? e così il loro destino ?
E così sarebbe anche il nostro destino, cioè che qualsiasi cosa facciamo "liberamente" è gia scritto che doveva andare così e non altrimenti ?
Anche se in un certo senso è così, questo non toglie nulla alla nostra libertà, perchè qualsiasi cosa facciamo, dal punto di vista di Dio era già prevista...
Noi siamo gli attori della nostra vita ma non riusciamo a vedere il film tutto intero, lo vediamo solo da un fotogramma all'altro, solo chi sta vedendo il film già finito ha previsto tutto quello che avremmo fatto...
Ma questo non limita la nostra libertà soggettiva e la nostra destinazione finale.
Questa non è determinata dalla volontà di Dio che non interviene nelle nostre scelte, tutt'alpiù ci manda dei segnali che possiamo accogliere o meno.
Se noi decidiamo di fare la sua volontà, allora saremo dei predestinati al suo Regno, ma se decidiamo altrimenti, il nostro destino sarà diverso, che questo Dio lo abbia già pre-visto non significa che ci abbia obbligato in qualche modo a seguire un percorso invece che un altro, perchè non succede nulla se non con il nostro consenso.

Se invece vogliamo dire che nel mondo in cui viviamo la possibilità di scelta sia ben poca e in un certo senso viviamo una vita in cui siamo prigionieri e non abbiamo tante alternative, questo è un discorso più filosofico che spirituale e in certi casi è così, per vivere si sceglie il meno peggio e non quello che vorremmo veramente...
Ma anche in questo caso abbiamo modo di influire sulle nostre scelte, se non altro per quel che riguarda la sfera privata.
Dire che tutto è inutile tanto è il nostro destino, può essere un modo di fuggire la responsabilità e la fatica di un cambiamento, questo più che destino lo chiamerei rassegnazione....

Essere liberi nel proprio sè, come dice Mirror, vuol dire essere liberi dai condizionamenti che noi stessi ci facciamo per dire "io sono" questo o quello...
A questo punto non ci sono più scelte da effettuare non essendoci più l'io da soddisfare, ma arrivare a questa consapevolezza vuol dire aver fatto un percorso prima, aver fatto esperienza, attingere al proprio vissuto, a quello che fino a quel momento è stato il nostro destino...





Per rispondere a Neverland e spiegare il mio pensiero mi collego alla divina commedia, secondo Dante
l'impero romano e il suo fondatore Cesare sono stati creati da Dio per questo scopo in modo che Gesu' potesse divenire Gesu' e che la chiesa si espandesse come poi è successo, detto questo i più si renderanno conto di quante azioni anticristiane e immorali i romani abbiano fatto.
Con questa ultima precisazione e al di la' di Dante , voglio dire che spesso ci vogliono persone che facciano azioni riprovevoli per un bene piu grande, e non escludo che Dio o un entità superiore a noi, ne sia completamente estranea propio per la sua superiorita' potrebbe agire sotto determinati standard considerati da tè o da altri, sbagliati, che non si rifanno ai nostri concetti umani di giusto/sbagliato o bene/male.

La scelta la abbiamo sempre e comunque su questo sono d'accordo con sunday.
Tuttavia credo che la nostra indole, ci faccia ricadere incondizionatamente su un tipo di scelte che si riducono sempre nei due concetti di bene o male
("scelta di bene - scelta di male" dettate da come siano noi).
Io non credo nell'inferno o nel paradiso, la mia domanda vertiva sulla nostra realta' , che Dio abbia scelto per un ognuno di noi uno scopo che non intacca le nostre decisioni/scelte ma che allo stesso tempo non siano decisive nel completamente di esso.
Divi Augustus is offline  
Vecchio 20-04-2008, 17.59.07   #12
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Riferimento: Il Destino è gia scritto?

sunday01:
Citazione:
Dire che tutto è inutile tanto è il nostro destino, può essere un modo di fuggire la responsabilità e la fatica di un cambiamento, questo più che destino lo chiamerei rassegnazione....

In questa chiave di passività si può chiamare rassegnazione.
Ma in un ottica di accettazione la chiamerei co-creatività consapevole.

Citazione:
Essere liberi nel proprio sè, come dice Mirror, vuol dire essere liberi dai condizionamenti che noi stessi ci facciamo per dire "io sono" questo o quello...
A questo punto non ci sono più scelte da effettuare non essendoci più l'io da soddisfare, ma arrivare a questa consapevolezza vuol dire aver fatto un percorso prima, aver fatto esperienza, attingere al proprio vissuto, a quello che fino a quel momento è stato il nostro destino...

Ma anche con l'io da soddisfare... non abbiamo questo libero arbitrio.
E' solo un illusione pensare di averlo. In questa credenza siamo cresciuti, siamo stati educatii e condizionati, e ci siamo assuefatti.
Ora siamo ipnotizzati. Per questo è diventato il più grande dei tabù dal quale non siamo quasi più capaci di disfarci.
Se però siamo in grado di Osservare con impersonalità il fenomeno non possiamo non rendercene conto. Non è un male, anzi è la più grande delle benedizioni: perchè ciò ci fa comprendere che non siamo disgiunti dall'Uno-Coscienza che tutto crea. Che siamo quello stesso Uno.
Quindi, in questa riscoperta Consapevolezza accettante ritroviamo il Paradiso perduto che abbiamo perso credendoci separati, quando abbiamo creduto di avere un io autonomo.

Mirror is offline  
Vecchio 20-04-2008, 18.28.27   #13
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Riferimento: Il Destino è gia scritto?

Citazione:
Originalmente inviato da Divi Augustus
Le azioni sono gia state decise?
Sulla predestinazione non sono ancora in grado di produrre prove certe.

Ma sulla predisposizione penso che ognuno possa agevolmente riscontrarla ovunque in chiunque. Se dunque la persona "predisposta" alla tubercolosi (che oggi, per fortuna, è quasi debellata) viene fatta nascere in zona piena di gas nocivi è facile immaginare come possa andare a finire.

Come è altrettanto facile immaginare come possa andare a finire se questa persona viene fatta nascere ai piedi delle Dolomiti.

Adesso basta dimostrare che la zona di nascita di una persona non è casuale e abbiamo facilmente la conferma che il destino è già scritto.

Nel frattempo penso che l'intuito di ciascuno di noi possa trarre qualche utile indicazione.
freedom is offline  
Vecchio 20-04-2008, 19.10.16   #14
Galileo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 21-07-2007
Messaggi: 46
Riferimento: Il Destino è gia scritto?

Se ne parla già qui:
https://www.riflessioni.it/forum/filo...l-destino.html
Galileo is offline  
Vecchio 21-04-2008, 10.07.50   #15
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Il tabù quasi insuperabile

Citazione:
Originalmente inviato da Mirror
Adesso invece so che non ho confini, ma accetto di crearmeli consapevolmente per permettermi di danzare con "Voi".
Al di là del resto questa frase mi ha colpito in modo particolare..
Questo sentirsi tutto lo spazio che c'è ,e nello stesso tempo continuare a danzare nella forma,nella pur consapevole disidentificazione.
Ecco:continuare questo Gioco nella Giostra sin quando si è chiamati a farlo..
Noor is offline  
Vecchio 21-04-2008, 14.19.35   #16
sorrydi
Ospite abituale
 
L'avatar di sorrydi
 
Data registrazione: 07-03-2008
Messaggi: 44
Riferimento: Il Destino è gia scritto?

Come possiamo essere tanto arroganti,da credere che tutto cio' che ci circonda,è stato creato dall'uomo,perchè è questo che diciamo,se diciamo,io sono questo o quello,io ho il libero arbitrio di decidere,io disfo faccio e rifaccio...ecc.... quanta presunzione cè in questo?
Se i monti,i fiumi,i laghi,le stelle le galassie,le guerre gli animali,le piante,e l'uomo,sono una rappresentazione,nonche' una prova dell'esistenza dell'energia,come possiamo pensare di essere noi,gli artefici di cio' che la mente sputa,e presuppone?sara' sempre qualcosa collegato al tutto che agisce...in noi.
Penso che noi siamo solo testimonianza,spettatori,nel gioco della vita,e a volte pensiamo di decidere,qual'cosa,che in verita' stiamo solo sperimentando,come specchi di una coscienza .
sorrydi is offline  
Vecchio 21-04-2008, 18.18.46   #17
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Il tabù quasi insuperabile

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Al di là del resto questa frase mi ha colpito in modo particolare..
Questo sentirsi tutto lo spazio che c'è ,e nello stesso tempo continuare a danzare nella forma,nella pur consapevole disidentificazione.
Ecco:continuare questo Gioco nella Giostra sin quando si è chiamati a farlo..
sui giri di giostra mi permetto di far notare che la presunzione di non ricadere nella dualità non è provata nè sperimentata da nessuno.
Tutti attendiamo ilo "ritorno di Gesù Cristo" e nessuno sa come si attuerà
I Dalai Lama sono reincarnazioni, David Wilcock grande fisico vivente dimostra con grande evidenza dì essere la reincarnazione di Edgar Cayce!
Sai Baba predice quando si reincanerà.....
Proprio non riesco a capire come si possa affermare che sia certa l'uscita dalla ruota delle reincarnazioni!
paperapersa is offline  
Vecchio 21-04-2008, 19.49.14   #18
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Il tabù quasi insuperabile

Citazione:
Originalmente inviato da paperapersa
sui giri di giostra mi permetto di far notare che la presunzione di non ricadere nella dualità non è provata nè sperimentata da nessuno.
Mi riferivo unicamente alla consapevolezza di questo Giro,di vederne l'illusione...
Non era mia intenzione arrivare alle tue conclusioni.
Noor is offline  
Vecchio 22-04-2008, 00.42.14   #19
Rising Star
Ospite abituale
 
L'avatar di Rising Star
 
Data registrazione: 29-06-2007
Messaggi: 213
Riferimento: Il Destino è gia scritto?

Questo argomento è stato già trattato dal nostro amico Freedom, con il titolo "Passato e futuro coesistono!", avviato il 20-11-2007, 16.33.39; questo è il link https://www.riflessioni.it/forum/spir...oesistono.html.
Tenterò, ora, di dare una mia nuova riflessione in merito.
Io credo che Dio conosce il nostro futuro; purtuttavia esiste il libero arbitrio.
Le due posizioni che ho appena indicato, potrebbero sembrare in netta contraddizione, ma non lo sono; cercherò di spiegarmi: io credo che Dio veda il nostro futuro (o destino, come lo si vuole chiamare), sulla base di ciò che è l'insieme delle nostre azioni, fino all'attuale stato, considerando la interdipendenza delle nostre azioni con l'insieme delle azioni di tutti gli altri uomini; poiché secondo me esiste il libero arbitrio, altrimenti la venuta del Cristo non avrebbe senso, la ulteriore azione che compiamo, perturberà il nostro futuro, modificandolo. Spero di essere stato chiaro. Il fatto che il Cristo ci ha dato delle indicazioni da seguire ed un insegnamento da custodire, ci permette di affermare che siamo uomini liberi di scegliere i principi su cui basare le nostre azioni. Queste, lo ripeto, andranno a modificare continuamente il nostro futuro. Mi viene in mente il pentimento del ladrone crocifisso assieme a Gesù che, in extremis, vede salva la sua anima.
Saluti.
Rising Star is offline  
Vecchio 22-04-2008, 07.45.56   #20
sorrydi
Ospite abituale
 
L'avatar di sorrydi
 
Data registrazione: 07-03-2008
Messaggi: 44
Riferimento: Il Destino è gia scritto?

Mi è successo piu' volte di fare un sogno piu' o meno lungo,quando in realta' mi accorsi che avevo dormito pochi istanti.
Avevo gia' citato,tempo fa di un sogno che racconto' Sigmund,Froyd.....,
"mi ritrovai,in piedi su un carro trainato da buoi,con le mani legate dietro la schiena,ero condannato a morte.Venivo trainato,per le vie di una citta,con la gente che mi derideva,e scherniva,arrivati in una piazza,mi fecero schendere,e mi condussero davanti al boia,dove mi attendeva la ghigliottina,mi vidi intento a infilare la testa sotto la lama,di colpo la lama scese da sopra la mia testa."
A quel punto disse froyd,mi svegliai di soprassalto,il quadro che era sopra il mio letto si era staccato,di colpo proprio mentre dormivo,e colpendomi, mi fece realizzare quel sogno.
Questo episodio,mi fa riflettere(anche alla base di cio' che dice un illuminato(Avasa,nel video del suo blog).Come è possibile,fare un sogno cosi' lungo in un solo istante?Perchè penso, in un continuo istante,non vi è tempo,tutto accade qui e ora,eliminando passato e futuro,trovo che il destino di ogniuno sia gia' scritto,siamo solo coscienza pura senza tempo,se ci palesiamo alla vita,è perchè "gia' siamo"è una predisposizione,altrimenti da dove verremmo,se non da un qualcosa che a gia' destino?
Questo per riflettere.....
sorrydi is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it